David Maria TUROLDO – Poesie

Da: Mia Apocalisse

Tempo verrà

Tempo verrà che non avrete un metro
di spazio per ciascuno:
lo spazio di un metro
che sia per voi. Tutti
vi dovrete rannicchiare:
nemmeno coricati!
Se pure non sarete
accatastati uno sull’altro.
Allora uno resterà soffocato
dal ribrezzo dell’altro.

Non avrà spazio
neppure il pensiero
e tutto sarà nel Panottico:

pupilla di un
Polifemo
fissa al centro del cielo:

non ci sarà un solo angolo,
un remoto angolo
per il più segreto
dei pensieri.

Il cuore sarà cavo
come il buco nero
in mezzo alle galassie.

La mente di tutti
una lavagna nera…

Un groviglio di fili
senza corrente
i sentimenti
a terra.

*

David, è scaduto il tempo

David, è scaduto il tempo d’imbarco!
Ora il tuo posto
è la lista d’attesa.
Grazia rara è
se ancora qualcuno conservi
(con molte incertezze) memoria
del tuo nome, almeno
il sospetto
che tu sia esistito.

Premono formicai di anonimi
alle stazioni della metropolitana.
Moltitudini che urlano
invocando di salire,
a grappoli.

Tutti sconosciuti l’uno all’altro
ignoto il proprio volto
perfino a te stesso,
e il volto del proprio padre:

anche lui sbarcato
a forza dal predellino dell’ultimo tram
nella notte.

*

E non hanno

E non hanno neppure
la gioia di andare
come tu andavi (oh David)
imperioso alla conquista!
E non importava sapere di cosa,
bastava la fede
almeno nell’uomo!

Ora nessuno sa
in quale direzione andare,
e tutti cercano una maniglia
nel vuoto:

o appena si affacciano
alla linea gialla della strada
subito vengono
da forze misteriose.
ribattuti indietro.
e continuano a urlare
ma nessuno sa cosa.

Tutti dentro una luce sempre uguale,
al neon:
e sola
continuerà a brillare,
appena sorridente
la gigantografia
in fosforescenza
del GRANDE FRATELLO
onnivedente,
COME STA SCRITTO!

E anche in piccole foto,
o di varia grandezza,
ma sempre uguali, a miriadi
a ogni pulsante appese:

appese agli stipiti e agli archi delle vie,
appese, le più grandi ai frontali dei palazzi
e negli stadi
e dai rosoni delle chiese,
COME STA SCRITTO:

anche le chiese
saranno allora
la STESSA COSA.

Né alcuno che possa dire
che nome porta o chi sia!
E tutti nel feroce
invincibile sospetto
l’uno dell’altro…

*

Va scomparendo

Va scomparendo perfino
l’intelligenza dei fanciulli,
e gli adulti non hanno più memoria:

anche la lingua va morendo,
né ci sarà la Neolingua a salvarci:
ci saranno solo dei segni
e dei grugniti…

se appena qualcuno mostrerà
di comprendere, si dirà:
“è intelligente”!

E continueremo
ad ingannarci:
illusi di aver capito.

*

David Maria Turoldo

O sensi miei…”
Poesie 1948-1988
Biblioteca Universale Rizzoli (Milano, 2002)
Note introduttive di Andrea Zanzotto e Luciano Erba

Biografia (da: Wikipedia)

David Maria (al secolo Giuseppe) Turoldo (Coderno, 22 novembre 1916 – Milano, 6 febbraio 1992) è stato un poeta e religioso italiano dell’Ordine dei Servi di Maria; è stato uno dei più rappresentativi esponenti del rinnovamento del cattolicesimo della seconda metà del ‘900, il che gli valse il titolo di “coscienza inquieta della Chiesa”.
Nono di dieci fratelli, padre Turoldo nacque da un’umile famiglia contadina e molto religiosa a Coderno, una frazione del paese friulano di Sedegliano: al battesimo, gli venne imposto il nome di Giuseppe.
A soli 13 anni, fece il suo ingresso nel convento di Santa Maria al Cengio a Isola Vicentina, sede della Casa di Formazione dell’Ordine Servita nel Triveneto: il 2 agosto 1935 emise la sua prima professione religiosa, assumendo il nome di frà David Maria; il 30 ottobre 1938 pronunciò i voti solenni a Vicenza. Intenzionato a diventare sacerdote, iniziò gli studi teologici e filosofici a Venezia. Il 18 agosto 1940 venne ordinato presbitero nel Santuario della Madonna di Monte Berico di Vicenza.
Nel 1940 si trasferì a Milano, presso il convento di Santa Maria dei Servi in San Carlo al Corso: su invito del cardinale Ildefonso Schuster, arcivescovo della città e forte sostenitore del suo ordine, iniziò a tenere la predicazione domenicale presso il duomo, attività che lo vedrà impegnato per il successivo decennio. Completò i suoi studi in filosofia all’Università Cattolica di Milano, dove conseguì la laurea l’ 11 novembre 1946 con una tesi dal titolo significativo, La fatica della ragione – Contributo per un’ontologia dell’uomo, redatta sotto la guida del prof. Gustavo Bontadini. Sia Bontadini che Carlo Bo gli offriranno il ruolo di Assistente universitario, il primo di Filosofia Teoretica a Milano, il secondo in Letteratura all’Università di Urbino.
Durante l’occupazione nazista di Milano (8 settembre 1943 – 25 aprile 1945) collabora attivamente con la resistenza antifascista, creando e diffondendo dal suo convento il periodico clandestino l’Uomo. Ancora una volta un titolo significativo, che testimonia la sua scelta dell’umano contro il disumano, perché «La realizzazione della propria umanità: questo è il solo scopo della vita». La sua militanza durò tutta la vita, interpretando il comando evangelico “essere nel mondo senza essere del mondo” come un “essere nel sistema senza essere del sistema”. Rifiutò sempre di schierarsi con un partito: nel 1948 rifiutò anche di sostenere la Democrazia Cristiana sostenendo che «non bisogna confondere la Chiesa con un partito, né un partito con la Chiesa».
Il suo impegno a cercare un confronto di idee deciso e talvolta duro, ma sempre dialettico, si tradusse nella fondazione, col suo fedele collaboratore frà Camillo Maria de Piaz, del centro culturale Corsia dei Servi (il vecchio nome della strada che dal convento dei serviti conduceva al duomo), dedicato all’approfondimento dei problemi di attualità, italiani e internazionali, e delle dinamiche che andavano trasformando la città.
Fu uno dei principali sostenitori del progetto Nomadelfia, il villaggio “con la fraternità come unica legge” fondato da don Zeno Saltini nell’ex campo di concentramento di Fossoli (Carpi) per accogliere gli orfani di guerra: grazie alla sua abilità di oratore riuscì a raccogliere molti fondi presso la ricca borghesia milanese.
Tra il 1948 e il 1952 le sue raccolte di liriche “Io non ho mani” (che gli valse il Premio letterario Saint Vincent) e “Gli occhi miei lo vedranno” lo rendono noto al grande pubblico.
Nel 1953 iniziò un lungo itinerario in varie Case servite di Austria, Baviera, Inghilterra, Stati Uniti, Canada: il Santo Uffizio, insospettito per il suo pensiero troppo “liberale” nel concedere spazio alla coscienza e per il suo aperto sostegno all’opera, ancora incompresa, di don Saltini, aveva chiesto ai superiori dell’Ordine di allontanarlo dall’Italia. Furono comunque esperienze molto interessanti, che lo arricchirono culturalmente e lo fece conoscere ed apprezzare ad un vasto mondo.
Nel 1955 venne assegnato al convento della Santissima Annunziata di Firenze, ma solo nel 1964 viene reinserito stabilmente in Italia: questo anche per l’interessamento del sindaco Giorgio La Pira, da sempre attento ai temi del dialogo e della pace tanto cari anche a Turoldo, di cui divenne buon amico e stretto collaboratore
Nel 1961 viene trasferito nel convento di Santa Maria delle Grazie, a Udine. Qui iniziò a frequentare il suo corregionale Pier Paolo Pasolini (che, agnostico, nel 1964 realizzerà il Il Vangelo secondo Matteo), grazie alla cui collaborazione realizza il suo unico film, Gli Ultimi (1962).
Nel 1964 Turoldo decise di ristrutturare l’antica ex abbazia cluniacense di Sant’Egidio a Fontanella di Sotto il Monte, il paese di origine di papa Giovanni XXIII, scomparso solo l’anno precedente. Fondò e divenne priore di una piccola comunità, “Casa di Emmaus”, presso la quale istituì il Centro di studi ecumenici “Giovanni XXIII”, che accoglieva persone anche atee e di religione islamica all’insegna di un ecumenismo radicale simile al sincretismo.
L’obbedienza al servizio all’uomo e alla solidarietà si realizzò anche nella sua attività di notista, con delle rubriche fisse su giornali e riviste. Denunciò tutti i soprusi, soprattutto istituzionali ed economici, e si fece voce degli oppressi, anche di quelli più lontani, per la libertà e la giustizia. Nel 1974, in occasione del referendum abrogativo della legge sul divorzio, discostandosi dalla morale cattolica, si schierò per il “no”.
Di notevole interesse artistico la collaborazione con il compositore e direttore di coro Bepi De Marzi che con il coro polifonico di Vicenza ha realizzato per la Fonit-Cetra di Milano la prima incisione musicale dei Salmi di padre Turoldo e dell’Ismaele.
Affetto ormai da anni da un tumore al pancreas, dopo un itinerario in vari luoghi di cura, morì all’ospedale “San Pio X” di Milano il 6 febbraio 1992; il 2 febbraio, al termine della messa domenicale, si era congedato dai fedeli con la frase: «la vita non finisce mai!». I suoi funerali videro la partecipazione di oltre tremila persone, gente semplice e intellettuali, che si mescolavano attendendo per ore di arrivare alla sua bara.
Presiedette le esequie il cardinale Carlo Maria Martini, che qualche mese prima della morte, aveva consegnato a padre Turoldo il primo “Premio Giuseppe Lazzati”, affermando la propria opinione secondo la quale «La Chiesa riconosce la profezia troppo tardi». Un secondo rito funebre venne celebrato nella sua Casa a Fontanella di Sotto il Monte, nel cui piccolo cimitero fu sepolto.
Opere:
Canti ultimi. – Milano, Garzanti, 1992.
Anche Dio è infelice – Piemme, 1991
O sensi miei … : (Poesie 1948-1988) – (note introduttive di Andrea Zanzotto e Luciano Erba) Milano, Rizzoli, 1990.
Alla porta del bene e del male. – Milano, A. Mondadori, 1978.
Diario dell’anima. – (prefazione di Gianfranco Ravasi) Cinisello Balsamo, San Paolo, 2003.
Il dramma è Dio: il divino la fede la poesia. – Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 2002.
Dialogo tra cielo e terra. – (a cura di Elena Gandolfi Negrini) Casale Monferrato, Piemme, 2000.
Ultime poesie: canti ultimi – Mie notti con Qohelet. – Garzanti, 1999.
Oltre la foresta delle fedi (a cura di Elena Gandolfi) – Casale Monferrato, Piemme, 1996.
Saggi su Turoldo
Marco Cardinali, Il Dio Inseguito. Viaggio alla scoperta della fede nella poesia di David maria Turoldo, Roma, Edizioni Pro Sanctitate, 2002
Marco Cardinali, La poetica Teologica in David Maria Turoldo, Roma, Pontificia Università Gregoriana,2002.

14 pensieri su “David Maria TUROLDO – Poesie

  1. Complimenti per la scelta, Giovanni!
    Un Friulano degno della sua terra,
    la sua poesia è potente come lo era la sua voce…
    Lo abbiamo ricordato a Piateda, pochi giorni fa, con Lucini Gianmario e Guido Oldani.

  2. grazie Giovanni di questa commossa testimonianza degli scritti e della vita di Turoldo, che ricordo assai bene, assieme appunto a Camillo De Piaz, alla corsia dei servi e alla libreria di via Tadino di Milano, una grande persona sulla quale troppo silenzio forse è caduto, ma che andrebbe ricordata e letta con grande partecipazione.

  3. Davvero bella scelta, Giovanni, che ci restituisce un’immagine di Turoldo pienamente uomo tra gli uomini e pienamente profeta. Siamo proprio noi quegli uomini così turbati…

  4. …Ora nessuno sa
    in quale direzione andare,
    e tutti cercano una maniglia
    nel vuoto:

    *

    E continueremo
    ad ingannarci:
    illusi di aver capito.

    Grazie.
    jolanda

  5. una figura *amica* [e con un nome sonoro, amico anche il suo nome], e io ero in un posto quasi nascosto, e malato (molto) a 14 o 15 anni e lo leggevo su una rivista – bellissimo e necessario e fluviale – la meraviglia delle Notti con Qohelet…
    grazie, dal cuore
    massimo

  6. Grazie per questo ricordo. Ho studiato Turoldo per la mia tesi. Qualcosa di molto importante per me.
    Gabriel

  7. Turoldo di Alda Merini

    Leone religioso, certamente
    cariatide che ringhia su colonne
    di canto, certamente il più maestoso
    ma certamene anche il meno festoso.

  8. Turoldo è un poeta che bisogna leggere con uno sguardo fuori del libro: allora parla davvero. si porta dietro una passione mai vinta per la vita e la giustizia. è una poesia che nasce dalla povertà e si trasforma in emblema di lotta senza quartiere contro ogni falsa sicurezza.
    grazie, Giovanni.

  9. L’apparente visionarietà, e la triste realtà dei fatti, trasfigurati, ma quanto mai leggibili tra le righe, di queste liriche, mi fa ammirare questo autore.

    la gigantografia
    in fosforescenza
    del GRANDE FRATELLO
    onnivedente,
    COME STA SCRITTO!

    come sono profetiche queste aprole…un’anima illuminata. E’ scritto. E deve compiersi.

    Apo

  10. Carla, Antonello, Giorgio, Jolanda, Massimo, Nadia, Gabriel, Paola e Fabrizio, grazie a ognuno di voi.
    “Io sono la voce di chi grida nel deserto…” Questa la dimensione che mi ha colpito di Turoldo, quella del poeta fuso nel profeta, e viceversa. Una voce nel contempo umanissima e dolente, di chi cerca l’uomo oltre l’uomo e le sue debolezze, nel disegno possibile.

    Giovanni

  11. Pingback: TEMPO VERRA’ di David Maria Turoldo « Doctor Blue and Sister Robinia

  12. Poesie profetiche quelle scelte da Giovanni per proporre questo autore imprescindibile, tristemente in sintonia coi tempi.
    Una scrittura che non cerca armonia di canone, quanto armonia col dettato interiore e fedeltà allo sguardo profetico.

    Grazie Giovanni, un caro saluto a tutti
    Antonio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...