Eppure il vento soffia ancora (nonostante Luca Carboni)

bertoli1
Luca Carboni ha fatto una cover di Eppure il vento soffia ancora e non è un pesce d’aprile.
L’ho sentita alla radio. Luca Carboni che canta Eppure il vento soffia ancora esattamente come cantava hoccompratoanchelammoooto, usatamatenutabeeene. Con la stessa tonalità.
Immediatamente l’ho inserita al secondo posto nella mia personalissima classifica delle (peggiori) cover di tutti i tempi. E peggiori è parentetico perchè per me la cover è di suo qualcosa di “peggiore”.
Sempre incidentalmente, sul mio trono della peggior delle peggiori cover di tutti i tempi, resterà per sempre assiso un massacro di Under the Bridge dei Red Hot Chili Peppers. Signori, trattasi di uno dei pochi capolavori rock uscito negli anni ’90, prima di venir umiliato dalle vocine miagolanti delle All Saints, un gruppetto clone delle Spice Girls (e ho detto tutto).
E sarebbe da chiedere all’ideatore di questo sito di intercedere presso il suo Amministratore Non Delegato per inserire tra i vizi capitali, tra i peccati più peccaminosi et similia anche questa barbarie delle cover.

Tornando al brano di Bertoli, riascoltando la versione originale, mi pare tanto più grezza e bella quanto qualcosa che ti arriva da un’epoca lontana anni luce, ormai irrimediabilmente perduta, amarcord non scevro di pericoli, che c’è il rischio di aprire la vetrinetta della nonna, tanti sono i ricordi impolverati, certi reperti gozzaniani tipo che avevi diciotto anni, una compagna di banco incinta di sette mesi che si preparava alla maturità fumando sconsideratamente e cantando, sul retro del pulman della gita, le canzoni di Bertoli, De Gregori e tutti gli altri, accompagnata alla chitarra da quell’altro mio amico che avrebbe voluto essere il padre del bambino.
Adesso c’è Luca Carboni.
Io spero che il vento soffia ancora.

15 pensieri su “Eppure il vento soffia ancora (nonostante Luca Carboni)

  1. Be’, sono d’accordo su questa cover, non c’è nulla della verve di Bertoli nella versione di Carboni, è davvero debole, però mi è piaciuta quella degli Zingari Felici di Claudio Lolli, forse perché le voci sono abbastanza simili.

    Però le cover non sono tutte da buttare, anzi; “Like a Rolling Stone” fatta da Jimi Hendrix, oppure “All Along The Watchtower”, sempre da Jimi, sono mitiche; oppure “Knocking on heavens door” fatta dai Guns N’ Roses è fantastica.

  2. Possibile che la cover di Bertoli sia brutta? Non conoscendola, devo fidarmi per forza. Quella degli ZINGARI FELICI è invece bellissima, sicuramente meglio dell’originale. E il disco di Claudio Lolli (insieme con I TRENI PER REGGIO CALABRIA di Giovanna Marini) è l’unico grande disco della canzone politica made in settanta. E le cover poi sono belle a prescindere, e poi anche sacre come il Graal o il sangue di San Gennaro. PRENDI LA SATISFACTION di Otis Redding, e poi anche quella dei Devo, e poi TIME AFTER TIME di Miles Davis, SUMMERTIME di Janis Joplin, e poi ancora Nina Simone, John Coltrane, Aretha Franklin, per non parlare di Carmen Cosoli, Elisa, Jimmy Smith, Wes Montgomery, Booker T and the Mg’s, Annie Lennox, Battiato, eccetera, eccetera.
    Noterella finale: Ma anche la poesia è piena di cover, per quanto riguarda lo spirito invece non saprei.

  3. OT (ma è una riflessione sui testi): l’altro giorno ho visto un comico (Faraco) che mi ha fatto riflettere su una canzone di Battiato: veramente è stato un incontro casuale quello di Franco…?

    …un giorno sulla Prospettiva Nevsky
    per caso vi incontrai Igor Strawinsky

  4. Una grandissima cover è sicuramente quella di “A day in the life” dei Beatles, proposta da Jeff Beck nel recente live al Ronnie Scott club (oltre che nel concerto giapponese legalmente scaricabile dal sito http://croz.fm).
    Tuttavia per me la cover per eccellenza, di stravolgimento totale, unica e memorabile, rimarrà sempre quella di “With a little help from my friends” (Beatles forever!) che propose a Woodstock Joe Cocker.
    Pierangelo Bertoli rimane unico, inimitabile, nel mio cuore.

  5. Urca, ragazzi, dai commenti esce una bella proposta di cover!
    Si tratta però quasi sempre di Grandi che rifanno altri Grandi, o di esecuzioni live.
    Però mi(vi) chiedo: com’è che in letteratura non si propongono le “cover”?
    Forse sarebbe divertente leggere i Promessi Sposi riscritti da Paolo Nori, ma avrebbe senso?

  6. E come faccio io adesso?
    Io non so neanche cos’è ‘na cover?
    Sapevo delle cover girls e basta.
    Mi ritiro.
    Però Jimi mi piaceva da matti.

    MarioB.

  7. senza offesa per i defunti e per i vivi:

    bertoli non era un campione. carboni è un portatore d’acqua. nessun sacrilegio.

  8. mario, cover girls e via andare. le cover? spesso peggiori dell’originale, dunque abbastanza inutili.

    una canzone rivive meglio come standard jazzistico. e lì rinasce, letteralmente. ciau mario!

  9. A proposito di “le cover? spesso peggiori dell’originale”.
    Io preferisco mille volte di più Hallelujah di Jeff Buckley a quella originale di Leonard Cohen.

    f.s.

  10. E’ brutta abbastanza.
    Le cover di solito non riescono mai.
    Bertoli è stato coverizzato anche dagli Stadio e Angelo Branduardi e in maniera più che egregia a mio avviso:

  11. No, davvero, io non so cos’è una cover,
    cioè sarebbe una copertina, mi pare,
    ovvero sarebbe forse la canzone prima di un disco?
    La più importante, quella che da il titolo?
    Deduco a senso.
    Vengo da altre epoche.
    Quella dei dischi a 78 giri di bachelite o porcheriolite, e del grammofono con la puntina di acciaio cambiabile.
    Mah…
    MarioB.
    ciau Caro Franz:-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...