Vivalascuola. Sono un insegnante di sostegno

Mi piace contrastare una percezione comune che svaluta questo ruolo ed è per questo che preferisco definirmi «insegnante di sostegno». Mi asterrò, in questa sede, dal commentare il fatto che il mestiere dell’insegnante di sostegno sia sempre di più, nel nostro Paese, uno strumento di accesso alla professione, e non un’evoluzione, un avanzamento di carriera, alla quale accedere a seguito di opportune prove psicoattitudinali e di studi formali. (Paolo Fasce)

I nuovi miracoli italiani: dal risveglio delle coscienze alla dilatazione del tempo
di Tullio Carapella

Sarà per le sentenze della Magistratura o per la Gelmini in forma smagliante delle ultime settimane, sarà ancora perché alla Camera, dai banchi della maggioranza, si è dato della “handicappata di merda” ad una deputata affetta da amiotrofia spinale, fatto sta che pare verificarsi un mezzo miracolo: tanti hanno cominciato ultimamente ad interrogarsi sul tema “disabilità” ed, in particolare, sul tipo di sostegno che nelle nostre scuole si riesce a garantire. Sia detto per inciso: il riferimento è alle scuole statali, perché quelle private, come è noto, sono “paritarie” quando devono incassare fondi statali, ma mostrano preoccupanti amnesie quando si tratta di garantire diritti “che costano.

Al vasto e importante dibattito che si apre provo ad offrire un sintetico contributo, in qualità di docente di sostegno, per giunta precario. Premetto che sono stato per alcuni anni docente di materia, o, come si dice, curricolare, e che questo forse mi aiuta a percepire molti dei dubbi e delle riserve, che non solo gli alunni tutti, ma anche i colleghi possono nutrire rispetto alla presenza di un docente “speciale”. Perché se è chiaro che quello dell’insegnante è un lavoro fatto principalmente di relazioni, con gli alunni in primo luogo, è altrettanto evidente che nel caso del docente di sostegno la rete dei rapporti si fa estremamente complessa: con alunno/a con disabilità, con il resto della classe, con le famiglie, con i colleghi, con gli educatori…

Creare una rete che funzioni è un lavoro lungo e paziente e, per restare solo alla sua prima fase, chi conosce quei ragazzi e ragazze a volte spaventati, o arresi, altre volte arrabbiati con la vita e con il mondo, in altri casi persi in uno completamente diverso, di mondo, chi li ha conosciuti davvero sa che bisogna trovare il modo per farsi accettare, senza bluffare, perché sbagliare il primo passo può compromettere il lavoro di un anno.

È quindi comprensibile che sarà difficile costruire efficaci e duraturi interventi di sostegno fintanto che una larga fetta dei docenti specializzati per questo insegnamento saranno tenuti in una condizione di precariato. Altrettanto evidente è che non si può pensare di creare alcuna rete complessa di relazioni laddove si interviene solo per sei o quattro ore settimanali, con l’assottigliarsi continuo e costante nel tempo di questa già misera risorsa. Perché è esattamente questo che sta avvenendo negli ultimi anni, checché ne dica il nostro ministro, quando offende i genitori che falsificherebbero carte pur di regalare al proprio figlio un agognato attestato di disabilità, o quando afferma che oggi ci sarebbe più sostegno di ieri.

La verità è che ci sono sempre meno ore di sostegno per ogni singolo alunno e questo vale sia nel caso delle disabilità gravi che in quelle meno gravi. Nel primo caso il problema si accompagna al contemporaneo taglio operato da tutte o quasi le amministrazioni comunali su figure addette all’integrazione quali educatori, assistenti e specialisti. In questi casi, inoltre, anche la notevole riduzione del personale non docente costituisce spesso un’aggravante non indifferente. Nel casi di disabilità definite meno gravi, invece, l’orario di sostegno si assottiglia talmente tanto da risultare totalmente o parzialmente inefficace.

Accade sempre più spesso, così, nel terzo anno dell’era Gelmini, che ai docenti di sostegno bruci sulla pelle la frustrazione di riuscire a fare troppo poco. Non è facile non vivere gli episodici, periodici, oppure numerosi insuccessi di quelle ragazze e quei ragazzi, il più delle volte davvero speciali, per l’impegno che mettono in ogni compito che svolgono, come una nostra personale sconfitta. Il docente di sostegno è più che preparato a questi inevitabili insuccessi e sappiamo pure che in condizioni normali potranno aiutare i “nostri” alunni a crescere più ancora dei successi, che pure, fortunatamente, arrivano. Ciò nonostante in queste condizioni non possiamo fare a meno di pensare che di più si sarebbe potuto fare, se solo avessimo modo di intervenire per tempo, di capire cosa non funziona, dove si può riparare.

Perché dare cifre apparentemente astratte, dire che il rapporto attuale docente di sostegno/alunno con disabilità è oggi tristemente di 1/3, vuol dire concretamente che riusciamo ad intervenire in molte classi in 6 ore, o meno, su oltre 30 settimanali, che nella maggior parte delle materie non possiamo avere il polso della situazione, che dobbiamo basarci su scambi di idee quasi quotidiani con gli altri docenti, di tre o più classi… Con colleghi che, a loro volta, non hanno spesso avuto modo di formarsi una specifica cultura del sostegno e che oggi meno che mai potrebbero permettersela, perché il Ministero non investe nulla in formazione e perché sono state chiuse quelle scuole di specializzazione che in tanti come me si son pagati di tasca propria.

In particolare nelle scuole superiori, laddove da sempre più carente è la cultura del sostegno, già prima dell’era Gelmini era difficile lavorare davvero in compresenza sulla classe, anche per creare un clima favorevole all’inclusione del soggetto con disabilità. Oggi questo obiettivo appare sempre più una chimera, per le riduzioni all’orario di cui si è detto e perché le classi vengono spesso affollate senza tener conto dei limiti previsti per legge, in particolare in presenza di disabilità. A questo si aggiunga che spesso i colleghi o noi stessi, di fronte ai crescenti ostacoli creati “dall’alto”, preferiamo la rassicurante scorciatoia dell’accudimento individuale, al percorso di crescita e maturazione fatto insieme, che è sola garanzia di raggiungimento di successi reali e solidi, ma che richiede un approccio complesso e dialettico, e richiede tempo, proprio quel tempo che ci hanno tagliato e che tante volte ci rammarichiamo di non saper moltiplicare…

* * *

Sono un insegnante di sostegno
di Paolo Fasce

Le mie vicissitudini di precario
Sono un insegnante di sostegno. I primi tempi dicevo di essere un insegnante di matematica, ma ci ho riflettuto bene e ho deciso di qualificarmi sempre in questo modo. Il mio percorso formativo universitario è partito con la laurea in ingegneria elettronica, che scelsi, nonostante preferissi quella in matematica, perché mi appariva come più appropriata per fronteggiare le incognite del futuro. Le pulsioni culturali, a volte, prevalgono; nessuno può sfuggire alla propria ombra. I nostri interessi profondi sono antenne che captano i flebili segnali favorevoli che la vita ci presenta, e le nostre motivazioni elaborano strategie per approfittare delle piccole opportunità. Così ho avuto modo di tornare sulle mie scelte vincendo il concorso di accesso alla SSIS (Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario) dell’Università di Genova, dove mi sono abilitato in Matematica Applicata.

Sono partito da un capitale familiare di tipo psicologico e didattico, in quanto sono figlio di uno psicologo e di un’insegnante di lettere e le mie esperienze associative e culturali mi hanno fatto incrociare il disagio sociale. Su queste basi mi è parso del tutto naturale affrontare anche la specializzazione sul sostegno, che ho conseguito presso la SSIS del Veneto alla Ca’ Foscari di Venezia. Questo perfezionamento, essendo successivo a tutti i precedenti, mi pare sia, almeno sul piano formale, quello di grado «più elevato». Mi piace contrastare una percezione comune che svaluta questo ruolo ed è per questo che preferisco definirmi «insegnante di sostegno». Mi asterrò, in questa sede, dal commentare il fatto che il mestiere dell’insegnante di sostegno sia sempre di più, nel nostro Paese, uno strumento di accesso alla professione, e non un’evoluzione, un avanzamento di carriera, alla quale accedere a seguito di opportune prove psicoattitudinali e di studi formali.

Le mie vicissitudini di precario mi hanno visto conseguire anche l’abilitazione nell’insegnamento dell’informatica che ho ottenuto presso la SSIS della Toscana, all’Università di Pisa. Mi piace scherzare su questo vagabondare tra le SSIS italiane e spesso dico che la loro chiusura mi ha impedito di concludere il tour formativo delle Repubbliche marinare.

Sono arrivato all’insegnamento dopo varie esperienze lavorative. Da quella di tecnico informatico a quella di organizzatore di eventi ludici e culturali (sono particolarmente orgoglioso di avere diretto due campionati del mondo di discipline diverse: Othello e Sudoku), da webmaster a dirigente di enti di promozione sportiva, da giornalista a dipendente o stagista di aziende medio-grandi. Penso, quindi, di essere un buon rappresentante della mia generazione.

Insegnare mi appassiona

Insegnare mi appassiona, e siccome ho visto che questo sentimento è assai diffuso tra i colleghi, ma che parimenti facilmente l’entusiasmo si tramuta in una delusione derivante da aspettative deluse, ho sempre cercato di rivedere i fallimenti alla luce dei miei studi al fine di tradurre in pratica le riflessioni didattiche e pedagogiche del mio percorso formativo.

L’insegnamento-apprendimento della matematica è un grosso problema a livello nazionale e, leggendo la letteratura didattico-pedagogica sul tema, lo è per molti motivi. Ad esempio, per le interferenze che nascono spontaneamente tra il registro narrativo e pittorico proprio della comunicazione umana, orale e scritta, e quello tecnico-matematico, proprio della mia disciplina. A volte si cerca di aggirare il problema con un formalismo che dà poco spazio al dialogo, alla dialettica, alla maieutica, ma in ambito didattico non mi pare eludibile un sano rapporto con il linguaggio naturale. [1]

Probabilmente nella cassetta degli attrezzi di un insegnante di sostegno, ci sono strumenti utili a dare un contributo: la semplificazione, l’adattamento, la facilitazione. [2]

Un contributo alla soluzione è dato dall’apporto di ambienti ricchi e stimolanti e per questo obiettivo è utile un clima rispettoso delle differenze, capace di valorizzare le diverse intelligenze [3] e intrinsecamente laboratoriale. [4] Le tecnologie possono dare un contributo, [5] specie nei contesti abitati da quelli che qualcuno chiama «nativi digitali».

Anche questa mattina, mentre vestivo i panni dell’insegnante di sostegno, ho avuto la fortuna di collaborare con colleghi in gamba. Con diversi di loro lavoro già dallo scorso anno, cosa non da poco, per un insegnante precario. L’interazione è interessante perché fornisce visioni più ricche della nostra disciplina e getta ponti tra le varie materie (ah, come mi sento «Moriniano» quando lo faccio!). È piacevole lavorare in ambienti rispettosi di ciascuno, delle differenti valutazioni dei colleghi, qualche volta anche liberi di coltivare qualche fissazione per le quali ciascuno di noi è noto ai nostri studenti (pare che io veda il modo di usare «Geogebra» in quasi tutti i contesti).

Il passarci la palla con un collega di Matematica e Fisica, molto esperto e capace di fare squadra, è da entrambi apprezzato. Tutto questo, penso, rende diffusamente utile la presenza in classe dell’insegnante di sostegno. È anche interessante l’apporto che riesco a dare nelle lezioni di Scienze, in particolare quando queste sono vicine ai miei domini di conoscenza (temo che sarei molto meno utile in una compresenza con la collega che insegna latino).

Se non sento un gruppo fare rumore, vuol dire che sta dormendo
Questa mattina ho confermato la mia disponibilità a essere coinvolto nei corsi di recupero pomeridiani. Sono grato ai colleghi che rinunciano a svolgerli, a volte sono insegnanti che si dedicano alla prole più di quanto faccia io… Nei corsi di recupero propongo un programma di lavoro articolato su pratiche diverse. Una parte, che cerco di contenere all’essenziale, è costituita dalla classica lezione frontale. A volte mi serve per anticipare un tema, più spesso la uso per fissare le idee a consuntivo. È per me naturale tenere uno stile animativo (mi aiuta la mia esperienza di giocatore di ruolo), ma questo non basta.

In un corso di perfezionamento in didattica della Matematica che ho frequentato a Pisa ho appreso il fatto che il «bravo» solutore ha: le conoscenze necessarie, un repertorio di euristiche, abilità metacognitive, convinzioni «vincenti», un buon senso di autoefficacia, motivazioni. Tutto questo non può discendere da una lezione frontale.

È mia abitudine esplicitare una fase di negoziazione delle regole con i discenti. Ad esempio abbiamo stabilito che per andare in bagno non c’è bisogno di chiedere l’autorizzazione dell’insegnante. Un po’ per sorprendere e per creare un clima disteso, dico: «Conosco due soli contesti nei quali si deve chiedere il permesso di andare in bagno, uno è il carcere, l’altro è la scuola». Concludiamo che sono abbastanza grandi per autoregolarsi e, in genere nella seconda lezione, riflettiamo sulle modalità liberali con le quali questa norma è stata interpretata nella prima lezione. Spesso invochiamo alunni responsabili, autonomi e capaci di decidere per se stessi. Per raggiungere questo scopo, credo che occorrano palestre nelle quali esercitare le decisioni, cosa che non può prescindere dall’accettare che siano a volte sbagliate. [6]

Nella fase preliminare del corso di recupero dico ai ragazzi che le mie lezioni si svolgono in due parti. Una, noiosa, è quella in cui essenzialmente a parlare sono io (come se la ridono!). Non è vietato interloquire, anzi, è particolarmente gradito, ma ci sono regole, sulle quali convergiamo, che emergono facilmente dopo una breve discussione. La sintesi è che si parla uno per volta. Prometto che questa fase non durerà più di venti minuti e accetto di essere cronometrato. Qualche volta racconto loro qualcosa sulla curva dell’attenzione per giustificare questo lasso di tempo contenuto.

Deve essere chiaro per tutti che in questa fase si deve cercare di focalizzare l’attenzione su quello che viene detto. Nella seconda parte, quella più consistente, silenzio e passività non sono graditi. Dico sempre: «Se non sento un gruppo fare rumore, vuol dire che sta dormendo. E non va bene». In breve, in questa fase di «caos creativo», vengono assegnate delle schede di lavoro oppure chiedo di affrontare, all’interno del gruppo, i problemi di ciascuno. È evidente, dico, che siete qui con problemi diversi e se organizzassimo le cose con il sistema del question time, mentre rispondo a Chiara tutti quelli che non hanno il problema di Chiara si annoieranno e nell’attesa di affrontare il proprio problema tutti perderanno interesse e saranno attratti da altre faccende. È più o meno quello che succede in una normalissima riunione di Collegio dei docenti.

Quando giro tra i gruppi, naturalmente mi spendo per affrontare quelle tematiche che emergono dai ragazzi stessi. È piuttosto soddisfacente vedere la loro laboriosità annegata in un mare di «fatti loro» che consentono di affrontare quelle tematiche che, con quei diversivi, complessivamente rappresentano un significativo carico cognitivo. È bello vedere come l’insegnante viene cercato per risolvere i problemi che li hanno visti coinvolti, lieti di poter gestire autonomamente le proprie cose. Me lo insegna tutti i giorni mia figlia, che ha cinque anni; mentre cerco di aiutarla mi dice: «No, lo faccio io. Faccio da sola!». Immagino che i miei studenti vorrebbero dire la stessa cosa. E cerco di rispettare, anzi di coltivare, queste pulsioni.

Devo affrontare il mal di stomaco di Ilaria
All’inizio del corso, in genere, racconto che quando vanno dal medico perché hanno male allo stomaco, dicono: «Ho male allo stomaco». Non si sognerebbero mai di negare di avere male, se hanno male, o di dire «Ho male al piede» se hanno male allo stomaco. Nei corsi di recupero sono lì per loro. Devo affrontare il mal di stomaco di Ilaria, il mal di denti di Francesca, il raffreddore di Giorgio e la cefalea di Maurizio.

Naturalmente i ragazzi non sono stupidi. Sanno che sono un insegnante e non mi credono. E allora confermo quanto dico con quanto faccio. All’inizio del corso, in un passaggio matematico Vera ha trasformato 1/a+1/b in 1/ab. E allora le dico: «Meno male che è uscita fuori questa cosa! Sai che ci sono dei tuoi compagni che se la tengono dentro per anni e anni e poi zac all’esame di Maturità esce fuori. Bene! Che fortuna. Proprio ora che passavo di qui». E affrontiamo il problema. Dopo un po’ mi credono, perché io stesso credo a quello che dico, e qualche volta mi capita che mi intercettino per i corridoi per pormi questioni interessanti, mai banali. Spero che qualche domanda non arrivi a me perché nei corsi cerco di sviluppare che, oltre alla Matematica, si impara ad aiutarsi reciprocamente.

Verso la fine del corso, sfido i ragazzi con qualche rompicapo. Il gioco di annodare una sciarpa senza lasciarne gli estremi, tecniche di risoluzione del sudoku, il cubo di Rubik, le più recenti prove del campionato del mondo di puzzle. Loro si divertono, ma io cerco di supportare la loro autostima. Quando rientrano in classe conoscono cose che i loro compagni non sanno e questo contribuisce a rigenerarli nella percezione di sé e nelle motivazioni, frustrate dall’umiliante partecipazione a un «corso di recupero».

Qualche collega pensa che lavorare in questo modo sia una perdita di tempo. È vero che ci vogliono capacità gestionali e spalle larghe. Ad esempio lo scorso anno, nelle prime settimane di lezione, i bidelli sentivano rumore e i ragazzi, uscendo spesso dall’aula, mi hanno fatto apparire ai colleghi come un insegnante stravagante. Nella mia esperienza questo metodo di lavoro comporta l’accettazione di una prima fase di «smarrimento da libertà imprevista» che può anche essere esiziale per i risultati formali di fine corso, ma i colleghi più esperti mi dicono sempre che i corsi di recupero servono a poco, e allora perché non sperimentare? Non che tutta una scuola debba adottare questo sistema. Ai ragazzi si può anche parlare chiaro, apprezzano di essere trattati onestamente: «Guardate, con questi professori si lavora in questo modo, con questi altri si lavora in quest’altro». D’altro canto, terminati gli studi, dovranno armonizzarsi con diversi ambienti e vincoli che non sempre sono modificabili.

Voglio contestare l’argomentazione «perdita di tempo» con una mia testimonianza. Sono insegnante di sostegno, dicevo, e vedo bene quello che succede in classe da un altro punto di vista. Quando l’insegnante parla per tutti, quando impone a tutti lo stesso «spettacolo» (anche quelli di ambito burocratico!) i ragazzi pensano ad altro. Li vedo benissimo: assumono una postura appropriata, di finta attenzione, e vagano assorti nei loro pensieri. Non sono per niente differenti dall’alunno diversamente abile che seguo, il quale ha un prepotente dialogo interno ed è solo meno scaltro dei suoi compagni nella dissimulazione. Il collega, lo vedo, è soddisfatto. Ha la consolazione di avere fatto la sua lezione, può testimoniare di avere lavorato, di essersi speso, ma quanto sia stata efficace questa modalità ci è testimoniato da orrende locuzioni quali quella dell’«inglese scolastico» o, restando nel mio ambito, dalle numerose iscrizioni al gruppo Facebook «Quelli che pensano che la matematica appresa alle elementari sia sufficiente per tutta la vita».

(pubblichiamo, per gentile concessione dell’editore, che ringraziamo, questo testo che figura, col titolo “Chi ha paura della matematica?“, in Giorni di scuola. Pagine di diario per chi ci crede ancora, a cura di Tullio De Mauro e Dario Ianes, Erickson 2011)

Note
1) Contardi A. e Piochi B. (2003), Le difficoltà nell’apprendimento della matematica, Trento, Erickson; Sfard A. (2009), Psicologia del pensiero matematico, Trento, Erickson.

2) Scataglini C., Cramerotti S. e Ianes D. (2008), Fare sostegno nelle scuole superiori, Trento, Erickson.

3) Vigilante A. (2009), L’educazione nella pace per l’intelligenza, contro la stupidità, «Azione nonviolenta», n. 6, pp. 10-25, http://nonviolenti.org/doc/An_06.09.pdf.

4) Paola D. (2007), Dal laboratorio alla lezione: descrizione di un esempio, «Innovazione Educativa-Supplemento per l’Emilia Romagna», n. 8 – 2006, pp. 13-20, IRRE Emilia Romagna, http://www.matematica.it/paola/dallaboratorioallalezione.pdf.

5) Paola D. (2004), Insegnamento e apprendimento tecnologico, «L’insegnamento della matematica e delle scienze integrate», voll. 27A-B n. 6, pp. 671-704, http://www.matematica.it/paola/Insegnamentotecnologico.pdf.

6) Parodi M. (2009), La scuola che fa male, Genova, Liberodiscrivere.

7) Spesso le traggo dal libro di testo gratuito MaCoSa (http://macosa.dima.unige.it/sup/index.html), elaborato da un gruppo di docenti perlopiù genovesi, coordinati da Carlo Dapueto e Fabrizio Vannucci.

* * *

Sempre peggio sul sostegno: il ministro non ne azzecca una

La settimana scolastica si apre con la notizia dell’ennesima condanna del ministro Gelmini. Il Tar di Bari ha accolto il ricorso di docenti e famiglie di 12 istituti scolastici pugliesi e recupera trenta posti di lavoro e il taglio di 2130 ore mensili destinate a circa 60 alunni disabili. Il Tar ha ritenuto illegittimi i tagli alle ore di sostegno scolastico operati dal ministero, poiché adottati con

“violazione e falsa applicazione di legge, eccesso di potere per ingiustizia manifesta disparità di trattamento, violazione della normativa comunitaria e internazionale”.

A questo punto sono centinaia le condanne dei tagli al sostegno operati dal Ministero dell’Istruzione. Ci sono alunni disabili privati del sostegno per mesi, classi sovraffollate che ne ospitano “troppi. Per fare quadrare i conti nella scuola pubblica, il governo Berlusconi ha di fatto tagliato il sostegno agli alunni più deboli: i portatori di handicap, contravvenendo ai limiti imposti dalla legge, che prevede, in presenza di alunni disabili, la riduzione del numero di alunni a 20 per classe.

E’ ancora vivo il ricordo della famosa intervista a Che tempo che fa in cui il ministro Gelmini ha parlato di «3.500 insegnanti di sostegno in più nell’organico di diritto», soffermandosi sul fatto che i problemi sarebbero «di distribuzione degli insegnanti di sostegno e qualche volta di eccessiva superficialità in alcune Regioni, nel riconoscere disabilità che non esistono». Molti genitori e associazioni ne furono indignati.

Scrisse una mamma:

Il ministro ignora la fatica che comporta il riconoscimento delle difficoltà di un figlio. Ritengo grave e offensivo che un ministro della Repubblica, anziché ascoltare la disperazione di tanti genitori e scusarsi per la carenza di risorse provocate dai tagli e, quindi, per la lesione sistematica dei diritti dei più deboli, dichiari che esistono delle figure che sottopongono i bambini a infinite e stressanti visite mediche e relativi accertamenti. Quando ho scoperto che mia figlia avrebbe avuto bisogno di essere seguita a scuola da un insegnante di sostegno non mi sono sentita furba ma distrutta dal dolore.

Le smentite arrivano con la cronaca di queste settimane. Il Tribunale di La Spezia ha giudicato discriminatoria la condotta del Ministero denunciato da uno studente: dovrà ripristinare le ore di sostegno tagliate e pagare le spese. Poiché con il provvedimento ministeriale “viene leso il diritto del disabile all’istruzione.

Intanto il ministro non riesce a placare la polemica sulla esclusione dalle gare sportive nazionali degli alunni disabili, e in particolare dalla corsa campestre, che risulta proprio tra le discipline di Atletica leggera rivolte ai disabili. Tanto che la stessa commissione Cultura della Camera sconfessa il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, presentando una risoluzione bipartisan.

Polemiche suscita anche il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia Giuseppe Colosio, il quale, commentando la storica sentenza del tribunale di Milano che ha definito discriminatorio il taglio delle ore di sostegno accogliendo il ricorso presentato dai genitori di 17 studenti e da Ledha (Lega per i Diritti delle persone con disabilità), si è detto “dispiaciuto” della sentenza stessa. Il riconoscimento del diritto al sostegno diventerebbe per il dirigente addirittura un ostacolo all’integrazione.

Lo stesso Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, con la circolare del 21 marzo 2011 avente ad oggetto l’“Organico della scuola primaria”, pretende indicare ai dirigenti degli uffici scolastici territoriali quali parti delle leggi dello Stato non vanno rispettate: “istigazione a delinquere” la chiama ReteScuole. Nel caso specifico, l’Ufficio Scolastico invita a non rispettare una legge dello Stato che riconosce ai disabili il diritto di studiare in classi non affollate dove, malgrado le pochissime ore di sostegno concesse loro, sia possibile, almeno in parte, anche per gli insegnanti curricolari, fornire delle attenzioni speciali ad ognuno/a di loro. “Evidentemente gli alunni con disabilità sono diventati invisibili!” commenta Donatella Morra della Ledha Scuola (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità).

E’ una questione culturale?, si domanda qualcuno. Sembrerebbe di sì, vista la cultura di chi governa che si manifesta in questi giorni. Mentre è recente il caso in cui i ragazzi danno lezioni agli adulti.

Il problema adesso è questo. A fronte delle condanne, come sottolinea il vicepresidente Fish Salvatore Nocera, “il ministero non ha dato esecuzione alla decisione, anche se questa è immediatamente esecutiva“. Nocera denuncia che non solo il ministero non ha finora dato seguito alla decisione del tribunale di Milano che chiedeva di ripristinare le ore di sostegno, ma “ha dato disposizione di non eseguirla… una situazione molto grave, di fronte alla quale, addirittura, i genitori dovrebbero denunciare l’amministrazione per inosservanza di atti della magistratura“.

* * *

Risultati dell’Indagine Istat sull’integrazione degli alunni con disabilià nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

Nella scuola dell’obbligo, negli ultimi 20 anni, si è assistito a una crescita progressiva della presenza di alunni con disabilità. Nell’anno scolastico 2009/2010 sono poco più di 130 mila; di questi, circa 73 mila sono studenti della scuola primaria e circa 59 mila della scuola secondaria di I grado.

Tra le principali chiavi per facilitare l’integrazione scolastica degli alunni con handicap, il rapporto ISTAT identifica l’uso delle Nuove Tecnologie e le dotazioni di personale (non soltanto docente ma anche educativo ed assistenziale).
(continua qui)

*

Gli atti di un recente convegno qui.

*

Notizie e materiali sui siti dell’Anffas (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, CIIS (Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno), Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), Ledha (Lega per i diritti di persone con disabilità), Superando (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), Disabili, Handylex, Sfida (Sindacato Famiglie Diverse Abilità), Nolimit, Insegnanti di sostegno.

Altri spazi e informazioni in rete su disabilità e sostegno qui.

* * *

L’occhio del lupo
Tutti contro tutti

Passata la rottura di palle del 17 marzo, adesso ci si manda da quelle parti come prima. Langhe vs Pontida, Pisa vs Firenze, terroni vs sub terroni (alias lampedusani). A scuola pure è un tutti contro tutti. Professori contro bidelli, bidelli contro segretari, segretari contro presidi, presidi contro professori. Alunni ripetenti contro promossi. Alunne femmine contro maschi. Per le pari opportunità (le hanno sentite in televisione) pretendono le prime che un professore maschio non esibisca la sua prepotenza storica mascherata da severità didattica facendo domande troppo dettagliate su Dante o Machiavelli o Giovanni Verga – che guarda caso erano maschi (oltretutto non proprio di buon carattere con le immaginabili conseguenze sulla salute delle loro donne). Perciò pare sia arrivato un fascicolo alla procura di zona. Le ragazze della 5° B di un liceo scientifico hanno chiesto il legittimo impedimento di non presentarsi agli esami di stato. Non fino a quando il programma verterà su una sfilza di autori maschi, non davanti a una commissione in cui almeno un professore maschio approfitterà della situazione per ostentare severità e cultura ai danni delle ragazzine indifese. Si aspetta la decisione del magistrato. Speriamo che sia femmina.
(michele lupo)

* * *

La settimana scolastica

La settimana scolastica si è aperta con le ennesime notizie delle condanne dei tagli al sostegno operati dal Ministro Gelmini di cui riferiamo più sopra e a cui è dedicata questa puntata di vivalascuola.

Bocciature del ministro anche sul fronte del precariato. Per tamponare la sentenza della Consulta pare che sia in preparazione una modifica alle norme sulle graduatorie al fine di impedire ogni movimento da una regione all’altra: solo al sud dovrebbe riguardare 20,000 persone. 60 deputati scrivono al Ministro perché si trovi una soluzione in linea con le direttive della Consulta.

Parallela a questa c’è un’altra questione che riguarda i precari. Dopo che il tribunale del lavoro di Genova ha condannato il ministero dell’Istruzione a risarcire 15 precari con poco più di 30.000 euro a testa, si fanno i conti delle possibili conseguenze. In tutto i precari coinvolti in ricorsi analoghi potrebbero essere 150.000. (Per la class action dei precari della scuola vedi qui). La stima fatta dai tecnici del ministero dell’Istruzione dice che, se il caso Genova dovesse fare scuola, il costo sarebbe compreso fra i 4 ed i 6 miliardi di euro. La soluzione ipotizzata è un’assunzione di massa di docenti precari.

«Lo Stato – dice per la Flc Cgil Domenico Pantaleo – potrebbe addirittura guadagnarci, tanto quelli sono stipendi che paga in ogni caso mentre risparmierebbe sulla gestione delle graduatorie».

Altre notizie riguardano l’università. Pare che il Ministro dei tagli senza precedenti all’Istruzione, all’Università e alla Ricerca rischi di perdere perché non sa spenderli 6 miliardi di fondi dell’Unione Europea. L’Unione Europea infatti ha messo nella disponibilità del ministero delle Finanze (Tremonti) e operativamente del Miur (Gelmini) 6,2 miliardi, somma pari al costo annuale dell’intera università italiana, da destinare alla ricerca e sviluppo in quattro regioni a reddito basso: Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Università in primo piano anche per i concorsi truccati attraverso un meccanismo di accordi e scambi di favori. Indagati 22 docenti di Diritto, con le accuse di associazione per delinquere, corruzione, abuso d’ufficio e falsità ideologica. Perquisizioni negli uffici e nelle abitazioni private dei professori di undici città italiane. E per la prima volta negli atti della guardia di finanza si parla del ruolo dell’Opus dei, i cui membri tenevano i fili della rete nella quale avvenivano gli scambi reciproci.

E dall’università alla ricerca. In un’intervista a Radio Maria Roberto de Mattei, studioso creazionista e antidarwiniano e vicepresidente del Cnr, ha sostenuto, riferendosi al Giappone, che i terremoti “sono una voce terribile ma paterna della bontà di Dio. Da giorni all’interno dell’organo di ricerche si levano proteste e richieste di dimissioni.

Un ennesimo segno della cura della scuola pubblica da parte di chi governa e amministra viene da Milano. Dove il Comune ha deciso di concedere gli spazi al primo piano di una scuola pubblica alla privata steineriana Cometa, che già oggi è ospitata in alcuni locali delle elementari (pubbliche) di via Pestalozzi. “Non so se la cosa è legittima - afferma David Gentili, consigliere comunale Pd -. Se lo fosse, i soldi dell’affitto vadano alla scuola Gramsci“.

Ancora dalla scuola pubblica. Il nuovo Provveditore agli studi di Milano dr. Petralia, è arrivato a Milano mantenendo tutti gli incarichi che gli sono stati precedentemente assegnati, tra cui Capogruppo del PDL nel consiglio comunale di Bergamo e Provveditore reggente a Mantova. E pare che le prime uscite non siano incoraggianti.

* * *

Il decreto Brunetta qui.

Il vademecun della CGIL sulle sanzioni disciplinari qui.

Tutti i materiali sulla “riforma” delle Superiori qui.

Per chi se lo fosse perso: Presa diretta, La scuola fallita qui.

Guide alla scuola della Gelmini qui.

Le circolari e i decreti ministeriali sugli organici qui.

Una sintesi dei provvedimenti del Governo sulla scuola qui.

Un manuale di resistenza alla scuola della Gelmini qui.

* * *

Dove trovare il Coordinamento Precari Scuola: qui; Movimento Scuola Precaria qui.

Il sito del Coordinamento Nazionale Docenti di Laboratorio qui.

Cosa fanno gli insegnanti: vedi i siti di ReteScuole, Cgil, Cobas, Cub.

Spazi in rete sulla scuola qui.

(Vivalascuola è curata da Nives Camisa, Alessandro Cartoni, Michele Lupo, Giorgio Morale, Roberto Plevano, Lucia Tosi)

13 pensieri su “Vivalascuola. Sono un insegnante di sostegno

  1. A volte per esempio c’è da occuparsi di tutta la classe che non ha in teoria alunni certificati ma le cui abilità sono ridotte al minimo al pari di quelli “già certificati”. Tra certificazioni sì e certficazioni no si gioca la posta di una scuola come quella italiana che fa delle belle leggi (come quella sull’integrazione) ma che “realizza” una pessima integrazione fatta di guerre tra poveri per cui le ore le diamo al “gravissimo” e non le diamo a chi ha ritardi ma proprio per questo, se seguito, potrebbe colmarli…Perché tanto c’è il curricolare il superman al quale si può far far tutto come anche volare, rimotivare, semoplificare, individualizzare, salvare, equipaggiare oppure agonizzare…
    Io personalmente sono stufo, lo dico da sinistra, di un sostegno che lavora come lavora per il quale la contitolarità di classe è solo una fantasia. Ma non si dica pure stavolta che è colpa della Gelmini. Sono politicamente scorretto? Ebbene sì, lo sono ma le cose, cari colleghi, stanno così (lo dico per aver girato istituti su istituti) e chi fa finta di non vederle e si autocelebra aiuta solo Gelmini…

  2. Anche io avrei bisogno di sostegno!

    Decenni di umiliazioni, offese e precarizzazione, nonché l’esibizione trionfante dell’incultura e dell’ignoranza, hanno reso causa di disagio la professione dell’insegnante, che è tra quelle che in genere sono praticate per effetto di una scelta che corrisponde a interessi e inclinazioni.

    Comunque non vorrei trovarmi nei panni di quella mamma che scrive:

    Il ministro ignora la fatica che comporta il riconoscimento delle difficoltà di un figlio… Quando ho scoperto che mia figlia avrebbe avuto bisogno di essere seguita a scuola da un insegnante di sostegno non mi sono sentita furba ma distrutta dal dolore.

  3. Cari insegnanti, io sono una mamma di un ragazzo che frequenta le superiori e, vi assicuro, anch’io ho bisogno di un sostegno, perchè sono completamente disorientata. Quello che più mi fa male è vedere che il sistematico progetto di distruzione della scuola ha minato anche il dialogo tra docenti e genitori : ormai sono categorie che si guardano con sospetto, in un continuo
    ” misanderstanding” . Vorrei capire le cause del crescente insuccesso scolastico di tanti ragazzi, che non hanno problemi cognitivi ma che ammucchiano insufficienze su insufficienze : quella fascia grigia degli eterni ” debitori scolastici”, per i quali non si trova un rimedio se non le impotenti paternali di noi genitori ( e mano al portafoglio per le ripetizioni ! ), conseguenti alle laconiche e disperanti notifiche dei pagellini di metà quadrimestre. Non è vero che la maggioranza dei genitori italiani si disinteressa dell’andamento scolastico dei figli : io ( come il professor Cartoni sa) setaccio libri e diario di mio figlio, studio insieme a lui, cerco in qualche modo di organizzare la sua testa disorganizzata… ma i risultati sono comunque pessimi. Lei, professore, proprio stamattina, quando le ho chiesto qual è la terapia per questo malessere che mi fa disperare e rende così amorfo mio figlio, mi ha risposto: ” deve sbatterci il muso, forse allora si prenderà le sue responsabilità “. Non lo so , professore, dipende. Io, quando un maestro di nuoto a sei anni mi gettò in mare e mi disse ” stai a galla, che ce la fai ! “, bevvi tanta acqua, e tuttora non so nuotare. Cosa possiamo fare noi genitori ( traduco: noi madri, perchè i padri, si sa, si limitano a redarguire ) per aiutare questi figli che non hanno un deficit cognitivo, ma della volontà ? Perchè non cerchiamo insieme una strategia che unisca le nostre forze alle vostre ? Lo so che la spada di Damocle dei programmi ministeriali limita qualsiasi margine, e ci sono le scadenze, ed è una corsa continua… Verso il nulla ? Tutta la mia solidarietà a voi insegnanti,prof. Alex, che fate un lavoro difficilissimo, senza il riconoscimento che meritereste : sono figlia di un’insegnante, mia sorella insegna italiano alle Medie e, quando va bene, torna a casa raccontandomi che “solo Un ragazzo” ha conficcato una penna nella guancia del compagno.
    Ma anche noi genitori ci sentiamo abbandonati: non ci sono soldi per i corsi di recupero… perciò il messaggio è :” cari genitori, sbrogliatevela da soli ! ” Una mia cara amica, dopo due bocciature, ha trovato la soluzione: si è fatta due cognacchini per buttare giù il rospo…e ha iscritto il figlio ad una scuola privata. E’ questo quello che vogliamo ? E’ questo quello che vuole il governo e Mariastar!! Grazie per l’ospitalità, un abbraccio a tutti. Marina, mamma di Jacopo

  4. carissima marina,
    poco fa scrivevo a giorgio morale, il nostro “capo”, che, secondo me, un argomento scottante è quello delle relazioni scuola-famiglia. lei qui ha toccato molti aspetti del malessere. io vedo la cosa dall’altra parte della barricata e devo dire che le sue perplessità costituiscono vere e proprie certezze per molti genitori: la “colpa” è tutta di noi insegnanti.
    personalmente io un’idea me la sono fatta: ricevo da un po’ di tempo lamentele sul mio lavoro che non ho mai ricevuto, spesso non sorrette da argomenti efficaci, che peraltro si sgonfiano non appena il ragazzo prende il primo voto non del tutto indecente. nel volgere di pochi anni sono passata da colloqui in cui qualche genitore vecchio stampo mi “autorizzava” a prendere a sberle il figlio (liceale), a scontri in cui mi è stato detto che io non mi limito a insegnare italiano e latino, ma pretendo di insegnare a vivere. ohibò, insegnare a vivere magari no, ma cercare di far vedere una strada, qualche opinione a confronto, qualche strumento di giudizio… un tempo sarebbe stato un complimento essere ritenuta “un’insegnante che insegna a vivere”, ora devo starci attenta! d’altra parte Lui l’ha detto, che insegniamo valori che le famiglie non vogliono. a furia di respirare quest’aria ostile, oserei dire mefitica, uno si convince che siamo dei disgraziati: dei morti di fame, degli ignorantoni, degli scansafatiche.
    credo sia proprio il caso di riflettere: gli argomenti sono tantissimi, altro che invalsi, cerottino per un corpo che si sta dissanguando! grazie della solidarietà.

  5. Cara Lucypestifera (il nickname che ha scelto non le rende giustizia, perchè mi sembra una persona estremamente gentile ),
    le assicuro che i professori che porto nel cuore non sono quelli che ” non hanno pisciato fuori del vaso” ( come direbbe Lui e la sua mariastella ) e si sono limitati a svolgere il programma ministeriale, ma quelli che mi hanno dato una scossa, un’ input forte, un’ idea per cui lottare o anche solo da verificare: quelli che, nella feconda libertà che albergava negli anni ’70, decidevano di parlare della legge Basaglia, di libri come ” Dalla parte delle bambine” della Elena Gianini Belotti, di Mallarmè e Rimbaud invece che solo di Manzoni. Ma la libertà di insegnamento e di metodo didattico, sancita dalla Costituzione, pare sia ormai solo un ricordo : la libertà oggi pare sia solo quella di ” scegliere” tra scuola pubblica e privata. Falsa scelta, come ben sappiamo, che toglie forza al pubblico per darla al privato, e a chi può ” comprare” la cultura. Questo per rappresentarle come io sia consapevole che non è imputabile agli insegnanti il decadimento della nostra scuola, e che anzi oggi chi insegna ha una preparazione spesso molto più solida di quanto l’avessero i miei vecchi professori. Il problema è nei vincoli mefitici che avviluppano la scuola, e la rendono, per quello che posso vedere, un enorme tritacarne : dove i docenti sono costretti ad una catena da fabbrica, e gli alunni si estraneano sempre più, sperando di non essere triturati. Non sono gli insegnanti che non sono capaci di motivare gli studenti, nè i genitori che sono latitanti : è inutile rimpallarsi le responsabilità, facciamo solo il gioco di vuole affossare il diritto allo studio. Prendiamo atto, tutti insieme, che i ragazzi di oggi sono completamente diversi da ciò che noi eravamo : io e lei usiamo internet, ma sicuramente non per sostituire un buon libro. Loro non hanno pazienza di assaporare le suggestioni di una narrazione, le infinite domande che spuntano tra le righe di una pagina. Si stufano subito : è un dato di fatto. Che fare ? Abbandonarli al loro destino e piangerci addosso ? Giammai ! Ma cosa fare? Per motivare un ragazzo, fargli apprezzare un autore, occorre tempo: Tempo !! E’ sempre quello che manca, perchè i programmi sono stipati di cose, di argomenti appiccicati tra loro. Quando aiuto mio figlio nei compiti mi vengono in mente mille cose, ma non posso dirgliele, perchè il tempo stringe, e c’è la verifica, e c’è l’interrogazione, e c’è la fine del quadrimestre, e c’è l’ Invalsi, e la media matematica dei voti, eccetera eccetera. Siamo tutti imprigionati in questo tritacarne mefitico.
    E loro, i ragazzi? Si fanno scivolare tutto addosso, le orecchie ermeticamente chiuse dagli auricolari.
    Che fare, professori, che fare ?

  6. perfettamente d’accordo: tutto si è spostato sulla verifica, in un gigantesco paradosso. cosa verifico? l’educazione linguistica ha bisogno di tempi lunghi, dico sempre che io mi prendo tutto il triennio superiore per fare un percorso, non la terza soltanto. se vince questa impostazione e i voti che punteggiano la strada sono come delle lucine che mi indicano dove stiamo andando il mio alunno ed io, i miei alunni ed io, “noi” e gli altri prof della classe e viceversa. ma i primi a non recepire il discorso, mi spiace dirlo, sono i genitori: tendono a volere gratificazioni – grati-s-ficazioni – le danno per scontate. il ragazzo non fa niente a casa: l’insegnante è troppo esigente! ha studiato e prende solo sei? ma cosa vuole da questi ragazzi? hanno lo sport, la vita…”sociale”, mica possono stare sempre sui libri! e così via. giusto ieri: una ragazza problematica, che non accetta nessuna critica, di nessun tipo, dai voti alla battuta, che ci tiene, assieme ai genitori, a sottolineare il fatto che io sono di quelli che “pisciano fuori dal vaso”, mentre lei è corretta, ubbidiente etc.: vuole essere lasciata in pace, via. ecco: la tipina delicata, ieri, mentre spiegavo l’estetica manieristico-barocca (non mi pare argomento semplice) stava usando il cellulare sottobanco, contravvenendo a precise norme valide per tutti, su tutto il territorio nazionale. io avrei dovuto interrompere, farle la solita reprimenda, metterle una nota: per ritrovarmi la leonessa madre infuriata? per rovinare la lezione che gli altri stavano seguendo volentieri? per disgustarmi da me medesima? avrei dovuto, ma ho lasciato perdere, “calcolando” velocemente utili e perdite. il principio ha ricevuto una botta in più, la ragazza non ha capito un tubo, né di tasso, né di vita: ah, ma io non devo insegnare a vivere!
    e così via.
    i ragazzi si tolgano gli auricolari, il cellulare stia spento in fondo allo zaino. facciano i compiti a casa. è tanto difficile? e siamo solo alla “crosta”.

  7. Gentile Marina, mi scuso se le scrivo solo adesso, giornate alla rincorsa di scadenze e impegni mi hanno impedito di farlo prima.

    So che il tema è sempre più pressante, ne è prova il fatto che è finito sulle pagine dei giornali un caso clamoroso di conflitto genitori-insegnanti, come può leggere qui:

    http://www.tuttoscuola.com/portali/iscrizioniscolastiche/liceo-parini-1-quegli-insegnanti-in-fuga-25339.html

    Lei domanda: che fare?

    E’ la stessa domanda che ci poniamo noi. L’unica possibilità che abbiamo è discuterne e provare a capire meglio e a ipotizzare eventuali soluzioni a partire da un dialogo aperto.

    Potremmo dedicare all’argomento una puntata di vivalascuola, se lei è disponibile come genitore a riflettere e a provare a scrivere un testo. Noi da parte nostra cercheremmo un insegnante disposto a pensarci, e sarà un modo per fornire qualche spunto di riflessione e avviare un dibattito.

    Proviamo a pensarci.

  8. Gli insegnenti di sostegno, diventeranno credibili SOLO quando, dopo 5 anni di ruolo, non chiederanno il passaggio al posto comune. Il resto sono solo chiacchiere e sofferenza per i ragazzi disabili.

  9. solo chi è stato, anche per un solo anno, insegnante di sostegno sa veramente cosa significa aiutare il ragazzo disabile e la sua famiglia, sa cosa significa essere trattato da insegnante di serie B dai colleghi di ruolo e dal vicepreside pronto a posizionarlo in qualche classe per supplenze quando molti colleghi con tante ore di disponibilità non vengono neanche cercati, sa cosa significa mandare in frantumi anni e anni di studio della disciplina che davanti a determinate situazioni umane non serve a niente. Davanti al ragazzo c’è bisogno di tanto amore, di tanta pazienza e di tanta professionalità, non c’è corso siss sos o altro che ti rende insegnante di sostegno, uno se lo deve sentire, è come una missione che senti tua, per questo non giudico chi dopo 5 anni chiede il passaggio sulla disciplina, anzi abolirei il quinquennio obbligatorio, perchè essere ins. di sostegno deve essere una scelta libera, anno per anno, non un obbligo…c’è chi non se la sente, non lo giudicherei male per questo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...