Ar telefono, di Giorgio Califano

francocalifano.jpg

L’antro ier sera quanno tramontava
e er chiaro de la sera se scioglieva
e faceva la notte ner baleno
d’una romana e dorce tiritera
me sò fatto coraggio e t’ho chiamata
ar telefono amico dei codardi.

Senza che tu vedessi la mia faccia
pregna de stordimento e in più d’ambascia
t’ho detto che partivo un po’ più tardi
senza famme capì co li miei sguardi.
Nun hai fatto la piega né un sospiro
m’hai detto ch’eri invero si contenta
ma co la voce che drento ar respiro
procedeva annoiata e pure lenta.

“Allora che voi fa, voi venì qui?”
m’hai domannato un po’ pè fare fiato
un po’ pè famme credere de si
che davero volessi famme grato.
Era dorce e cattiva ner contempo
quella tua frase detta circospetta
me faceva capì ch’era ormai tempo
de vortammese er core a chi l’aspetta.

“No, nun te preoccupà, c’ho un po’ da fare”
t’ho dato pè risposta questo motto
“nun m’aspettà, e svagate un pochino, fatte trovà da l’amicucce care”.
Io volevo venì, tutto d’un botto
pè famme amare come so partito
come a li tempi belli der trasporto
quanno rispetto a oggi era invertito
questo rapporto nostro ar suo traguardo;
quanno m’amavi tu cor solo sguardo
che te scoccavo quanno t’abbracciavo
te intorcinavo tutta de passione
te facevo smanià la convulsione
come ar montaggio de la majonese
ner novero dei piatti alla francese:
e più m’amavi più me te negavo.

Ora, co sto bruciore ar core de lo stommaco
m’intorcino er cervello e le budella
co l’interiora ar posto de la mente
e ar posto der cor tuo la coratella.
Me consolo magnando, svaporando de bianco imbecillente
cor bianco der lenzolo pè sudario
e a fine pasto diggerisco gnente.

Ripenso a li bei tempi ora in carcassa
a quanno me chiedevi “voi venì?”
cor core in tal tumulto che la Sip
ce faceva pagà la soprattassa.
E quella sera stessa, attaccàti l’un l’altro come fronde
me davi in pasto core e pure sesso
movendo ner mio corpo mille onde.

Ma se ho ben donde de parlà de onde
è perché de ‘ste cose sono esperto:
si, l’onde der mare solo e sempre a luglio
e l’onde radio pè captà li mejo;
ma l’onde der telefono conosco
mejo der tipo losco le sue tasche:
perché quell’onde lì sono un po’ strane
te bucano er cervello cò l’impulsi
de piagne solo le tue gocce vane
pè finì dritto ar giro de l’insulsi.

Ora la storia bella s’è invortata
come ar tegame er fritto de frittata;
quello che soffre adesso è il qua presente
che appende la cornetta e in più se pente
persino per averte disturbata.

(Giorgio Califano, Tripoli, 1938, è il fratello gemello del famoso cantautore Franco. E’ autore di tre raccolte poetiche: “E mo’ sò arivati tutti” – 1964, “Fingere, fingere, fingere, sei vero se sei finto” – 1972, e “Sò tempi questi da lupi e da marrani” -1993.)

8 pensieri su “Ar telefono, di Giorgio Califano

  1. finalmente alcune poesie di giorgio. grazie a voi per l’omaggio a un poeta purtroppo appartato e che non ha approfittato mai della parentela illustre. ciao, franco s.

    "Mi piace"

  2. “cor core in tal tumulto che la Sip
    ce faceva pagà la soprattassa”

    pur non amando il romanesco, qui è tutta “n’artra” musica. Poi c’è humour e malinconia benissimo intrecciati al telefono. Grazie per questa scoperta Franz.

    "Mi piace"

  3. ciao Franz,
    bella davvero, non conoscevo Giorgio Califano. Peccato che il dialetto romanesco si vada perdendo fra i tanti “importati” a Roma. Grazie perchè viene da un milanese, noi romani siamo sensibili a questo. Stai preparando la valigia per questa estate?
    un abbraccio
    Stella Maria

    "Mi piace"

  4. Grazie mille Stella; io innamorato di Roma, soprattutto da quando – era il 1981 – vi passai il più bel periodo della mia vita. Ho ricordi molto belli, dei posti e della gente. Dunque queste proposte “decenti” per me sono aria pulita, ecco. Sto preparando la valigia, certo, ogni tanto a Roma ce devo tornà ennòò?:-)
    Un abbraccio.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.