Perché sono andato a firmare per il referendum…

 

Sono a favore dell’innalzamento della soglia di sbarramento per diminuire il numero dei partiti, il numero dei parlamentari e il numero dei senatori…

Chiedo che sia innalzata (al 5%) la soglia di sbarramento per diminuire il numero dei partiti, a fronte di una situazione attuale che grazie alle coalizioni permette la convivenza di troppe micro celle-cellule politiche che con un 2% o, addirittura, con un 1,2% possono determinare l’impossibilità di legiferare, con una conseguente ingovernabile frammentazione interna dei due blocchi. Chiedo l’attribuzione del premio di maggioranza alla lista che ottiene il maggior numero di voti e non alla coalizione, a fronte dell’attuale situazione che prevede l’attribuzione del premio di maggioranza a più liste riunite in un’ unica coalizione. Chiedo l’abrogazione delle candidature multiple per evitare che le circoscrizioni con candidati di rilievo possano fare in modo che, a elezioni concluse, nelle circoscrizioni non scelte come luogo di primo governo del candidato entri automaticamente di diritto il secondo candidato in lista, ovvero si impedirebbe l’acquisizione di voti alla lista grazie a nomi di punta, e si vieterebbe l’assegnazione di ruoli parlamentari a politici non eletti. Attualmente 1/3 dei parlamentari sono scelti dopo le elezioni. Chiedo che il fare politica non sia un mestiere. Chiedo che questo ‘Paese’ non sia la solita Repubblica delle Banane… E voi cosa avete intenzione di fare?

14 pensieri su “Perché sono andato a firmare per il referendum…

  1. Grazie amici… state dando prova di voler cambiare le regole del gioco e se non è il popolo a farlo non certo saranno i signori di Roma a mettersi in gioco e a mettere in gioco i loro privilegi… questi sono attaccati alle sedie come zecche alla pelle di un vecchio asino (e come arrivano a Roma, anche i più idealmente ‘italiani’, subito diventano irrimediabilmente filo sé stessi, a qualsiasi forza politica appartengano – “il mal romano” contagia e ha effetto immediato, corrompemdo e facendo marcire il soggetto in questione… si vedano i quadri del mitico Scipione che già nei primi anni del ‘900 aveva disteso l’indice e aveva segnato la pustola… il bubbone ‘marciscente’).

    @ Fratture. Anch’io, per anni, ho pensato di andarmene, ma poi, da buon passionale, ho deciso di restare e combattere, qui, la mia-nostra battaglia. Tieni duro. Siamo sempre in resistenza.

    Mi piace

  2. Però Gian Ruggero, quando chiedi che il far politica non sia un mestiere chiedi il paradiso di Allah, che come è noto si può avere solo post mortem, Urì comprese…

    Mi piace

  3. Io ho già firmato, non si sa mai.
    Sarei favorevole ad una legge ad hoc, ma mi pare che tergiversino troppo, quindi hanno bisogno di sentirsi il fiato sul collo per farla in fretta e il referendum è il “fiato” giusto.
    Piuttosto di una brutta legge, (un’altra) è bene annullare questa.
    Saluti a tutti e coraggio……spero che passi anche questa.

    Mi piace

  4. Premesso che sono nauseato dalla politica attuale, pur rimanendo di sinistra, oggi come oggi non mi ritrovo in nessun partito; metterei la soglia al 10% ma penso che l’Italia non sia in grado di avere un bipolarismo per varie ragioni che tutti sappiamo.
    Non so se firmerò nè se andrò a votare all’eventuale referendum visto che poi vengono puntualmente scavalcati o abrogati; ricordo quello sul finanziamento ai partiti e tanti altri finiti nel dimenticatoio, come se la volontà popolare non contasse nulla, anzi, contasse solo quel 1,10€ di finanziamento (rimborso è un termine ipocrita) ai partiti….
    Un caro saluto

    Mi piace

  5. @ Luca. Resta sempre la soluzione che più mi è congeniale… il mitra 🙂 Grazie ancora e ditemi-ditevi.

    @ Fabio. In effetti… cmq ‘buttarla’ non costa alcunché. Magari venisse il Paradiso in terra ! 😉

    @ Manuel. Condivido.

    Mi piace

  6. sì!… firmare evitando le buche più dure… non cantava così battisti 🙂 ?

    firmeremo sperando che serva a qualcosa!

    buonanotte

    Mi piace

  7. Gian Ruggero putroppo i mitra non hanno risolto nulla. Anche le Rivoluzioni hanno poi solo sostituito ad elite altre elite. Mi viene sempre in mente la Fattoria degli animali di Orwell che è sempre e lo sarà sempre attuale… 😉
    Un caro saluto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.