Impariamo le nostre lingue # 1 L’occitano

Dominique Bosquier, una star occitana

de Maurizio Dematteis da Nòvas d’Occitània, n.49 Desembre 2006

Una de las 18 fremas celebraas dins lo libre de Andrée Bertino e Fredo Valla “Menú d’Occitània, dediats a 18 fremas famosas de l’estòria occitana”, e que venerè premiaa a Coni l’8 de desembre dins la cerimònia “Fremas d’Occitània con Gran Galà”.
Fraisse: comuna de montanha de la mesana Val Varacha (746 m slm) en Província de Coni. Aqueste pichòt païset de 350 abitants es una de las 120 comunas de lenga e de cultura occitana dal Piemont. Es collegat embe l’Occitània granda dal Còl de l’Anhèl, un còl aut mai de 2700 mètres al som de la valada, que mena ental Cairàs. Son territòri comunal es serrat dai dui cants dal Biron (2131m) e dal Ricordon (1764m), e bòina a mont embe la comuna de Sampeyre e a val embe Lo Mel. Já present ental temp di romans, a fach partia del Marquesat de Saluces e puei del Renh di Savòia. L’economia dal país encuei s’apila un pauc sus l’agricoltura, l’artisanat e sus lo torisme. Dal cant de l’adrech, dins una meira a 1200 mètres sonaa Meira Cru, gaire luenh dal centre dal país, demòra da temp l’actritz Dominique Bosquier, que sem anatz trobar dins una jornaa d’auton.

“Aquesta maison l’ai achataa ental 1964 – còntia Dominique Bosquier dins lo sejorn de la Meira Cru a Fraisse, en Val Varacha – e la via per arribar aicí l’a facha far Claudio Volonté”. An aquel temp Dominique era al som de sa carriera, qu’après una seguia de tournée trionfalas coma vedeta en vir per l’Euròpa, l’a vista interpretar esquasi 80 films dins lhi siei 15 ans de carriera d’actritz, e ganhar las cobertinas de las mai importantas rivistas europeas e l’atencion de la crònaca. Una vita segurament movimentaa, plena de recòrds e d’estòrias da contiar. Mas una vita qu’es estaa totjorn liaa al record de l’infància, passaa entre lhi bòscs e las pasturas d’aquela valada occitana, perqué, ditz l’actritz: “devo a mon peché e al temp de mon infància viscua embe ele a Fraisse se ai jamai perdut la fe dins lhi vers valors de la vita; decò quora viviu dins la vila e fasiu la ‘bèla vita’”.
Dominique Bosquier nais a París da una familha emigraa da la Val Varacha en cèrcha de trabalh. Dins la darriera guèrra lo paire charbonier ven sequestrat dai tedescs e emplegat coma autista de camions; la maire, qu’arribava ren a sfamar tuchi quatre lhi filhs, decid de mandar Dominique dai pechés en Itàlia, a Fraisse, en Val Varacha. “M’enaviso quora siu calaa da la corriera e ai vist mon peché” còntia l’actritz.- Aviu cinc ans, e bèla s’era lo premier bòt que lo veïu, sa figura m’a donaa immediatament seguressa. Avem chaminat per doas oras ensem e sem arribats a la meira ente la nòna m’avia preparat de café lach e de pan dur”. Lo sejorn en Val Varacha dura fins a l’atge de 15 ans quora, finia de bèl avant la guèrra, ental 1952 lhi parents de Dominique la vòlon a París. “Après d’ans passats en pastura o a far lo fen, après lhi esguions sus la tasca (cartèla de bòsc) aval las rubas ensem ai companhs, vèrs l’escòla de Fraisse, d’un colp me siu retrobaa completament despaïsaa dins una granda vila”. Coma premier trabalh a fach la serventa dins una clínica per fremas que devion chatar. “Fasiu de tot, dal possar las panças a lavar lhi ciripà. Eriam doas serventas per 18 chambras. Aviu 16 ans, viviu al dedins de l’espial e trabalhavo mai que 10 oras lo jorn” Dominique res ren aquela situacion e gaire de temp après escapa da la clínica per retornar da si parents. Vai a trabalhar dins un atelier de mòda, e aquí comença sa carriera: intra coma sarta e ben fito, gràcias a sa belessa e a son portament, deven una modèla. Ental 1955, a 18 ans, aparèis per lo premier bòt coma vedette sus la rivista de l’enlora famós local parisenc Nouvelles Eve, en portant l’espectacle dins las principalas capitalas d’Euròpa. “M’enaviso que dins aquel temp frequentavo de cors de dança a Pigalle e mon magistre era bèla que Don Lurio”. L’an d’après repart en tournée embe un novèl espectacle, una comèdia musicala montaa da un’autre famòs local dal temp, l’Alhambra. D’aquel moment la carriera de Dominique fila drecha. “Un jorn es vengut a me trobar un jornalista italian de la rivista Epoca perqué, dal moment qu’ero d’orígina italiana, volia far un’article sus mi. Quand l’article salh me telefona un productor de Cinecittà per me far far un provin”. Es lo 1960 quora Dominique arriba a Roma e s’afèrma definitivament coma actritz. Lo mesme an récita dins lo film Un Dollaro di fifa de Simoncelli, embe Ugo Tognazzi e Walter Chiari. D’aquel moment en anant, per un pauc d’ans, récita dins un baron de films, qualqu’uns d’aquesti devenguts de vers e pròpri films de culte, coma La rimpatriata de Damiano Damiani o Delitto d’amore, embe Amedeo Nazari.
Mas la fulminanta carriera de l’actritz occitana patís un colp ental 1965. A Roma un gròp d’actors organiza una piece teatrala sortia dal drama estòric de Rolf Hochmuth intitolat Il Vicario, ente l’autor tedesc acusa Pio XII per lo pesant silenci mantengut vèrs lo stermini nazista di ebreus. La notícia de la mesa en scena de l’espectacle pròvoca ben de polèmicas enflamaas. La sera de la prima, la policia fai irruccion dins lo teatre e blòca l’espectacle, al qual partecipava decó l’actor Claudio Volonté, enlora companh de Dominique Bosquier. La policia l’acusa d’aver butat una bomba al Vatican, mas Dominique arriba a lo defendre en testimoniant que era en sa companhia la sera de l’atentat: “Après l’escàndol dal Vicario ai finit de trabalhar” còntia Dominique Bosquier. “Derant aviu sempre las cobertinas sus las rivistas, passavo en television e se parlava sovent de mi. Après aquel fach siu finia sus lo libre nier, e lhi compens se son abaissats de dui terç. Resta lo fach que Il Vicario m’a ajuat a duerbir lhi uelhs sus un mond que coneissiu ren. Ai perdut lo trabalh, mas ne’n ai ganhat en cultura”. Dins lhi ans que venon l’apartament roman de Dominique deven un ponch de riferiment d’actors e de registas “impenhats”: “M’enaviso las lonjas discussions a ma maison ente partecipavon de personatges coma Marco Belloccio, Pier Paolo Pasolini o Gillo Pontecorvo”.
Ental 1974 Dominique laissa definitivament la carriera e retorna a sa meira de Fraisse. Mas já a partir da la fin di ans 60 lo pichòt país de la Val Varacha, gracias al trabalh e a la passion per la cultura occitana del poeta Barba Tòni Baudrier e del filosòfe François Fontan, era devengut lo ponch de riferiment d’una presa de consciença de l’importança de la lenga e de la cultura entre la gent de las Valadas Occitanas. Es d’aquilhi ans aquí, e gracias a la passion de personas coma Dominique Bosquier, que lhi occitans an tacat a se rénder compte que la lenga que parlavon era unia dins un’espaci que vai da las Alps ai Pireneus. Aquesta sórta de “renaissiment de las valadas occitanas”, a portat a fondar, pròpi a Fraisse, lo Moviment Autonomista Occitan, que a trabalhat per far naisser una consciença aüra eslarjaa dins tot lo territòri alpin de l’Occitània.
Encuei Dominique es tota pilhaa da sa maison, da la campanha, da l’alevament de bèstias e, per dir-la embe ilhe, “da la recèrcha di vers valors de la vita”.

(En lenga occitana – Un servizio esclusivo di La poesia e lo spirito per l’apprendimento delle nostre lingue straniere. Nella foto: l’attrice occitana Dominique Boschero nella locandina di un film del 1963 con Jean-Paul Belmondo.)

23 pensieri su “Impariamo le nostre lingue # 1 L’occitano

  1. Diomio, che bello veder e sentir parlare occitano.
    La lenga senza confini: da qui a la Calatunya.
    Mi sa che ‘sto Dematteis sarà parent d’l mè amis Piero c’al stà a Rure, o no.
    Va a savèi!?

    MarioB.

    "Mi piace"

  2. Le lingue si salvano parlandole. Muoiono se muore il mondo e la memoria che raccontano, o sono in altro modo e in altra (più diffusa) lingua esprimibili.
    Nessuna imposizione può salvarle.

    Ciao, Franz

    "Mi piace"

  3. Caro Franz,
    se non ci fossi bisognerebbe inventarti. Il ricordo di Dominique Bosquier, che anche se non si dice per la causa occitana si è spesa molto, mi richiama automaticamente quello di uno di suoi amici: “barba Toni”, Antonio Bodrero-Baudrier, grande figura di intellettuale e artista cui capitò, per gli strani casi della vita, di sedere sui banchi del Consiglio Regionale (dove allora lavoravo). Si aggirava per i corridoi del palazzo con sulla spalla un sacco da montagna destando facili commenti; ma per chi sapeva ascoltarlo aveva poche parole che erano altrettante perle; e quando parlava in aula non si esprimeva solo nella sua lingua, ma citava una girandola d’autori, spesso in originale, che lasciava gli altri consiglieri storditi.
    Franz, hai aperto un discorso importante, che non va lasciato cadere.
    Grazie e un caro saluto,
    Roberto

    "Mi piace"

  4. E’ una lingua molto bella. L’ho scoperta per caso in internet. Ed è più comprensibile, mi sembra, di molti dialetti. Per esempio, tempo fa leggevo delle cose in bolognese, per me molto più ostico, da leggere perlomeno, dell’occitano. Avanti Savoia!:-)

    "Mi piace"

  5. Viva le lingue vive o morte che siano. Più ce ne sono meglio è, più se ne conoscono meglio si sta. Ma i savoiardi, che oggigiorno somigliano più a vesciche che a uomini, lasciamoli dove stanno 🙂

    "Mi piace"

  6. Giusto, Matteo, concordo e sottoscrivo tutto! Non potrei non farlo essendo laureata in lingue. (e poi: gli unici savoiardi buoni sono quelli che si mangiano! 😉 abbràccioti)

    "Mi piace"

  7. Bravissimo Franz, che lo fa perché ci crede, e se ha riscoperto l’occcitano, a me che di lontana discendenza spagnola, non resta che rimettermi a rileggere subito

    Maria Pia

    "Mi piace"

  8. Ah sì cara Gaja quelli che si mangiano sono buonissimi e sono perfetti anche per preparare il tiramisù! Abbracci a te

    "Mi piace"

  9. Carissimi Matteo e gaja,
    a parte gli scherzi che possono anche essere come in questo caso gustosi, savoiardi e occitani (ma la terminologia andrebbe rivista)non vanno assolutamente confusi: grosso modo, i primi le hanno date e i secondi le hanno prese.
    I piemontesi che come me non conoscono bene il proprio passato e dunque non sanno quanto nel loro sangue ci sia del perseguitato e quanto del persecutore traggono da questo un motivo di imbarazzo in più.
    Un caro saluto,
    Roberto

    "Mi piace"

  10. Non c’è dubbio, Roberto. Per quanto mi riguarda mi riferivo alla famiglia reale, con savoiardi intendevo la famiglia Savoia (e credo anche Matteo). E dal mio punto di vista, salvo rare eccezioni, lì c’è davvero ben poco da difendere. Ti abbraccio.

    "Mi piace"

  11. L’occitano è una delle tante lingue-culture ospitate in Calabria, precisamente a Guardia Piemontese, nota località termale del tirreno cosentino. Del resto nella regione più povera d’Italia si parlano l’albanese e il greco antichi, oltre a una gran varietà di lingue-vernacoli, prezioso retaggio di un passato ricco, fra le altre, di cultura greca latina bizantina e araba. Fai bene a urlare Avanti Savoia, Franz, anche se molti nostri connazionali non si stancano mai di maledirli. Ne ho visti alcuni inferociti ieri in televisione, gente straricca, di quelli che viaggiano in Mercedes e hanno tre o quattro ville, e dicono che non ne possono più di pagare le tasse (per meglio dire di evaderle perché sono troppe, ma questa è una mia illazione…) e mantenere questo popolo di terroni che non hanno mai voglia di rimboccarsi le maniche e faticare. Mentre assistevo alle invettive di questi signori che si vantano di lavorare quattordici ore al giorno ho rivisto in un flash tutta la mia vita: mi sono rivisto quand’ero fanciullo e assistevo all’uccisione del maiale da parte di mio nonno che lo trafiggeva cc’u scannaturu (un coltello di una trentina di centimetri) mentre altri quattro o cinque uomini lo tenevano fermo e mia nonna prontamente ne raccoglieva il sangue che usciva a fiotti, e poi era una gran festa a colpi di gustosi brindisi e piatti succulenti, e i grandi si sgolavano giocando a morra; poi mio nonno è morto una torrida sera di mezza estate, se ne è andato all’improvviso stroncato da un ictus e io non ho più visto nessuna festa per l’uccisione del maiale; mi iscrissi al liceo e tra una versione di latino e un’equazione algebrica sognavo il nord, e quando capii che la matematica non era poi così astrusa me ne andai al politecnico di Torino: mi accolse Tommasino, un cugino di mio padre che aveva sgobbato anche lui in quelle aule e io pensavo che una volta divenuto ingegnere – grazie alle “braccia” di suo padre che insieme al fratello maggiore (mio nonno) erano andati a fare i manovali a Berna, e la notte dormivano in una baracca – dicevo, ero sicuro che fosse diventato ricco ma mi ospitò in un buco di quaranta metri quadri dove abitava in affitto con la moglie e la figlioletta: qualche anno dopo morirono tutti e tre in un incidente stradale nei pressi della famigerata 106 ionica giù in Calabria, dove erano andati a trascorrere le loro ferie da emigranti muniti di laurea… A parte il fascino un po’ malinconico del capoluogo torinese, in quegli anni mi dovetti fare un culo come una corba, ma alla fine mi fu detto nell’aula magna Giovanni Agnelli che mi nominavano dottore in ingegneria elettronica, e che da quel momento tutte le porte si sarebbero spalancate. Dopo il servizio di leva iniziai una serie di colloqui. All’inizio ero un ingenuo, mi chiesero se sarei stato disposto a fare i turni (anche di domenica) e io dissi fra me: cazzo, dopo tutta ‘sta trafila devo fare i turni? Non mi presero. Poi mi feci furbo, imparai a “vendermi”, e riuscii a farmi assumere da una nota multinazionale catanese. All’inizio nessuno mi dava retta, mi avevano relegato in un angolino a sciropparmi documenti e libri pallosissimi, ed era un’impresa ogni volta riuscire a vincere l’abbiocco. Finito il training mi mandarono giù, nelle camere bianche, a testare i wafer di silicio insieme agli operai… Però là sotto mi chiamavano ingegnere e non mi dicevano che i laureati al politecnico sono dei coglioni, come mi ripetevano fino alla nausea i miei colleghi più anziani dei piani alti. A un certo punto mi ero rotto il cazzo e me ne tornai nel ricco e opulento nord, e il mio nuovo datore di lavoro transnazionale mi pareva un tantino più civile. Se non altro imparai il mestiere, ma in quanto a gratificazioni economiche… va be’, lasciamo perdere. Oggi ho alle spalle circa otto anni di “gavetta” multinazionale, mi hanno fatto partecipare a progetti avveniristici, ho contribuito a produrre margine (traduco: a rimpinguare le tasche degli azionisti), eppure vivo ancora in affitto in un buco che mi ricorda quello del povero Tommasino, viaggio da una vita in una utilitaria che non penso neanche lontanamente di cambiare, per di più i miei padroni hanno deciso di vendere la fabbrica e il mio futuro lavorativo è diventato una incognita grossa quanto una casa. Magari andrò a fare l’operaio nel ricco nord-est, e il mio nuovo padrone sarà uno sbarbatello con la terza media che ha avuto il culo di nascere ricco, e mi dirà che è stanco di pagare le tasse, e della lingua occitana non gliene frega un cazzo.

    Ciao.
    Pasquale

    "Mi piace"

  12. Di savoiardi e occitani so ben poco, la mia era solo una piccola battuta che mi è venuta così, senza tanto pensare, quando ho letto “avanti Savoia”. Parlando di somiglianza con una vescica(mi scuso per l’immagine poco elegante) mi riferivo a uno in particolare della famiglia S. E credo che non ci sia bisogno di spiegare chi sia perché mi pare evidente. Salviamo però i dolci che altrimenti per il tiramisù sono costretto a fare il pan di spagna che è ottimo, ma non sempre ho tempo, allora i savoiardi sono dei sostituti degnissimi e ben vengano. Bisogna però stare attenti a non inzupparli troppo altrimenti buttano fuori l’acqua e il tiramisù è rovinato.

    "Mi piace"

  13. gran bella iniziativa veramente.
    @NUSCIS: deu ci penzu a cussu chi fustei at iscriu e si du bollu narai in lingua, in sa varianti mia, cussa campidanesa… Capas tenit arrexoni fustei, ma deu m’ollu tenni sa speranza de intendi chistionai e iscrì limbas cumment’e custa. A nos bidere.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.