Impariamo le lingue degli altri: # 1 Il portoghese

elisabetta-catalano-florinda-bolkan.jpg

Dopo i grandi successi di pubblico e di critica delle prime due puntate di “Impariamo le nostre lingue”, ecco a grandissima richiesta la prima di “Impariamo le lingue degli altri”. Oggi il portoghese, con un pezzo sull’attrice brasiliana Florinda Bolkan. FK

Filha de um deputado e neta de um padre pelo lado materno, Florinda viveu em Fortaleza e no Rio de Janeiro até se tornar cidadã do mundo. Foi inspetora de vôo da Varig e, ao longo de sua carreira, tornou-se fluente em inglês, italiano e francês.

Foi para a Itália em 1968, descoberta para o cinema por Luchino Visconti. Mudou de país e de nome e passou a se chamar Florinda Bolkan (antes era Florinda Bulcão), por ser um nome mais artístico e pronunciável para estrangeiros.
No seu primeiro filme, Candy, contracenou com o Beatle Ringo Starr. Depois dele, fez mais 40 filmes. Em Una breve Vacanza foi dirigida por Vittorio de Sica. Fez aquele que pode ter sido um dos melhores filmes de sua carreira, Investigação Sobre um Cidadão Acima de Qualquer Suspeita, sob direção de Elio Petri. Enrico Maria Salerno dirigiu-a em Anônimo Veneziano. Contracenou com atores do nível de Jean-Louis Trintignanti, John Cassevetes e Annie Girardot.
A exemplo de Sophia Loren, Claudia Cardinale e Monica Vitti, também ganhou por três vezes o Prêmio David di Donatello, o Oscar do cinema italiano. É mulher extremamente sensual, sofisticada e de muito talento. De Sica quando contratou Florinda para fazer Amargo despertar, o filme que iria lançá-la no mercado dos Estados Unidos da América, disse a seguinte frase: “Escolhi você por que seus olhos são de quem já conheceu a fome”. A resposta de Florinda Bolkan: “Quem nasce no Ceará traz uma carga de verdade muito dura e forte”.
Chegou a dividir apartamento com Helmut Berger em Nova Iorque, mas estritamente como amigos.

(Da: Wikipedia. Immagine: Florinda Bolkan fotografata da Elisabetta Catalano sul set di “Metti, una sera a cena”, di Giuseppe Patroni Griffi, 1969)

15 pensieri su “Impariamo le lingue degli altri: # 1 Il portoghese

  1. “Fez aquele que pode ter sido um dos melhores filmes de sua carreira, Investigação Sobre um Cidadão Acima de Qualquer Suspeita, sob direção de Elio Petri”
    Ecco, appunto. Florinda Bolkan la ricordo proprio in “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto” del grande Elio Petri, con uno stratosferico Gian Maria Volonté e il mai dimenticato Orazio Orlando. Bella e intensa.

    "Mi piace"

  2. prego notare la sinuosità del suo piede (ingrandire foto)
    solmi, antiquariato barocco piuttosto che biedermaier. non è il suo genere, si faccia da parte, sarò io a guarire le sue ferite.

    Gaja: ogni pixel della tua scrittura mi estasia
    baci
    A.

    "Mi piace"

  3. non dica così a cenciarelli che poi s’illude. cenciarelli è donna all’antica.

    contenta cenciarelli della mia vigilanza?

    saluti,
    rs

    "Mi piace"

  4. Ahahahah, trovo in questo post un qualcosa di ineffabile, nel senso che non riesco a esprimerlo neanch’io. Troppo fine, troppo. Sei un bastardo. Atè jà.
    ps: Ci credo che ha diviso l’appartamento a New York con Helmut Berger ma solo come amici: lui stava con Luchino Visconti, lei con Marina Cicogna… Gran cinema.

    "Mi piace"

  5. @Auberon: è bello sapere che qualcuno mi apprezza, legge ciò che scrivo e mi segue. Ti dedico tutti i miei pixel. Spero di estasiarti ancora.

    @solmi: come mi conosce lei, nessuno. noto con un certo brivido di piacere un senso di protezione nei miei confronti. solmi, sono lusingata.

    baci ad Auberon e saluti a solmi.

    "Mi piace"

  6. auberon, io non faccio mai la spesa. mi ci vede con le sporte in mano, e soprattutto i soldi nel borsellino?

    cenciarelli, intendo proteggerla da se stessa. sì, l’ho compresa (d’altra parte comprendo le donne, tutte) e so che lei vive in balia delle sue emozioni. vigilerò. lei è preda di piacioni che potrebbero attentare alle sue virtù.

    saluti,
    rs

    "Mi piace"

  7. solmi, lei sta dando del piacione ad auberon, forse?
    pensa che ci siano in giro tanti uomini che vorrebbero attentare alle mie virtù?
    comunque la sua dedizione nei miei confronti è commovente. quasi unica, direi. (nel senso che è la prima volta per lei, intendo). vigili, vigili, mi fa piacere.

    "Mi piace"

  8. Auberon: con “mie virtù” cosa intendi di preciso (perdonami ma come ben sai… curiosità, il tuo nome è gaja, anzi donna!)? comunque grazie. Tocca a me essere estasiata, adesso.

    "Mi piace"

  9. Auberon, allora tutte. Non ho mai permesso a nessuno di togliermi ciò che avevo di più prezioso. Ed è bello essere sublimata. Credo sia la prima volta che mi capita.

    "Mi piace"

  10. sublimate pure.

    lei cenciarelli forse, dico forse, è un pò megalomane. tutte le virtù? ne è sicura?

    niente niente padre fabrizio svolgerà le pratiche della beatificazione?

    saluti,
    rs

    "Mi piace"

  11. solmi, nel senso che quello che ho di buono nessuno è riuscito a togliermelo (anzi, sono stata io a non permetterlo, visto che in parecchi ci hanno provato). non intendevo dire che ho *tutte* le virtù. non sono solmi, io.

    don fabrizio nemmeno mi guarda, avendo sottomano un esemplare come lei, ben più degno di me di essere elevato alla gloria degli altari, mi creda.
    (le piaccio quando sono così umile e accondiscendente, dica la verità)
    saluti

    gc

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.