UNA SCOPERTA, SALVATORE MATINA

TECNICA RASCHIATA SU TELA

Ho iniziato a dipingere nel 1993 da autodidatta, utilizzando la tecnica degli oli. Con il tempo e tanta passione, ho acquistato una discreta preparazione. Dopo una serie di esperimenti, sono riuscito a “sperimentare” una mia “tecnica”, un modo personale di concepire e “creare Arte”. Lavorando di “carta vetrata e punte d’acciaio”, ho iniziato ad esportare a “grattare” il colore monocromatico per fare emergere l’immagine e “scolpire la materia sulla tela”.
Salvatore Matina

 1.jpg  2.jpg 

 PREMIO CRITICA GALLERIA EUSTACHI” TERZA EDIZIONE, 24 GIUGNO 2007-11-22

”La bellezza arresta il moto”. Così si esprimeva san Tommaso d’Aquino nella sua Summa teologica: come tutte le verità, questa frase ha valore per tutte le cose, e per questo si può applicare anche all’arte di Salvatore Matina.
  Dinanzi ai suoi lavori, infatti, lo spettatore è costretto a fermarsi, ad avvicinarsi, a guardare. L’arte allora si fa percorso che diviene – superando l’ostacolo della materia – rivelazione e apertura verso chi sa accogliere. Nei quadri di questo artista si colgono ricerca, passione, lavoro manuale, anche faticoso: tutte caratteristiche che spesso l’arte di oggi ha smarrito; la tecnica da lui usata leviga, scrosta, asporta la materia per far infine emergere l’immagine che l’artista aveva nella mente.
Ecco allora le figure – esaltate dal monocromatismo – emergere in tutta la loro bellezza e drammaticità. Metafore della vita, in una specie di simbiosi tra tecnica e soggetto.
  Bene si esprime parlando di sé Salvatore Matina: “Per un certo tempo ho dovuto abbandonare completamente l’arte. In quel tempo la sensazione che ho avuto era di avere un corpo senz’anima”. James Hillman afferma in un suo libro che noi nasciamo con una caratteristica che è data, che è un dono come nelle fiabe delle fate madri: essa è quel “dàimon” che ci spinge sulla via per cui siamo chiamati dovendola percorrere sino alla fine, e che per Salvatore Matina è certamente la via della bellezza.
Ester

 31.jpg   4.jpg

10 pensieri su “UNA SCOPERTA, SALVATORE MATINA

  1. michelangelo diceva che “l’arte è per via di togliere”

    interessante la tecnica, bel post…

    ma Ester chi è?

    "Mi piace"

  2. Sono lavori molto interessanti.
    Vorrei sapere se lo strato o preparazione su cui lavora Martina, è colore ad olio secco, o altro.
    Gli effetti scarnificatori sono molto adatti ai soggetti scelti.
    MarioB.

    "Mi piace"

  3. Cari tutti, Salvatore Matina lavora nella scuola dove lavoro io. Non è un insegnante. Ha imparato da solo. E’ ancora giovane, ha pochi lavori che però sono della portata che avete potuto osservare. La tecnica, alla quale tiene immensamente, è una sua personale invenzione. Chiaramente ci tiene che non ne vengano svelati tutti i segreti. Comunque, da quel che ho capito, la tela viene preparata e la figura, attraverso carta vetrata e vari strumenti, viene fatta emergere dallo sfondo. Quindi non è disegnata prima. Quando ho visto le sue opere riprodotte in fotografia, ho pensato subito di trovarmi davanti a un grande artista. E mi sono detto che era quasi un dovere segnalarlo in questo blog di così vasta lettura. Non ha venduto ancora i suoi quadri. Si tratterebbe di svenderli al momento attuale. Istintivo, non cerebrale mi è sembrato, ma non ingenuo. Gli auguro grande fortuna.
    Sebastiano
    Dimenticavo. Credo stia cercando un gallerista serio. Ester è la gallerista che lo ha premiato.

    "Mi piace"

  4. Bello questo: “fare emergere l’immagine e “scolpire la materia sulla tela”” – ed è proprio quello che si vede nei quadri…

    Ho visto che c’è stata una mostra a Milano, peccato che sia finita.

    "Mi piace"

  5. Grazie a tutti per i commentie grazie a Sebastiano per aver inserito alcuni dei miei lavori sul sito : Ester e un critico d’arte
    la preparazione dela tela e molto complessa per peter supportare questo tipo di tecnica, e far si che si possa lavorare con carta vetrata e punte d’acciaio- il colore può essere qualsiasi tranne quello ad olio. e poi con della carta vetrata inizi ad asportare il colore monocromatico, quasi come stessi scolpendo- in questo caso si può anche dire una scultura su tela. ciao a tutti Salvatore Matina

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.