Il nero e il blu (ballata per Catania), di Annalisa Busato

A Catania, di notte, piano
ovunque penetra la cipria nera
dell’Etna, che marchia
con occhiaie e rughe da maschera greca
nobili corpi color creta ed ocra
e visi ospiti, dal pallore di conchiglia.
Difficile rimuovere i segni di Dioniso:
al mattino si leggono le tracce
di strapazzi ed eccessi. E allora
su, righiamo decisi sopra i lividi
con cosmetici e tatoo
che il difetto diventi bellezza
stile di vita tragico, glamour dark
riso panico. Privilegio e sfida
nella magna Grecia, dove tutti
son cugini degli déi, rilanciare
(cu mori mori) il karma maledetto
della città. Jammun ‘o mare!
sopra i neri scogli
il corpo si scioglierà
e il mare, il mare blu ci laverà.

L’usura del tempo non ci spaventa
(quella dei clan un po’ di più)
ogni cosa frusta trova il suo posto
nel riciclaggio estremo, universo
d’a Fera ‘o lune (zona via Etnea)
meticcia balena che tutto ingoia
ove la merce del mondo con-viene
nello scolo cosmico, nella deriva
sgargiante dove ogni cosa è offerta
quasi gratis, non gratis: saggezza perfida,
scatenare l’orgia proletaria della voracità.
Soffocheremo nei gorghi di stracci
cipolla arrosto e cianfrusaglia
e càlia e acqualimonessàle a volontà
Ma il mare, il mare blu ci laverà.

Nelle putìe si mangia strong
il cibo estremo: budella, fegato
frattaglie e reni, stigghiole sugose
cibo a rischio, come i mitili neri,
nati sui pozzi neri, sui neri scoli
patria dell ‘escherichia coli.
E se fai due passi, vedrai il ratto
(delle sabine), vicino alla stazione
di treni e corriere, l’elefante sacro
uno e trino, Ganesh, portafortuna
nella piazza dell’università
e la piazza Bellini, con l’Operà
Frullato tosto di cultura e vanità
vuccirìa vociante, nuvola d’ira
umana che oscura il cielo
alleata della nera cipria
che a poco a poco tutto intriderà.
Ma il mare, il mare blu ci laverà.

5 pensieri su “Il nero e il blu (ballata per Catania), di Annalisa Busato

  1. Che gran ritmo, e che bello questo “sincretismo lessicale”. Si affiancano termini dialettali, anglofoni, post-moderni e classici, senza che l’equilibrio musicale sia turbato.
    Mi è piaciuta molto, complimenti.

    Michele

    Mi piace

  2. anche a me, da messinese in esilio, questa ballata è piaciuta tantissimo – Catania è una città splendida, che non ha avuto la cesura (i troppi terremoti, etc. ) che, al contrario, ha reso irriconoscibile Messina – trovo oggi in Catania quell’autenticità e quel saturo legame con la propria storia che non respiri più a Messina – questa nera e splendida aura barocca del Liotru e il candore di l’Acqua a Linzolu…
    Ciao

    Mi piace

  3. … Sono veneziana, ma passo ogni anno per Catania. La cosa più bella che devo ai siciliani è che mi chiamano Nalì. Un nome che è come uno scampanellìo. Amo quella strana città che tutti dicono pericolosa e che trovo straordinariamente accogliente, presa nelle giuste dosi, o forse nelle ore giuste del giorno. Tanto è nero e penetrante il suo nero, quanto blu il blu del mare.
    Ringrazio per le parole di apprezzamento. E soprattutto sono contenta di apprendere, da lettori siciliani, che il ritratto è riconoscibile.
    Grazie anche al Monasteri per l’omaggio 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.