Franco Loi, “Cume me pias el mund!”

7 poesie inedite e 5 edite

Cume me pias el mund! L’aria, el so fiâ!
j àrbur, l’èrba, el sû, quj câ, i bèj strâd,
la lüna che se sfalsa, l’èrga tra i câ,
me pias el sals del mar, i matt cinâd,
i càlis tra i amís, i abièss nel vent,
e tücc i ròbb de Diu, anca i munâd,
i spall che van de pressia cuj öcc bass,
la dònna che te svisa i sentiment:
l’è lí el mund, e par squasi spettàss
che tí te ‘l vàrdet, te ghe dét atrâ,
che lü ‘l gh’è sempre, ma facil smemuriàss.
tràss föra ind i pernser, vèss durmentâ…
Ma quan’ che riva l’umbra de la sera,
‘me che te ciama el mund! cume slargâ
te vègn adòss quèl ciel ne la sua vera
belessa sena feng nel so pensàss,
e alura del tò pien te càmbiet cera.

Come mi piace il mondo! l’aria, il suo fiato!
gli alberi, l’erba, il sole, quelle case, le belle strade,
mi piace il salso del mare, le matte stupidate,
i calici tra gli amici, gli alberi nel vento,
e tutte le cose di Dio, anche le piccolezze,
e i tram che passano, i vetri che risplendono,
le spalle che vanno di fretta a occhi bassi,
la donna che ti turba i sentimenti:
è lí il mondo, che sembra aspettarsi
che tu lo guardi, che gli dai retta,
poiché lui c’è sempre, ma è facile dimenticarlo,
distrarsi nei pensieri, essere addormentati…
Ma quando arriva l’ombra della sera,
come ti chiama il mondo! come si allarga
e ti viene addosso quel cielo nella sua vera
bellezza senza finzioni nel suo riflettersi,
e allora per la tua pienezza cambi colore.

*

Vèss òm e vèss puèta… Cum’i can
che bajèn a la lüna per natüra,
per la passiensa de stà lí a scultà…
Vèss òm e vèss puèta… ‘Na paüra
de vèss un’aria, un buff… duè murí…
Vèss òm e vèss puèta… Per la scüra
del crèss tra j òmm, desperdèss nel patí,
per returnà quèl fiìsc de la memoria
che la passiensa l’à sparagnâ nel dí.

Essere uomo ed essere poeta… Come i cani
che abbaiano alla luna per natura,
per la pazienza di star lí ad ascoltare…
Essere uomo ed essere poeta… Una paura
di essere un’aria, un soffio… dover morire…
Essere uomo ed essere poeta… Per l’oscurità
del crescere tra gli uomini, disperdersi nel patire,
per ritornare quel fischio della memoria
che la pazienza ha risparmiato nel giorno.

*

L’è ‘me ‘na müseca che canta de luntan
e mí la brasci tütta sensa streng,
ché lé se spand e fa sentí ai mè man
la rösa che nel sû me par de feng:
l’è ‘n fiâ, un möess ciar di föj nel vérd,
un rídd del sang che ciama l’aria al streng,
‘na vûs che lenta nel corp la se despèrd…
E parli pü, gh’în lur dumâ, j üsèj,
e un stà nel vöj due che crèss el vérd.

È come una musica che canta di lontano
e io l’abbraccio tutta senza stringere,
ché lei si espande e fa sentire alle mani
la rosa che nel sole mi sembra di fingere:
è un fiato, un muoversi chiaro di foglie nel verde,
un ridere del sangue che chiama l’aria alla stretta,
una voce che lenta nel corpo si disperde…
Non parlo più, ci sono loro, gli uccelli,
e un ristare nel vuoto dove cresce il verde.

*

Dent la paròla vèrta mí me pèrdi,
deventi i ròbb del mund, l’aria che passa,
quèla parola che sta dedré de l’aria
e se fa ciara aj ögg che stan nel temp,
e se mí parli sù no chi l’è ‘l parlà,
l’è ‘l vent che parla cul mè d’un sentiment,
ché nient se fa del nient e nel pensà
la vûs che mí me ciama me vègn dent.

Dentro la parola aperta io mi perdo,
divento le cose del mondo, l’aria che passa,
quella parola che sta dietro l’aria
e si fa chiara agli occhi che stanno nel tempo,
e se io parlo non so chi è il parlare,
è il vento che si dice col mio sentimento,
poiché niente si fa dal niente e nel pensare
la voce che mi chiama mi viene dentro.

*

Quan’ nüm dísum cultüra, dísum nagott.
L’è tütt un büscià e sòtt gh’è minga ‘l vin,
ch’în quatter j òmm che san e cent ch’imbröja,
e milacent che curr al ner del vin…
Un füm che cuatta ‘l mund de vècc e mort,
tra i càlis che se arsa, un gran magnà,
spüssa che figa passa, e dré di port
la man di làder scunfüsa ai leterâ.

Quando diciamo cultura, non diciamo niente.
È tutta schiuma e sotto non c’è vino,
ché quattro sono gli uomini che sanno e cento che imbrogliano
e millecento che corrono al nero del vino…
Un fumo che copre il mondo di vecchi e morti,
tra i calici che si alzano, un gran mangiare,
puzza di fica passa, e dietro le porte
la mano dei ladri confusa ai letterati.

(da Isman, Einaudi 2002)

*

Inediti

Mì seri un alter e me vedevi mör
cume se varda l’òm nel so murì
ché mort la fa paüra nel vardàss
‘me dent un specc due che ‘l mort sun mì.

Me vardi cume stramb nel mè dulur,
due vègn la nott e se cuatta el mund,
se strong la stansa e svana ogni culur
sü sta pultròna che me tègn nel fund
di mè penser, nel spurch de la cusciensa.
Squasi me alsi e vu a vardà quj grund
due vula i rùnden e due g’an passiensa
i dü culumb ch’j becca in mezz al vent.
Ma mì me fa fadiga, e la cusciensa
la se sprufunda tra i voj del sentiment
nel moll de la pultròna che se stersa.

Io ero un altro e mi vedevo morire
come si guarda l’uomo nel suo morire
ché la morte fa paura nel guardarsi
come in uno specchio dove il morto sono io.

Mi guardo come strambo nel mio dolore,
dove viene la notte e si copre il mondo,
si stringe la stanza e svanisce ogni colore
su questa poltrona che mi trattiene al fondo
dei miei pensieri, nello sporco della coscienza.
Quasi mi alzo e vado a guardare quelle gronde
dove volano le rondini e dove hanno pazienza
i due colombi che beccano in mezzo al vento.
Ma mi fa fatica, e la coscienza
si sprofonda tra i vuoti del sentimento
nel molle della poltrona che si sfascia.

*

Ah öcc de màder, öcc bej sensa paüra,
gran fiâ che dà la vita, e par un vent
che passa dent al mund e a la natüra
e la sua lüs l’è gioia de la gent,
ve vardi e me se pèrdi, vu nel fund
d’una cansun che turna ne la ment
‘m’i lamp d’un vècc vardà, fiur d’olter mund,
quajcoss che ciappa e te tormenta dent.

Ah occhi di madre, occhi senza paura,
gran fiato che dà la vita, e pare un vento
che passa per il mondo e alla natura
e la sua luce è gioia della gente,
vi guardo e mi ci perdo, vado nel fondo
d’una canzone che torna nella mente
come i lampi d’un antico guardare, fiore d’altri mondi,
qualcosa che prende e ti tormenta dentro.

*

J öcc în trasparent ‘me ‘na fenestra,
vàrden i nüver ch’j ghe passa ‘rent,
e l’aria nel slisà l’è ‘me ‘na lüs
che spera che nel spègg tì te s’encantet,
e lam se fa la lüs e l’aria un vent
e strong el fiâ la frunt e te s’enventet
‘n’umbra che parla al cren del sentiment,
e tropp în i penser, tropp la memoria
e dré quj ögg se pèrd el ver del temp,
che pesa aj giogh de vita la sua storia
e fa paüra l’umbra e el so savè.

Gli occhi sono trasparenti come una finestra,
guardano le nuvole che gli passano vicine,
e l’aria nel scivolare è come una luce
che spera che nello specchio tu t’incanti,
e lame si fa la luce e l’aria un vento
e stringe il respiro la fronte e tu t’inventi
un’ombra che parla all’amaro del sentimento,
e troppo sono i pensieri, troppo la memoria
e dietro quegli occhi si perde il vero del tempo,
ché pesa ai giochi della vita la sua storia
e fa paura l’ombra e il suo sapere.

*

Û traversâ la vita per tuccà
quj làver che nel rösa san la rösa.
Stringevi cum’un sògn quèl so tremà
e mi sentivi mì e mì la rösa.
Pien de paüra nüm se sèm vardâ
e cunussü, al dèrvess de la rösa,
i làver cun i làver d’aria aj fiâ.
Inturna el mund ventava un gel luntan.

Ho attraversato la vita per toccare
quelle labbra che nel rosa conoscono la rosa.
Stringevo come un sogno quel suo tremare
e mi sentivo io e io la rosa.
Pieni di paura noi ci siamo guardati
e conosciuti all’aprirsi della rosa,
le labbra con le labbra d’aria ai respiri.
Intorno il mondo ventava un gelo lontano.

*

Sun növ, sun tütt refâ, sun pü miseria,
g’û ‘na cansun nel cör e sù cantà.
Uh Diu, fàm no sbalià, fa che la vita
se derva anca per mì, fàm respirà!
Sù minga cume dìl quèl che me strèppa
e cusa sia sta gioia che fa piang.
Me senti un taremot sensa resposta
e vu legger ne l’aria che me piâs.

Sono nuovo, sono tutto rifatto, non sono più miseria,
ho una canzone nel cuore e so cantare.
Oh Dio, non farmi sbagliare, fa che la vita
si apra anche per me, fammi respirare!
Non so come dirlo quello che mi strappa dentro
e cosa sia questa gioia che fa piangere.
Mi sento un terremoto senza risposta
e vado leggero nell’aria che mi piace.

*

“Sèrum nascost nel bèl de la paüra
– tra i veder el gran vöj de la citâ –
e nel passà di gent tì te tremàvet
e mì vardavi el ciel urmai scürâ
– i mür, la lüs del frècc che l’è la nott,
quj biss d’una citâ d’indurmentâ –
e i veder crèp del gel, i passer smort,
di òmm che slisa se sent buffàgh el fiâ…
Ma nient me mèna via, nient me va stort:
nel tâss di öcc la bucca la se sfa
e al prim vegnì del sû sentum cantà.”

“Eravamo nascosti nel cuore della paura
– tra i vetri il grande vuoto della città –
e nel passare la gente tu tremavi
e io guardavo il cielo ormai oscurato
– i muri, la luce del freddo che è la notte,
quelle serpi di una città d’addormentati –
e i vetri striati dal gelo, i passeri smorti,
degli uomini che scivolano via si sente soffiargli il fiato…
Ma niente mi distrae, niente m’impedisce:
nel silenzio degli occhi la bocca si disfa
e al primo salire del sole sentiamo cantare.”

*

Nel vöj de l’aria sifùla ‘n üsèllin
qh’a la mia ureggia duls vègn a parlà
– vöj che nel vöj l’è pien e nient respund,
frull d’una vûs ne l’aria, furlanà
che te traversa ‘n’ànema de surd,
cume se pèrd de l’aria el resunà!

Nel vuoto dell’aria zufola un uccellino
che alla mia orecchia dolce viene a parlare
– vuoto che del vuoto è pieno e niente risponde,
frullo d’una voce nell’aria, danzare
che ti attraversa un’anima di sordo,
come si perde dell’aria il risuonare!

* * *

Questo è un piccolo omaggio a Franco Loi in occasione del suo compleanno. La sua produzione poetica è vasta e difficilmente antologizzabile; per essa rimando alla nota seguente, tratta da Italialibri. Ho preferito proporre alcune poesie inedite, per gentile concessione dell’Autore, e alcune tratte da Isman, in particolare alcune dedicate alla poesia: in esse Franco Loi mi pare voce totalmente popolare e contemporaneamente poeta per poeti.

Poeta, saggista e critico, Franco Loi è nato a Genova il 21 gennaio 1930, ma vive dal ’37 a Milano, città di cui ha abbracciato il dialetto come cifra della propria vena poetica, coniando un linguaggio vernacolare ibrido che attige a piene mani da idiomi, gerghi e idioletti raccolti negli ambiti popolari e proletari della città e dell’hinterland.
Dopo aver fatto l’operaio ed essersi diplomato in ragioneria, dal 1960 al 1983 Franco Loi si impiega all’ufficio stampa della Mondadori. Attualmente collabora al supplemento culturale della domenica de Il Sole-24 Ore.
Incomincia a scrivere a 35 anni e la prima pubblicazione di alcune poesie avviene nel 1972 sull’Almanacco dello Specchio.
Tra le sue raccolte, I cart, Edizioni 32, Milano 1973; Poesie d’amore, Edizione Il Ponte, Firenze 1974; Stròlegh, Einaudi 1975; Teater, Einaudi 1978; L’Aria, Einaudi 1981; Lünn, Ed. Il Ponte 1982; Bach, Scheiwiller 1986; Liber, Garzanti 1988; Umber, Manni, Lecce 1992; Poesie. Antologia personale, Fondazione Piazzolla, Roma 1992; L’angel, Mondadori 1994; Arbur, Moretti & Vitali, Bergamo 1994; El vent, Campanotto editore, Udine 2000; Isman, Einaudi, Torino 2002; Aguabella, Interlinea, Novara 2004, Pomo del pomo, insieme a Erminia Lucchini, Perosini, Verona 2006; Voci di osteria, Mondatori 2007. Ha pubblicato un libro di racconti, L’ampiezza del cielo, Milano 2001, a cura di Ignazio Maria Gallino. Ha pubblicato inoltre numerosi saggi, tra cui una raccolta, Diario breve, edito con prefazione di Davide Rondoni da Nuova Compagnia Editrice, Forlì-Bologna 1995.

12 pensieri su “Franco Loi, “Cume me pias el mund!”

  1. Sempre bellissime le poesie di Loi. Grazie per gli inediti.
    Mi auguro prima o poi esca un bel Meridiano con l’opera omnia del Nostro.
    Isman è una raccolta supenda…

    Un saluto caro

    "Mi piace"

  2. Stringevi cum’un sògn quèl so tremà
    e mi sentivi mì e mì la rösa

    Ah, che meraviglia quel perdersi!
    Grazie

    "Mi piace"

  3. Cari Luca, Renata e Maria Pia, grazie, e d’accordissimo con voi. Belli quell’aria e quel perdersi.

    Luca, anche per me “Isman” è un libro stupendo, però anche l’ultimo “Voci di osteria”…

    "Mi piace"

  4. Sì “Voci d’osteria” è notevole anche sei il Loi che amo di più è quello del”L’Angel” (da poco l’ho trovato su una bancarella e letto integralmente) e “Teater”. Putroppo non ho letto “Strolegh”. Le altre le ho quasi tutte.

    Grazie!

    Un caro saluto

    "Mi piace"

  5. “e se io parlo non so chi è il parlare,
    è il vento che si dice col mio sentimento,
    poiché niente si fa dal niente e nel pensare
    la voce che mi chiama mi viene dentro.”

    La grandezza della semplicità; attraverso lo stupore e l’ironia bonaria e giocosa; messa in bocca agli umili, che mai non mentono.

    Grazie, Giorgio

    Giovanni

    "Mi piace"

  6. “…che non mentono.”

    Ho ascoltato diverse volte e con immenso piacere Franco Loi; da ultimo, a Seneghe, in ottobre, in occasione di una festa della poesia. Alcune sue parole mi sono particolarmente piaciute, e me le sono annotate: “Il poeta è un uomo che sta attento a ciò che gli capita: il dolore, la natura, l’ignoranza” […] “In alcuni momenti la razionalità cade, non è più in grado di affrontare la realtà. Il poeta s’abbandona a tutto sé stesso. […]La cultura, l’esperienza è utile, ma quando è il momento di dire la testa tace, è attenta alla sequenza sonora che segue…”

    Ancora un grazie a Giorgio.

    Giovanni

    "Mi piace"

  7. Sì, Luca, ricordo anch’io lo stupore con cui lessi “L’Angel”, lo stupore per quanto lì Franco Loi riesca a mettere in poesia…

    E grazie a te, Giovanni, anche di quest’ultima testimonianza. E’ importante, ogni tanto, ricordare la distinzione tra poesia e letteratura.

    "Mi piace"

  8. Dita, sono degli ultimi anni, quattro o cinque, questo è quanto mi rispose Franco Loi quando gli posi la stessa domanda.

    "Mi piace"

  9. Pingback: Auguri a Franco Loi « La poesia e lo spirito

  10. Tenere fra le mani un libro delle sue poesie è come sentirsi proiettati verso l’azzurro di un cielo
    che non finisce mai…
    e per un attimo desiderare di non tornare piu’ sulla terra.
    grazie…

    annunciata

    “mi sòmm nasù chinscì, in d’una cà cunt’ul purtùn da legn e na ringhèra…..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.