“PARTO” di Inès HOFFMANN

scannedimage-8.jpg

DESENHO ESMAECIDO

A casa nunca fora habitada
por uma família.
Por muito tempo
permaneceram nela
quatro vultos
desfigurados,
esquartejados
por dores
de infelicidade.
Moviam-se
pela força dos pensamentos
alheios
que deles esperavam
que fossem normais.
Uma Família…
A mágoa
era a roda do moinho,
que não parava de girar
e trazer de volta a dor.
Quatro solidões unidas
para tentar fazer jus
a uma palavra:
Família.
Quatro esboços
de pessoas
que nunca
seriam normais.

Nunca teriam
a paz de espírito,
da qual às vezes liam em livros…
e ficavam imaginando
se isso
seria dormir
por uma noite inteira…
ou pôr a mão no trinco da porta
sem ter medo
do que haveria do outro lado…
Ou seria a mão
que acalentava os pedaços
de um coraçãozinho
perdido e sem alento?…
A casa hoje acolhe fantasmas
em suas salas vazias,
corredor comprido,
quartos gelados.
No silêncio
quase se pode ouvir
alguns risos tímidos
vindos do passado,
em meio a gritos e gemidos
de noites de pesadelo.
Será que houve
crianças nessa casa?
Ou, eram apenas
adultos escondidos
em pequenos corpos?

Os fantasmas fazem companhia
a dois sobreviventes da casa,
cada um isolado em seu canto,
sem palavras,
sem olhares,
sem afagos
nem sorrisos.
Sobrevivem ao tempo,
e suas figuras são um rascunho
borrado pela vida…
Mas suas almas
e sua paz de espírito,
se um dia as encontraram,
apodreceram
como fruta estragada…
Enganam-se a si mesmos…
E assim esperam
que a Companheira
que os espreita
os leve e ponha fim
a essa morte em vida.

DISEGNO SBIADITO

La casa non fu mai abitata
da una famiglia.
Per molto tempo
vi dimorarono
quattro sagome
sfigurate,
squartate
dalle stilettate
dell’infelicità.
Si muovevano
incalzati dai pettegolezzi
degli altri,
che da loro s’aspettavano
che fossero normali.
Una famiglia …
La pena
era la ruota del mulino,
che non cessava mai di girare
e arrecare nuova pena.
Quattro solitudini aggregate
nel tentativo di dare contenuto
a una parola:
Famiglia.
Quattro larve
di individui
che mai
sarebbero stati normali.

Mai avrebbero conosciuto
la pace dello spirito,
della quale talvolta leggevano nei libri,
e rimanevano a immaginare
se questa
fosse dormire
per una notte intera
o porre la mano sul saliscendi della porta
senza paventare
ciò che avrebbero trovato dall’altro lato.
O non fosse magari una mano
che coccolava i pezzi
di un cuoricino
impaurito e senza vigore.
Oggi la casa accoglie fantasmi
nelle sue stanze vuote,
corridoio compreso,
e gelate.
Nel silenzio
sembra quasi udire
alcune timide risa
provenienti dal passato,
frammiste a grida e gemiti
di notti di incubo.
Ci saranno stati bambini
in quella casa?
O non piuttosto
adulti
celati in piccoli corpi?

I fantasmi fanno compagnia
ai due superstiti della casa,
ognuno di loro isolato nel proprio cantuccio,
senza parole
senza sguardi
senza carezze
né sorrisi.
Sopravvivono al tempo:
le loro sembianze una brutta copia
imbrattata dalla vita.
Ma le loro anime
e la pace dei loro spiriti,
se mai le incontrarono,
imputridirono
come frutta marcia.
Persistono a ingannare sé stessi
e aspettano così che la Sorella
che li spia
li ghermisca e ponga fine
a quella morte in vita.

PARTO

Depois de errante
buscando tudo, encontrando nada
Depois de espezinhada
declarada insana
fui tolhida por amarras
por mim impostas
à minha mente,
ao meu corpo,
à minha vida
Depois da real insanidade
e os erros me dominarem
Depois da queda do penhasco
onde vivi atordoada
sucumbi à dor da existência…
Então me redimi
comigo mesma
Concedi a mim
o indulto dos inocentes.
No tempo certo da alma encontrada
Parirei a mim mesma.

PARTO

Dopo avere vagato
cercando tutto e trovando nulla,
dopo essere stata umiliata
e dichiarata pazza
fui bloccata dalle tutele
imposte
al mio corpo
alla mia mente
alla mia vita.
Quindi la pazzia vera
e gli errori mi piegarono,
sprofondai nel baratro
e vissi inebetita
sopraffatta dall’angoscia dell’esistere.
Allora mi sono riscattata
con le mie sole forze
e mi sono concessa
il perdono degli innocenti.
Una volta ritrovata la mia anima
partorirò daccapo me stessa.

ALUIÇÃO

Sentar.
Largar o corpo
deixar escorregar,
escorrer até os pés,
o cansaço
que desmancha a alma,
o desalento
que corrói dia após dia,
a desilusão
que a vida estampou
na própria vida.
Soltar a alma,
entregar ao tempo a vida
para que ela se refaça…
Que pare o tempo
pois voltar não volta.
Que fazer,
se ele parar?
Apagar as coisas ruins
consertar os erros
manter só a alegria?
Seriam então alegrias,
se não há mais tristezas?
Que o tempo passe.
Por um momento
não me encontre aqui
sentada.

Que me deixe em meu quietismo…
até a hora de levantar-me.
Sentada,
olhos no vazio
vazia de pensamentos…
Sentir que não se sente
o sentimento de si mesma…
Do tempo
não é a velhice
que me atormenta,
não são os anos
que eu somo
que pesam.
Meu tormento é saber de mim.
O peso que carrego
é o que não fiz,
o que não juntei,
o que não construí.
O peso é o vazio.
Tenho medo de perder-me
não encontrar o caminho
de volta à razão.
Sinto que escapo do corpo,
da consciência…
chego ao lugar em que não há
conseqüências,
não há lutas a travar,
não é preciso responder
por atos impensados.
Lá sou insana e livre…
E se eu não voltar?

DISFATTA

Sedersi.
Abbandonarsi
lasciare scivolare,
colare fino ai piedi,
il cruccio
che sconquassa l’anima,
lo sconforto
che corrode giorno dopo giorno,
il disincanto
che l’esistenza ha impresso
alla vita.
Sciogliere l’anima,
affidare al tempo la vita
affinché essa si riabbia …
Chiedere al tempo, per un istante,
di tornare indietro.
E interrogarsi:
che fare se si ferma?
Cancellare le nefandezze
rimediare alle pecche
mantenere soltanto l’allegria?
Ci sarebbero dunque solo gioie
se non vi fossero più afflizioni?
Che il tempo riprenda.
Per un attimo
non mi incontri, qui
seduta.

Che mi lasci nel mio quietismo
fino all’ora di alzarmi.
Seduta,
gli occhi nel vuoto
spoglia di pensieri …
Avvertire che non si riconosce
l’entità che è in noi.
Del tempo
non è l’immanenza
che mi assilla,
non sono gli anni
che si assommano
a pesarmi.
Il mio tormento è sapere chi sono.
Il peso che mi opprime
è ciò che non ho fatto,
ciò che non ho raccolto,
che non ho costruito.
Il peso è il vuoto.
Temo di perdermi,
di non ritrovare il varco
di ritorno alla ragione.
Sento che sgattaiolo dal corpo,
dalla coscienza,
che mi spingo fino a un luogo nel quale
non ci sono conseguenze,
non ci sono lotte da ingaggiare,
non è necessario ribattere
per atti inconsulti.
Là sono dissennata e libera.
E se poi non torno?

DANÇA MALDITA

É na noite que os fantasmas
atravessam nossos corpos
É na noite que os seres inimagináveis
se tornam realidade
É na noite que os cães ladram
É na noite que os demônios atacam.
E é quando os demônios atacam
que eu me solto.
Liberto meus demônios loucos
com suas faces
deformadas e debochadas.
Deixo que dancem ao meu redor
a dança maldita
dos que perderam o juízo.
Deixo que me arrastem
para o inferno
em meu corpo insano.
Danço com eles
a dança dos seres
sem memória,
sem juízo,
sem perdão.
A dança da liberdade
de quem já perdeu
o medo da Morte e da Vida….

Danço… danço…..
Danço a fúria da insanidade
que corrói minha mente.
Danço a dor da consciência…
Danço a dor da rejeição…
Danço… danço… até cair
Exaurida no chão.

DANZA MALEDETTA

È nella notte che gli spettri
attraversano i nostri corpi.
È nella notte che le creature inimmaginabili
diventano reali.
È nella notte che i cani latrano.
È nella notte che i demoni attaccano.
Ed è quando i demoni attaccano
che io mi libero.
Metto in libertà le ombre della mia follia
con le loro fisionomie
deformi e dissolute.
Lascio che danzino tutt’intorno a me
la danza maledetta
di coloro il cui senno bazzica la luna.
Lascio che mi trascinino
all’inferno
nel mio corpo malato.
Danzo con loro
la danza degli esseri
senza memoria,
senza intelletto,
senza salvezza.
La danza sfrenata
di chi ha non ha più
ritegno alcuno verso la vita e verso la morte.

Danzo … danzo …
Danzo il furore della pazzia
che consuma la mia mente.
Danzo il supplizio dell’essere cosciente.
Danzo l’onta del ripudio.
Danzo … danzo … danzo fino a cadere
esausta sul pavimento.

DOMINATIO

No horizonte
céu esfumaçado de vermelho
círculo do sol a se pôr.
Anoitece lentamente.
Entre árvores e morros
o sol se esconde.
E em mim
surge o animal
que me atormenta.
O bicho negro e doentio
enjaulado em meu corpo
quer fugir
sair
para a noite que chega.
Aflige-me
com suas garras
arranha meu peito.
Suas asas enfurecidas
me atordoam.
Também eu quero fugir
abrir a porta
correr.
Abrir o peito
soltar a fera
que me enlouquece
me domina.

Assim ficamos
horas…
Eu controlando a fera,
a fera me descontrolando,
até que chegue
o breu da noite.
Nenhum sai vencedor.
Um rende-se ao outro
Pertencemo-nos…
Somos da mesma essência,
inseparáveis.
E a cada dia,
a cada pôr-do-sol,
a luta recomeça…
Até a morte.

DOMINIO

All’orizzonte
cielo sfumato di rosso,
sfera del sole che tramonta.
Imbrunisce lentamente.
Tra gli alberi e i poggi
il sole si eclissa.
E in me
si ridesta l’animale
che mi affligge.
La bestia nera e ributtante
ingabbiata nel mio corpo
vuole fuggire
dileguarsi
nella notte che s’appressa.
Mi dilania
con i suoi artigli,
lacera il mio seno,
le sue ali furibonde
mi stordiscono.
Anch’io vorrei fuggire
varcare la soglia
e correre.
Divaricare lo sterno
affrancare la fiera
che mi fa impazzire,
mi domina.

E così
per ore.
Io a controllare la fiera,
la fiera a cercare di divincolarsi,
fino a che non sopraggiungono
le tenebre della notte.
Nessun vincitore.
Ognuno si arrende all’altro.
Ci apparteniamo …
siamo della medesima essenza,
inseparabili.
E ogni giorno,
a ogni crepuscolo,
la lotta ricomincia …
fino alla morte.

ASSEPSIA

Aqui estou eu.
Entregue às mãos
de outros
que vêm e vão:
cuidam
olham
tocam.
Tocam
meu corpo,
meu pulso.
Tocam,
mas não me tocam.
Tratam de mim
assim:
boneca de trapo de vida,
trapo de gente.
Trapo humano
entregue às mãos brancas,
roupas brancas,
paredes brancas,
entregue à indiferença
de cuidados indiferentes.
Farrapo humano
destroçado.
Ouvem meu coração,
mas não o vêem
estraçalhado.

Medem meu pulso
mas não sentem
o sangue podre
que corre nas veias.
Apalpam meu corpo
mas não enxergam
a alma morta que leva em si.
Não imaginam o peso
dessa alma fétida
que se esvai,
aos poucos substituída
pela insanidade
do meu ser,
do meu cérebro.
Adianta eu estar aqui?

ASEPSI

Eccomi.
Consegnata nelle mani
di estranei
che vanno e vengono:
osservano
guardano
toccano.
Manipolano
il mio corpo,
il mio polso.
Toccano,
ma non mi inteneriscono.
Mi trattano
come fossi
bambola d’uno straccio di vita,
d’uno straccio di famiglia.
Cencio umano
abbandonato in mani bianche,
camici bianchi,
mura bianche,
affidato all’indolenza
di cure improbabili.
Feccia umana
devastata.
Auscultano il mio cuore,
ma non s’avvedono
che è spezzato.

Tastano il mio polso
ma non percepiscono
il sangue putrido
che scorre nelle vene.
Palpano il mio corpo
ma non scorgono
l’anima morta che alberga in me.
Non immaginano il peso
di questa anima fetida
che si dissolve,
a poco a poco sostituita
dalla alienazione
del mio essere,
della mia mente.
A che pro stare qui?

REFÚGIO

O quarto seria meu refúgio.
Lugar onde entregaria
minha vida ao tempo.
De lá iria voar
livremente
pelos meus mundos,
totalmente desprendida
de meu corpo,
chegaria a lugares
que somente
meu pensamento
conheceria.
Abandonei meu refúgio.
Nele não entrei.
Não criei meu canto.
Não levei meus livros.
Não sentei na poltrona.
Não sonhei.
Não pude escapar
da realidade
que me mostra
a face escancarada
à minha frente
todos os dias.

RIFUGIO

La stanza sarebbe stata il mio rifugio,
il luogo dove avrei consegnato
la mia vita al tempo.
Da lì avrei volato
libera
per i miei mondi,
totalmente slegata
dal mio corpo,
avrei raggiunto posti
che solamente
il mio ingegno
avrebbe concepito.
Abbandonai il mio rifugio.
Non vi entrai.
Non mi ci installai.
Non vi trasferii i miei libri.
Non vi sedetti sulla poltrona.
Non vi sognai.
Non ho potuto eludere
la realtà
che spalanca
davanti a me
la sua faccia
tutti i giorni.

Da: “Parto” di Inès HOFFMANN
Samperi Editore, 2007
Versione in Italiano di Marco Scalabrino
Presentazione di Licia Cardillo Di Prima

Inès Reichert Hoffmann è nata nel 1971 in Brasile, dove vive.

INÊS HOFFMANN
ineshoffmann@uol.com.br

Marco Scalabrino
marco.scalabrino@alice.it

8 pensieri su ““PARTO” di Inès HOFFMANN

  1. cos’è la vita se non un continuo partire alla ricerca dei fantasmi che ci accompagnano, un chiedersi perenne se abbiamo agito bene anche se il passato non torna e non si può modificare.
    un bilancio continuo con conclusioni a cui arrivare per poi ripartire e andare avanti. l’importante però è sempre vivere, vivere fino in fondo lasciando i fantasmi lontani nella loro inconsistente dimora.

    bellissime queste poesie di Inès Hoffman che non conoscevo.

    grazie Giovanni e ne approfitto per salutare tutti e dirvi che … sono viva e vi leggo sempre.
    ad un prossimo futuro incontro
    Stella

    Mi piace

  2. Marco Scalabrino é um escritor excepcional, internacional, exímio tradutor e poeta, o qual tenho a honra de chamar de “Amigo”. Foi o tradutor de meu livro “Parto”, o qual tornou-se conhecido internacionalmente. Por ser tão bom tradutor e poeta, conseguiu captar fielmente o sentimento guardado nos poemas, dando a eles uma sonoridade só encontrada na língua italiana. Parabéns por seu trabalho, amigo, e que tenha sucesso em suas escritas, sempre!! Abraços de sua amiga Inês Hoffmann.

    Mi piace

  3. Impossibile partenza. Impossibile “eludere/la realtà/ che spalanca/ davanti a me/ la sua faccia/ tutti i giorni”.
    Complimenti a Marco Scalabrino, poeta critico e traduttore, e grazie all’autrice, che ci fa la sorpresa di essere qui presente ricordandoci i doverosi caratteri di ogni buona traduzione di poesia.
    Saluti cari
    Antonio

    Mi piace

  4. Belle poesie, di grande intensità. Mi pare di notare anche una bella continuità tra lo Scalabrino poeta e il traduttore.

    Grazie a Ines e a Marco, e grazie a Giovanni per la proposta.

    Mi piace

  5. Si osserva, nella poesia di Inês Hoffmann, una certa interdipendenza tra il contenuto emotivo e il suo supporto strutturale, in modo che qualsiasi tentativo di alterazione potrebbe concorrere fatalmente alla diluizione della bellezza poetica prodotta giustamente da questo felice sodalizio. Per questo motivo, si potrebbe pensare che tradurre i suoi versi sarebbe un´impresa quasi impossibile. Tralasciando il condizionale, si può affermare che ogni traduzione – particolarmente la poetica – comporta rischi e difficoltà, a volta quasi insormontabili. Ciò nonostante, Marco Scalabrino, accettando la sfida, è riuscito a realizzare un´operazione traspositiva estremamente felice in tutti i livelli. Come già fu detto da Edgar Allan Poe, “un poema solo è tale quando emoziona intensamente, elevando lo spirito”. Questa emozione estetica non solo è stata preservata dal traduttore, ma alla traduzione si sono aggiunti altri aspetti che fanno del testo tradotto una poesia nuova, una riscrittura dove si sovrappongono l´originale e l`anima sensibilissima del traduttore che è pure poeta e che, come tale, ha saputo aggiungere colore, sapore e valore ad una poesia già di per sè irritoccabile. Infatti, l´accuratezza riguardo alla fedeltà all´originale non ha impedito che Marco Scalabrino lasciasse nel testo tradotto la sua personalità poetica, riuscendo a creare un “linkaggio” intertestuale di grande efficacia espressiva.
    Tutto ciò viene a comprovare che la traduzione della poesia è possibile e che le equivalenze necessarie possiedono una libertà creativa che appartiene al traduttore. Il lettore ha così, davanti a sè, una rilettura dell´opera originale che si trasforma in oggetto mutevole dovuto agli effetti delle letture che la trasformano. È per questo che la traduzione può essere vista come la miglior maniera di rinnovare un´opera letteraria, permettendole di vivere molto oltre la critica, come già detto da Walter Benjamin.

    Mi piace

  6. Ringrazio di tutto cuore Gianni Nuscis alla cui stima ed amicizia ormai pluriennale debbo la pubblicazione di questi testi, Maria Stella e Giorgio per il loro benevolo commento, Inês Hoffmann che dal Brasile mi ha affidato il suo mondo in versi affinché io ne partecipassi ai lettori italiani, Antonio Fiori come sempre affettuoso e attento, Alba Olmi insigne letterata brasiliana di origini milanesi che ha redatto la presentazione in Portoghese del libro. A tutti cordiali saluti, Marco Scalabrino.

    Mi piace

  7. Ringrazio e saluto Stella Maria, Antonio, Giorgio e Fabrizio; e Ines Hoffmann e Marco Scalabrino, nonché Alba Olmi, per l’articolato intervento.

    Giovanni

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.