Cordelia, traduzione di Massimo Sannelli

cordelia.jpg

CORDELIA, da RE LEAR, I.1

Ama. Silenzio. E che dirà Cordelia?

Silenzio! Ama. Povera Cordelia!

Non sono povera. No. Questo amore,

in me, supera molto la mia lingua.

Per mia sfortuna io non posso spingere

il mio cuore all’altezza della bocca.

Amo Vostra Maestà secondo un vincolo:

così. Né più né meno. E Voi chiedete

un discorso migliore. Sire buono,

mi avete dato vita, ed allevata,

avete amato me, ed io Vi rendo

quello che è Vostro, secondo giustizia.

Io Vi obbedisco, Vi amo e Vi onoro.

Perché le mie sorelle hanno mariti,

se ognuna dice “amo solo mio padre”?

Quando sarò sposata, quel signore

che con la mano accetterà il mio pegno

dividerà con Voi amore, stima, e cura.

Il cuore parla a Voi. Non “tanto giovane

e tanto poco tenera”: ma giovane,

signore, giovane, e tanto sincera.

***

CORDELIA, da RE LEAR, I.1

Maestà, Vi prego. Io non possiedo l’arte

e la disinvoltura e l’olio viscido

che dice senza fare: prima agisco,

poi parlo. Perderò la Vostra grazia

ed il Vostro favore. Ma sia chiaro:

non fu una macchia infame, vizio o crimine,

né una mia azione fu meno che casta,

o un mio cenno fu meno che onorevole –

ma è quello che mi manca, e che mi esalta:

un occhio che lusinga ed una lingua

che aiuti l’occhio. E io ne sono priva,

felice della mia menomazione:

benché, mancando, io Vi dispiaccia, ora.

Prendo congedo dalle mie sorelle.

Gemme di nostro padre,

Cordelia vi abbandona.

Io so che cosa siete:

come sorella, è orrendo

dire il nome comune

di tutti i vostri vizi.

Amate nostro padre!

Sì, amatelo! Io lascio

il padre al vostro seno

offerto e grande. Se

io non fossi in disgrazia,

preferirei per lui un miglior nido.

Il Tempo svelerà

le cose poste tra le pieghe scaltre.

Egli copre gli errori

e li umilia alla fine:

il Tempo dirà tutto.

Vi auguro ogni bene.

Addio, sorelle. Addio alle due gemme!

***

CORDELIA, da RE LEAR, IV.7

Come sta il Re? Dite. Va bene. Dorme.

O buoni Dèi! Curate la sua grande

piaga, nella natura disprezzata.

E date l’armonia

ai sensi discordanti

e stonati del padre,

che è tornato bambino.

O caro padre, il dio della salute

mi metta sulle labbra la tua cura,

e questo bacio possa rimediare

alle violenze che le mie sorelle

hanno commesso, contro il tuo onore.

Se tu non fossi stato il loro padre,

sarebbero bastati i tuoi capelli

bianchi, per domandare la pietà.

Hai forse un viso che si possa esporre

alla furia dei venti? Chi offrirebbe

ai tuoni questo viso, ed al terribile

colpo improvviso di un fulmine sciolto?

Se il cane di un nemico

mi avesse morso, io,

in una notte simile,

l’avrei tenuto al caldo;

e tu, povero padre,

coi porci e i disperati,

sulla paglia consunta,

che marcisce? Ah! Mi chiedo:

come hai potuto rimanere in te?

come hai potuto rimanere vivo?

Guardatemi, signore. Eccomi. Alzate

la mano, su di me, per benedirmi.

Signore, non così! Non in ginocchio!

8 pensieri su “Cordelia, traduzione di Massimo Sannelli

  1. Che meraviglioso regalo! Grazie a Massimo, di aver tradotto i brani che più ho amato di Re Lear (e che, per la mia esperienza di traduttrice, sono i più citati nei romanzi di lingua inglese insieme a quelli tratti dall’Amleto)
    Cordelia è indimenticabile, indimenticabili sono le sue parole.
    E grazie anche a Fabry di aver pubblicato questo post.

    Mi piace

  2. grazie, davvero; e grazie a Fabrizio, per averci creduto. e a Giuseppe: è solo un esperimento *teatrale*, e non *traduttologico*, per un’attrice che ne farà l’uso preferito (e c’è anche un Amleto, o Amleta, in tre quadri). non si tratta di poesia nel senso usuale – né di poesia *scritta*…
    massimo

    Mi piace

  3. @ Iannozzi:

    mi scusi – ma “la miglior traduzione a tutt’oggi rimane quella dell’insuperato Giorgio Melchiori” è un’affermazione valida per lei che scrive – con valore “assoluto”.
    E ancora: “Pericolo scampato dunque. Se è un esperimento teatrale, allora bene. Ma dirlo da subito?” – a quale “pericolo” si riferisce? Forse recitare un testo riduce il valore della Lettera? Sarebbe un “esperimento interessante” vederla sul palco nel ruolo di Cordelia [scelga pure la traduzione migliore per le sue corde…] – almeno aggiungerebbe una voce al suo vasto curriculum di scrittore. E’anche attore? [perdoni, ma non ho letto tutta la sua biografia in rete: dopo le accurate righe circa “le bionde/more/rosse” Nausea e Sonno mi hanno distratta]
    Lei invoca “abbiate pietà” – io – ho solo pena.

    Chiara Daino

    Mi piace

  4. non avevo risposto al “pericolo”, ne avevo sorriso. e avevo citato – lo faccio sempre – Arthur quando parla al “caro satana” (ogni accenno di satanismo – perdonabile solo ad Isabella Santacroce, comunque cristianissima, e perdonabile per sua eccellenza e maestà tecnica e furore – mi fa scattare quell’associazione di idee). dunque correremo il pericolo performativo – L’ESECUZIONE, CHE NON A CASO SI CHIAMA “ESECUZIONE”, E’ PIU’ PERICOLOSA DI UNA PAGINA, ma che non si sappia – mercoledì prossimo, a Palazzo reale, a Genova. Maura Di Antonio – mulier non taceat in auditorio – sia Amleto (Amleta). la paura che qualcosa esca dalla pagina scritta; che il poeta con la faccia bianca e l’occhio morbido sia vagamente performer; che qualche competenza si immeticci (non dico: “si contamini”) – perché tanta paura? e dunque, ripeto: “una pupilla meno irritata!”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.