Juke-Box dolce & malinconico / Come pioveva

mark-gertler_merry-go-round-1916.jpg

Una canzone storica, datata 1918. Di Armando Gill, napoletano, il primo vero cantautore italiano.

C’eravamo tanto amati
per un anno e forse più,
c’eravamo poi lasciati…
non ricordo come fu…
ma una sera c’incontrammo,
per fatal combinazion,
perché insieme riparammo,
per la pioggia, in un porton!
Elegante nel suo velo,
con un bianco cappellin,
dolci gli occhi suoi di cielo,
sempre mesto il suo visin…
Ed io pensavo ad un sogno lontano
a una stanzetta d’un ultimo piano,
quando d’inverno al mio cor si stringeva…
…Come pioveva …come pioveva!
“Come stai?” Le chiesi a un tratto.
“Bene, grazie, disse, e tu?”.
“Non c’e’ male” e poi distratto:
“guarda che acqua viene giù!”.
“Che m’importa se mi bagno?”
Tanto a casa debbo andare.
“Ho l’ombrello, t’accompagno”
“Grazie, non ti disturbar…”
Passa a tempo una vettura
io la chiamo, lei fa: “no”
dico: “Oh! Via, senza paura.
Su montiamo”, e lei montò.
Così pian piano io le presi le mano
mentre il pensiero vagava lontano…
Quando d’inverno al mio cor si stringeva…
…Come pioveva …come pioveva!
Ma il ricordo del passato
fu per lei il più gran dolore,
perché al mondo aveva dato
la bellezza ed il candor…
così quando al suo portone
un sorriso mi abbozzò
nei begli occhi di passione
una lagrima spuntò…
Io non l’ho più riveduta
se e’ felice chi lo sa!
Ma se ricca, o se perduta,
ella ognor rimpiangerà:
Quando una sera in un sogno lontano
nella vettura io le presi la mano
quando salvare ella ancor si poteva!…
…Come pioveva …così piangeva!

Ascoltatela cantata dal grande Luciano Virgili!

GILL ARMANDO (Michele Testa) – Napoli, 23 luglio 1877 – 2 gennaio 1945.
Armando Gill, cantante, piaceva per il repertorio tutto suo che egli stesso annunciava con la simpatica dicitura: «versi di Armando, musica di Gill, cantati da Armando Gill». Originalità leggera leggera, ma sempre originalità; e, nel primo Novecento, doveva per forza far molto scalpore.
Gill fu il canzoniere del popolo; un poeta popolare con una punta di signorilità dovuta al suo temperamento ed alla sua cultura. Entrare, fino a raggiungere i primi posti, tra l’imponente spiegamento di vedettes che davano vita al varietà dell’epoca, voleva dire che si possedeva una spiccata personalità artistica. E di personalità, il giovane ed entusiasta Armando, ne possedeva tanta che non dovette aspettare a lungo i convinti applausi della platea.
I suoi primi successi rimontano agli anni 1896 e 1899: Fenesta nchiusa e ‘O surdato. Ne furono editori Santojanni e Bideri. Le musiche le compose il M° De Crescenzo, altri suoi versi li musicò Alfredo Mazzucchi: Stornelli montagnoli, ecc.; poi Gill sentì qualcosa che gli batteva dentro, imperiosamente: la musica per i suoi spontaneissimi versi.
Da quel momento, la sua produzione fu copiosa, ricca, originale. Ma il N1° Mazzucchi restò l’amico fedele, il trascrittore di tante e tante belle musiche del brillante artista fiorite in contemporanea con i versi.
Dopo gli studi liceali, s’era iscritto alla Facoltà di Legge nella nostra Università. Era un frequentatore di «periodiche», dove furoreggiava. Poi, abbandonò pandette e codici e volò verso il teatro con la gaia mitezza della sua autentica, incomparabile personalità.
Per alcuni anni, dopo la prima guerra europea, creò una compagnia musicale il cui repertorio, scritto da lui, in maggior parte, prendeva spunto dalle sue stesse canzoni: Come pioveva, ‘O quatto ‘e maggio, ‘O zampugnaro nnamnaurato. Inoltre rappresentò riviste sue e riviste scritte in collaborazione con Guido di Napoli: Calendario, 4 e 4 = 8, ecc. L’estemporaneità di Armando Gill – altra sua spiccata dote – era formidabile. Per un’ora, e anche più, era capace d’intrattenere e divertire il pubblico con le sue indimenticabili «improvvisate». Forse, per questo, la critica ufficiale, qualche volta, ha condannato la musica uniforme e la facilità del verso e delle rime che recavano la sua firma. Ma per il «mondo», che voleva cantare in un impeto di evasione, erano proprio quelle le note e le rime che occorrevano.
Fra i suoi successi:
In dialetto: Fenesta nchiusa – versi – (1896), ‘O surdato – versi – (1899), Nun sò geluso (1917), ‘E quatto ‘e maggio (1918), ‘O zampugnaro nnammurato (1918), Bella ca bella si’ (1919), Varca dammore (1919), ‘O sunatore ‘e mandulino (1926), Palomma (1926).
In lingua: Stornelli montagnoli e campagnoli – solo versi – (1909), Stornelli spagnoli – solo versi – (1909), Bel soldatin – solo versi – (1910), Canti destate (1911), Gina mia (1911), Al mare (1912), Stornelli del cuore (1912), Stornelli proibiti (1912). Canti paesani – solo versi – (1913), Donne e amore (1917), Come pioveva (1918), Canti nuovi (1919), Stornello dell’aviatore (1920), Cinemà cinemà (1921), Rispetti all’antica (1922), Ancore in montagna – solo versi – (1926).

Ettore de Mura – Enciclopedia della Canzone Napoletana
Casa Editrice IL TORCHIO, Napoli 1969

(Immagine: Mark Gertler – Merry go round, 1916)

7 pensieri su “Juke-Box dolce & malinconico / Come pioveva

  1. E’ stata ripresa negli anni ’70-’80 da un gruppo in voga allora, di quelli con la voce in falsetto… ecco perchè la conosciamo bene. Ma indubbiamente è così tenera e pulita che si può tranquillamente affiancarla alle cose senza tempo che vivranno per sempre.
    Bella, dolce, romantica. Posso sospirare un po’?…..

    Mi piace

  2. scusate, fa parte della cura che il professor cassiano prova a portare a mio fratello giuseppe da anni. in pratica, mentre giuseppe dorme in reparto, gliela fa sentire nella versione sia dei beans che degli showmen (ramona penso si riferisce a una di queste versioni), sperando che porti giovamento.
    grazie per averla riproposta e buona pasquetta a tutti.

    Mi piace

  3. Armando Gill interpretava anche le sue canzoni, appartenendo all’epoca alla categoria dei “fini dicitori”, contigui ai “cantanti di giacca”. Nel presentarsi sul palcoscenico esordiva con: “XXYY, parole di Armando, musica di Gill, esegue Armando Gill”, i performers sono senza età, Viola

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.