Per i morti sul lavoro

Fravecature
di Raffaele Viviani

All’acqua e a ‘o sole fràveca
cu na cucchiara ‘mmano,
pe’ ll’aria ‘ncopp’a n’anneto,
fore a nu quinto piano.

Nu pede miso fauzo,
nu muvimento stuorto,
e fa nu vuolo ‘e l’angelo:
primma c’arriva, è muorto.

Nu strillo; e po’ n’accorrere:
gente e fravecature.
– Risciata ancora… È Ruoppolo!
Tene ddoie criature!

L’aizano e s’ ‘o portano
cu na carretta a mano.
Se move ancora ll’anneto
fore d’ ‘o quinto piano.

E passa stu sparpetuo,
cchiú d’uno corre appriesso;
e n’ato, ‘ncopp’a n’anneto,
canta e fatica ‘o stesso.

‘Nterra, na pala ‘e cavece
cummoglia ‘a macchia ‘e sango,
e ‘e sghizze se sceréano
cu ‘e scarpe sporche ‘e fango.

Quanno ô spitale arrivano,
la folla è trattenuta,
e chi sape ‘a disgrazia
racconta comm’è gghiuta.

E attuorno, tutt’ ‘o popolo:
– Madonna! – Avite visto?
– D’ ‘o quinto piano! – ‘E Virgine!
– E comme, Giesucristo … ?!

E po’ accumpare pallido
chillo c’ ‘ha accumpagnato:
e, primma ca ce ‘o spiano,
fa segno ca è spirato.

Cu ‘o friddo dint’a ll’anema,
la folla s’alluntana;
‘e lume già s’appicciano;
la via se fa stramana.

E ‘a casa, po’, ‘e manibbele,
muorte, poveri figlie,
mentre magnano, a tavola,
ce ‘o diceno a ‘e famiglie.

‘E mamme ‘e figlie abbracciano,
nu sposo abbraccia ‘a sposa…
E na mugliera trepida,
aspetta, e nn’arreposa.

S’appenne ‘a copp’a ll’asteco;
sente ‘o rilorgio: ‘e nnove!
Se dice nu rusario…
e aspetta e nun se move.

L’acqua p’ ‘o troppo vóllere
s’è strutta ‘int’ ‘a tiana,
‘o ffuoco è fatto cénnere.
Se sente na campana.

E ‘e ppiccerelle chiagneno
pecché vonno magna’:
– Mammà, mettímmo ‘a tavula!
– Si nun vene papà?

‘A porta! Tuzzuléano:
– Foss’ísso? – E va ‘arapi’.
– Chi site? – ‘O capo d’opera.
Ruoppolo abita qui?

– Gnorsì, quacche disgrazia?
Io veco tanta gente…
– Calmateve, vestíteve…
– Madonna! – È cosa ‘e niente.

È sciuliato ‘a l’anneto
d’ ‘o primmo piano. – Uh, Dio!
e sta ô spitale? – E logico.
– Uh, Pascalino mio!

E ddoie criature sbarrano
ll’uocchie senza capi’;
a mamma, disperannose,
nu lampo a se vesti’;

e cchiude ‘a dinto; e scenneno
pe’ grade cu ‘e cerine.
– Donna Rache’! – Maritemo
che ssà, sta ê Pellerine.

È sciuliato ‘a ll’anneto.
Sì, d’ ‘o sicondo piano.
E via facenno st’anneto,
ca saglie chiano chiano.

– Diciteme, spiegateme.
– Curaggio. – È muorto?! – È muorto!
D ‘o quinto piano. ‘All’anneto.
Nu pede miso stuorto.

P’ ‘o schianto, senza chiagnere,
s’abbatte e perde ‘e senze.
È Dio ca vo’ na pausa
a tutte ‘e sufferenze.

E quanno ‘a casa ‘a portano,
trovano ‘e ppiccerelle
‘nterra, addurmute. E luceno
‘nfaccia ddoie lagremelle.

Muratori
di Raffaele Viviani

Sotto la pioggia e al sole lavora il muratore
con in mano la cazzuola
sospeso su un’impalcatura,
fuori, al quinto piano.

Un piede in fallo,
un movimento sghembo,
e vola come un angelo:
prima di giungere, è morto.

Un grido e poi accorrono:
gente e muratori.
– Ancora respira… è Ruoppolo!
Ha due bimbi piccoli!

Lo sollevano e lo allontanano
su una barella a mano.
Si muove ancora l’asse
fuori al quinto pianto.

E passa questo corteo,
più di uno lo rincorre;
mentre un altro, sull’impalcatura
canta e continua a lavorare.

Per terra un mucchio di calce
nasconde la macchia di sangue,
e gli schizzi si diffondono
con le scarpe sporche di fango.

Quando giungono all’ospedale,
la folla resta fuori,
e chi è a conoscenza della disgrazia
racconta com’è accaduta.

E intorno il popolo:
– Madonna! – Avete visto?
– Dal quinto piano! – Vergine…
– E come… Gesù Cristo…

Poi appare, pallido,
chi l’ha accompagnato:
e, prima che gli chiedano,
fa segno che è spirato.

Col freddo nell’anima,
la folla s’allontana;
già si accendono le luci della sera;
la strada diventa tortuosa.

A casa, poi, i compagni
smorti, poveri figli,
lo raccontano alle famiglie
a tavola, mentre mangiano.

Le mamme abbracciano i figli,
lo sposo abbraccia la sposa…
e una moglie, trepidante,
attende e non s’acquieta.

Si affaccia al balcone,
sente l’orologio: le nove!
Recita un rosario…
E aspetta e non si muove.

L’acqua si consuma in pentola
per il troppo bollire,
il fuoco è fatto cenere.
Si sente una campana.

I piccoli piangono
perché vogliono mangiare:
– Mamma, mettiamo a tavola!
– Se non viene papà…

La porta! Bussano:
– È lui? – Va ad aprire.
– Chi siete? – Il capo d’opera.
Ruoppolo abita qui?

– Sì, qualche disgrazia?
Vedo tanta gente…
– Calmatevi, vestitevi…
– Madonna! – Non è successo niente.

– È scivolato dall’impalcatura
dal primo piano. – Uh, Dio!
Ed è all’ospedale? – È logico.
– Uh, Pasqualino mio!

I due piccoli sbarrano gli occhi
senza intendere;
la mamma, disperandosi,
si vestì in un lampo,

e li chiude in casa; e scendendo
i gradini con una candela.
– Donna Rache’ – Mio marito
forse è al Pellegrini.

È scivolato dall’impalcatura.
Sì, dal secondo piano.
E man mano quest’impalcatura
sale piano piano.

– Ditemi, fatemi capire.
– Coraggio. – È morto?! – È morto!
Dal quinto piano. Dall’impalcatura.
Mise un piede in fallo.

Per il dolore, senza piangere,
cade e perde i sensi.
È Dio che dà una pausa
A tutte le sofferenze.

E quando la riaccompagnano a casa,
trovano i piccoli
a terra, addormentati. E brillano
in volto due lacrime.
(ringrazio Luigi Metropoli per la traduzione)

*

Canna da zucchero
di Nicolàs Guillén

Il negro
lì nel canneto.

Lo yankee
sopra il canneto.

La terra
sotto il canneto.

Nostro sangue
che se ne va!

*

Er ferraro
di Giuseppe Gioachino Belli

Pe mmantené mmi’ mojje, du’ sorelle,
e cquattro fijji io so c’a sta fuscina
comincio co le stelle la matina
e ffinisco la sera co le stelle.

E cquanno ho mmesso a rrisico la pelle
e nnun m’arreggo ppiú ssopr’a la schina,
cos’ho abbuscato? Ar zommo una trentina
de bbajocchi da empicce le bbudelle.

Eccolo er mi’ discorzo, sor Vincenzo:
quer chi ttanto e chi ggnente è ‘na commedia
che mm’addanno oggni vorta che cce penzo.

Come!, io dico, tu ssudi er zangue tuo,
e ttratanto un Zovrano s’ una ssedia
co ddu’ schizzi de penna è ttutto suo!

*

Il mio amico L.
di Ennio Abate

Una crosta d’ideologia
che urta e gela.

Però parla di suo padre.
Lavorava in una cartiera
il cloro.
I giovani operai dovevano abituarsi presto
a sputar sangue e resistere.
Lui, addetto alla manutenzione,
aveva lo sberleffo cinico
di chi lavora addosso alla morte.
S’appisolava di notte su tubi a venti metri
d’altezza,
dormiva con un pezzo del corpo
con l’altro vigilava.

E s’ammazzava di lavoro.
S’ammazzavano tutti di lavoro.

L. è ancora contro
come fosse lui, da solo,
la classe pensata da Lenin.
Ma il suo odio
taglia ancora bene
le differenze
di potere di salario di consumo.

*

Il corpo dilaniato del morto di lavoro
di Roberto Voller

Il corpo dilaniato del morto di lavoro
fu distribuito (ecchippiù ecchimmeno)
tra i compagni della fabbrica
affinché intero rimanesse il ricordo

*

La costruzione sale
di Luigi Di Ruscio

La costruzione sale
contando le centinaia di caldarelle
montate sulla mia spalla
ogni mattone ha raspato sulle mie mani
ogni mattone ha raspato le dita del muratore
che sputa tra le pietre
che fuma senza posare la cicca lavorando
e bruciarsi le labbra
con acqua amara per arrestare sudore
ogni palmo di mura ha una bestemmia
ogni palmo di scialbo ha la schiena di mio padre
l’acqua che ci ha bagnato è sudore umano
sudore umano tutte le mura che vedi.

*

Double face
(pensiero all’uscita del turno di notte)
di Francesco Tomada

Guarda le gru di Marghera altissime
e bianche nel buio come radici
di alberi piantati a rovescio
nella terra

dunque questo non è cielo
ma un cielo capovolto questa non è
vita
ma quello che alla vita viene tolto

*

Tutti assolti al processo per le morti al petrolchimico
di Ferruccio Brugnaro

Lavoravamo tra micidiali veleni
sostanze terribili
cancerogene.
Non affermate ora
furfanti
ladri di vite
che non c’era alcuna certezza
che non c’erano legislazioni.
Non dite, non dite che non sapevate.
Avete ammazzato e ammazzate ancora
tranquilli indisturbati
tanto
il fatto non sussiste.
I miei compagni morti non sono
mai esistiti
sono svaniti nel nulla.
I miei compagni operai
morti
non possono tollerare
questa vergogna.
Non possiamo sopportare
questo insulto.
Nessun padrone
nessun tribunale
potrà mai recingerci
di un così grande
infame silenzio

*

Domande di un lettore operaio
di Bertolt Brecht

Tebe dalle Sette Porte, chi la costruì?
Ci sono i nomi dei re, dentro i libri.
Son stati i re a strascicarli, quei blocchi di pietra?
Babilonia, distrutta tante volte,
chi altrettante la riedificò? In quali case,
di Lima lucente d’oro abitavano i costruttori?
Dove andarono, la sera che fu terminata la Grande Muraglia,
i muratori? Roma la grande
è piena di archi di trionfo. Su chi
trionfarono i Cesari? La celebrata Bisanzio
aveva solo palazzi per i suoi abitanti? Anche la favolosa Atlantide
la notte che il mare la inghiottì, affogavano urlando
aiuto ai loro schiavi.
Il giovane Alessandro conquistò l’India.
Da solo?
Cesare sconfisse i Galli.
Non aveva con sé nemmeno un cuoco?
Filippo di Spagna pianse, quando la flotta
gli fu affondata. Nessun altro pianse?
Federico II vinse la guerra dei Sette Anni. Chi,
oltre a lui l’ha vinta?
Una vittoria ogni pagina.
Chi cucinò la cena della vittoria?
Ogni dieci anni un grand’uomo.
Chi ne pagò le spese?
Quante vicende,
tante domande.

(Vedi anche qui)

12 pensieri su “Per i morti sul lavoro

  1. Grazie, Cletus, ascoltato e apprezzato il contributo musicale, che non conoscevo!

    Ne approfitto per ringraziare Luigi Metropoli per la traduzione della poesia “Fravecature” di Raffaele Viviani: “di servizio”, tiene a precisare il traduttore, ma secondo me molto efficace, nonché indispensabile alla comprensione di alcuni termini.

    Straordinaria l’attualità di questa poesia, e incredibile quanta insopportabile drammaticità abbia ancora il problema della sicurezza sul lavoro.

    Mi piace

  2. Grazie Giorgio,
    la poesia Fravecature mi ha ricordato la fine che ha fatto il mio bisnonno materno.
    Era capomastro, cadde dal campanile di una chiesa che stava ristrutturando.
    Scherzi del destino: la Chiesa si chiama Santuario della Madonna della Sanità, ed è stata eretta in memoria delle Grazie ricevute da chi si è salvato dagli incidenti. C’è anche una bella raccolta di ex voto…

    Ciao
    p.

    Mi piace

  3. Grazie a te, Giorgio! Per la scelta dei testi.

    Fravecature è attuale non solo perché episodi del genere sono all’ordine del giorno (purtroppo), ma soprattutto perché Viviani va a scandagliare l’anima di chi è rimasto (solo).

    Mi piace

  4. Grazie, Paolo e Luigi.

    Di “Fravecature” mi ha colpito anche la teatralità: dovuta certamente alla pratica teatrale di Viviani, ma anch’essa indice della sua adesione al mondo popolare e ai suoi modi espressivi.

    C’è da augurarsi che tutto ciò possa presto essere solo un lontano ricordo.

    Mi piace

  5. Giorgio, la tua osservazione è quanto di più vero possa esserci circa il modus poetandi dei partenopei: la poesia napoletana dal 1880 fino al 1930 (ma verosimilmente anche dopo, visto che Viviani ha continuato la sua avventura terrena e poetica fino al 1950) oscilla continuamente tra la mimesis e la rappresentazione: è pagina scritta e parola parlata (attuata e attivata). Nel dialetto napoletano la lirica più “lirica” (da Di Giacomo a Nicolardi, da Murolo a Galdieri) non è mai distante dalla rappresentazione di uno spaccato di vita (tranche de vie dicevano i francesi, riferendosi prima di tutto alle mise-en-scène del grande regista Antoine e ai romanzi naturalisti), narrato e agito nello stesso tempo. Un tratto fondante di questa poesia è quella di portare il lettore nei luoghi dei fatti. è abbastanza straordinario come a Napoli gli accenti più liquidi (in Viviani questo atteggiamento è in realtà più contenuto, ma negli altri no) riescono ad essere anche prepotentemente narrativi e a costruire una scena in progress. Insomma, gli sconfinamenti di genere rientrano tranquillamente nell’ordine delle cose.

    Mi piace

  6. Grazie, Luigi, hai detto ottimamente cose che intuivo nella mia lettura “ingenua”, e gettato luce su una parte importante della nostra poesia che mi piacerebbe approfondire.

    Mi piace

  7. È Dio ca vo’ na pausa
    a tutte ‘e sufferenze.

    Qui è riferito alla vedova ma, forse, non solo. Si muore anche per stanchezza, per desiderio inconscio di porre fine alla fatica di giorni senza prospettiva. Scordando per un attimo la peggiore sorte di chi resta. C’è una complessità naturale negli eventi, ma per nulla assolutoria, che chiama spesso in causa il contesto. Le colpe, allora, si restringono (l’impalcatura fuori norma) o si dilatano: era forse vita, quella (sempre a rischio, e stanchi e tristi e malpagati), ci si deve allora chiedere a prescindere, dunque, dal pedissequo rispetto della norma?

    Una poesia toccante che sa portare “il lettore nei luoghi dei fatti”, come osserva giustamente Luigi, restituendoci l’umanità e la prospettiva dei protagonisti; empaticamente entrando in loro, facendoci patire con loro in un qualche misura.

    Grazie, Giorgio.

    Giovanni

    Mi piace

  8. Grazie Giorgio, e Luigi – e chi eterna nomi [propri: di persone], nell’eterna ricerca di risposte.
    La poesia, la musica [ e ritorna – anche – La Miniera: il sordo fragore/ ferma il respiro/ di chi è fuori/ paura, terrore,/sul viso caro/ di chi spera… Io non ritornavo] – sono date. Per le tragedie di tutti i calendari. Sono lacrime collettive. Sono parte della parte – che chiede: sicurezza. E giustizia: ché ogni tragico “volo d’angelo” non cada nel vuoto. Non sia: silente.

    Chapeau!
    Chiara

    Mi piace

  9. “il corpo dilaniato del morto di lavoro
    fu distribuito (ecchippiù ecchimmeno)
    tra i compagni della fabbrica
    affinché intero rimanesse il ricordo”

    (Roberto Voller, Plazer, Gazebo, 2006)

    *

    Grazie, Giorgio.

    fm

    Mi piace

  10. Grazie, Francesco, avevo letto la poesia di Roberto Voller su “La dimora del tempo sospeso”, poi non mi ero ricordato. Adesso mi sono permesso di inserirla nel post.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.