Esecuzioni, 2008 – di Marina Pizzi

1.
indagine di pianura bravura di soccorso
scantinato che accelera la fionda
per scompigliare aureole e rimorsi
verso lo steccato delle primule
nei soqquadri il parvente in forza d’anima.
2.
sotto un baccano di burrone ho visto l’astio
il crudo girovagare delle ombre
l’appello sempre nudo di svegliarsi
sotto cifre di nullità a far balocco il coma
3.
la radice del nulla è stare in bilico
tra la foto e la cenere
nell’arrivo del vento che sa colpire
ambedue le bettole del ricordo.
4.
il lutto stregonesco della siepe
quando si aggiunge sguardo allo sguardo
e tutto appare ernia senza fegato
nella collana di lutti i tic frenetici
a forse di una donna. il sole ardito
d’amido focale come a dare bella
la rendita d’acqua. ma non basta
la stanza con forza d’evocare
voce ai cancelli sillabe alla disdetta.
5.
officine del sacro starti a guardare
fratello contuso dall’urlo convulso
nel vecchio stato che ci è fatale
favola corrotta traino del sale
dove la vedova dell’acrobata
sta per acrobata. e bari il tempo
l’ennesimo virgulto nel gusto provvido
di celebrare il brano dell’ovile.
6.
amor del cenno un cenno solo
quando la venia del bacio in ritardo
regge le strade multate dalla prassi
del passo vacuo. il tasca il libello
della tonsura inutile dato che il fato
giammai sul santo punta. e per di più
la nenia sulla bramosia di stringere
è un asperrimo sillabario di pronunzia.
7.
il poeta è un folle che sa di resine
e piroette di sale e di stamberghe
per il ladrocinio di venere per il cilicio
dell’io sperduto o confiscato da detriti.
più ride di sé più s’intabarra
nel baricentro di frottole perfette
lenimento a mantice per il fuoco
magico talvolta in mezzo al mare.
8.
scendono le scale con rumore funereo
sono prepotenti pensano di essere soli
sono soli con la folla che si rintana
per respingere se stessa. ma la lanterna
intorno alla caviglia dice di resistere
di sistemare il mondo in un baleno
di requie, di stare almeno zitti
con il burrone per ciondolo. le onde
del vento sulle stoffe hanno fogge materne,
nettare di miele finanche le biglie
di ragazzi esuberanti quasi cattivi.
9.
l’elemosina

col tonfo nella nuca saper perdere
le dispense degli oneri votivi
le preghiere univoche un granché inutili.
eppure la voce sul ciglio della strada
sperde calunnie addobba le preghiere
verso il nastro rosa delle femmine
né belle né brutte magnifiche comunque
unte chissà di muschio il maschio d’emulo
amore ancora d’àncora e staffetta.
10.
sono andata all’altro mondo con le sibille del coma
il collo contro il vento del dispiacere
con le rovine del pianto per bracciale
lentamente compresse le pazienze
di starmi a guardare. mio il dazio di dover sopportare
le fusioni del tempo con le protervie del vuoto.
11.
in perla me ne andai sul far del ferro
con un dolore scarlatto tutto unto
di resine vermiglie contro l’abaco
corsaro del lanternino vincente del tempo.
pur se fossero botaniche le vene
sul ladrocinio del lutto comunque l’urlo
murante le blasfemie del condannato.
nel giardino la magia della gemma
di gennaio, l’io fruttato in un addobbo
di vizio. a ponente la frottola del credo.
12.
fiera alchimia vederti
pur filo spinato pur ruggine
dal crisantemo del verdetto chimico
allora qualora l’amore di gemma
impietosisce chiunque a dar di credito
l’ombra la nenia e la bravura al tetto
dell’equilibrista la prova. a vanvera
la crepa dell’ultimo sodale quando
la retta è rea di orizzonte finto.
13.
dove con le mani al chiaro del verdetto
la data della morte è scritta in grassetto
nulla da fare ormai se non la rupe
vedovile la norma nullo il sorriso.
14.
ho ammesso in casa il mio divario vizzo
saliscendi senza tregua
smania dell’io commisto
al manipolo d’osso in sentinella.
15.
il lutto della foce è dentro il fiato
dentro la luna frode di germoglio
il gorgo antico di morir vestali
acredine del sale, figliolanza astrale
la perdita nel freddo della riva
a far giunonica erede questa sabbia.
16.
in un sole che è solo un’appendice di niente
il travaglio del disuso
l’origine vieta
l’acrobatico dolersi della cinghia
nel fondale dannato dalle trivellazioni
un indice a ridere le vette.
17.
la grotta dello scempio è quando illumini
stilemi di rancori e pesi morti
sotto l’anello logico del tedio
l’erba nerastra dovuta allo sguardo
museale ormai. e la vulgata ormai
smania un arcobaleno sintetico
falso. la maretta materna di un allora
non dia retta alle rendite del dado.
18.
l’urgenza elementare di un soqquadro
quando da giovani l’aria pare buona
e la fanfara è pronta a fare festa
da sotto un abaco che non sa contare
le fondamenta asperrime muraglie.
in mente nella rete del ben presto
l’ora opaca il palio del contagio
verso stagioni di girandole sospette
per un venticello funereo davvero
atto alla frode di semina e rovescio.
19.
attivo in un codice di nenia
questo prestigio di fiorir bambino
zuccheroso fardello di pistone
per abbracciare il balcone
per sconfiggere la pozza.
20.
ho sconfitto il sudario con un avamposto di lacrime
con il crimine festivo di togliermi la vita
per stare in una veranda con la serra
a fare innesti per vincere l’inedia
di un perdigiorno in rovina,
la fascinosa stele con le vite dei sassi
finalmente la durezza della felicità!
21.
con la pazienza del lutto il foglio tuo
questo studiare una sillaba con l’altra
in preda alla sfinge che si forma
piano piano da sola intorno a te
come a dirti l’affondo del pianto
dentro l’incuria della fine fossile.
22.

4 pensieri su “Esecuzioni, 2008 – di Marina Pizzi

  1. “La più bella Casa che ho mai conosciuto
    Fu eretta in un’Ora
    Da Compagni che pure conoscevo
    Un ragno e un Fiore –
    Una canonica di merletto e di Seta – ”

    Emily Dickinson

    "Mi piace"

  2. A metà aprile passerò per il raccolto. “Con le mani al chiaro del verdetto”.

    Grande. Essenziale. Necessaria.

    fm

    "Mi piace"

  3. “il poeta è un folle che sa di resine
    e piroette di sale e di stamberghe
    per il ladrocinio di venere per il cilicio
    dell’io sperduto o confiscato da detriti.
    più ride di sé più s’intabarra
    nel baricentro di frottole perfette
    lenimento a mantice per il fuoco
    magico talvolta in mezzo al mare.”

    “sotto un baccano di burrone ho visto l’astio
    il crudo girovagare delle ombre
    l’appello sempre nudo di svegliarsi
    sotto cifre di nullità a far balocco il coma”

    Grazie, Marina

    Giovanni

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.