9 pensieri su “Essi sempre deboli

  1. il testo commuove. la lettura attoriale forse non sarebbe piaciuta a PPP. come il Decameron napoletano, rivisto ieri: in cui la maggior parte degli attori, capelluti e sdentati, è inutilizzabile in altri film che non siano di PPP. e un’attrice magra e severa mi diceva che PPP non era un attore, che era frustrato, e mi diceva anche “il tuo amico Carmelo ce l’aveva piccolo piccolo…”. noi abbiamo ancora il *coraggio* di parlare così, come bestie colte: e Carmelo era questo, e PPP era “pedofilo” (c’è chi lo dice).

    di tanta arte non resisterà nulla, e ancora meno di tanti artisti. ma Alì dagli occhi azzurri “aveva quegli occhi”. e chi lo descrisse, ispirato da Sartre – aveva occhi per vedere gli occhi. è questo che penso, se penso alla GRAZIA umanissima che rende più umano il mondo degli uomini –

    dunque è benedetto il popolo futuro. benedetto – nella misura in cui la poca fede e l’orgoglio ne rendono difficile e maledetto l’arrivo. 40 anni fa Genova non sarebbe stata una metropoli plebea, come Napoli – ora sì. hic manebunt optime, etc.

    Mi piace

  2. In una giornata ultima, pensando a Nicola Vacca e al suo blog http://nicolavacca.splinder.com/ e alla sua miopia (porta gli occhiali), riesco persino a commuovermi guardando questo filmato, leggendo le parole di Massimo, pensando alla disponibilità di Fabrizio e alla mia incipiente povertà. Restano da compatire coloro che non hanno compreso che i muri, tutti i muri, come ha detto ieri Obama, vanno abbattuti. Restano da compatire coloro i quali pensano a un occidente incontaminato e sicuro.

    Mi piace

  3. grazie, Massimo e grazie, Alessandro.
    sì, ha commosso anche me, per questo è qui. della profezia di Pasolini mi ha colpito allo stesso tempo la bellezza e la drammaticità. stiamo andando incontro a qualcosa di cui ancora non ci rendiamo conto, qualcosa che ha a che fare anche con la povertà di cui parli, Ale. qualcosa che solo l’umanità di cui scrive Massimo potrebbe arginare.

    Mi piace

  4. In punta dei piedi mi infilo in questo dialogo fra pochi.

    PPP, come lo chiama Massimo, di scottanti verità ne ha dette tante, così tante da esser trucidato senza dignità e ancora si infamia e infanga la sua memoria e statua.

    Ma ciò che è in quel video non si può più tacere, trasuda ovunque e solo pochi hanno il coraggio di togliere la testa dalla sabbia e andare oltre.
    Obama ha ragione, tutti voi avete ragione.
    UNO lo ha detto circa 2000 anni fa e sappiamo che fine ha fatto, quanti ancora devono seguirne la sorte?
    quante volte lo inchioderemo ancora alla croce? Tante, perchè Lui ha un “brutto” carattere e difetto: non si arrende e continua a risorgere.

    Io credo che ci siamo ben resi conto di dove stiamo andando per questo osteggiamo tanto il nuovo che avanza a passo veloce come fiume in piena.
    E’ tipico dell’essere umano guardare indietro, non lasciare la strada vecchia per la nuova, altrimenti poi di cosa lamentarsi? dove trovare la trave senza vedere la pagliuzza? come piangersi sempre addosso? abbattere muri? fanno comodo per non vedere e poi che fatica!!

    Ma il futuro è qui impresso a fuoco e impossibile da non vedere in una generazione di bambini nati nella nuova era, classe 2001 in poi. Chi di voi ne ha o ne conosce, per favore, non li “violenti” psicologicamente, li lasci andare, perchè loro sono la nostra salvezza. Fermatevi ad ascoltarli, si può imparare molto e capire che il futuro è meglio di quel che crediamo, davvero. Lasciamoci prendere per mano non saremo pedofili ma “illuminati”. Se non mi credete chiedetelo a psicologi, studiosi … sono una generazione speciale non rendiamoli simili a noi.
    un abbraccio a tutti.
    Stella

    Mi piace

  5. Stiamo andando incontro a un iceberg e la metafora del Titanic mi torna. Torna anche Pasolini era ora di sentire qualcosa di nuovo di moderno di autentico. Le profezie stanno in bocca ai puri ma nessuno li ascolta anzi li scannano, come la tragedia greca insegna. La tragedia attuale non insegna nulla se non che siamo vicini al punto di non ritorno, o lo abbiamo già passato?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.