Poesia festival ’08 con poeti, cantanti, attori in sette comuni modenesi

Da domani 25 fino al 28 settembre la poesia invade i borghi antichi di sette comuni modenesi. Grandi nomi declameranno versi che hanno fatto la storia della poesia: da Giuseppe Conte a Luciano Erba, da Neri Marcorè a Roberto Vecchioni, da Tiziano Rossi a John Giorno e Ed Sanders. Con la partecipazione di Suzanne Vega, Anna Bonaiuto, Carlo Cecchi, Kim Rossi Stuart, Alessandro Preziosi e molti altri artisti. Oltre 30 eventi in quattro giorni.

Poesia per tutti: dalle rime di Dante ai testi della Beat generation, passando per i sonetti di Leopardi e le opere di Shakespeare. Versi di ogni epoca prenderanno vita, grazie all’interpretazione di poeti, attori, comici, scrittori – che riempiranno piazze, parchi, vie, stazioni della provincia di Modena. Dal 25 al 28 settembre saranno i borghi antichi di Castelnuovo Rangone, Castelvetro, Savignano, Spilamberto, Vignola (i Comuni dell’Unione Terre di Castelli), insieme a Maranello e Marano ad accogliere Poesia festival ‘08, la kermesse dedicata alla poesia espressa in tutte le forme artistiche.

Il Poesia festival è promosso dai Comuni dell’Unione Terre di Castelli insieme a Maranello e Marano, la Regione Emilia Romagna, la Provincia di Modena, la Fondazione di Vignola, la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e sostenuto da numerosi sponsors privati. La manifestazione è ideata da Roberto Alperoli, sindaco di Castelnuovo Rangone, con la direzione artistica di Paola Nava e la consulenza di Alberto Bertoni.

Il festival sarà teatro anche quest’anno di una serie di eventi unici: occasioni per conoscere, attraverso interpreti di oggi, le grandi voci della poesia classica e contemporanea, la poesia al femminile, la poesia nella musica, nell’arte, con spazi dedicati a giovani e bambini. Verranno letti testi, recitati e commentati dai maggiori protagonisti del mondo letterario, dello spettacolo, dell’arte, in luoghi dove parole e emozioni si daranno appuntamento con la bellezza del paesaggio.

Si comincerà giovedì 25 settembre alle 18 con Giuseppe Conte e Mariano Deidda che canterà i versi di Pessoa, si terminerà domenica 28 con letture di Neri Marcorè. Nel corso della manifestazione avrà ampio spazio anche la musica, con un’ospite d’eccezione: Suzanne Vega, che intratterrà il pubblico con un incontro-concerto proprio sul tema della poesia (sabato 27 settembre alle 22, Castelnuovo Rangone). Tra i cantautori italiani Roberto Vecchioni darà il proprio contributo presentando le sue poesie (domenica 28 settembre alle 19.30, Savignano). Non mancheranno attori famosi, tra cui Alessandro Preziosi con un omaggio a Cesare Pavese in prima nazionale (giovedì 25 settembre alle 21.30, a Levizzano di Castelvetro), Kim Rossi Stuart con un recital dedicato a Shakespeare (sabato 27 settembre alle 20.30, Maranello), Carlo Cecchi (con Marco Santagata sabato alle 18.30, Vignola), Anna Bonaiuto (domenica 28 settembre alle 18, Spilamberto). E’ prevista, poi, una serata dedicata ai poeti della beat generation con John Giorno, Ed Sanders, Antonio Bertoli e Marco Parente.

Forte del successo della scorsa edizione, che ha registrato oltre 15.000 presenze, al suo quarto anno di vita Poesia festival ’08 conferma il fortunato mix di grande poesia e grandi declamatori e stabilizza i rapporti internazionali, rilanciando contemporaneamente la formula di festival diffuso con un ampio programma che abbraccia tutto il territorio dei ben sette Comuni organizzatori.

In questo senso Poesia festival ‘08 vanta la collaborazione con “Printemps des Poetes” – il festival europeo di poesia il cui direttore, Jean Pierre Simeon, sarà ospite del Poesia festival – e con il “Festival Internazionale di poesia di Granada e dell’America Latina”, manifestazione che coinvolge la Spagna e i paesi dell’America latina. Inoltre, Poesia festival ’08 ha ottenuto un altro importante riconoscimento e privilegio: sarà l’unica istituzione italiana che potrà presentare la candidatura di un poeta spagnolo al “Premio internazionale di Poesia Città di Granada – Federico Garcia Lorca”, prestigioso premio poetico iberico. Dai borghi antichi dei sette Comuni si compirà una gradevole passeggiata nei luoghi dell’immaginario poetico di tutti i tempi, sotto le mura di Rocche e Castelli, nelle piazze medievali, lungo le ciclabili che solcano la campagna. La partecipazione a tutti gli eventi è gratuita.

La quattro giorni poetica chiuderà il sipario con grandi nomi: Neri Marcorè propone passi di Giorgio Gaber, Maurizio Bettelli fa rivivere l’America di Woody Guthrie.
Musica, letture, spettacolo e, naturalmente, poesia. Un recital poetico e musicale, all’insegna di allegria, ironia e malinconia, accompagna le ultime ore del Festival: domenica 28 settembre a partire dalle 21 Neri Marcorè – attore, comico, doppiatore – presenta in Piazza dei Contrari a Vignola “Poesie per voce sola”. La partecipazione a tutti gli eventi è gratuita.
Il programma completo della manifestazione è sul sito www.poesiafestival.it

Dal Corriere della sera.it

6 pensieri su “Poesia festival ’08 con poeti, cantanti, attori in sette comuni modenesi

  1. mi pare di aver letto da qualche parte che il festival è costato 295 mila euro (o 395 mila?), in ogni caso, mi sembrano proprio soldi buttati. non che non sia d’accordo nel promuovere la poesia, ci mancherebbe, ma con quella cifra si potevano organizzare eventi per un anno, in quelle zone (che poi sono le mie, ci abito) pagando ogni volta almeno il viaggio ai poeti,(magari meno famosi) invece come al solito si preferisce sborsare gran quantità di soldi per i grandi nomi che con la poesia c’azzeccano come i cavoli a merenda, giusto per tirare il quantitativo di gente che permetterà l’anno prossimo di riavere i soldi. questo sistema mi disgusta, mi si conceda. pietra sopra.

    "Mi piace"

  2. Cinema, letteratura, teatro, musica, fotografia insieme in una manifestazione imperdibile.

    Dal 25 al 28 settembre 2008 si svolge a Roma – nell’ambito dell’Anno del Dialogo Interculturale promosso dall’Unione Europea per il 2008 – la prima edizione del Festival della Letteratura di Viaggio. Cinema, letteratura, teatro, musica, fotografia, la rassegna che celebra il viaggio come strumento per la scoperta e la comprensione delle culture e dell’altrove.

    Due sedi sono coinvolte nel Festival, Villa Celimontana (Via della Navicella 12), sia all’aperto nei Giardini sia all’interno del Palazzetto Mattei – location unica per celebrare la cultura del viaggio in quanto sede da oltre 80 anni della Società Geografica Italiana. Il Palazzo delle Esposizioni mette invece a disposizione lo Spazio Fontana (ingresso Via Milano 13) e la Sala Cinema (ingresso Via Milano 9a). Tutti gli appuntamenti del Festival sono a ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti.

    4 giornate, 2 sedi, 22 autori ospiti, 23 appuntamenti, 9 incontri e dibattiti con autori, 8 appuntamenti con proiezioni, 2 mostre fotografiche, 2 premi di letteratura di viaggio, 1 concerto, 1 performance teatrale, 1 rassegna cinematografica. Il Festival della Letteratura di Viaggio è un caleidoscopio di iniziative di qualità costruite attorno alla centralità del “racconto di viaggio”, dal reportage giornalistico dei grandi inviati alla narrativa al femminile, dai diari di viaggio in rete alle novità editoriali.

    Inoltre per tutta la durata del Festival, sotto al Portico di Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, sarà allestita la Libreria del Viaggiatore con adiacente caffè letterario, dove incontrare ospiti e protagonisti degli appuntamenti, sfogliare libri, giornali e materiali a tema geografico.

    Ciascuna giornata si articola intorno a un tema che fa da filo conduttore per tutti gli appuntamenti in calendario quel giorno.

    P.S.
    Anche questo è da considerarsi uno spreco?

    "Mi piace"

  3. la libertà di una qualsiasi espressione di forma è incontestabile
    ma perchè parlare di poesia con alessandro preziosi e company?

    preferisco parlare di poesia con il mio idraulico con il lavavetri fermo ai semafori delle strade in uno spazio non limitato senza costruire strutture sedermi per strada e leggere con hirschmann cosa sente la strada promuovere la poesia con la bellezza delle cose semplici parlare di poesia con i poeti e con la gente comune

    l’utilità della poesia sta ne ricordare quanto sia difficile restare la stessa persona perchè la nostra casa è aperta la porta senza chiave e ospiti invisibili entrano ed escono

    almeno non chiamarlo poesia festival manca una qualche armonia e bellezza

    "Mi piace"

  4. si alice, raggruppare 30 eventi in quattro giorni, molti sovrapposti, a 300.000 euro mi pare uno spreco enorme. avrei preferito un anno di eventi, ma sono punti di vista.

    "Mi piace"

  5. Carmine, sei forte! 😉 Io tanti anni fa ho conosciuto la Alda Merini proprio così, non era ancora famosa e stazionava un caffè dopo l’altro nei bar del Naviglio a parlare con chiunque le capitasse a tiro.

    "Mi piace"

  6. @ al-b

    tu sei fortissima anche per come senti ed intendi la poesia
    ritrovo spesso in te e nei tuoi commenti una umanità che molto spesso il poeta d’oggi ha smarrito

    si, anna per me la poesia si legge agli angoli di una strada o a voce alta la mattina in bagno con la finestra bene aperta in modo che i vicini abbiano argomenti esaurienti per il resto della giornata

    l’ultima volta che ho avuto un idraulico a casa nella pausa per il caffè gli ho letto un arcano di jack e verso la fine del ventesimo secolo di Milosz
    mi è sembrato andasse via con meno pesi nel cuore

    un caro saluto
    c.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.