Buon Banale

da qui

Vorrei dirti: buon Banale. Ma è il compleanno di uno giustiziato iniquamente: la memoria di uno sporco mondo, che sopprime il povero; in fondo, natale è la festa di chi resta, di chi ha torto. Il nato è morto, ma porge l’altra guancia: risorge solo se vuoto la pancia dai cenoni e la riempio di sogni, delle facce dei poveri, di propositi buoni. Buon natale se decido, finalmente, di cambiare canale, di crocifiggere come un malfattore tutto il buon banale. Se decido di amare, solamente.

25 pensieri su “Buon Banale

  1. “il bene, dici, vince sempre”

    ma è come stelle in una notte senza luna.

    buon natale, fabry

    buon natale a tutti

    F&R

    Mi piace

  2. Grazie, Fabrizio, per queste parole che non rassicurano ma chiedono conto, costringendo a specchiarsi, a ricordare.
    Buon Natale e a te, agli amici della redazione e ai nostri lettori, che danno senso a questo spazio.
    Giovanni

    Mi piace

  3. buon natale a fabrizio e buon natale a tutti gli uomini di buona volontà.
    io ci credo al bene e allora credo anche a voi
    perdonate la mia vanità e io perdono la vostra
    con affetto virtuale e credo sincero
    baci
    la funambola

    Mi piace

  4. le cose banali alla fine sono le più semplici, e l’esistenza umana fa parte di queste.
    Bisogna uccidere l’orgoglio e avere il coraggio di guardare negli occhi il bambino
    per vedere la luce. Le tue parole sono taglienti, ma sanno la pietà che si racchiude nello sguardo che va avanti…
    Buon Natale, con tanto amore.

    Mi piace

  5. la semplicità non è mai banale,(è un paradosso,)è difficile, acqua che sgorga dalla roccia purificata dal viaggio nel cuore silenzioso della terra, come queste parole che chiedono di far vivere amore, di dargli spazio, respiro, speranza.

    grazie ancora, fabry

    e ancora buon natale

    Mi piace

  6. …Se decido di amare, solamente.

    Eppure è così semplice, abbandonarsi, desiderare il bene degli altri, senza il bene degli altri non ci può essere il nostro bene.

    Ma è così difficile, Fabrizio, che questo concetto possa essere compreso da chi non lo comprende? Quanti danni fa l’avidità e il potere!

    Grazie con abbraccio di cuore per te, per tutti.
    jolanda

    Mi piace

  7. Grazie Fabrizio, senza alibi le tue, anzi le sue, parole. Oso aggiungere, senza che questo sia una scusa per alcuno, che una difficoltà di oggi è anche che, volendo dare ai poveri, non si sa mai bene a chi davvero dare, stando un po’ sicuri che quel che dài vada davvero ai poveri, l’imbroglio si aggira purtroppo anche nelle cosiddette associazioni di beneficenza. Una chiara eccezione che vedo io è Emergency, perché conosco Gino Strada e so quel che fanno.

    Mi piace

  8. “Banale” vuol dire “comune”, nel senso di “relativo alla comunità”, il nostro pensiero altezzoso lo dimentica troppo facilmente.
    Ma è proprio vero che Natale è il compleanno di uno giustiziato iniquamente; perciò occorre collegare in modo sempre più chiaro e stretto il Natale alla Pasqua, con il suo prima di Passione e il suo poi di Resurrezione.
    Abbracci e auguri,
    Roberto

    Mi piace

  9. mi auguro buon natale nella speranza di non arrivare neanche lontanamente a riempire la pancia, ma il cuore, di un po’ di più di buoni propositi. lo auguro a tutti voi che già fate natale tutti i giorni qui, offrendo il vostro amore per il bello e la vostra sapienza: per me una stella cometa in questa notte continua che ci tocca vivere.
    grazie e un abbraccio a tutti.
    lu

    Mi piace

  10. BANALE: dal fran. BANAL, che trae dal ger. BAN (medievale latino BANNUM bando, legge(v. Bando): propr. secondo l’uso stabilito, passato in costume. – Francesismo: comune, triviale
    Deriv. banalità
    dal dizionario etimologico on line
    http://www.etimo.it/?term=banale&find=Cerca

    l’uso stabilito, passato in costume, ainoi, è sotto gli occhi di tutti ( e spesso, purtroppo, in molti cuori)

    meglio augurare allora (dribblando, spero, il rischio di risultare banale) un Natale BUONO a tutti.

    Mi piace

  11. grazie di cuore, amici.
    credo che il natale si veda meglio dall’altra parte, dalla parte di quelli che aspettano disperatamente qualcosa di nuovo. non per niente la natività avvenne tra i pastori, gente malfamata, senza diritti. chi è stato messo fuori accoglie meglio la rivoluzione della propria vita. il natale è una festa eversiva, per certi poteri: Erode ne sapeva qualcosa. altro che panettoni.
    un abbraccio a tutti
    fabrizio

    Piace a 1 persona

  12. Proprio per questo abbiamo ancora più bisogno degli auguri: di avere la forza di guardare in faccia l’altra parte della realtà … e di cambiarla.
    Auguri di speranza a Fabrizio e a tutti

    Antonio

    Piace a 1 persona

  13. Ciao Fabrizio,
    neanche io ho guardato il filmato…il Natale dovrebbe essere tutti i giorni, perchè si cerchi di avere buoni propositi sempre, togliere la “benda” davanti ai nostri occhi e vedere quello che ci sta attorno…
    Grazie…sento tanto la mancanza degli incontri del martedì che mi danno uno spiraglio di serenità in queste giornate fredde 🙂

    Buon Natale Fabrizio, a te e a tutti quanti!

    Mi piace

  14. Io invece, che sono quaranta giorni che digiuno, la pancia me la riempirò, berrò smodatamente e festeggerò la venuta della mia e di tutti salvezza. siamo stati comprati a caro prezzo e riscattati da un destino di oscurità, comunque vadano le cose nel mondo è la luce del nuovo sole che si accende e se non prendiamo da questo Amore sconfinato la luce per le nostre miserie, l’olio per le nostre lampade, da dove allora?
    La nostra quaresima ha due significati; quello penitenziale, il più evidente, e quello della dieta del paradiso terrestre, quello spirituale, quello che ci è più difficile accettare, nulla fa più paura della libertà a noi uomini decaduti, ma soprattutto ad un certo punto finisce, domani per la venuta del Re, e a Pasqua per la sua Resurrezione, come non festeggiare.
    Buon Natale, Eftihismena Christougenna, e grazie a tutti, particolarmente a Fabrizio, se nessuno s’offende.

    Mi piace

  15. Un Natale asciutto e severo come il brano del “Vangelo secondo Matteo” di Pasolini? E’ una speranza, Fabrizio: può tornare ad essere un proposito, per il momento è un desiderio e i desideri fanno un po’ penare e pensare. Staremo a vedere. Buon Natale a te e a tutti.

    Antonio

    Mi piace

  16. Antonio & Antonio, Francesca, Mario, grazie.
    ecco, Mario, è chiaro quello che intendevo: finchè non fa male, il vangelo non è quello giusto. dalla ferita nasce il nuovo.
    un abbraccio a voi
    fabrizio

    Mi piace

  17. Grazie Fabrizio, per la tenacia con la quale continui ad invitarci a cogliere l’essenziale delle cose.
    Il Natale é l’occasione per ripensare alla nostra vita, ai Doni che abbiamo ricevuto perchè potessimo farne partecipi quelli che hanno avuto poco, o niente.
    Un augurio di Buon Natale nel segno della Speranza a te e tutti i tuoi amici.
    Un abbraccio. Nora.

    Mi piace

  18. …”finchè non non fa male, il vangelo non è quello giusto. dalla ferita nasce il nuovo”.
    è vero, Fabrizio. e in questa frase ci sei proprio tu , anima e sangue; ci sei tu , interamente, “dalla cintola in su”.

    Il cielo , questa sera , verrà restituito al cielo.
    Tutte le stelle vi hanno già ripreso il loro posto esatto.

    Grazie.
    Un abbraccio natalizio.
    Augusto

    Piace a 1 persona

  19. Le tue parole, Fabrizio, ci fanno giustamente male nel farci bene. Senza sofferenza non si fa nessun passo in avanti. Come dice Nora, sei veramente tenace nello scuotere le nostre coscienze, di questo ti ringrazio. Un caro saluto. Piera

    Mi piace

  20. • ROVERETO: Una riflessione dopo l’incendio nella parrocchia:
    https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/rovereto-e-i-veri-martiri
    .
    • ROMA • La Caritas: Il “tesoretto” della Fontana di Trevi: Ecco come usiamo le monetine…
    • 11.01.2019 • https://www.avvenire.it/attualita/pagine/il-campidoglio-toglie-alla-caritas-le-monetine-di-fontana-di-trevi
    • 12.01.2019 • https://www.avvenire.it/attualita/pagine/monete-fontana-di-trevi-vitali-per-gli-ultimi
    • 12.01.2019 • Le monetine, i poveri e l’ombra di una triste «tassa per dispetto»
    https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/lettere-al-direttore-monete-fontana-di-trevi-tolte-ai-poveri
    • 04.2018 • https://www.avvenire.it/attualita/pagine/fontana-di-trevi-monetine-restano-alla-caritas
    . . . Il lavoro della Caritas di Roma • Il “tesoretto” della Fontana di Trevi in questi anni si è trasformato……
    .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.