Antigone di Massimo Sannelli

antigone4

Teatro Manhattan – Roma


ANTIGONE
DAL 13 MARZO AL 15 MARZO 2009

Regia di: Esnedy Milán Herrera; Cast: Esnedy Milán Herrera

Orario: 21:00 serale; 18:00 pomeridiano – Prezzo biglietto: 10 euro

Sinossi:
Dopo “PROMETEO”, torna Massimo Sannelli al Teatro Manhattan, questa volta con “ANTIGONE”. Massimo Sannelli costruisce un monologo di Antigone in versi tradizionali, a partire da una serie di echi greci e novecenteschi. Antigone parla sùbito dopo la condanna di Creonte a scomparire: questa condanna è la negazione della sua dignità, del suo amore, e del suo diritto di essere parte della città. La regia e l’interpretazione di Esnedy Milán Herrera accentuano la potenza del testo, in cui l’accusa e il lamento sono contemporanei, nel segno della fierezza.

3 pensieri su “Antigone di Massimo Sannelli

  1. una cosa è importante: grazie. questa Antigone è nata due anni fa su questo sito, e iniziava da quella che oggi è la fine:

    A VOI UOMINI PIACE
    SOLO UNA DONNA MORTA.

    i suoi settenari ed endecasillabi – niente è senza misura, ma “cambia il metro” – hanno trovato voce. grazie, perché è il “comprendere con il ritmo di altri”, di cui ho scritto – che ho *sperato*, poi è arrivato. grazie, ancora – e aggiungo i nomi e la storia delle altre vite, che fanno ANTIGONE
    massimo

    *

    Esnedy Milán Herrera
    È nata a Las Tunas (Cuba) e vive a Roma. La sua formazione teatrale si è svolta a Cuba e in Italia, sotto la guida di Coco Leonardi e di Elisabeth Kam. Si è diplomata presso l’International Acting School di Roma. Ha recitato in testi classici e contemporanei (tra gli altri: Marco Antonio, da William Shakespeare, Mirra, di Vittorio Alfieri, La casa di Bernarda Alba di Federico García Lorca, Cecilia Valdés di Cirilo Villaverde, Santa Giovanna dei Macelli di Bertolt Brecht, Naufragio di Francesco Randazzo), a Cuba e a Roma. Ha scritto e diretto Le due amiche orfane (Teatro Rialto Santambrogio, Roma), interpretato da Caterina Gramaglia e Véronique Vergari. Ha diretto e interpretato Liturgia di Alejo Carpentier (Iila, Roma) e interpretato la poesia di Marina Cvetaeva (Teatro Sala Uno, Roma). Ha recitato nei film Il lato sinistro del cuore (regia di Giuseppe Cimino e Alessandro Chetri) e Quello che c’è sotto il fiume (regia di Massimo Bettini). Nel 2009 cura la regia del progetto Tre donne (tre monologhi di Massimo Sannelli: Antigone, seguita da Saffo e Cassandra). Ha pubblicato il libro di racconti Colmena (Altromondo, 2009). Recita nella fiction di Rai Uno Butta la luna 2.

    Luca Manes
    Luca Manes è nato nel 1973 a Roma, dove si è diplomato in Montaggio cinematografico al Centro Sperimentale di Cinematografia (Scuola Nazionale di Cinema), nel quale ha anche tenuto corsi. Ha firmato il montaggio di numerosi film, tra i quali Incidenti di Toni Trupia, Ramón Alós Sánchez, Miloje Popoviã (2005), Cover-boy-l’ultima rivoluzione di Carmine Amoroso (2006), Come un uomo sulla terra di Andrea Segrè, Dagmawi Yimer, Riccardo Biadene (2008), I fuochi di Mansarè di Sora Mansour Wade (2008). Nel 2007 ha realizzato la videoinstallazione Timeisunderyourfoot (produzione: Centro Europeo Ricerche preistoriche). Dal 2006 lavora al progetto Officine, spazio di visione, produzione, postproduzione di opere audiovisive.

    Ulises Mora Valiña
    Nato a L’Avana nel 1963, comincia la sua carriera artistica nella Scuola di Arte di Cuba. Nel 1982 entra nel «Conjunto Folklorico Nacional de Cuba». Continua la sua formazione come ballerino di danza contemporanea nella compagna nazionale Artìstico de las FAR. Nel 1986 entra come attore e insegnante di danza nella compagnia teatrale Irrumpe, partecipa ad alcune stagioni teatrali e festival sotto la direzione artistica di Roberto Blanco e Armando Suáres del Villar, e il coreografo e maestro di danza afro-cubana Juan de Dios Ramos lo invita a collaborare nella sua compagnia Raices Profundas come ballerino, coreografo e insegnante di tecnica di danza folklorica. Nel 1989 viene premiato al 1° Festival di Coreografia (Bayamo, Cuba) per l’opera di danza-teatro Orun Cubano. Nel 1988 realizza la coreografia per i giovani cubani che partecipano al Festival della Gioventù e degli Studenti di Pyonyang. Dal 1995 lavora a Roma e fonda la Scuola di Danza afro-cubana e balli popolari cubani Aché. In Italia partecipa a trasmissioni televisive e al Festival internazionale Fiesta di Roma e cura la direzione artistica di iniziative teatrali, cinematografiche, di pittura e letteratura. In collaborazione con l’IILA (Istituto Italo-Latino Americano), organizza attività culturali durante le giornate della cultura cubana in Italia. Nel 2002 insieme a Irma Castillo (insegnante di balli folklorici cubani) fonda Clave de Son, nel centenario della nascita Nicolás Guillén in occasione del centenario della sua nascita.

    "Mi piace"

  2. aggiungo l’INDIRIZZO:

    via del Boschetto, 58
    Roma
    Rione Monti

    prenotazioni : 331 3271160

    e grazie, sempre
    massimo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.