La distrazione

di Antonio Sparzani

"I passeri raccolgono invece le forze...."

Il 27 febbraio scorso alla libreria Odradek di Milano sono stati presentati i due recenti libri La distrazione di Andrea Inglese e Autoreverse di Francesco Forlani. Di quest’ultimo si è qui già parlato, e dunque vorrei accennarvi qualcosa del primo, che ho finito di leggere con vero piacere, e senza potermi distrarre, da pochi giorni.

Il volume si apre con una ripresa di alcune poesie già contenute in Bilico; ma la prima, che non era contenuta nella vecchia raccolta, ha un incipit di grande intensità:

Vita, Non posso non raccontare la mia storia.
Chiamo questo: calamità autobiografica.
Doversi fare una storia, andarla ad estrarre
come una scheggia, tra i tessuti fragili
della pelle, a rischio di

sbriciolamento.

E comincia così un paesaggio di sguardi sul mondo, molteplici e non distratti, che lo osservano nella sua elementarità, con una lingua non elementare, ma scabra ad offrire un ruvido piacere, come la carezza della vostra nonna contadina. Così come questa straordinaria e tagliente dichiarazione d’amore dedicata a Magalì:

Tirarti i capelli, notte e giorno.
Non voglio far altro. Metterci
mani e faccia. Notte e giorno.
La felicità non è alla nostra portata.
Lo sai…

Lirica sempre disperatamente attaccata all’umano e piegata sulla natura nel senso più ampio del termine, come qui:

È fatto, rovesciato e frugato il giorno.
Basta una mezz’ora, la luce
ancora a ventaglio sopra,
e nei cortili l’ombra che sale dai tombini.
Gli abitanti sciupati
attendono che l’esterno si disfi, gli occhi
buttati a uno schermo riposano
in questa piccola luce. I passeri
raccolgono invece le forze.
Dalla cupola dell’olmo dirigono
con distratta vendetta
la loro molestia sugli uomini: esultano
loro, nei deliranti rimbalzi,
solo quando qualcosa ha inizio
o finisce.

Un dialogo continuo, caparbio, con se stesso ma anche con altri, ai quali sembra Andrea si sforzi di far capire qualche pezzo di sé. Aprite distrattamente e leggete:

C’era il pozzo di cemento, con l’acqua
antica e la parete verde
di muschio: sul fondo, i sassi,
l’alga, uno spuntone di metallo
arrugginito. L’immagine riflessa
era fioca, appena scorgevo l’ovale
del viso, e la luce diffusa alle spalle.

È così, la poesia di Andrea: arazzi, disegni a tutto tondo, riscatto di dettagli, ovunque tensione di luce. Ho sentito più volte Andrea leggere alcune delle sue poesie, con un meticoloso calore, un’energia trattenuta, una emozionata precisione.
La distrazione non è un’opera da commentare, ma da lèggere: per me, una rara ed intensa esperienza.

7 pensieri su “La distrazione

  1. Ringrazio Sparz per la segnalazione preziosa. Un’osservazione: dove si dice “vorrei accennarvi qualcosa del secondo”, leggesi “primo”.

    "Mi piace"

  2. Non ho potuto postare il comunicato in tempo utile perché mi sono mossa tardi, ma con felice tempismo questo post mi dà l’occasione di invitarvi domani, giovedì 12 marzo ore 21, al Circolo Arci Martiri di Turro, a Milano in via Rovetta 19: nel corso della rassegna di poesia I Giovedì di Turro, avremo proprio Andrea Inglese a presentare e leggerci il suo ottimo ultimo lavoro. Mi raccomando, se potete venite perché SARA’ BELLO. Fra l’altro è molto simpatico anche il posto, nel cuore della vecchia Milano che va sparendo ma che se teniamo viva con iniziative di qualità, come nel mio piccolissimo tento di fare io, si guadagna qualche speranza. Per cui a domani. E bravo Andrea.

    "Mi piace"

  3. Era una bella lettura in un ambiente di amicizia e di poesia.
    Ringrazio effeffe per mi avere convinta di venire. La libreria piccola ha un intimità dolce e di mistero.
    Ho ascoltato qualche versi di Andrea Inglese che sembrano trafiggere il cuore della sua autobiografia, questo nucleo dell’intimo scintilla per noi.
    Ho ascoltato Francesco Forlani di cui la voce è impronta di vita, di luce. Ha letto e la sua presenza poetica rimane al dilà dell’assenza. Il romanzo Autoreverse è nel cuore di questa ricerca: la voce viva di Pavese. Si puo dire che le voci nella lettura di questa sera sono ancora nella mia anima,
    credo che fanno parte di un ricordo vivo.
    E nella notte calando su Milano, c’era un vincolo di amicizia tra noi, un incanto condiviso.

    "Mi piace"

  4. Beh.Io pensavo di avere una visione romanticamente patinata di ogni cosa ma veronique mi lascia indietro di molte lunghezze! Comunque è stata una simpatica lettura di entrambi i libri, mai sopra le righe e in un clima abbastanza intimo. Ma devo dire che non conoscendo nessuno personalmente chi mi ha letteralmente conquistata è stato il libraio della Odradek. Un signore di una grazia e simpatia e gentilezza incredibile, tanto che verrebbe voglia di mettersi in un cantuccio a guardarlo mentre fa il suo lavoro per riconcialiarsi con tutto il resto. Ecco per dire come a volte una storia, una poesia riescano a creare o continuare altre storie, altre poesie oltre le loro stesse pagine.

    grazie
    lisa

    "Mi piace"

  5. caspita, “È fatto, rovesciato e frugato il giorno…” è degna del miglior Pascoli – premesso che nella mia simbologia personale le poesie di quel signore rappresentano per me l’Origine

    e magari non piacerà ad Andrea Inglese questo accostamento, pazienza, però la voglia di avere in mano l’intero libro e magari di capicollarmi in quel di via Rovetta ai Giovedì di Turro – varie ed eventuali permettendo – è forte

    Mario Bertasa

    "Mi piace"

  6. Caro Antonello,

    ti ringrazio di queste note di lettura, davvero amichevoli e discrete. E’ bello parlare di un libro, facendolo molto parlare – come hai fatto tu.
    Un abbraccio

    a.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.