Corbellerie…

Dunque, cos’è una corbelleria? Tutti lo sappiamo: una sciocchezza, una stupidaggine, uno sproposito, un atto o parole da sciocco e via dicendo. Come la corbelleria riportata da alcune grammatiche – e fatta propria da certi insegnanti – sul corretto uso della congiunzione dunque.
Costoro sostengono – a spada tratta – il concetto secondo il quale dunque essendo una congiunzione deve congiungere, appunto, due frasi ed è adoperata correttamente solo se serve per concludere o trarre una conseguenza: gliel’ho promesso, dunque non posso esimermi. Corbellerie, corbellerie.
Dunque, pur essendo una congiunzione, si può benissimo adoperare – ed è un uso corretto – all’inizio di una frase o di un periodo quando si vuole riprendere un discorso interrotto, anche se è trascorso molto tempo dalla… interruzione. E nel nostro caso, gentili amici, il dunque con il quale si iniziano le nostre noterelle è la conseguenza del titolo.
Amici lettori, vi invitiamo a consultare – in caso di dubbi – grammatiche non redatte da illustri sconosciuti che farebbero di tutto per poter pubblicizzare le loro opere comodamente assisi sul salotto più popolare d’Italia, tra una pasta dentifricia e un detersivo che più bianco non si può. Mai la Cultura, quella con la C maiuscola, è scesa così in basso! Ma tant’è.
E torniamo alla corbelleria i cui natali non sono certamente nobili. Il termine, infatti, è il derivato di corbello, cioè di cestino, il quale attraverso un processo semantico (e potremmo dire anche per somiglianza) ha acquisito l’accezione eufemistica di coglione e gli organi genitali, chissà perché, nell’opinione popolare sono sinonimo di stupido, di sciocco.
Possiamo benissimo rivolgerci a una persona sciocca, quindi, apostrofandola con un sei un bel corbello, cioè uno stupido. E in questa accezione abbiamo anche il femminile corbella: Giovanna, sei proprio una corbella! Corbelleria, dunque, nel significato di cosa fatta per leggerezza, senza pensare alle conseguenze è un termine adoperato anche dal principe degli scrittori, il Manzoni, il quale scrive: «Alle volte una corbelleria basta a decidere dello stato d’un uomo per tutta la vita».
Ma non basta. Il corbello, nel significato di sciocco ha partorito il verbo – poco conosciuto e di uso popolare – corbellare, vale a dire beffare, canzonare, prendere in giro, ingannare. In questa accezione abbiamo due bellissimi esempi, rispettivamente del Giusti e del Nievo: «seguitando a corbellar la fiera, verrà la morte, e finiremo il chiasso»; «balzava a sedere sul letto dandomi dei grandi scappellotti e godendo di avermi corbellato col far le viste di dormire».
Sempre in tema di corbellerie linguistiche, vorremmo che le grammatiche finissero di riportarne una dura a morire. Ci riferiamo al famoso sé pronome che perde l’accento quando è seguito da stesso e medesimo. È una corbelleria, appunto. Il pronome sé si accenta sempre. Non lo diciamo noi, umili linguai. Lo hanno stabilito fior di linguisti, tra i quali Amerindo Camilli, certamente molto più autorevole di alcuni illustri sconosciuti, autori di grammatiche varie. Diamo, quindi, la parola all’insigne linguista. «Stabilito che il pronome sé si distingue dal se congiunzione per mezzo dell’accento, è assurdo andar poi a ricercare quando sia più e quando meno riconoscibile per dare la stura alle sottoregole e alle sottoeccezioni. E l’avere stranamente scelto proprio quelle due combinazioni (se stesso, se medesimo, ndr) e l’aver lasciato con l’accento, per esempio, il sé finale di frase, assolutamente inconfondibile con la congiunzione, o locuzioni come per sé stante, di sé solo, a sé pure, che si trovano nelle stesse condizioni di sé stesso e di sé medesimo, testimonia solo la mania delle distinzioni e suddistinzioni a vanvera di cui soffrono qualche volta i grammatici».
Sé stesso con tanto di accento, dunque. E basta!

2 pensieri su “Corbellerie…

  1. a proposito del “dunque” mi permetto di segnalare un passo molto famoso dei Promessi sposi nel quale questa cosiddetta congiunzione acquista un significato molto pregnante. E’ quel passo del secondo capitolo nel quale Renzo va a chieder conto a Don Abbondio, dato che Perpetua non gli vuole svelare nulla, della ragione per la quale non vuole celebrare il matrimonio. Dopo varie proteste del curato e varie insistenze di Renzo, ecco la frase conclusiva di Renzo, con commento del Manzoni appunto sul “dunque”.
    L’ultima battuta di don Abbondio è:
    «Ma se parlo, son morto. Non m’ha da premere la mia vita?»,
    alla quale Renzo risponde:
    «Dunque parli». Quel “dunque” fu proferito con una tale energia, l’aspetto di Renzo divenne così minaccioso, che don Abbondio non poté più nemmen supporre la possibilità di disubbidire. Più chiaro di così…

    "Mi piace"

  2. le corbellerie sono quelle che si sparano senza ragionare, e non occorre lavorarci tanto sopra, il mondo ne è pieno:-)
    l’importante è riconoscerle e scavalcarle, se ti ci fermi sopra sei, haimè, sei fottuto!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.