Ebraismo e sionismo

natureikarta

di Yakov Konig

(Yakov Konig è il portavoce di Naturei Karta, un’organizzazione ebraica ortodossa antisionista. Il testo che segue è tratto dal discorso tenuto al convegno sulla crisi del Medio Oriente svoltosi ilo 30 marzo 2004 alla Camera dei Comuni di Londra, pubblicato in Il libro che la tua chiesa non ti farebbe mai leggere, Newton Compton 2009)

Queste persone che dichiarano falsamente di rappresentarci, “gli adoratori del vitello d’oro” della storia moderna, le organizzazioni sioniste delle terre del nostro esilio, e in particolar modo lo stato sionista, hanno causato molta angoscia e dolore a tutti gli ebrei del mondo.
Il potere dei mass media è tale che la voce dei deboli e dei giusti viene ignorata, mentre le azioni dei malvagi e dei potenti sono ampiamente considerate come giuste e legittime, perciò noi ci troviamo a dover difendere il nostro buon nome agli occhi del mondo che ci ha ricevuto a braccia aperte nell’ora del bisogno e di quelli che hanno messo a disposizione le proprie terre per noi.
Forse potrebbe essere di aiuto tentare di capire cos’è il sionismo, e spiegare perché ci opponiamo a questo movimento in modo così forte. Essi non sono ebrei come noi? Perché li combattiamo allora?
Analizziamo le origini del movimento sionista: esso nacque più di cento anni fa, fondato perlopiù da laici che avevano abbandonato la religione ma non erano ancora riusciti a liberarsi di quello che loro consideravano lo stigma di essere ebrei esiliati. Questi ebrei credevano che il nostro esilio permanente fosse dovuto alla nostra attitudine alla sottomissione – la mentalità dell’esilio – e non a una decisione divina; volevano quindi liberarsi dalle costrizioni dell’esilio consolidando una sorta di nuova identità ebraica basata non sulla religione, ma sulla terra. Insomma la loro era una tipica visione laica e nazionalistica guidata dalle passioni, simile alle aspirazioni della maggior parte delle nazioni senza Stato. La loro politica si proponeva principalmente la formazione di uno stato ebraico, preferibilmente in Palestina, e la creazione di un nuovo tipo di ebreo: un ebreo per niente ebreo, ma sionista.
Il sionismo rappresentò in generale un completo abbandono dei nostri insegnamenti religiosi e della nostra fede, e in particolare del nostro atteggiamento verso l’esilio e i popoli coi quali viviamo.
Il risultato pratico del sionismo rappresentato dallo stato conosciuto come Israele è completamente estraneo all’ebraismo e alla fede ebrea. Il nome proprio “Israele”, che in origine significava “i bambini di Israele” ovvero il popolo ebraico, è stato usurpato dai sionisti. E’ per questa ragione che molti ebrei ortodossi evitano di riferirsi allo stato sionista con il nome di “Israele”.
Quando il sionismo ha cominciato a manifestarsi, tutti i rabbini del mondo hanno parlato con parole chiare e hanno messo in guardia contro i pericoli di tali azioni: sia per le punizioni divine che ne sarebbero conseguite, sia per la futilità di voler contravvenire alla sentenza divina.
Sfortunatamente i sionisti, privi di qualsivoglia sentimento religioso, non si sono curati minimamente né dei loro compagni ebrei sparsi per il mondo né degli altri esseri umani e hanno raggiunto il loro scopo, se così si può dire, di creare uno stato, senza preoccuparsi del costo in termini umani ed economici; che si trattasse degli ebrei dei ghetti dell’inferno, usati come arma politica, o delle centinaia di migliaia di palestinesi costretti a lasciare le proprie case e terreni, non è stata fatta alcuna differenza.

Il gruppo dei Naturei Karta (in aramaico “guardiani della città”) è stato fondato per combattere questa ingiustizia: gli ebrei religiosi si sono organizzati per smentire la presunta solidarietà, o addirittura – che Dio ci perdoni – il sostegno a questo stato senza Dio.
La maggior parte degli ebrei ortodossi accettano il pensiero dei Naturei Karta, fino al punto di non essere d’accordo per principio con l’esistenza dello stato sionista, infatti non verserebbero una sola lacrima se esso venisse spazzato via.
Ma il problema sussiste: i sionisti sembrano essere gli unici rappresentanti e portavoce di tutti gli ebrei e perciò, con quello che fanno, suscitano solo ostilità verso di noi. Coloro i quali si oppongono al sionismo vengono accusati di antisemitismo, tuttavia bisogna chiarire una volta per tutte che sionismo non significa ebraismo. I sionisti non possono parlare a nome degli ebrei. I sionisti saranno pure nati ebrei, ma essere ebrei significa accettare la religione e le credenze ebree. Perciò quello che deve essere assolutamente chiaro è che essere contrari al sionismo non significa odiare gli ebrei o essere antisemiti.
Il conflitto tra arabi e gli ebrei è scoppiato proprio quando i primi sionisti arrivarono in Palestina con lo scopo manifesto di fondare uno stato non curandosi della popolazione araba indigena. Questo conflitto continua ancora oggi a costare migliaia e migliaia di vite, sia musulmane che ebree. In Palestina l’oppressione, l’abuso e l’omicidio sono tragedie che toccano non solo i palestinesi ma gli stessi ebrei. Questo è dovuto in parte alle terribili conseguenze in cui siamo destinati a incorrere, trasgredendo il dogma religioso che ci vieta di ribellarci al nostro esilio.
Voglio aggiungere che il collegamento tra musulmani ed ebrei si perde nella notte dei tempi, il loro rapporto è sempre stato perlopiù amichevole e reciprocamente vantaggioso. Storicamente quando gli ebrei venivano perseguitati in Europa, trovavano sempre rifugio in terre arabe. Noi possiamo solo essere amici degli arabi e dei musulmani, e possiamo solo provare rispetto per loro.
Vorrei concludere dicendo a tutto il mondo, e in particolare ai nostri vicini musulmani, che non esiste odio o ostilità tra ebrei e musulmani o qualunque altro popolo timorato di Dio. Ci auguriamo di vivere insieme come amici e vicini, così come abbiamo fatto per centinaia se non migliaia di anni nei paesi arabi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.