Notizia l’è morta 3

liberazione

di Mauro Baldrati

Liberazione di oggi contiene un articolo così strambo che si stenta a credere ai propri occhi. Ci si chiede se non vi sia un errore, se non si tratti di una nota d’agenzia pubblicata senza il filtro redazionale. Invece è un pezzo firmato, non sappiamo se da un redattore o un collaboratore: l’autore è Davide Mancuso.
Apre la pag 6, nella “Politica”, col titolo: Cannabis made in Italy, garantiscono le cosche – i boss cominciano a produrre stupefacenti in proprio. Ha come base il rapporto annuale della Dcsa, la Direzione centrale dei servizi antidroga, che riferisce sulle coltivazioni di canapa indiana gestite dalla mafia nel Sud, soprattutto Calabria, Sicilia, Puglia. Si legge, nell’articolo, che nel 2008 in Sicilia sono state sequestrate ingenti quantità di marijuana e hashish, “le sostanze stupefacenti più in circolo nella regione”; seguono termini come “narcotraffico”, “cocaina” ed “eroina”, tutte riferite alle azioni delle forze dell’ordine che combattono contro “la droga”, che comprende anche la sostanza stupefacente denominata marijuana.
Ora, non si tratta di dettagli. Le droghe stupefacenti sono gli oppiacei, l’alcol, le anfetamine, le pasticche eccitanti. Causano danni gravi al sistema neurovegetativo, al cuore, agli organi interni, e creano dipendenze molto serie. Causano molti morti all’anno. Per anni e anni ci siamo battuti per uno studio approfondito sulle droghe, che distingua nettamente tra gli stupefacenti e le psicotrope come i derivati della cannabis, che non creano danni né dipendenza (ovviamente gli abusi sono sempre da evitare); ci siamo battuti per anni e anni per una loro depenalizzazione, prendendo come esempio i paesi del nord Europa che, indifferenti alla demagogia e al populismo, le hanno depenalizzate e in certi casi parzialmente liberalizzate. Davide Mancuso sembra non avere mai sentito parlare di tutto questo. Scrive il suo bravo articolo che avrebbe potuto pubblicare tranquillamente su Il Giornale, Libero, La Padania, sulla lotta senza quartiere delle forze dell’ordine contro La Droga, la pericolosa stupefacente ganja. Invece esce su un giornale che fa riferimento a un partito che da sempre è favorevole alla depenalizzazione, che respinge il proibizionismo ottuso che regna nel nostro paese, fondato su una confusione pericolosa tra le sostanze. Proibizionismo che favorisce proprio la penetrazione della criminalità nello spaccio e nella produzione – cvd – con l’inevitabile taglio delle stesse sostanze (sappiamo che molte partite di hashish sono tagliate con farmaci e porcherie sintetiche).
La Mafia possiede anche vigneti, frutteti, uliveti. Davide Mancuso potrebbe quindi scrivere un articolo che parla della produzione in proprio dei boss di alcolici, di olio d’oliva e di albicocche. Mandiamo le forze dell’ordine a combattere la coltivazione e il traffico internazionale della Frutta?
Liberazione ospita, ogni sabato, un piccolo inserto di Frigidaire, che contiene, tra l’altro, un racconto interessante che probabilmente pubblicheremo qui. Del resto questo sito ripubblica spesso articoli di Liberazione. Il pezzo in questione è un incidente di percorso, e sarebbe pure buffo se non fosse triste.

Qui Notizia l’è morta 1 e 2

Un pensiero su “Notizia l’è morta 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.