Fabio Franzin: Premio Pascoli 2009

beuys_felt_cross

Dirìti? ai operai? ma

quando mai? che l’é

za tant riussìr a no’

farse pestàr i cài, no’

farse, de nòvo, tratàr

da s.ciavi. ‘Dèss, po’,

che i tenpi i ‘é tornàdhi

a èsser scuri: contràti

precarî e tanti pòre cani

da òni part del mondo

disposti a lavoràr anca

‘a nòt in canbio de dó

sporchi schèi; ‘dèss che

l’é da tègnerseo stret

co’ i denti, ‘l posto,

stando in caìbrio fra

afàno e ricàto, straca

e bisogno; co’na vòjia

che monta, ae volte, de

mandarli tuti a’ffan’cueo

i paróni, lori che i se sinte

paróni anca dea tó vita,

che i te conta ‘l minùt

in cèsso. Dirìti? ai operai?

fesso chi che ghe crede.

 

Diritti? agli operai? ma / quando mai? che è / già tanto riuscire a non / farsi pestare i piedi, non / farsi, di nuovo, trattare // da schiavi. Ora, poi, / che i tempi sono tornati / bui: contratti / precarî e tanti poveri cristi / di ogni angolo del mondo // disposti a lavorare anche / di notte in cambio di due / sporchi euro; ora che / è da tenerselo stretto / con i denti, il posto, // tentando un equilibrio fra / schifo e ricatto, stanchezza / e bisogno; con una voglia / che monta, a volte, di / mandarli tutti a farsi fottere // i padroni, loro che si sentono / padroni anche della tua vita, / che ti contano i minuti / al bagno. Diritti? agli operai? / fesso chi si fosse illuso.

*

Chii granèi de Segadhura

che se spande tee piastrèe

del bagno co’ Renato ‘l se

cava via i calzhéti, òni

sera, la ‘é sorèa de quea

che ‘a sgrafa ‘e só man,

che le fa vègner cussìta

ruspìghe. Lu li rincura,

co’l deo pìcoeo parché

só fémena sinò ‘a zhiga

po’ lo pesca, chel mucét,

lo buta drento ‘a vasca,

el mòea l’aqua. E ‘sto sèst

ghe ricorda ‘l mar, e l’istà

de tanti àni fa: ‘a sera che

lu e Luisa i se ‘à conossù;

‘a luna, lassù, e lori dó

ciapàdhi par man drio ‘a

spiàja, ‘na corsa fin drento

l’amór, contro a un baso;

cavàrse ‘e scarpe a casa,

dopo, sabia che casca fòra

che ‘a se perde drio l’aqua.

Calcòssa de bon, ‘lora, lo’à

anca ‘l conpensato! el pensa.

 

Quei granelli di Segatura / che si spargono fra le piastrelle / del bagno quando Renato si / toglie i calzini, ogni / sera, sono simili a quelli // che gli graffiano le mani, / che gliele rendono così / ruvide. Lui li raccoglie, / col dorso del mignolo, / sennò sua moglie urla // poi lo pesca, quel mucchietto, / lo getta nella vasca / e apre il rubinetto. E questo gesto / gli riporta alla memoria il mare e un’estate / di tanti anni or sono: la sera che // lui e Luisa si sono conosciuti; / la luna, lassù, e loro due / mano nella mano lungo la / spiaggia, una corsa sin dentro / l’amore, contro un bacio; // togliersi le scarpe, poi, / a casa, quel rivolo di sabbia che scivola fuori / che si perde dietro l’acqua. / Qualcosa di buono, allora, ce l’ha / anche il truciolato! pensa.

*

Marta l’à quarantatrè àni.

Da vintizhinque ‘a grata

cornìse co’a carta de véro,

el tanpón, ‘a ghe russa via

‘a vernìse dura dae curve

del ‘egno; e ghe ‘à restà

come un segno tee man:

carézhe che sgrafa, e onge

curte, da òn. I só bèi cavéi

biondi e bocoeósi i ‘é ‘dèss

un grop de spaghi stopósi

che nissùna peruchièra pòl

pì tornàr rizhàr. Co’a cata

‘e só care amighe maestre

o segretarie, ghe par che

‘e sie tant pì zóvene de ea,

‘a ghe invidia chee onge

cussì rosse e longhe, i cavéi

lissi e luminosi, chii déi

ben curàdhi, co’ i sii pàra

drio ‘e rece, i recìni. Le

varda e spess ‘a pensa

al só destìn: tuta ‘na vita

persa a gratàr, a gratarse

via dal corpo ‘a beézha.

 

Marta ha quarantatre anni. / Da venticinque / leviga cornici col tampone, / la carta abrasiva, con questi umili strumenti frega / la vernice dura nelle modanature // del legno; e le è rimasto / come un segno nelle mani: / carezze che graffiano, e unghie / tozze, da uomo. I suoi bei capelli / biondi e ondulati sono ormai // un groviglio di spaghi stopposi / che nessuna parrucchiera potrà / più rimodellare. Quando incontra / le sue amiche coetanee, maestre / o segretarie, le trova // tanto più giovani, / le invidia quelle unghie / così rosse e lunghe, i capelli / lisci e luminosi, quelle dita / ben curate, quando, con le stesse, se li scostano // dietro le orecchie, gli orecchini. Le / osserva e spesso pensa / al suo destino: tutta una vita / persa a grattare, a fregarsi via dal corpo la bellezza.

*

Joussuf i ‘o ‘à mess

a ciapàr tòchi drio

‘na multilame. L’é

un fià lento, ‘ncora,

calche steca ‘a ghe

passa via, sora i rui,

‘a ghe casca par tèra;

ma lu ‘l sa che ‘l pòl

deventàr pì sguèlto,

co’l tenpo, e ‘lora no’

el ghe bada ae paròe

che ‘l capo che zhiga

drio, te chea lengua

cussì stranba, anca

se l’à capìo che tante

le ‘é bestéme, anca

se lo sinte che a lu

no’ ghe piase ‘l coeór

dea só pèl, che no’l

voràe ‘verlo fra i pie

no’l ghe bada parché, fra

‘na steca ciapàdha e una

che casca, el vede i fiòi

e só fémena scanpàr via

daa fame; tornàr far faméjia.

 

 

Joussouf ha trovato posto / in coda / ad una multilame. È / un poco lento, ancora, / qualche asta gli // sfugge, dalla rulliera, / gli cade in terra; / ma lui sa che può / diventare più rapido / col tempo, e allora non // fa tanto caso alle ingiurie / che il capo gli urla / addosso, in quel dialetto / così incomprensibile, anche / se ha capito che molte // sono bestemmie, anche / se ha intuito che gli / dà fastidio il colore / della sua pelle, che preferirebbe / non averlo fra i piedi // non ci fa tanto caso perché, fra / un’asta afferrata e una / che gli cade, vede i figli / e sua moglie fuggire / alla fame; la famiglia ricomporsi.

 

*

Luisa ‘a ‘é ‘na bèa tosa,

intiijénte e brava; l‘à

studià da segretaria, ma

posti in ofìcio no’ a ghi

n‘vea catà, dièse àni fa,

cussì, pa’ no’ star là co’

‘e man in man ‘a se ‘à

‘datà a lavoràr tea trancia

del scatoìficio. Cartón

dopo scàtoea l’à scont

drento i só conti, ‘l só

bèl diploma, l’à scont

drento ‘a fede e ‘e foto

dee só nòzhe, un dentìn

da late, tute ‘e scòrzhe

dee stée cascàdhe chea istà,

l’à serà drento ‘l só sorìso;

l’à scrit tel cartón poesie

senza rima che dise sudhór

e fadìga, chee dise come

che anca l’amór dee volte

el mòre: paròe de penarèl

a létare grosse; po’a tira

‘na riga e le scancèa tute;

‘a tira ‘l scòc, e ‘a sèra su.

 

Luisa è una bella ragazza, / intelligente e brava; ha / studiato da segretaria d’azienda, ma / un impiego in ufficio non lo / trovò, dieci anni or sono, // così, per non rimanere / con le mani in mano si / adattò a lavorare alla trancia / di uno scatolificio. Cartone / dopo scatola vi ha deposto // dentro i suoi calcoli, il suo / bel diploma, vi ha nascosto dentro la vera e le foto / del suo matrimonio, un dentino / da latte, tutte le bucce // delle stelle cadenti di quell’estate, / vi ha rinchiuso il suo sorriso; / ha scritto nel cartone poesie / senza rima che dicono sudore / e fatica, che dicono come // anche l’amore a volte / muore: parole di pennarello / a lettere spesse; poi tira / una riga e le cancella tutte; / tira il nastro adesivo, e sigilla.

*

 

Fabio Franzin, emerso nell’ultimo decennio tra le personalità più certe e autentiche della poesia neodialettale, assieme a Edoardo Zuccato, Ivan Crico, Domenico Brancale, Salvatore Pagliuca, Rocco Brindisi, Annalisa Teodorani, con la raccolta in versi neodialettali Fabrica edita da Atelier, si aggiudica il Premio Pascoli. Uno dei massimi riconoscimenti in ambito di poesia neodialettale, assegnato, tra gli altri, nelle precedenti edizioni, a Assunta Finiguerra, Raffaello Baldini, Gianni Fucci, Achille Serrao,Tolmino Baldassari, Giovanni Nadiani. La sezione in lingua italiana aggiudicata a Jolanda Insana, nelle precedenti edizioni ha visto premiati Umberto Piersanti, Nelo Risi, Cesare Viviani, Paolo Ruffilli, Giovanni Giudici, Mario Luzi e Yves Bonnefoy. La giuria, presieduta dall’italianista Andrea Battistini, che dirige il Centro Studi Pascoliani, e composta tra gli altri, da Franco Brevini, Gualtiero De Santi, Piero Meldini, Claudio Marabini e Gianfranco Miro Gori , consegnerà il premio sabato 5 settembre 2009, a San Mauro Pascoli, città natale del poeta. (M.C.).

 

*

 

FABIO FRANZIN, LA FRANCA LINGUA DI “FABRICA

– un intervento critico di Manuel Cohen

Ci sono poeti che hanno impegnato la vita a delineare, definendolo, lo spazio della propria voce, a vivere la phoné ereditata, altrimenti koiné, quale luogo, couche geo-antropologica. Poeti la cui esperienza del mondo è avvenuta “dentro il paesaggio”. E’ accaduto, e accade, in alcune vicende paradigmatiche e eccentriche, in lingua e in dialetto: Biagio Marin, Andrea Zanzotto, Tolmino Baldassari, Tonino Guerra, Umberto Piersanti…Come in ideale continuità, Fabio Franzin, classe 1963, sembra ripartire da chi lo ha preceduto, piuttosto che dalla tabula rasa o deriva postmoderna che ha segnato con i suoi stigmi di spaesamento, quando non di compiaciuta deterritorializazione culturale, i molti esordi degli autori ‘emersi’ dalla generazione nata negli anni ‘Sessanta. Altro fatto poi, è che il nostro vada pubblicando sillogi in lingua e in dialetto veneto, nella sua varietà opitergino-mottense, che presenta vari gradi di affinità con la limitrofa parlata d’area friulana. Il dialetto veneto adottato, inoltre, risulta successivo alla sua formazione prima ( Franzin si trasferisce da Milano nel paese paterno di Motta di Livenza al compimento del sesto anno di età ). Notazioni queste che sollevano alcune questioni relative all’interlinguismo, se non propriamente al translinguismo, con la possibilità di poter passare o scrivere da una lingua all’altra ( Cfr. Steven J. Kellman, The translingual immagination, University Press of Nebraska, 2000) e pure di tradurre, come accade per certi testi in appendice a “Fabrica”, in uscita nelle edizioni di Atelier .

Comunque sia, la parola neo-dialettale di Franzin, se da un lato e solo in parte sembra richiamarsi al “parlar materno”, volgare e d’uso, appreso dalla madre, che poi è il tratto distintivo del provenzale di Arnaut Daniel, e che il Guinizelli segnala a Dante nel settimo girone del Purgatorio (XXVI. v.117), d’altro canto, sembra avocare a una matrice leopardiana, al particolare sintagma a cui fa riferimento ne La ginestra (vv. 114-115) e che di per sé prefigura un programma: “con franca lingua/ Nulla al ver detraendo”. Nel solco di una precisa linea che da Dante attraverso Leopardi, passando per Pascoli, e per l’accoglimento della nozione di “poesia onesta” di Saba, fino all’esempio di una accentuata scorrevolezza versificatoria, di lingua ‘naturale’ o basica, di Biagio Marin, vedo inserirsi l’avventura del nostro. Non tragga comunque in inganno lo ‘stile semplice’ , dimesso nelle sue tonalità, di understatement e di linguaggio quotidiano, di confessione o érlebnis: né si equivochi la dismissione della rima come assenza di gusto, o naïveté. Al contrario, “l’ampiezza dello spettro” e “l’allargamento progressivo della prospettiva, da fatti personali a eventi collettivi, dalla poesia lirica amorosa a quella narrativa, dall’autoanalisi alle storie familiari e ai ritratti di personaggi” colti da Edoardo Zuccato nella prefazione a Mus.cio e roe ( Muschio e spine, Le voci della luna, Sasso Marconi 2007) ne sono tratti distintivi. In Fabrica colpisce, già a una rapida occhiata, la rispondenza tra morfologia espressiva e motivi, sicché, anche graficamente ,la suite articolata in tre sezioni, presenta una compatta struttura strofica nelle prime due ( la prima, eponima, di 18 testi, la seconda, Per nome, di 19, mentre nella terza vengono collocati 6 testi a struttura variabile, traduzioni operaie da altri autori, quasi a conferire dinamica di coralità all’argomento) , una sequenza di 37 testi ognuno di 5 strofe pentastiche disposte a sbalzi o gradini, come a riprodurre nell’arcata versale l’immagine più caratterizzante la realtà della fabbrica, ovvero, la catena di montaggio. Versi prevalentemente ipometri variamente oscillanti tra il senario e il novenario, e dove sapientemente all’assenza di rima, dettata credo dalla esigenza di non assecondare mimeticamente un dialetto di per sé musicale, Franzin sopperisce con una melicità rastremata, data da sonorità non esibite, assillabanti (“co ‘chee camise”, “con quelle camicie”) e allitteranti(“sogni soeàdhi”, “sogni volati via”), strategicamente enjambées (“sesti/ servi”, “atti/servili”), a garanzia di ‘periodicità’ , secondo la nozione neometricista di Jean Cohen (Cfr. Strutture del linguaggio poetico, Il Mulino, Bologna 1974). Così, le figure della ripetizione, come l’anafora “varda…varda”, “guarda…guarda” (v.1), variata “vardii…vardii”, “guardali…guardali” (v. 6, v. 21) che marca la cadenza, e la pena, del testo introduttivo; o, altrove, le elencazioni: “slavi// e indiani, romèni e neri,/ atei e cristiani, musulmani/ o de Jèova, del demonio/ dea fame o del dio dei schèi,/ tuti mis.ciàdi, cussì, tuti// deventàdhi un fià pì fradhèi/ fra de lori, là, tuti tacàdhi”, “slavi// e indiani, rumeni e neri,/ atei e cristiani, musulmani/ o testimoni di Geova, del demonio/ della fame o del dio denaro/ tutti mescolati, così, tutti// già un po’ fratelli/ fra loro, lì, tutti stretti”, a connotare stilisticamente la serialità della realtà lavorativa, descritta e nominata con una lingua esatta e essenziale, enucleata nei luoghi, nei tempi, nelle pause produttive, nei vari stadi dei processi di produzione, finanche nella nominazione degli oggetti o attrezzi da lavoro, in una “lingua oggettuale, non oggettiva” (come ho per altri versi rilevato presentando alcuni inediti di Franzin su “Il parlar franco”, anno 8, n. 8, dicembre 2008) che immette nel dialetto le parole di un linguaggio settoriale specifico o tecnologico: “machine”(macchine), “luchét”(lucchetto), “guanti de gòma” (guanti di lattice), “rulière” (rulliere), “banchi” (bancali), “muéti” (carrelli), “tubi de aspirazhión” (tubi di aspirazione), “blòc de trucioeàre” (blocco di truciolato), o inserimenti allotri : “film”, “supermarket”, “jins” (jeans): registrando così pure il dialetto in un processo di moderata mescidazione e di meticciato contemporanei, piuttosto che nella fissazione o recupero oleografico e manierato di una parlata ‘originaria’…e questo, nel solco di una ‘tradizione’ che in area trevigiana rileva lo sperimentalismo plurilinguistico (in verità più accentuato) di Ernesto Calzavara, la mescidanza tra termini dialettali di varie aree linguistiche (trevigiana, padovana, litorale veneto) in Sandro Zanotto, e tra termini dialettali e termini tecnici e marinareschi; oppure nell’uso della diglossia italiano-dialetto veneto, con le allotrie dall’inglese, in Luciano Cecchinel, ad esempio, al fine di approdare a un linguaggio d’autore ‘sovralocale’, che in Franzin produce effetti di congruità e pertinenza. Le molte figure di parallelismo o similitudine che si registrano nella prima sezione (gli operai legati alla catena di montaggio come i carrelli del supermarket legati uno ad uno, la laboriosità silenziosa degli stessi, come quella delle formiche, la fabbrica come teatro, i lavoratori come burattini…) trova una ulteriore conferma nella seconda, più serrata, dove realtà umana e realtà degli oggetti si legano, si saldano negli anelli dei processi produttivi, succedendosi senza soluzione di continuità. Con un precisa lettura direi post-ideologica, dalle striature accorate e dagli addentellati irredibilmente civili, alla descrizione di un’esistenza, segue la descrizione di un ingranaggio della fabbrica, così, sapientemente, come in un romanzo popolare dai toni narrativi, epici, corali, rimarcandone la ‘fatica’ o la sofferenza di ‘pezzi’ intercambiabili, e assemblabili, quando non sostituibili, si succedono le singole storie: Marta che pensa al suo destino di levigatrice, il lavorìo del nastro trasportatore della pressa, l’affanno di Mirco, la lama circolare, la sirena, Joussouf, l’extracomunitario che vede grazie al suo lavoro ricomporsi la famiglia, il silos imponente e cilindrico, Roberto, eterna figura di yesman che ride col padrone, i guanti da lavoro, Sergio che studiava da dottore e si ritrova tornitore, le macchine nel capannone, Pietro, operaio felice…una catena di ritratti di esistenze comuni e non illustri, eppure memorabili, umanità di sogni, aspirazioni, timori e precariato, allineate a oggetti, equiparate a merci. Così Fabrica, confuta l’immagine patinata della fortuna del Nord-Est produttivo, e della penisola tutta, su cui vengono addensandosi nere nubi di recessione, sfruttamento, razzismo, precariato. L’Italia ridente delle veline e dei tronisti viene rimossa dagli effetti di uno tsunami economico che tocca il paese reale dove “è solo il male a far rima con sociale/ oggi, per chi si ostini a continuare/ a vivere oltre l’età contributiva” a sopravvivere alle “vette capovolte con il mutuo” da pagare, leggo dai recentissimi Canti dell’offesa ( apparsi su “NazioneIndiana”, 20.gennaio.2009) versi in lingua, adiacenti ai dialettali di Fabrica. E mentre registro queste note in margine alla raccolta di Fabio Franzin, mi ritrovo tra le mani una ulteriore raccolta ancora inedita, nata dalla felibre e multiforme ansia dell’autore di recuperare forse a un esordio relativamente tardivo. Ecco dunque i versi di Pòre paròe, Povere parole un poemetto in bellissime quartine di impianto tradizionale, e dove anche qui, Franzin evita accuratamente il ricorso alla rima. Non anticipo nulla se non che raramente ho letto poesie equiparabili ad autentiche, profondissime preghiere. Il ricordo va, inevitabilmente, alle Elegie istriane di Biagio Marin (introduzione di Carlo Bo, Scheiwiller, Milano 1963) per la purezza adamantina, il dato di nudità naturalistica, la sapienza di una religio naturale e remotissima, la grazia che, sarà pure un luogo comune, ma sembra sopravvivere in certe esperienze neo-dialettali, la luziana humilitas, quella adesione e aderenza alla natura fertile e vitale propria dei grandi poeti sapienziali e creaturali.

[l’intervento è apparso su ‘Atelier’,n.53,anno XIV, marzo 2009]

 

*

 

[immagine: Joseph Beuys, Halbiertes Filzkreuz mit Staubbild “Magda”, 1960/1965]

 

 

26 pensieri su “Fabio Franzin: Premio Pascoli 2009

  1. Una poesia necessaria, questa di Franzin, l’ho pensato la prima volta che ho letto sue poesie in rete. E ottimo l’intervento critico di Manuel Cohen.

    Grazie, Renata.

    Mi piace

  2. che bravo, non conoscevo i suoi versi

    in effetti, le lingue “native” come i dialetti hanno delle potenzialità insospettate

    è banale, dirlo
    davvero, complimenti

    Mi piace

  3. @Franz Krauspenhaar

    grazie Franz. ci tengo particolarmente ai tuoi complimenti. Sai la stima che ho per il tuo lavoro, ed è bello constatarne la reciprocità. Considero il tuo ‘Era mio padre’ tra le letture più toccanti e autentiche di questi ultimi anni.ciao.

    Mi piace

  4. @FRANCESCO T.

    Saluto anche il bravo Francesco Tomada, spesso nominato da Franzin nelle nostre conversazioni telefoniche e di cui ho letto bei versi nell’antologia di Fara.

    Mi piace

  5. Ringrazio, davvero di cuore, Manuel innanzitutto: che oltre ad essere un ottimo critico, nonché ottimo poeta, è anche, e soprattutto, una grande, cara persona; poi Renata Morresi, che non conosco di persona, purtroppo, per aver postato testi e testo di Manuel; poi Francesco Tomada, sempre attento e presente, sempre più affettuoso. Poi Franz (ma l’hai poi ricevuto “Fabrica”? io te l’ho spedito circa 20 giorni fa), infine Giorgio e Enrico De Lea per le parole di stima; un grazie anche a chi, letta qui la notizia, mi ha scritto alla mia casella di posta elettronica. Grazie, grazie, grazie di cuore a tutti voi.
    Fabio Franzin

    Mi piace

  6. Finalmente tornano libri necessari (che nascono dallo stato delle cose e recano semi che intervengano sulla realtà: come avveniva nella grande letteratura italiana di mezzo secolo fa). “Fabrica” è un libro decisamente e precisamente bello anche nella lingua poetica: il Premio Pascoli lo ha consacrato; un critico giovane ma agguerrito e sensibile come Cohen ne segnala il rigore ed il rilievo nel quadro della poesia attuale. C’è da sperare che altri dopo lui si muovano. Franzin non appartiene alle conventicole letterarie: anche per questo bisogna promuovere la sua raccolta.

    Mi piace

  7. Ringrazio di cuore il Prof. Gualtiero De Santi, grande studioso di Letteratura,Cinema,Filosofia, e letterature dialettali, mio docente di Letterature Comparate a Urbino. E’ stato grazie alla sua passione per i neodialettali, grazie ai suoi scritti e alle sue costanti sollecitazioni,che negli anni ho potuto avvicinarmi alla poesia neovolgare in atto, e ho potuto coglierne l’ampiezza di verità, autenticità, e necessità…Persino il titolo del mio intervento su Franzin deve più di qualcosa a Gualtiero De Santi, non ultima, anzi, fondamentale, il coinvolgimento nella redazione della rivista ‘Il parlar franco’ che, per l’appunto, si occupa di dialettali.
    GIORGIO (Morale) parla di ‘poesia necessaria’. Il De Santi di ‘Libri necessari’. Esperienze fondamentali a traghettare o a cortocircuitare epoche, vicende, esistenze, trasformazioni della società in atto… Libri necessari, come lo è ‘Fabrica’, per capire chi siamo e cosa (noi singoli, noi comunità) stiamo diventando… necessità necessaria e necessitata che molto hanno a che fare con le ragioni della scrittura. La memoria anche letteraria non può evitare il ricorso a Dante, il quale, nell’incipit della Vita Nova così esordiva: ” Ed ebbi Volontà di dire “…Atto di volontà necessaria la scrittura, atto deliberato di fede nella parola : disvelamento, messa a fuoco, critica… La poesia non è un compendio di storia, un trattato di sociologia, ma quando ha i crismi dell’autenticità, quando arriva, come nel caso di Fabio Franzin, ha più valore, e rigore, e amore di ogni altra forma del sapere umano.

    Mi piace

  8. Da persona che ha scelto come suo primario linguaggio poetico, quello del dialetto, non posso che apprezzare il lungo, accurato, profondamente rigoroso, ma partecipato commento di Manuel Cohen sulla silloge di Franzin. Sull’autore non posso dire altro, oltre che commentare molto, molto positivamente le opere postate, non avendo contezza dell’intero lavoro. Mi piace molto il linguaggio, che non si compiace di nessunissimo svolazzo,franco, diretto, semplice, come semplice sa essere solo ciò che è stato ben filtrato e depurato. Cohen, da par suo, ne individua matrici di altissimo lignaggio che, certamente, ne sono alla base e ne espone l’assorbimento in un’espressione del tutto personale e, sicuramente moderna e trascinante. I miei complimemti a Fabio Franzin e a Manuel, che tanto appassionatamente ne ha colto essenze e vibrazioni

    Mi piace

  9. @FLORA RESTIVO

    Grazie Flora, per il tuo passaggio e per le tue parole. Elegante e modernissima dialettale di Sicilia.

    Mi piace

  10. @GIOVANNI NADIANI

    ciao Giovi (Gio.na è così biblicamente bello!!!)

    ‘Critici Novi’, sì ce ne vorrebbero ! ricordo sempre le parole di Mengaldo, me le ripeto sempre, come un monito : ” Se non restasse ancora vivo il pregiudizio pigro per il quale il poeta in dialetto è un minore, anche quando è maggiore, Raffaello Baldini sarebbe considerato da tutti quello che è, uno dei tre o quattro poeti più importanti d’Italia…” Queste parole risalgono al 1995, e, purtroppo, restano ancora valide. come persiste certo pregiudizio…vedi Giorgio Manacorda, ad esempio: “non vedo perché dovrei leggere un poeta italiano in una lingua straniera!”… dove straniera si riferisce alla lingua dialettale… una tale chiusura, critica, accademica, mentale, ha dell’incredibile per chi occupa ruoli e cattedre istituzionali, di ricerca e di cultura… ma tu, tutto questo lo sai, e comunque vai avanti portando la tua scrittura polifonica e meticcia per le strade d’Europa!
    a ‘t salut! magico gio.na!

    Mi piace

  11. davvero impressionanti per la grande lucidità e pur insieme per la grazia, questi testi di franzin – sono felice di averli postati qui, e felice dell’intervento di commentatori di tanta sensibilità – grazie infinite

    r

    Mi piace

  12. @fabio franzin. ricevuto, fabrica. ti scrivo per bene a libro chiuso. grazie mille, è bello, tra la tanta paccottiglia delle case editrici, ricevere dei libri necessari, e per mano dello stesso autore. a presto!

    Mi piace

  13. Non conoscevo franzin. Un vero poeta nel solco della grande tradizione dialettale del nord-est. Complimenti. L’umile purezza dei suoi versi dimostra che la ‘beezha’ (e la verità) sta nel ‘gratarse via dal corpo ‘a beezha’.
    E complimenti all’amico Manuel per il suo lucido intervento critico e la sua difesa delle cosiddette ‘letterature minori’.
    salvatore pagliuca

    Mi piace

  14. @RENATAMORRESI

    HAI perfettamente ragione Renata: Lucidità e Grazia: effettivamente in questi versi di Franzin si coniugano perfettamente. Colgo l’occasione per ringraziarti per la disponibilità e per l’entusiasmo con cui hai postato questo lungo pezzo. E ringrazio La Poesia e Lo Spirito, per l’ospitalità generosa

    Mi piace

  15. @SALVATOREPAGLIUCA

    Carissimo Salvatore, è un piacere constatare che da da Sud a Nord, da Est a Ovest, quando c’è qualità e spessore, ci si ritrova uniti, alla tavola della poesia! un saluto caro a te, poeta irto e raffinato, a Muro Lucano, alla tua regione che, dopo Pierro, continua a donarci grandi frutti: Assunta Finiguerra, Rocco Brindisi, Domenico Brancale, Salvatore Pagliuca.

    Mi piace

  16. Arrivo solo ora, causa impegni vari, a ringraziare, davvero commosso per l’affetto dimostrato a me e ai miei umili versi scritti coi calli; grazie, di cuore, a Gualtiero De Santi, so che il premio Pascoli molto lo devo a lui, e forse lui non sa quanto sia importante per me, per ciò che è stata la poesia di Pascoli per la mia formazione, umana e poetica, per aver deciso di premiarmi forse con il mio libro meno pascoliano; grazie a Giovanni Nadiani, cui so di essere legato, ormai, non solo perché siamo due poeti dialettali, ma forse perché sappiamo la terra, e abbiamo anche saputo estirpare le radici tenaci del vernacolo; grazie a Renata Morresi, per aver accolto, con affetto e partecipazione emotiva i miei testi e il saggio di Manuel (cui auguro ogni bene, cui auguro un futuro di critico degno delle sue capacità – e non perché si sta occupando della mia poesia con dedizione e amore, non solo per la splendida e commovente chiusa del commento 11), Renata che desidererei tanto incontrare, prima o poi; grazie a Flora Restivo, Annalisa Teodorani e Salvatore Pagliuca, le cui parole, sento come un onore (ho letto qualcosa di vostro, qua e là, da ciò l’onore di sapermi da voi apprezzato), grazie, infine, a tutti quelli che sono passati a casa di padre Centofanti e si sono fermati all’ombra delle mie parole storte.
    Ringrazio, mi sia permesso, questo mio piccolo libro, che ho voluto per cavarmi un sasso dalla scarpa, che ho sentito dentro le mie viscere, scritto con le mie ernie e le mani graffiate dal lavoro; ringrazio Simone Weil per aver voluto provare “La condizione operaia” e per averla poi, mirabilmente, descritta, e Franco Fortini per averla tradotta in italiano così che io potessi leggerla e sentirmi meno solo. Ringrazio, infine, “Atelier”, nelle splendide figure di Marco Merlin e Giuliano Ladolfi per averlo accolto senza un alcuna incertezza, da subito, con la passione e l’idea sacra di poesia che contraddistingue tutta la loro ormai lunga e encomiabile ricerca di verità.

    Fabio Franzin

    Mi piace

  17. Ma grazie a te per le tue parole necessarie come la pioggia alla terra crepata.
    spero di incotrarti in terra di Romagna quando verrai e davvero tante felicitazioni per il premio!!! Te lo meriti tutto!

    Annalisa

    Mi piace

  18. Cara Annalisa, ti ringrazio, davvero col cuore. Nella tua terra, che amo, che è stata, è, e sarà sempre terra di grandissimi poeti, spero proprio di venirci presto, quando ci sono stato mi sono sentito meglio che a casa.
    Un grande abbraccio, con affetto. Fabio F.

    Mi piace

  19. Caro Fabio se solo sapessi usare convenientemente il cp. di certo ti sarei stata più vicina
    Lo sai quanto ti stimi e per l’uomo che sei e per il tuo modo davvero grande di scrivere versi.
    Mi congratulo con te per il premio Pascoli; un premio prestigioso che meritavi davvero e che ti fa onore.
    Come sta il tuo piccolo?
    Ti voglio bene
    Maria stella Filippini

    Mi piace

  20. Pingback: Fabio Franzin, FABRICA- di Fernanda Ferraresso | l'analfabeta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.