Tassonomia (2)

tassonomia2

Riprendiamo il discorso sulla “tassonomia” cominciato il 9 agosto scorso. In quelle noterelle avevamo dimenticato di dire che il termine è un prestito del linguaggio scientifico perché con tassonomia si intende una branca della storia naturale che studia la classificazione degli esseri viventi e dei fossili (dal greco “taxi”, collocazione e “nomía”, nome). La “tassonomia linguistica” si potrebbe definire, quindi, la scienza che studia il “sesso” dei sostantivi in base alla loro collocazione nei vari settori. In base a questa classificazione, contrariamente al “buon senso”, tendono a collocarsi nel genere femminile i nomi militari che indicano mansioni: guardia; ronda; pattuglia; sentinella e via dicendo. Ma perché proprio femminili dal momento che queste mansioni erano svolte, fino a qualche anno fa, esclusivamente dagli uomini? Perché, fa notare il linguista Bruno Migliorini, il loro genere è dovuto al valore “astratto-collettivo” della funzione che questi sostantivi designano, valore che, per l’appunto, la tassonomia lo preferisce rappresentato dal femminile. Sono altresí di genere femminile i nomi di nozioni astratte, di discipline, di scienze: la bontà, la fiducia; la pace; la grammatica; la geografia, l’informatica (oggi tanto “di moda”); la passione; la collera ecc. Ma anche in questo “settore” non mancano le eccezioni come si può notare dal fatto che accanto a molti nomi femminili ci sono sinonimi maschili: allegria/buonumore; giustizia/diritto; discordia/disaccordo; passione/amore e altri che ora non ci sovvengono. Per quanto riguarda il “sesso” degli alberi avevamo visto, precedentemente, che questi tendono a collocarsi nel genere maschile, anche se non mancano numerosi alberi orgogliosi della loro “femminilità”: la vite; la quercia; la betulla; la palma; la sequoia; la magnolia. Per quanto attiene, infine, al genere del frutto degli alberi della vite, della palma e della quercia – l’uva, il dattero e la ghianda – è interessante notare che il loro nome non si forma dalla medesima radice del nome dell’albero come avviene, per esempio, per castagno/castagna; ciliegio/ciliegia e dunque il loro “sesso” non è stato vincolato dall’opposizione “albero” (maschile) / “frutto” (femminile), come prevede, di norma, la tassonomia. La vite, tra l’altro, ha conservato lo stesso genere del latino “vitis” perché nel passaggio dal latino al volgare (l’italiano) i parlanti l’hanno sentita – per il suo aspetto e per il tipo di coltivazione in filari e pergolati – piú come “pianta” che come “albero”. Ed ecco spiegato il motivo per cui – e rispondiamo al cortese blogghista Valerio S. di Lecce – diciamo “la” vite e non “il” vite, pur trattandosi del nome di un albero. Tendono a collocarsi nel genere maschile – e concludiamo queste noterelle – e sempre in base alla “legge tassonomica” i sostantivi indicanti preghiere perché molto spesso conservano il loro antico nome latino o lo affiancano a quello volgare, cioè all’italiano: il Credo; l’Angelus; il Gloria; il Te Deum; il Pater; il Requiem; il Salve. Quest’ultimo, talvolta, si può trovare anche nella forma femminile, come l’Avemmaria (che, però, è rigorosamente di genere femminile).

2 pensieri su “Tassonomia (2)

  1. una domanda:
    la giaculatoria di che genere è?

    (è molto bella questa cosa delle virtù ritenute di genere femminile per il loro valore,
    la temperanza le racchiude:-)

    comunque le parole che racchiudono nel loro significato entrambe le caratteristiche, il femminile e il maschile, parole che definirei “universali”, sono a mio parere le parole più belle….e mi viene in mente la gemma.

    Buon giorno Fausto

    "Mi piace"

  2. Buongiorno a Lei, gentile Carla. Per quanto attiene alla “giaculatoria” le riporto quanto dice il Treccani in rete:
    giaculatoria
    giaculatòria s. f. [dal lat. tardo iaculatoria (prex), propr. «preghiera che si lancia verso il Cielo», femm. dell’agg. iaculatorius «che serve a scagliare», der. di iaculari «lanciare»]. – 1. Breve e fervente preghiera, generalmente senza una formula prescritta, che può essere anche recitata mentalmente durante le comuni occupazioni: dire, recitare, bisbigliare una g., una serie di giaculatorie. 2. fig., scherz. Breve discorso enfatico fatto per intenerire qualcuno: via, non fare tante g.!; più spesso, per antifrasi, imprecazione, bestemmia.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.