Se il libro non vende è sbagliato

di Antonio Gnoli

Giulio Lattanzi è da quasi cinque anni a capo della Rcs libri. È un manager puro che tiene la barra dritta sul conto economico, che progetta strategie finanziarie, opera fusioni, alleanze, acquisizioni. Insomma è uno che per il mestiere che fa non piacerebbe all’ editore Giuseppe Laterza che, in un’ intervista apparsa su queste pagine, si è detto molto preoccupato del ruolo di queste figure che rischiano di alterare il mercato librario «Il manager», dice Lattanzi, «è un’ esperienza più complessa, meno caricaturale di come Giuseppe Laterza l’ ha dipinta». Converrà, che fare libri non è la stessa cosa del produrre automobili o panettoni. «Lavoriamo dentro un’ impresa con un forte tasso di innovazione, la cui molla culturale è la creatività. Più della metà del fatturato della nostra casa editrice proviene dai titoli nuovi che pubblichiamo. Non sappiamo in anticipo se venderanno bene. Ma siamo consapevoli che il loro successo è essenziale per l’ andamento della casa editrice. Il profitto non è un obiettivo, è un vincolo che vale tanto per l’ azienda automobilistica, quanto per quella che produce libri». Ma il successo non può essere la sola componente? «Pienamente d’ accordo. Però non si può sputare sull’ industria culturale e servirsene. Il bello dei libri è che quando si vendono concorrono alla formazione di una coscienza e garantiscono una pluralità di opinioni e di punti di vista che il cinema e la televisione non potrebbero soddisfare». A proposito di industria culturale quanti libri escono in generale in un anno? «Le novità che finiscono sui banconi delle librerie, sono circa 30 mila titoli. È duro farsi strada». Ne sanno qualcosa i piccoli editori. I quali tra l’ altro si lamentano per la scarsa visibilità che hanno in libreria e per il fatto che i grandi gruppi editoriali fagocitano l’ intero spazio. «È un fatto che circa la metà del mercato editoriale è occupato da cinque o sei gruppi editoriali. Ma in questi gruppi prevale la diversificazione sull’ omologazione». Un’ altra accusa che viene mossa a voi grandi è che drogate il mercato con una politica degli anticipi dissennata. Cioè date a un autore una somma talmente alta da tagliare fuori tre quarti della concorrenza. «È evidente che un grande editore se può pagare di più un autore, e decide di farlo, sa che rischia qualora il libro non andasse secondo le aspettative. Poi, la politica degli alti anticipi, è applicata soprattutto per il mercato angloamericano. Infine non è vero che l’ anticipo milionario è la precondizione per il successo del libro. Il caso di Stieg Larrson, pubblicato da Marsilio, quello della Muriel Barbery pubblicata da E/O o quello della Stephenie Meyer pubblicata da Fazi dimostrano che si possono realizzare successi clamorosi pagando pochissimo all’ origine». Come reagisce quando vede che un romanzo sfonda altrove: chiamaa rapportoi suoi editor, li striglia, li sprona, che fa? «Ovvio che la cosa non mi fa piacere. Ma la storia dell’ editoria è piena di rifiuti che si sono trasformati in successi.A volte non ci si rende conto delle potenzialità di un libro. Altre ancora si rinuncia a partecipare a un’ asta perché troppo cara». Ce ne è una in particolare che rimpiange? «Sicuramente quella per Dan Brown alla quale partecipammo fino a un certo punto. Ma non si può ragionare con il senno del poi». Quel libro se lo aggiudicò la Mondadori. Se scorriamo le classifiche dei libri più venduti degli ultimi anni loro ci sono in modo massiccio, voi molto meno. Che cosa è che non funziona nella vostra fabbrica di bestseller? «Intanto la Mondadori è il primo gruppo editoriale: ha una quota di mercato intorno al 27-28 per cento, mentre la nostra si aggira intorno al 13 per cento.E questo incide. Se si aggiunge che il loro catalogo è in parte figlio di un’ acquisizione sul mercato americano di autori di grande successo, si spiega perché fanno più bestseller di noi». Fanno più bestsellere vincono più premi. Se la sente di commentare il meccanismo dello Strega? «Nell’ edizione di quest’ anno, con il romanzo di Scurati pubblicato da Bompiani, siamo giunti secondi a un punto dal vincitore. Non vorrei che le mie parole fossero fraintese. Il Premio e la giuria sono prestigiosi. La domanda che mi pongo è questa: dal momento che la società letteraria su cui si fondava il Premio è diventata industria culturale, non andrebbe rivista la composizione della giuria e cambiato il meccanismo di voto? Inoltre, è accettabile che la Mondadori si aggiudichi un numero di vittorie che si giustificherebbero per un gruppo che controlla il 70 per cento del mercato e non il 28?». Svincolare il Premio dal potere di manovra delle case editrici? «La liberazione totale è utopistica. Ma sarebbe auspicabile che le case editrici facessero un piccolo passo indietro». La Rcs libri quanti titoli produce? «Un migliaio di novità all’ anno. Tra le componenti principali del gruppo ci sono la Bompiani, Fabbri e Rizzoli di cui possediamo il 100 per cento. Marsilio di cui abbiamo acquisito il 51 per cento, Skira con il 48 per cento e infine Adelphi con il 58 per cento». È vero che quando avete rilevato la maggioranza dell’ Adelphi Roberto Calasso non ha gradito? «Ci sono sempre delle preoccupazioni ogni qualvolta subentra un socio di maggioranza. Ma la mia visione è massima indipendenza degli editor nella politica culturale». Quella di Adelphi è stata definita snobistica. Come replica? «È un’ accusa ridicola formulata da Giuseppe Laterza. Stiamo parlando di una casa editrice che ha fatto un pezzo rilevante di storia culturale degli ultimi trent’ anni. Se questo è snobismo viva lo snobismo. Dovremmo definire snobistica la riscoperta che Calasso ha fatto di Zia Mame, un libro uscito per la prima volta negli anni Sessanta e rilanciato oggi in una nuova traduzione? È snobistico che sia diventato il romanzo dell’ estate?». Sempre Laterza va giù pesante con la Fallaci, vostra autrice di punta. I suoi libri, in particolare La rabbia e l’ orgoglio, inciterebbero all’ odio. Che ha da dire? «Ma scherziamo! La Fallaci è stata una voce indipendente, a volte ruvida, a volte provocatoria, ma autenticamente civile. Tanto è vero che stiamo riproponendo la sua opera con prefazioni di firme autorevoli che non necessariamente ne condividono le scelte. La verità è che quando si dice, come dichiara Laterza, che un buon editore è quello che possiede un intento pedagogico, mi chiedo che razza di pubblico di lettori immagina». Ci sono buoni libri che non vendono. Lei è disposto a finanziarli con i libri di successo? «È pericoloso sostenere che si pubblicano libri che hanno successo per farne altri che hanno solo un valore culturale. In sé non c’ è niente di sbagliato, intendiamoci. Ma chi decide sul valore del libro? Se un libro non vende è quasi sempre un libro sbagliato». La crisi mondiale dell’ economia come si è riflessa sul libro? «In generale i consumi sono scesi mediamente del9 per cento, sono dati della Confcommercio. Anche il libro ha avuto la sua contrazione». Si parla di un calo in libreria attorno al 18 per cento. Molto al di sopra della media. «Mi sembra una valutazione eccessiva. Le rilevazioni Nielsen dicono che il caloè tra il5e il 10 per cento. A giugno davano un meno 4 per cento». Il successo di una casa editrice sonoi suoi librie dietro ci sono gli autori. Quando uno di questi emigra verso un altro editore che cosa fa? «Dovrei risponderle questo è il mercato bellezza. Ma in realtà il rapporto che l’ azienda ha con i suoi autori è complesso, sottile, a volte materno.E se uno di loro decide di andare via non puoi restare indifferente». Cosa ha provato quando Alessandro Baricco ha deciso di lasciare la Rizzoli? «Molta tristezza e anche un senso di sconcerto. Non ho mai capito, visti i risultati, perché un bravissimo produttore cinematografico come Domenico Procacci abbia voluto entrare nell’ editoria»

Repubblica 26 agosto 2009

7 pensieri su “Se il libro non vende è sbagliato

  1. Un libro che non vende è un libro che è stato scritto male. Se scritto bene vende, magari non nell’immediato, ma nel corso degli anni: i Capolavori della Letteratura non hanno quasi mai venduto subito per esaurirsi in pochi mesi e di sé non lasciare più alcuna traccia. Investire su un libro che venderà nel corso di mesi o di anni è una cosa che agli editori non piace: il perché è evidente, preferiscono vendere subito cazzatelle e fare soldi a palate; alcuni editori inseriscono nei loro cataloghi autori rinomati, che però per vendere hanno bisogno di tempo, ma con il solo scopo di dire “ecco, vedete, il nostro gruppo editoriale annovera nomi che contano, di prestigio, mica gianni e pinotto!”. Tuttavia pubblicano soprattutto gianni e pinotto, e uno o due autori che valgono, di tanto in tanto, con dilazioni di tempo immense. Oggi i libri, se è giusto definirli tali, sono fatti per essere soprattutto un prodotto usa e getta, studiato a tavolino per vendere in gran quantità – e gliene frega a nessuno della qualità. Si pubblicano poi libri non-libri di autori non-autori, di politici attori puttane etc. etc. per il nome che hanno e per non inimicarsi qualcuno: poco gliene frega all’editore che poi questi libri non vendano, si rifaranno con un Dan Brown; e si pubblicano i libri degli amici degli editori, delle lobby paraletterarie, libri che dire che sono stati scritti coi piedi è fargli in ogni caso un complimento. Sì, l’editoria italiana è messa proprio male: ma è un bene che sia messa così tanto male, perché forse non oggi ma domani metterà la testa a posto e pubblicherà libri di qualità e sostanza in maggior numero senza affidarsi alle mafiette, o alla lunga catena dell’amicizia, quella del Griso manzoniano.

    "Mi piace"

  2. Ah, la Fallaci pubblicata da Rcs, l’ultima Fallaci, è solo porcheria per estremisti. All’editore va bene che l’Italia è piena di estremisti fascisti e altre teste di cazzo così.

    "Mi piace"

  3. Sottoscrivo. Comunque ci sono in giro lo stesso un sacco di libri belli, sia classici sia nuovi. Compriamo quelli! Tanto il MERCATO ecc. è fascista sempre, anche quando produce e vende le scatolette di tonno.

    "Mi piace"

  4. L’industria culturale è merda, e un libro, anche se è scritto bene, è merda ugualmente se lo compri in un supermercato.
    Chiamare cultura la produzione editoriale degli ultimi trent’anni è un abuso, un trucchetto di marketing, libri buoni per tener dritto un mobile che ha perso una gamba.
    Credo che smetterò di leggere libri, gli editori sono una corporazione fascista e chi li finanzia comprando la loro merda è un fascista, la cultura è morta e la creatività è un gioco delle tre carte che i diplomati delle scuole di scrittura usano per sodomizzare lettori sprovveduti, gli unici libri buoni sono da cercare fra i bouillon de librairie, fra gli scarti che non hanno venduto, da salvare in extremis prima del macero.
    In generale il lettore moderno è un tossicomane e il libraio un pusher, e non parlo di sublimi oppiacei, ma d crack, polvere degli angeli, ecstasy e merda simile.
    Non leggere, non comprare libri, oggi è un atto politico e civile, solo l’azzeramento di questo sistema pseudoculturale può dare qualcosa di buono all’umanità, solo il libro che si può mettere in pratica è degno di essere letto, l’evasione è un crimine.

    "Mi piace"

  5. ohhhhhhhhhhhh, finalmente uno che si fa di roba buona! :)))
    non ho tempo di argomentare,vado via, ma le intuizioni argomentate che Intuizioni sarebbero!

    un bacio, mario!
    la fu

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.