Medusa, un dramma subacqueo nel docu-film di Fredo Valla

Il regista al centro di cinematografia di Chierimedusa

Un’emozione profonda sostenuta da centinaia di inquadrature, di soluzioni molto coraggiose nel campo della grafica, dell’animazione, della musica, una vicenda drammatica raccontata con uno stile e un equilibrio rari nella cinematografia di oggi: è il docu-film di Fredo Valla “Medusa. Storie di uomini sul fondo” – storia di un sommergibile italiano affondato nel mare di Pola durante la II Guerra mondiale, per giorni e giorni 14 uomini rimasero intrappolati sul fondale, e infine morirono nonostante il tentativo di soccorrerli – che viene presentato domani alla scuola di animazione del Centro Sperimentale di Cinematografia di Chieri.
Fredo Valla, regista che aveva firmato il soggetto e con Giorgio Diritti la sceneggiatura de “Il vento fa il suo giro”, film sulle valli occitane divenuto un caso cinematografico (grazie al tam tam del pubblico di tutta Italia, e a tanti riconoscimenti internazionali, compresa la candidatura al David di Donatello) dalle 14 alle 16.30 terrà un seminario per gli studenti con Francesco Vecchi, che ha frequentato il corso e che ha realizzato le animazioni di “Medusa”

medusa2

Fredo è un amico, oltre che un bravissimo regista: con lui abbiamo camminato sulle montagne Occitane (pensando a François de Bardonnéche de “La via dei lupi”e su quelle del Ladakh, per scrivere (e lui per fare un altro bellissimo docu-film, “Prigionieri della libertà”) “La cavalcata selvaggia.
Ora sta lavorando a un’idea per il nuovo film di Giorgio Diritti, e a un film-documentario dedicato a Geo Chavez, il pilota peruviano-parigino che per primo, nel 1910, attraversò le Alpi, da Briga a Domodossola. L’anno prossimo saranno appunto i cent’anni dall’impresa, che si concluse tragicamente. Il film è una coproduzione italo francese, verrà trasmesso su Arte e sulla tv svizzera e su varie altre emittenti, oltre a partecipare a vari festival.

Ecco quattro chiacchiere su “Medusa”, tratte da un’intervista uscita su “Il Nostro Tempo”pochi mesi fa.
“Medusa” è stato girato a partire dal 2005, fra Trieste, Pola, la Gran Bretagna, Napoli, Torino, Livorno e l’Isola d’Elba. Racconta la storia del sommergibile della Marina militare italiana «Medusa» che il 30 gennaio 1942, fu affondato da un sommergibile inglese. Il racconto prende spunto dal romanzo pubblicato nel 2007 dal triestino Pietro Spirito «Un corpo sul fondo» (Guanda), che nel film impersona l’esploratore delle memorie che incontra i testimoni e si immerge in cerca del relitto.
Fredo, cosa ti ha spinto a raccontare questa storia?
I sommergibili sono paragonabili alle astronavi: prima di iniziare la conquista dello spazio l’uomo ha esplorato le profondità marine, un mondo misterioso, come oggi è lo spazio, su cui per decenni l’uomo ha riversato le proprie fantasie in un mix di modernità e tecnologia. Basti citare il Nautilus di Jules Verne. In questa storia una spinta particolare mi è venuta anche dalla lettura del libro di James Hillman Un terribile amore per la guerra (Adelphi). Hillman ritiene che la guerra sia una pulsione primaria e ambivalente della nostra specie, dotata di una carica libidica non inferiore a quella di altre pulsioni che la contrastano e insieme la rafforzano, quali l’amore e la solidarietà.
Dalla montagna al mare…
Vivo a 1350 metri di quota, davanti al Monviso. L’interesse per questa storia di sommergibili, tuttavia, non è casuale. La guerra fa affiorare negli uomini accanto agli instinti peggiori, sentimenti positivi di condivisione in un contesto di grande pericolo: sono contraddizioni interessanti, che vale la pena esplorare. In precedenza avevo realizzato un film documentario sugli italiani prigionieri in India, ai piedi dell’Himalaya, durante la seconda guerra mondiale, e un altro sul rastrellamento del Grappa in cui morirono decine di partigiani. Avevo realizzato anche vari reportages, tra cui una lunga camminata di 330 km lungo il fiume Don sulle tracce dei soldati italiani dell’Armir (Armata Italiana in Russia).
Medusa è un documentario storico?
E’ un ibrido. Intreccia linguaggi. Quando ho iniziato, ho capito che l’unica via per rappresentare i fatti era fare ricorso all’animazione, intrecciare le riprese dal vero, il racconto dei testimoni, con il cartone animato. Dalla collaborazione con Francesco Vecchi è nato un disegno non propriamente realistico, che pur ricostruendo con precisione gli eventi drammatici, crea la giusta distanza e magari attenua la tragedia con la poesia. Un’altra dimensione particolare hanno le musiche originali di Enrico Sabena, che vanno ben al di là della sottolineatura e interpretano musicalmente il racconto. Comporre le diverse voci del film non è stato facile: ringrazio i produttori Maxman e Arealpina che mi hanno lasciato procedere senza condizionamenti e la Film Commission torinese che ci ha sostenuto con il fondo per il documentario.
Cosa ti lega a Trieste?
A Trieste, in Istria, a Pola, nei luoghi dell’affondamento del sommergibile Medusa, la storia è stata forse troppo “generosa”: troppe complessità e contrapposizioni in così piccolo spazio! Dal fascismo in poi, sulle differenze etnico-linguistiche di questo territorio si sono innestate intolleranze, lutti, vendette, prima le persecuzioni contro le popolazioni slovene e croate, poi le foibe e i profughi. Ora il clima si è rasserenato, ma ci sono ancora difficoltà. Nel mio film ho voluto accennare a questa complessità, l’ho fatto sottotraccia: sul sommergibile italiano affondato c’erano marinai di lingua slovena, lingua che il fascismo aveva vietato, perciò ho voluto che alcuni testimoni parlassero sloveno, in ciò aiutato da mia moglie, che è una triestina slovena.
C´è sempre un intento etico-simbolico nei tuoi film?
Destino della memoria è sfrangiarsi, svanire, poco alla volta. Ma ci sono episodi che non si dissolvono mai del tutto. La memoria di questi si sgretola, come il tempo fa con le montagne, trasformando la roccia nella sabbia indistinta del mare. Per un autore credo sia interessante tentare di ricomporre le storie a partire da quei granelli di sabbia a prima vista indistinti, magari mescolandoli ai granelli di altre sabbie, di altri mari e montagne. Dedico “Medusa storie di uomini sul fondo” alle giovani generazioni in difetto di memoria…
I tuoi prossimi progetti?
Una sceneggiatura con Giorgio Diritti e il docu-film su Geo Chavez e il film documentario sul monastero cistercense di Pra d’Mill. Con Barbara Allemand, come ben sai, abbiamo sceneggiato “La via del lupi”, una vicenda medievale di ribellione sulle Alpi occitane, siamo in attesa di un produttore… Verrà presentata il 14 novembre alle 17 al Circolo dei Lettori.

3 pensieri su “Medusa, un dramma subacqueo nel docu-film di Fredo Valla

  1. Questo é il classico esempio di
    pezzo icredibile non commentato, ma non per questo, spero, non letto.
    Lo spero perché oltre alla lettura ( io sono un fans della
    scrittura ferrigno alpino di Grande )c’é la possibilitá di guardare un video pieno di epica, splendido reportage di uno scrittore che va alla ricerca di nomi e tracce tra castelli in rovina e giovani ereditieri spaventati e polvere e camion e testimonianze e scalate e vecchi impresari, nel senso vero, che hanno fatto imprese, quelle vere,
    sulle montagne tibetane.
    Grazie Carlo.

    Mi piace

  2. Mio nonno nacque nel 1912 nel paese delle Alpi Giulie HEIDENSCHAFT, che a quell’epoca apparteneva all’Impero d’Austria. Mia madre nacque in quello stesso paese nel 1941, quando era Italiano con il nome di AIDUSSINA. Dal 1947 quel paese divenne Iugoslavo e dal 1991 è in Slovenia con il nome di AJDOVŠČINA. Orrori, crimini, lutti ed un mucchio di mutazioni di confine attraversarono quel paese nel Ventesimo secolo, ma dal 2007 si può andare in quel paese sia dall’Austria che dall’Italia senza ostacoli doganali, perché la Slovenia è entrata nell’Unione Europea e nello “Spazio Schengen”.
    Sarebbe bello se un giorno tutte le storie delle frontiere potessero finire come questa.

    Mi piace

  3. Ringrazio di cuore per il commento sul mio libro ospiti. Per completare l’argomento, qualora non Le fosse noto, segnalo il sito http://www.edit.hr dell’unico quotidiano in lingua italiana che attualmente esce in Croazia e Slovenia (stampato a Fiume). Solo consultando l’ultima edizione de “La Voce del Popolo” è possibile toccare il polso delle questioni e delle problematiche della minoranza italiana che ancora vive in Istria.
    Buone feste!
    P.S. Il mio sito è anche in lingua Estone in onore della mia donna, una delle poche superstiti del naufragio della motonave “Estonia” nel 1994 ed unica Estone, attualmente, residente in Provincia di Mantova.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...