Vendere

da qui

Il mercato è ambiguo per principio. La sua funzione non è la trasparenza, la presa di posizione coraggiosa, la decisione chiara. Tutto ciò può essere un ostacolo, un ritardo; peggio, un motivo di rifiuto. Ciò che deve passare è la curiosità insaziabile, l’attrazione subdola, il piacere perverso, sadismo e masochismo. Il mercato non deve educare, formare, liberare. Il mercato deve vendere.

5 pensieri su “Vendere

  1. trovo che la capèacità di capire e discernere non conosca la soglia tra lecito e non lecito.Offrire queste opportunità di baloccarsi a nolte menti si può solo definire istigazione e insegnamento. La guerra, ai ragazzi che l’hanno vissuta, ha portato al carattere delle deformazioni che hanno manomesso la salute psicoemotiva di quei ragazzi, pwerchè produrre documenti del genere? Sono contraria.f

    Mi piace

  2. il mercato non è luogo di riflessione etica (purtroppo) ma solo di numeri e vendite come dici bene tu, fabry, e non fa che porre il dito in una piaga ancora non sanata ( e chissà se sanabile, speriamo di sì)che proprio per questo suo sanguinare fa vendere di più.

    ciao!

    claudia

    Mi piace

  3. C’è un bellissimo racconto di Tomaso Landolfi, che da anche, giustamente, il titolo alla raccolta pubblicata; “Il Gioco della Torre”.
    Questo gioco è evidentemente stato inventato dal demonio, consiste nel mettere la persona di fronte a due scelte senza alternative, questo succede nella storia narrata, fra amici ad una donna viene posto il quesito, se tu fossi su una torre altissima e dovessi scegliere quale dei tuoi due figli gettare, quale sceglieresti?
    Apparentemente è una cretinata; non esiste la torre e non si da la possibilità che questo succeda, ma la donna si accascia e scoppia a piangere, odia i suoi amici, perchè prima amava i suoi figli in egual misura, ora invece la scelta l’aveva fatta.
    Questi giochi sono sviluppi dello stesso principio binario, inseriscono solo il fattore di intensità, probabilmente, (vogliamo pensare), nessuno dei partecipanti picchierebbe una donna fino a ridurla in quello stato, ma dopo averlo fatto virtualmente qualcosa dentro di loro è cambiato.
    C’è la possibilità di ricostruire quell’innocenza che interiormente si è dissolta?
    Forse introducendo una variante al gioco della torre; puoi buttarti tu, per salvarli entrambi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.