I giorni dell’odio. Aggrediti perché leggono Il Fatto

I giorni dell’odio
Aggrediti perché leggono Il Fatto

Vorrei segnalare quello che mi è accaduto questa mattina. Mentre andavo nella biblioteca pubblica con i miei amici ci siamo fermati all’edicola per acquistare il Fatto Quotidiano.
Appena l’ho chiesto l’edicolante ha fatto una battuta sostenendo che è un giornale comunista e via dicendo. Sicuramente non andrò più in quell’edicola, ma la cosa grave e un’altra: aspettando l’apertura della biblioteca siamo stati avvicinati da un gruppetto di sette ragazzi delle superiori che hanno iniziato ad apostrofarci con insulti. Poi spinte e un calcio. Oltre a me e al mio amico, con noi c’erano anche tre ragazze. Il tutto è successo nell’indifferenza della piazza dove si tiene il mercato cittadino. Fortunatamente è intervenuta una volante della polizia e di comune accordo abbiamo deciso di non sporgere denuncia per far capire a quei ragazzi che esiste un altro modo i affrontare le cose.
Mi domando come sia possibile che alcuni politici istighino alla violenza in modo così impunito. Ma soprattutto mi domando quanti pochi punti di riferimento abbiano questi ragazzi visto che si sfogano in modi così estremi.

Con ammirazione e fiducia.
Christian Sabbatini, Foligno

Lettera pubblicata sulla prima pagina de il Fatto Quotidiano sabato 19 dicembre 2009.

18 pensieri su “I giorni dell’odio. Aggrediti perché leggono Il Fatto

  1. Ringrazio Nadia per aver pubblicato la lettera di Christian Sabbatini. In questi giorni di abuso delle parole odio e amore mi sono spesso venuti alla mente alcuni passaggi di una nota canzone di Elio e le storie tese (versione nuovi Alphaville)

    Nel leggere dell’edicolante, dei sette ragazzi e dell’indifferenza della piazza del mercato cittadino mi è scomparso, confesso, il sorriso. Mi chiedo quali siano i linguaggi da usare, quando la civiltà, l’ironia, il dialogo, l’ascolto non riescono a scalfire i muri di manganello ottuso.

    "Mi piace"

  2. non si fa altro che parlare di clima di odio. io ho visto-sentito soltanto, in questi ultimi quindici anni, un tentativo all’acqua di rose della sinistra di opporsi a berlusconi e al berlusconismo, qualche giornalista, travaglio in testa, dire un po’ di verità scomode. non ho visto-sentito niente di quello che berlusconi non fa che ripetere. siccome basta insistere un po’ su un tema falso perché diventi vero, succederà che il clima di odio, come ci dice questo episodio, si produrrà sul serio. e allora, che dio ci salvi. ho visto-sentito in compenso feltri per troppi anni, ferrara, che tutti si sbracciano a definire acuto, intelligente (?), dire un mucchio di enormità con linguaggio terroristico. a questo proposito ultimamente non faccio che ricordare mio padre, democristiano di ferro, classe 1910, un abisso di anni e di mentalità tra me e lui, dirmi queste sole due cose:
    1)i fascisti, quando non sapevano che dire, ti tappavano la bocca aggredendoti a male parole, insultandoti, dicendoti, se per esempio avevi un fratello disabile a casa, “taci che c’hai un fratello scemo”, poi passavano alle mani.
    2) poco prima di morire, elezioni del 1996: puoi portarmi ai seggi oppure far venire i vigili a casa? – e dai, papà!!! –
    no, no ci tengo. lo sai che sono sempre stato anticomunista, ma sono stato soprattutto antifascista. e questo qui mi ricorda tanto il clima che c’era allora. può darsi che mi sbagli, ma non vedo uscire niente di buono da tutte queste bugie.

    "Mi piace"

  3. @ Anna Maria e a Lucy

    Ho pubblicato questa lettera dopo averla letta su Il Fatto perchè mi ha colpito il comportamento di Christian Sabbatini. Nessun rancore, nessuna parola di odio e piuttosto un ragionare e cercare di capire, o almeno di farsi domande:
    “Ma soprattutto mi domando quanti pochi punti di riferimento abbiano questi ragazzi…”.

    Dobbiamo ricordare che non è che se uno si comporta male a 16, 17, 18 anni è perduto per sempre. I/le Ragazzi/e bisogna incontrarli, avere il coraggio di parlarci e prima ancora di ascoltarli.
    Chi pensa le cose e le persone immodificabili più che in politica perde in umanità.

    Dico cose ovvie.

    "Mi piace"

  4. Annichilito anch’io, Nadia.

    E non ti dico quante notizie oggi sui giornali, di quelle che dovrebbero ripugnare al senso comune: i danni del maltempo (ma non è per lo scempio del territorio?); una brasiliana suicida al “Centro di identificazione ed espulsione” di via Corelli (c’entra qualcosa l’odio, razziale in questo caso?); precari che passano le feste sui tetti dei luoghi di lavoro; le previsioni economiche di Federconsumatori e Adusbef: tra aumenti e nuovi balzelli il 2010 sarà un anno nero; come passano il Natale a L’Aquila; scambiata per una “attentatrice” una persona che, dichiara, voleva solo salutare Benedetto XVI…

    Come dice Lucy, occorrerebbe che chi ha la possibilità di un ascolto ampio facesse sentire forte la sua voce. Chi più può, più ha responsabilità

    "Mi piace"

  5. Bene, io sono abbonato al Fatto. nel 68′ quando leggevo il Manifesto era la stessa cosa (rischiavamo il linciaggio ogni volta che lo sventolavamo…, ma era un’altra storia. 🙂

    "Mi piace"

  6. beh, una certa irritazione la provo se qualcuno ha in tasca il giornale o libero o la padania! :DDD
    e non darei affatto la vita per quei cotali purché potessero esprimere la loro opinione! perché non sono opinioni: che morirei affà?

    "Mi piace"

  7. Bè il partito dell’amore convincerà anche quei “giovani (camerati) che sbagliano”… L’amore stravince su tutto. Sopratutto sulla critica. E’ un atto d’amore, spassionato, puro, comunitario e democratico, quello che porterà in ogni scuola italiana il calendario “artistico” 2010 della polizia di stato, avvicinando così i giovani al mondo dei poliziotti. A Foligno lo prendono già d’esempio.

    "Mi piace"

  8. Berlusconi scrive al Papa «Siamo portatori di pace»
    Il presidente del Consiglio: «I valori cristiani guidano l’azione del governo» Stop al clima di odio: «Chi pratica la violenza nega l’insegnamento di Cristo» Nella missiva uno il concetto chiave: «Chi pratica la violenza fisica o verbale nega l’insegnamento di Cristo». Dal Vaticano fanno sapere di aver gradito la lettera del presidente del Consiglio: «Gli auguri fanno sempre piacere». Nella lettera inviata al Papa Berlusconi rassicura il Vaticano sul fatto che nel governo i «valori cristiani sono sempre presenti» Il Tempo

    anche l’indissolubilità del matrimonio? l’osservanza dei comandamenti cinque sei sette? non giudicare se non vuoi esere giudicato. ok. però dio doveva farmi cieca e pure sorda.

    "Mi piace"

  9. ci vorrebbe un partito che dichiarasse le sue vere intenzioni e le realizzasse, previa accettazione del parlamento, che ne dovrebbe riscontrare l’opportunità per il bene comune.
    se si presenta alle elezioni, lo voto subito.

    "Mi piace"

  10. Esemplare, per civiltà, il comportamento di Sabbatini.

    Concordo, Lucy.

    Condivido anche le parole di Nadia: “Dobbiamo ricordare che non è che se uno si comporta male a 16, 17, 18 anni è perduto per sempre. I/le Ragazzi/e bisogna incontrarli, avere il coraggio di parlarci e prima ancora di ascoltarli.
    Chi pensa le cose e le persone immodificabili più che in politica perde in umanità.”

    Giovanni

    "Mi piace"

  11. Io credo che dovremmo un po’ tutti attenuare quegli istinti reattivi che ci portano a condannare chi non la pensa come noi: che legga Il Fatto, Il Manifesto, Il Secolo, o Il Giornale.

    Persone violente, iraconde, colme di rabbia e odio, ci sono in ogni fazione politica, in ogni religione, in ogni squadra di calcio.
    Non è un problema politico, in realtà, ma psichico e spirituale.
    Noi scateniamo sempre la nostra rabbia contro qualche nemico, perché siamo pieni di rabbia, rabbia molto antica, primitiva direi, primordiale.

    Credo che abbiamo bisogno perciò di un approfondimento psicologico e spirituale dei comportamennti aggressivi.
    Solo questo approfondimento ci porterà per davvero fuori del 900: un secolo in cui ci si è massacrati per contrapposizioni ideali.

    Chi coltiva la pace dentro di sé, nella fatica quotidiana, molto difficilmente odierà o disprezzerà qualcuno.
    L’odio e il disprezzo nascono sempre infatti da una sofferenza in gran parte nostra, da un nostro malessere, da una nostra scissione interiore.

    Lavorando all’unificazione personale impariamo a sostenere la giustizia senza violenza, e a combattere il male senza duplicarlo col nostro odio.

    Questa è la rivoluzione alle porte: la vera e definitiva rivoluzione di questo mondo.

    Auguri affettuosi.

    Marco Guzzi

    "Mi piace"

  12. Scusa Marco ma io, più semplicemente, senza denunciare il Novecento, perché quello che si è aperto non è un secolo migliore (vedi Z.Bauman)mi limiterei a gridare forte “aridatece Cicciolina” di partito dell’amore ce n’è uno solo…

    "Mi piace"

  13. L’unica cosa che apprezzo e ammiro ma non condivido è la decisione di non sporgere denuncia. Una querela di parte, che io sappia, si può sempre ritirare, ma quei giovanotti almeno una lezioncina consistente in un piccolo spavento dovevano pur averla.
    Fino all’ultimo, in poche parole,
    dobbiamo comportarci “come se” vivessimo in un paese normale;
    salvo ricrederci di fronte all’assoluta evidenza contraria, e trarne le moderate e legittime conseguenze.
    Un saluto festivo ma ahinoi poco festoso,
    Roberto

    "Mi piace"

  14. Non è una novità sentir parlare di partito dell’odio :Musssolini e Hitler lo citarono spesso,dicendo di essere le vittime di complotti di ebrei, di comunisti,di poteri forti. Poi abbiamo visto da che parte stava l’odio. Certamente l’aggressività è una componente storica delle destre.La gioventù di destra si sta organizzando,come riferisce un’inchiesta pubblicata dal venerdì di Repubblica, in modo preoccupante.Che cosa si può fare? Concretamente non saprei. Certamente non tacere.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.