Gli occhi d’oro delle volpi. Di Nadia Agustoni

(Volpe)

Gli occhi d’oro delle volpi
di Nadia Agustoni

Le volpi hanno gli occhi d’oro e il mondo intorno a loro è d’oro e a loro sembra sempre che la notte cada lontano e che tutto brilli perché è sempre nuovo. Le volpi, anche se nessuno ci crede, sono animali sbadati e danno la caccia alle galline perché vedono miraggi non galline e non vedono uova, ma piccoli soli. Ci sono certi bambini poveri che hanno gli occhi delle volpi, ma non sono parenti. Sono bambini senza casa e i loro occhi sono gialli più che oro perchè hanno fame. La fame è un animale fantasma che gli entra nel corpo e li fa parlare a vuoto e il vuoto li fa diventare muti. Così molti credono che i bambini poveri sono degli stupidi mentre sono soltanto poveri. Nascere poveri su questo pianeta, che pure è tanto verde rispetto alle galassie, è molto comune. Si nasce bambini e si è poveri. Me lo ha spiegato uno di loro: “ nasciamo e le nostre mamme sono povere e muoiono dopo un po’ e noi diventiamo subito bambini poveri o molto poveri e ci crescono gli occhi, crescono, crescono e sembrano palloncini in volo”. Molti pensano che sulla terra volpi e bambini si somiglino e non siano tanto buoni. Invece non è così, tutti sono buoni meno la gente cattiva che non è né volpe né bambino povero. La gente cattiva mangia troppo e dopo sta male e allora non gli crescono gli occhi, ma gli cresce lo stomaco perchè questa cricca vuole ogni cosa per sé e ingurgita tutto quanto e anche di più, fino a che arriva la morte e la morte è morte e basta.

Adesso sono stanco di parlare di volpi e bambini poveri e salto dal tetto fino a un grande albero e lì costruisco una fionda e nella fionda metto bulbi di fiori e voglio tempestare i prati con questi bulbi per colorarli e far sorridere volpi e bambini e anche le formiche che dividono le briciole con le altre formiche e non litigano. Un giorno, non so quando, scenderò dai tetti e andrò in giro, solo soletto, a cantare il canto delle formiche. Se qualcuno calpesta le formiche e pensa che sia normale, impari a guardarsi i piedi. I nostri piedi sono sbadati pure loro e vorrebbero diventare ali, ma noi non crediamo nel volo, camminiamo perché ci pare meglio. Sappiate però che questo è uno sbaglio terribile. L’arte del volo è l’arte di vivere sui tetti. Sui tetti, senza volerlo, si impara a parlare con gli angeli, con i briganti, con le civette e i gufi e a volte con le persone che camminano. Pensano di essere in gamba e di fare chissà cosa, in verità troppe volte usano i piedi per schiacciare i pedali di certe macchine che non voleranno mai perché non sono aeroplani, sono macchine strane che vanno solo avanti e indietro e fanno le curve, ogni giorno come trottole, senza alcun significato. Io che vivo solo sui tetti inventerò prima o poi una macchina volante, diventerò un bambino stellare, toccherò le galassie lontane e parlerò con tutti gli animali della terra facendo “cip cip, qua qua, bèèèèèè…”, perché è così che l’arca di Noè si è salvata: portandosi via i suoni.

8 pensieri su “Gli occhi d’oro delle volpi. Di Nadia Agustoni

  1. Ciao, bella Nadia, e coraggiosa!
    Che queste volpacchiotte ti salvino (Esenin girava con un volpacchiotto “celato sotto al petto”.. che era il suo cuore in amore)

    Maria Pia Q

    "Mi piace"

  2. Mi piacerebbe trovare un nome al futuro bambino stellare, l’acchiappasuoni sui tetti, che abbraccia con lo sguardo, coglie la lingua e l’essenza di volpi e bambini poveri, che hanno gli stessi occhi d’oro senza essere parenti. Ti ringrazio, Nadia, perché dai ali alla riflessione, e non è facile.

    "Mi piace"

  3. Questo bambino ogni volta che lo incontro mi stupisce un pò.
    Si ok è un pò stellare di suo, un’immagine.

    Vi ringrazio Maria Pia e Anna Maria e buona giornata.

    "Mi piace"

  4. Sai raccontare la realtà, anche la più triste, come fosse una fiaba.
    Speriamo che dal tetto, il bambino stellare, possa scorgere nuovi orizzonti per allontanare dai suoi occhi lo specchio della fame…di tutta la fame…di tutti i bimbi.

    un carissimo abbraccio
    jolanda

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.