Vivalascuola. Integrazione al 30%

Gli alunni figli di genitori stranieri frequentanti le scuole italiane, nell’anno scolastico 2008/09, sono 628.937 su un totale di 8.943.796 iscritti (7%). L’aumento annuale è stato di 54.800 unità (circa il 10%); l’incidenza più elevata si registra nelle scuole elementari (8,3%). Di questi 1 ogni 6 è rumeno, 1 ogni 7 albanese e 1 ogni 8 marocchino, ma si rileva di fatto una gran varietà di nazionalità. Molti alunni stranieri sono tali solo all’anagrafe, essendo in buona parte nati in Italia e vissuti per tutta la vita con coetanei italiani: per costoro la lingua non è un problema. Quasi 4 su 10 (37%) sono nati in Italia, mentre la percentuale è di 7 su 10 (71,2%) nella scuola dell’infanzia. (da qui)

Che cosa dice veramente?
Analisi della CM “Indicazioni e raccomandazioni per l’integrazione di alunni con cittadinanza non italiana”

di Daniela Bertocchi

La circolare Gelmini sulle “quote” (C.M. n. 2, dell’8/1/2010, della Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica, a firma del Direttore Generale, Mario G. Dutto), ha immediatamente suscitato prese di posizione diverse, anzi opposte, puntualmente riportate sulla stampa già il 9 gennaio, il giorno successivo alla pubblicazione della circolare stessa.

Si è subito andati da accuse pesanti di razzismo, di ghettizzazione (un titolo per tutti: “Scuole chiuse” per immigrati, da Il Fatto Quotidiano, 9 gennaio) ai plausi scontati della Lega e dei suoi organi di stampa, che ha affermato di vedere in questo provvedimento la realizzazione della proposta Cota sulle classi ponte (e la Repubblica del 10 gennaio, nelle pagine di Milano, riporta l’affermazione dei Giovani padani: “Ora è chiaro che la scuola non deve essere multiculturale, ma legata alla nostra identità”).

Quello che non è stato fatto è di riferire esattamente che cosa dice la famosa, o famigerata, CM: si tratta di un documento articolato e complesso, di 9 pagine, che va letto con attenzione e senza pregiudizi ideologici, in un senso o nell’altro. Ne rendiamo conto qui, procedendo, anche se sinteticamente, paragrafo per paragrafo.

1. Si parte dall’analisi della situazione attuale, ormai strutturale, di una forte presenza nelle scuole “di alunni di diversa provenienza sociale, culturale, etnica,e con differenti capacità ed esperienze di apprendimento”. Questa varietà impone l’adozione di metodologie e strumenti adeguati e il superamento delle tecniche educative tradizionali. Per garantire “effettive condizioni di parità e di generalizzata e piena fruizione del diritto allo studio” è necessario “l’orientamento del flusso delle iscrizioni”e l’adozione “di criteri di equa distribuzione della popolazione scolastica”.

2. Le classi formate da alunni con livelli di scolarizzazione fortemente disomogenei sono a rischio di parziale o totale insuccesso formativo. Le criticità che comporta un’elevata percentuale di alunni non italiani in una classe consistono in: alti tassi di dispersione e ritardi degli alunni migranti; scarsa conoscenza della lingua italiana, comunque non adeguata come strumento di studio; necessità di prevedere moduli di apprendimento differenziati; presenze di culture diverse e loro impatto sulla cultura italiana. Per risolvere queste criticità è necessario prevedere una strategia di concertazione che coinvolga Enti locali, Prefetture, USR, scuole.

3. E’ dunque necessario “programmare il flusso delle iscrizioni, fissando dei limiti massimi di presenza nelle singole classi di studenti stranieri con ridotta conoscenza della lingua italiana”. In sintesi, in ogni classe la percentuale di questi studenti stranieri non potrà superare il 30%, percentuale che può essere aumentata o ridotta dal Direttore generale dell’USR, in presenza di particolari condizioni. Più avanti nel testo si precisa quali siano queste condizioni:
Alunni stranieri nati in Italia, con adeguata competenza linguistica
Particolari strutture di supporto o scuole che abbiano consolidate esperienze di provato successo formativo
Ragioni di continuità didattica, ad esempio in Istituti Comprensivi
– “Stati di necessità provocati dall’oggettiva assenza di soluzioni alternative”.
Questo limite del 30% entra in vigore dal prossimo anno scolastico per le prime classi di ogni ordine e grado (compresa la scuola dell’infanzia).

4. Gli USR dovranno quindi giungere a veri e propri “patti territoriali” che coinvolgano tutti gli attori istituzionali interessati, realizzando intese fra Amministrazione scolastica, Prefetture, Province, Comuni, USP, scuole, anche modificando l’attuale bacino d’utenza di alcune scuole; sensibilizzare le scuole paritarie rispetto all’accoglienza di studenti stranieri; provvedere azioni di orientamento per studenti e genitori, in particolare nel passaggio da un grado di scuola all’altro; finalizzare risorse disponibili a servizi quali quelli dei mediatori culturali.

Le scuole da parte loro devono realizzare accordi di rete, che prevedano anche l’impiego in comune di risorse professionali e strumentali.

In via ordinaria gli alunni stranieri saranno iscritti alla classe corrispondente alla loro età anagrafica, ma possono essere anche assegnati a classi diverse sulla base di criteri definiti dal Collegio docenti e attraverso la verifica delle competenze linguistiche in ingresso.

Le scuole dovranno prevedere dal prossimo anno iniziative di alfabetizzazione linguistica (con le risorse della legge 440/97), con attivazione di laboratori linguistici e percorsi personalizzati di lingua italiana, utilizzo della quota di flessibilità del 20% per l’alfabetizzazione/recupero/potenziamento della lingua italiana, anche utilizzando risorse di rete. Per gli stranieri neoarrivati si potrà prevedere un periodo dedicato alla familiarizzazione con la lingua italiana e anche la frequenza a corsi propedeutici nei mesi di giugno, luglio, inizio settembre. Per l’alfabetizzazione si potranno anche utilizzare, nella scuola secondaria di 1° grado, le due ore destinate all’insegnamento della seconda lingua comunitaria.

5. Infine, viene indicato il ruolo delle scuole polo, della task force regionale e del gruppo nazionale di lavoro.

Gli aspetti “indolori” e quelli “pericolosi” della CM
Va subito detto che la CM è per molti aspetti ambigua, come spesso avviene nei provvedimenti Gelmini: infatti, se da una parte, nel suo stesso titolo, il fine precipuo dichiarato è quello di una migliore integrazione e inclusione degli studenti stranieri, d’altra parte risulta evidente che la prima finalità è quella di mettere precisi paletti, di segnare precisi confini per l’inserimento di questi studenti.

In effetti il “pericolo” più grave della CM sta nel “non detto”: non si dice mai che il plurilinguismo e la pluri/interculturalità in una classe sono aspetti positivi, che addirittura migliorano l’andamento complessivo della classe stessa (o meglio, vi si accenna in una nota di una riga e mezzo in corpo microscopico), ma gli studenti “stranieri” sono sempre associati a termini come “problematicità”, “criticità”, “incidenza negativa”, “insuccesso scolastico”, ecc. ecc. Non si tratta quindi di descrivere e anche “normare” una situazione che ha luci e ombre, ma di risolvere un problema: quello degli studenti stranieri, che finisce inevitabilmente “per riverberarsi sul complessivo processo di apprendimento della intera classe in cui essi si trovano inseriti”.

Peraltro, anche il livello di “normatività” della CM (e quindi del rispetto dell’autonomia delle scuole) è ambiguo: se nel titolo si parla di “indicazioni e raccomandazioni” e se nel primo paragrafo si parla di “orientamento dei flussi delle iscrizioni”, nel terzo paragrafo si afferma che “è necessario programmare il flusso delle iscrizioni” e “fissare dei limiti massimi di presenza nelle singole classi di studenti stranieri”, il che è diverso da orientare. E la deroga a questi limiti è affidata non alla scuola autonoma, ma solo al Direttore generale dell’USR.

Perfino gli elementi più positivi della CM, come l’affermazione che in classi eterogenee è necessario adottare una metodologia innovativa, sono lasciate cadere, senza nessuna ripresa. Eppure la professionalità del docente, lo sappiamo anche dalle ricerche internazionali, è il singolo fattore maggiormente incidente sul successo formativo.

Un altro elemento, ricordato solo in nota e non sviluppato, è il seguente: “Non va trascurato il diverso approccio con cui non pochi studenti stranieri si accostano allo studio, avvertito da essi come un’occasione di crescita sociale ben più di quanto accada oggi, a differenza di ieri, in fasce notevoli delle giovani generazioni.” Significa che forse che i “nostri” studenti potrebbero utilmente imparare qualcosa, come valori e atteggiamenti, dai loro compagni stranieri? Sembra di sì, e se è così, perché non sviluppare meglio questo aspetto?

E veniamo all’ultimo punto, forse il più importante: tutto il discorso della “parità di opportunità” offerte agli studenti stranieri cade, se non si realizzano concretamente le “iniziative di alfabetizzazione linguistica” specificamente previste al paragrafo 3d. Le indicazioni date in questo paragrafo in molti punti riprendono peraltro, correttamente, buone pratiche già esercitate e diffuse proprio nei territori a più alto tasso di immigrazione, come ad esempio la Lombardia. Il problema, come immediatamente notano le “persone di scuola” (facciamo qui riferimento a una serie di articoli pubblicati nei giorni scorsi su Scuola Oggi, in particolare quelli a firma di Rita Garlaschelli; Fiorella Farinelli; Elio Bettinelli e Gianni Gandola) è che i laboratori linguistici e i percorsi personalizzati richiedono risorse, sia finanziarie sia umane. La CM formula proposte oggettivamente contraddittorie con i tagli di personale, la scomparsa delle compresenze (che permettevano davvero percorsi personalizzati) e la diminuzione di mediatori culturali e di facilitatori. Anche la citata legge 440 è definita da Tecnica della Scuola “un pozzo di san Patrizio puramente virtuale (per il 2009 una scuola di medie dimensioni riceverà meno di 5mila euro, mentre per il 2010 è prevista una decurtazione del 15-20%)”.

Come giustamente notano Bettinelli e Gandola, a proposito della Provincia di Milano, “il problema è che da 700 docenti alfabetizzatori (tanti erano una decina di anni fa i docenti assegnati alla dotazione dell’organico aggiuntivo della sola provincia di Milano nelle scuole statali dall’elementare alle superiori) il loro numero si è ridotto progressivamente nel corso del tempo prima a 500 posti, poi a 240, poi a 115 fino ad un numero oscillante tra i 90 e i 100 negli ultimi anni. Tutto questo a fronte di un aumento esponenziale ed inversamente proporzionale di alunni stranieri!

Verrebbe da dire, anche se la frase non è certo elegante, che ancora una volta il Ministro Gelmini ci propone di “fare le nozze con i fichi secchi”.

Sembra opportuno, a questo proposito, senza voler fare dell’ideologia, citare alcuni punti dell’interpellanza urgente presentata il 12 gennaio da Parlamentari del PD, in cui si chiede al Ministro, tra le altre cose, che cosa il MIUR intenda fare per:

a) “considerati gli ingenti tagli operati alla scuola nell’ambito della manovra di cui al decreto-legge n. 112 del 2008, sostenere concretamente le scuole italiane e gli insegnanti con finanziamenti straordinari per corsi di lingua e cultura italiana;
[…]

c) finalizzare in modo puntuale gli interventi di formazione in servizio degli insegnanti, anche in ragione della necessità di una formazione mirata alle «metodologie di intervento e alle misure organizzative e didattiche di sostegno all’integrazione», e chiarire quali siano le risorse previste e da dove verranno attinte;

d) sostenere concretamente, e attraverso quali risorse economiche e di conoscenza, le istituzioni scolastiche autonome nell’attivare moduli intensivi, laboratori linguistici, percorsi personalizzati di lingua italiana per gruppi di livello sia in orario curricolare (anche in ore di insegnamento di altre discipline) sia in corsi pomeridiani realizzati grazie all’arricchimento dell’offerta formativa, nonché la possibilità per gli allievi stranieri di frequentare un corso intensivo propedeutico all’ingresso nella classe di pertinenza anche in periodi (giugno/luglio/inizio settembre) in cui non si tiene la normale attività scolastica previsti dalla circolare;

e) chiarire quale sia il progetto strategico complessivo del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca per gli alunni immigrati entro cui si colloca la circolare 2/2010 e se nella sua stesura si sia tenuto conto della formazione dei docenti all’insegnamento dell’italiano come seconda lingua promosso dal Ministro Moratti che aveva coinvolto un migliaio di docenti, nonché se si sia tenuto conto del progetto di insegnamento dell’L2 varato all’inizio del 2008 e dei percorsi di eccellenza messi in atto dalle istituzioni scolastiche spesso in rete con comuni, province, università e privato sociale.”

Qualche conclusione… dalla parte degli italiani di oggi, e di quelli di domani
Di per sé, non c’è nulla di scandaloso, e mi pare neppure di particolarmente razzista, nel cercare di governare il flusso delle iscrizioni degli studenti stranieri, in modo da ottenere classi più equilibrate dal punto di vista delle competenze linguistiche. Bisogna pur dire che se molti di noi hanno vigorosamente rifiutato le classi ponte, è stato anche sulla base del principio glottodidattico per cui la lingua si apprende nell’interazione e nello scambio con i pari. Ma se in una classe l’85% dei bambini o dei ragazzi non è italofono, con chi questi studenti interagiranno in italiano? Un italiano sufficientemente “autentico” e “ricco”, non ridotto a una pura lingua franca di scambio tra rumeni e cinesi, ecuadoregni e marocchini?

Ma va detto che la scelta diventa pericolosa e “razzista” se gli studenti e le studentesse di altra lingua e cultura verranno lasciati ancora una volta soli e sole (come avviene oggi soprattutto nella scuola secondaria di 2° grado) di fronte ad una didattica trasmissiva, di cui essi possono essere solo frustrati spettatori. In altri termini la scelta voluta dal Ministro ha un senso se si traduce in azioni concrete di accoglienza, riconoscimento, alfabetizzazione, inclusione, sviluppo della persona e successo formativo, azioni che, lo abbiamo già detto, necessitano di risorse, oltre che di buona volontà da parte di tutti, italiani e non. Ne ha un altro, opposto, se si tratta di togliere di mezzo, o comunque limitare, un elemento di fastidio, che “rallenta i ritmi dello svolgimento del programma” e permette al docente di continuare a stare seduto in cattedra, a interrogare, a seguire il libro di testo come unico strumento.

Ancora: sappiamo tutti che ci sono scuole che accettano, anzi accolgono nel vero senso della parola, i ragazzi stranieri e, ancora prima, i loro genitori fin dal momento dell’iscrizione; altre che, con pretesti di vario tipo, fanno di tutto per evitare l’iscrizione di studenti non italiani. Spesso queste scuole si trovano nella stessa zona, magari fianco a fianco. La razionalizzazione del flusso delle iscrizioni in questi casi è non solo accettabile, ma doverosa.

Però non dovrà mai succedere che un padre o una madre, che cercano di iscrivere i propri figli, vengano rimandati da una scuola all’altra, “perché qui, signora, ci sono troppi stranieri! Legge dice 30%, noi già troppi”. Il diritto dei minori all’istruzione è un diritto inalienabile, oltre ad essere una grande occasione non solo per il migrante, ma anche per il paese che l’accoglie e che ha tutto l’interesse che i suoi cittadini di domani siano ben alfabetizzati e istruiti.

Il vero problema non è, se non in casi eccezionali, il “tetto”: Rita Garlaschelli, che di scuola si intende, dice che nella Provincia di Milano i casi di scuole/classi con più del 30% di stranieri si contano probabilmente sulle dita di una mano (ma anche se pochi, questi casi andranno presi in considerazione e risolti con buonsenso e flessibilità).

Il vero problema è quello di capire se questa CM contribuirà a far sì che la scuola formi meglio e in modo più equo i cittadini, gli Italiani di oggi e quelli di domani. O sarà un pretesto di cui farsi scudo perché tutto resti allo status quo o addirittura ci siano arretramenti.

Una scuola sempre più povera, sempre più precaria, con insegnanti a volte eccezionali, ma comunque poco formati istituzionalmente e socialmente poco considerati, è una scuola che rischia di chiudersi su se stessa, di ritornare ai buoni vecchi tempi quando tutti sapevano l’italiano (assolutamente falso”! Nei “buoni vecchi tempi” degli anni Sessanta e Settanta la maggior parte dei ragazzi parlava in dialetto, e non certo in un dialetto locale, almeno al Nord) e il professore era il professore. Insomma, una scuola noiosa, vecchia, strapaesana, chiusa e autoreferenziale: una scuola che non vogliamo.

* * *

Alcuni dati

Quanti sono gli stranieri in Italia
Gli italiani hanno la percezione che gli immigrati siano il 23% della popolazione residente, ovvero pensano che gli stranieri presenti siano quasi quattro volte quelli che risiedono realmente in Italia (il rapporto più alto di tutto l’Occidente). In realtà le cose stanno diversamente.

Percentuale di stranieri nei Paesi UE (2008)
EU27 6,2%
EU25 6,6%
EU15 8,9%
Irlanda 12,6%
Spagna 11,6%
Austria 10,2%
Germania 8,8%
Gran Bretagna 6,6%
Italia 5,8%
Francia 5,7%
(Fonte: Transatlantic Trends Immigration 2009)

Un prontuario per correggere falsità e luoghi comuni qui.

E forse non tutti sanno che gli stranieri in Italia sono superati dagli italiani all’estero? Vedi qui.

* * *

A elementari e medie, più promossi con stranieri in classe
Secondo il ministro Mariastella Gelmini il tetto del 30% al numero di alunni stranieri per classe è introdotto, a partire dal prossimo anno scolastico, “Non certo per un problema di razzismo ma per un problema soprattutto didattico”. Eppure un documento elaborato nel 2005 dal ministero dell’Istruzione ai tempi di Letizia Moratti affermava che l’aumento della percentuale degli studenti stranieri in classe non incideva sul tasso di promozione. Anzi la presenza di alunni stranieri nelle scuole italiane migliora anche i risultati degli alunni italiani.
(vedi qui)

E se scoprissimo che sono più avanti di noi?
di Simonetta Fiori

Per un momento accantoniamo retoriche xenofobe e piagnistei sulle derive della società multietnica. Basta scorrere una recente inchiesta della casa editrice Il Mulino (Nuovi italiani) per spazzare via un intero dizionario di luoghi comuni, un’enciclopedia di pregiudizi consolidati.
(continua qui)

Una risposta burocratica demagogica e pericolosa
di Marina Boscaino

… Gli alunni dell’est asiatico sono molto bravi in matematica; quelli rumeni raggiungono risultati migliori dei compagni italiani. Ma poco importa. Alla base di qualsiasi valutazione di principio dovrebbe esserci la considerazione di due delle funzione principali della scuola: quella di licenziare cittadini consapevoli, favorendo un’emancipazione positiva dalle condizioni di partenza. Vista da questo punto di vista, la questione renderebbe la scuola il luogo deputato per esercitare l’integrazione, per favorire un modello duplicabile, replicabile nel fuori, nella società: un modello di società effettivamente multietnica.

Gelmini, come in molti altri casi, fornisce risposte burocratiche a situazioni di complessità estrema. Usando il segno meno, là dove la risposta dovrebbe essere il più: più fondi, più integrazione, più mediazione, più cittadinanza per ragazzi che vengono da culture altre, spesso da situazioni socioeconomiche difficili…

… La politica scolastica di Gelmini è perfettamente integrata con il clima di accoglimento di parole come “ordine” e “sicurezza” che – manipolate a dovere – rispondono a bisogni elementari di una parte della nostra società, banalizzando e decomplessificando fenomeni di portata notevole.
(continua qui)

* * *

Una nota del Ministero qui e un volantino di retescuole qui.

Il 30% è un numero che in alcuni casi è inutile, in altri inapplicabile
* la gran parte dei Paesi e delle Città italiane non ha un problema del genere in quanto o ha pochi stranieri residenti oppure ha strutture ricettive con numeri che permettono una distribuzione equa degli stranieri delle classi;
* alcuni quartieri in alcune città italiane invece sono abitati quasi solo da stranieri e le scuole di riferimento ne accolgono moltissimi: quando non si rispetta il tetto dove vanno i bambini in più? Sto parlando qui di bambini soprattutto dai 3 agli 8-9 anni, quelli che non usano i mezzi pubblici, che vengono accompagnati dai genitori, che hanno paura, che sono troppo piccoli per percorrere lunghi spazi cittadini da soli, che vivono in luoghi dove non è previsto il servizio di scuolabus.
* se una scuola ha pochi italiani chiude del tutto visto che non potrà applicare il 30%?

Quelli che ho riportato sono solo alcuni esempi eclatanti di una norma applicabile quasi dovunque, ma che, dove non sarà applicabile, porterà alla paralisi. I minori obbligati espulsi dalle scuole per superamento del tetto del 30% dove vanno? Chi decide quali stranieri accettare e quali no?
(Stefano Stefanel qui)

Non si può pensare a spostamenti forzati
… Non si può certo pensare a spostamenti forzati di alunni stranieri dalle scuole del quartiere o della zona di abitazione, tali da comportare forme di sradicamento sociale. D’altra parte esperienze in tal senso sono già risultate fallimentari in altri paesi (ad esempio lo school-bussing antisegregazionista negli USA di qualche decennio fa). Inoltre la chiusura di plessi scolastici che si sono configurati nel tempo, per diverse ragioni, ad assoluta predominanza straniera è fattibile solamente nel caso in cui ve ne siano altri nelle immediate vicinanze.
(Elio Bettinelli e Gioanni Gandola qui)

Opinioni di Francesca Puglisi, Carlo Avossa, Pino Patroncini, Augusto Illuminati, Corrado Mauceri, Ernesta Bevar, Leonardo Tondelli.

In Lombardia ancora più restrittivi del Ministero? Vedi gli articoli di Gianni Gandola e Elio Bettinelli.

* * *

Un appello di docenti per la scuola pubblica.

Guide alla scuola della Gelmini qui.

Le circolari e i decreti ministeriali sugli organici qui.

Una sintesi dei provvedimenti del Governo sulla scuola qui.

Una guida normativa per l’anno scolastico 2009-20010 qui e qui.

* * *

Dove trovare il Coordinamento Precari Scuola: qui.

Il sito del Coordinamento Nazionale Docenti di Laboratorio qui.

Cosa fanno gli insegnanti: vedi i siti di ReteScuole, Cgil, Cobas.

Spazi in rete sulla scuola qui.

12 pensieri su “Vivalascuola. Integrazione al 30%

  1. Della analisi lucidissima di Daniela Bertocchi desidero mettere in evidenza il primo punto di ambiguità: mai, nella C.M. n. 2 dell’8 gennaio 2010 – e ben di rado altrove, nell’andirivieni ambiguo di bozze di decreti e quadri orario ‘pescati’ in rete nelle versioni più disparate – si parla del plurilinguismo e della pluralità di culture in dialogo tra di loro come risorsa. La ‘vulgata’ più o meno esplicita, alimentata senza neanche tanta vergogna con il carburante della paura è questa: “il pluralismo è un problema, è una minaccia”.
    Sul sito di Lend, Movimento di Lingua e Nuova Didattica, è stato pubblicato un articolo di Francesca Gattullo sulla C.M: n. 2. Lo segnalo qui:
    http://www.lend.it/component/content/article/60-pubblichiamo/282-sulla-circolare-ministeriale-n-2-dell8-gennaio-2010.html

    Mi piace

  2. Pingback: Kataweb.it - Blog - Comitato Precari Liguri della Scuola » Blog Archive » Vivalascuola (1/2/2010). Integrazione al 30%

  3. Grazie, Anna Maria, molto puntuale anche l’analisi di Francesca Gattullo apparsa sul sito di Lend e da te segnalata: una valida conferma del carattere burocratico-ideologico e poco scientifico della Circolare Ministeriale.

    Mi piace

  4. Un articolo molto preciso!Sarà molto interessante vedere cosa si farà degli alunni stranieri che superano il 30%, dal momento che l’anno prossimo si taglieranno ancora le risorse nelle scuole.

    Mi piace

  5. Quello che offende e che non ha nemmeno l’alibi della affermazione implicita, è la rivendicazione chiara del diritto degli studenti “nostri” a non avere rallentamenti negli apprendimenti. Dunque nella loro legittima corsa verso il successo formativo è necessario limitare la presenza dei “pesi morti”, cioè degli “stranieri” (tutti o quasi).
    A parte la farsa grottesca del dichiarare che la scuola italiana è volta al “successo formativo” (ogni volta che sento questa stronzata linguistica, mostro teorico uscito dal gergo dell’aziendalismo e delle scienze umane, non riesco a non ridere…), dicevo, a parte questo, l’altro nel dettame gelminiano, non solo non è mai considerato come risorsa, ma addirittura è visto come “spurgo”…Alla faccia della Costituzione. Le risorse per renderci tutti potenzialmente “uguali” di fronte alla sfida della conoscenza le daremo agli imprenditori che sono buoni e bravi e aiutano il paese a crescere…

    Mi piace

  6. accanto al “probbblema” 30% c’ è la cancellazione della geografia. così non solo si lavora ia fianchi quel minimo di etica del confronto multiculturale che ogni persona appena appena democratica e illuminata mette in conto di esercitare, ma si evita di far sapere il “dove” e il “perché” del fenomeno migratorio. un grande passo avanti sulla strada dell’integrazione e della preparazione culturale tanto coccolata e difesa dai pesi morti!
    a quando un nuovo “mein kampf”, per ricordarci che, mentre ci ostiniamo a voler conoscere e capire non stiamo facendo altro che buttare al vento energie preziose con degli “inferiori”, mentre potremmo far progredire velocemente i “nostri” ragazzi sulla via del sapere e del successo che ne è la naturale conseguenza?

    Mi piace

  7. Cara Lucy, hai toccato un punto dolente… e d’altra parte siamo circondati da punti dolenti. In questo caso quello che riguarda la Geografia… ma hai doti telepatiche? La puntata di vivalascuola della prossima settimana sarà dedicata alla Geografia, una delle discipline più antiche e più formative e oggi più misconosciute, ennesima vittima dei tagli della ministra.

    Mi piace

  8. doti telepatiche (sim-patiche e anti-patiche!) assolutamente sì. il mio nome è cassandra (a casa qualcuno suggerisce s-cassandra): a volte mi faccio paura da me.
    [per la puntata sulla geografia mi hai dato una mezza idea…]

    Mi piace

  9. non riesco più a interessarmi ai numeri della riforma. anche oggi a discutere, costernati, un’ora oltre l’orario scolastico su che cosa sarà della scuola, cosa sarà di noi… fa letteralmente schifo TUTTO. il corriere dice “svolta epocale”: fra una cinquantina d’anni qualche giornalista definitivamente sgrammaticato e delessicalizzato scrivendo un articolo sulla scuola descriverà quella in cui stiamo (peraltro già molto male) come un lontano eden in cui si studiava una lingua misteriosa e melodiosa e alcune altre ad essa affini, in cui si leggeva di un tale – che buffa persona – che scese all’inferno “come nel videogioco che tutti abbiamo posseduto da bambini”… credo che all’integrazione al 30% seguirà una disintegrazione fino al 30% dell’esistente. e il sabato? tutti al centro commerciale!!! yeah! è finita la settimana, ho corretto diversi compiti di storia sulla democrazia ateniese (provate a immaginare “cosa” insegno, a proposito di democrazia e di ostracismo e di rischio di tiranni :DDDD ), sono stanca e molto, veramente molto, triste. e mi salta anche la mosca al naso del bon ton: direi alla gelmammina di vestirsi un po’ più condecentemente nelle conferenze stampa-annuncio pubblicitario, che ieri mi pareva venuta dritta dritta da casa, in vestaglia. ooooooooh, ecchec….!

    Mi piace

  10. Nonostante il trionfalismo dell’annuncio o meglio dello spot pubblicitario, a sette mesi dall’inizio del nuovo anno scolastico non si conosce ancora come sarà la scuola e le domande inevase sono tante.

    A prescindere da una valutazione del merito della “riforma”, riporto alcune domande prioritarie a qualsiasi analisi, che faccio mie, di Bruno Moretto:

    Ma cosa hanno approvato veramente?
    Come hanno superato le obiezioni e le richieste del CNPI, della Conferenza delle Regioni, delle Commissioni parlamentari?
    Obiezioni e richieste non di poco conto, che chiedevano per l’attuazione della riforma:
    – provvedimenti normativi, sottoposti al parere degli organi preposti sui programmi e sull’articolazione delle cattedre;
    – provvedimenti legislativi per garantire le competenze di base per l’obbligo scolastico e per il passaggio da un indirizzo all’altro;
    – un provvedimento legislativo di revisione degli organi collegiali per metterli in grado di gestire il cambiamento.

    Quali sono i contenuti della riforma, quali sono i nuovi programmi, con quali mezzi le scuole potranno gestire il nuovo assetto?
    E ancora, come sarà possibile organizzare un’offerta territoriale in grado di dare a tutti le stesse possibilità di accesso alla scuola superiore?
    Chi la gestirà? Le scuole, le Province o le Regioni?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...