La spina nel piede.

(Nasreddin)

La spina nel piede

Nasreddin lavorava nella sua vigna quando una grossa spina gli entrò nel piede. “ Dio Misericordioso, ti ringrazio per non avermi fatto mettere le mie scarpe nuove”, disse Nasreddin.

Che cos’è il matrimonio?

“Mullah, che cos’è il matrimonio?” “E’ fare le cose assieme”, risponde Nasreddin: “ Di giorno si litiga assieme e di notte si russa assieme.”

[ Tratto da: ” Storie di Nasreddin” Libreria Editrice Psiche 2004]

8 pensieri su “La spina nel piede.

  1. trovo il secondo dei due microracconti decisamente anglosassone. è una secchiata d’acqua gelida.
    il primo, che non capisco, dal mio punto di vista occidentale suonerebbe così: “meno male che ho messo queste belle scarpe nuove. e pensare che volevo preservarmele!”
    grazie, nadia.

    Mi piace

  2. Io sapevo quella italica, antica e simile,
    ove un tale camminando per strada impervia
    cadde, e nel mal capitombolare si cavò ‘n occhio
    su uno stecco che sporgeva sulla carreggiata.

    Tuttavia, alla mala parata, ringraziò il buon Dio per non essere caduto su un ramo biforcuto che, per quello, avrebbe potuto perdere la vista da ambedue gli occhi. Già.
    🙂

    MarioB.

    Mi piace

  3. Leggo i due racconti in altro modo:

    Nasreddin è uno specchio che mette in evidenza la stupidità umana; ringraziare Dio perchè ha salvato le scarpe nuove è indicativo di un certo uso del divino. Perchè non ringraziarlo allora per la tegola che cade sugli altri e non su noi? Qualcuno del resto lo fa.
    Lo stesso per il matrimonio. Nasreddin potrebbe pure dire che per i più vale il detto: meglio male accompagnati che soli.

    Un saluto a tutti.

    Mi piace

  4. Va però considerato che litigare e russare, azioni quasi inevitabili, non sono sopportabili con chiunque; e che se con qualcuno è almeno sopportabile litigare e russare, il resto magari andrà ancora meglio.
    Ciao,
    Roberto

    Mi piace

  5. Cara Nadia,
    a proposito di divorzi penso che non possiamo assolutamente permetterci alcun pessimismo.
    Nella cultura di Nasreddin, peraltro, pur con varie clausole di salvaguadia, valeva il ripudio: per il quale, fosse già esistito il telefonino, sarebbe in qualche caso bastato un sms.
    Dunque vedi…
    Ciao,
    Roberto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.