Valter Binaghi, Ucciderò Mefisto

di Michele Lupo

Questo piccolo libro di Valter Binaghi è una dichiarazione d’amore. E fossimo in vena di slogan giornalistici aggiungeremmo: Valter Binaghi è l’ultimo romantico. Che oggi suonerebbe straniante non perché questo genere di affermazioni porti con sé la tracotanza di un linguaggio da rotocalco seppure midcult. E’ che presa sul serio, la scena descritta nell’affermazione è quella di un camminare a ritroso, un pensiero forte e avventuroso che marca una differenza sensibile rispetto al regime del presentismo, dell’esperienza evanescente e consumistica cui sembra voler soggiacere l’Occidente attuale – consiglio a tal proposito di leggere gli ultimi libri di Massimo Rizzante o di Mario Perniola.

Il libro racconta la vicenda del professor Blangé, scrittore che riesce ad avere fortuna quando si mette in moto un meccanismo editoriale indifferente alla qualità dell’opera ma tutto teso a individuare nuclei emotivi “di massa” – nel caso specifico, il tema oggi davvero invasivo della “vittima”, declinato qui nella storia di una donna (nella realtà la moglie dello scrittore) che ha perso il bambino che aspettava.

Blangé inizia a partecipare a incontri e presentazioni astruse, anche estranee al mondo letterario in sé e contigue invece ai casi variamente disgraziati di cui si nutre il pubblico – fino a diventare, lui, una star della televisione. Liricheggiante, spiritualmente ambizioso, Blangé si lascia prendere dal successo grazie alla spinta di uno psicanalista del genere oggi molto in voga: di quelli che “liberati dalle zavorre, afferra l’attimo, fanculo alle convenzioni” insomma il solito repertorio nato in salsa freak e oggi splendidamente complice delle nostre esistenze ridotte a edonistico spettacolo. C’è qualcuno che paga per tutto questo: la moglie di Blangé, figura un po’ esile, preraffaellita quasi, forse un po’ troppo devota, che vede venir meno la lealtà del suo uomo e lo scopre invece amante di una sua studentessa – via facebook, è ovvio.

Non credo che Binaghi (che sospetto non del tutto estraneo alla figura del protagonista) volesse fare del moralismo, quanto piuttosto misurare attraverso il racconto il peso variamente distribuibile fra responsabilità e presenza da una parte e narcisismo spettacolare dall’altro. L’esteta Blangé si compiace infatti del suo amore vero (la moglie) ma in fondo non sente quello che sente lei, il suo dolore lui lo trasferisce nei libri che scrive ma in fondo gli è estraneo – la sua è una sensibilità manieristica, appunto, un esercizio di stile. Fino a quando lei si toglierà la vita e solo successivamente Blangé ripenserà la sua storia, rispondendo attraverso l’unica cosa che conta davvero: l’azione. Ma l’azione qui è paradossale: novello Faust, il nostro, prima di lasciarsi morire dal dolore, farà fuori lo psicanalista Mefisto che gli aveva cambiato (e rovinato) la vita.

Non vorrei fare un torto a Binaghi, blues-man di lunga data, ma la favola nera che racconta sembra uno scherzo – musicalmente parlando. Il gioco metaletterario, l’agente di polizia che ragiona sugli stilemi del noir, la satira sul sottobosco editoriale, gli inserti lirici del protagonista alternati alla storia, tutto questo aggiunge un tocco, se mi si perdona l’ossimoro, di drammatica levità al libro.Tralasciando prodromi e primi sviluppi, in età romantica lo Scherzo era una composizione strumentale che alternava a una parte vivace, anche di carattere drammatico, un episodio lirico o malinconico. Be’, il libro di Binaghi, tecnica e stile al servizio di un pensiero controcorrente, è costruito più o meno così.

Non sai se più azzardato o coraggioso, di sicuro più sensibile al mito che alla cronaca, nel richiamare un motivo così inattuale come quello dell’amore unico, assoluto, spirituale, Binaghi percorre una strada ardimentosa. Anche se facessimo fatica a seguirlo, nell’aerea e allucinata ricostruzione narrativa, Binaghi c’infila dritti dritti nella domanda delle domande, che non è di che cosa parliamo quando parliamo d’amore ma piuttosto, cosa resta di una vita che non è sognata sino in fondo?

(Valter Binaghi, Ucciderò Mefisto
, PerdisaPop, Pagine 128, Euro 9,00)

4 pensieri su “Valter Binaghi, Ucciderò Mefisto

  1. Pingback: Michele Lupo recensisce UCCIDERO’ MEFISTO « Doctor Blue and Sister Robinia

  2. Grazie agli intervenuti e grazie a Michele Lupo per la bella recensione. E’ davvero un bel libro, questo di Valter Binaghi, avvincente e ricco di intense provocazioni che chiamano in causa tanto della cultura occidentale. Spero di riuscire anch’io a dire prossimamente quanto mi ha portato a pensare.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.