Voli ed altri voli nella valle*

***
VOLI

1.
Sorvolavo l’incendio sugli ulivi,
cercavo l’acqua, il mare
dove un poco – non troppo – annegare –
tu, a quell’ora, che facevi? morivi?

II.
Oggi, volo di nuovo, in sogno,
di quell’alta aria ho bisogno:
mi increspa la barba una festa
di sparvieri – la roccia che resta.

III.
Può dirsi di ieri felice
volare in un niente,
di prima mattina
all’oro della marina.
Così c’è una mente
nascosta che dice:
ho perso ed ho vinto
nel velo del finto.

IV.
Col coltellino ti squarcio
la pancia – che marcio
fu il volo di ieri –
in volo senza i pensieri.

V.
Liberi in volo, i morti –
ci pensavamo, assorti.
Arriveranno e ci diranno tutto:
hanno, da sempre, smesso il lutto.

***
UN ALTRO VOLO

Qui e non altrove, sempre in volo
da Cucco alla marina,
con ali prese a nolo,
ancora di matttina
ci rischio qualche piuma
lambendo scoglio e schiuma.
Tu ne saprai qualcosa:
dimenticai la rosa
(è la prescia dell’andare
dove si slarga il mare)
là, sopra il davanzale –
basta il pensiero, è uguale…

***
ALTRE SUL VOLO NELLA VALLE

1.
Non è sufficiente ricordare il rapace,
la sua distinta sanguinosa pace
in volo, col serpente in bocca:
in fondo, ce lo diciamo, a chi tocca
tocca – sicché la sua roccia è il margine
nascosto dell’incipiente voragine.

2.
Ho imitato lo sparviero in volo,
semplice e fiero d’esser solo.
Ho imitato frotte di volatili
con intuizioni come il volo labili.
A terra c’era il sorbo e c’è ancora,
in mezzo al segreto dell’uliveto.
Forse esagero a parlarne ora,
c’è una divinità senza divieto.

3.
A volte se saluto in un commiato
immaginario, in volo sopra un fiato
d’aria, fra tante sviste rivedo
il profilo asciutto di mio padre –
sta a volare sopra la valle, insiste
con ironia a stare al mondo – non è triste.
A volte assieme ad altri su alberi, colline
e case – con motti dalla cima, brezze vicine.

* La rielaborazione e proposizione di questi versi (di qualche anno fa) è stata provocata in gran parte dalla visione dello spettacolo “Volassi” di Francesco Campanoni (Auditorium di Rescaldina – MI – Rassegna Corpuscoli, maggio 2010).

11 pensieri su “Voli ed altri voli nella valle*

  1. Una fase della tua scrittura che ancora non conoscevo.
    Come sempre catturi l’attenzione e i testi si leggono al volo proprio. C’è molta musicalità. Sempre bravo Enrico, trovi immagini solo tue. Un saluto.

    Mi piace

  2. questi voli, soprattutto l’ultimo, mi ricordano Folon, le sue aeree allegoriche meditazioni, i suoi sogni fuori dal tempo, e la sua leggera concisione.
    un saluto a Enrico

    Mi piace

  3. Bravissimo Enrico, complimenti anche da parte mia, per le immagini e la ricerca ritmica e musicale. Vincere bene la scommessa delle rime baciate è una grande soddisfazione per il poeta e un gran piacere per il lettore…

    Mi piace

  4. C’è un’abilità che va oltre la rima e oltre l’immagine, una maestria che restituisce le cose viste dall’alto con una concinnitas necessaria eppure, in qualche modo, impossibile.

    Un abbraccio,
    Giovanni

    Mi piace

  5. Forse esagero a parlarne ora,
    c’è una divinità senza divieto.

    si arriva a un punto in cui l’ottica ruota. E rasserena, un abbraccio Enrico, V.

    Mi piace

  6. I voli inusuali dirigono lo sguardo ad altezze e profondità distanti tra di loro, si addentrano in regioni poco note, raccolgono segni e li diffondono. Grazie, Enrico

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.