Occasione alternativa per il poeta

 

di Grace Paley

Stavo per scrivere una poesia

invece ho fatto una torta

ci ho messo

quasi la stessa quantità di tempo

certamente la torta è conclusiva

come azione una poesia dovrebbe fare

ancora molta strada giorni e settimane e

un bel po’ di fogli accartocciati

la torta ha già una sua affabile

platea impaziente tra i piccoli

camioncini e la pompa dei vigili

sul pavimento della cucina

questa torta piacerà a tutti

con le mele e i mirtilli rossi

e le albicocche candite

molti amici

diranno

ma perché mai

ne hai fatta una sola?

non succede con le poesie

per incomunicabile

tristezza ho deciso

stamane di parlare

ad ascoltatori sensibili non

voglio aspettare una settimana un anno una

generazione che giunga il giusto

consumatore.

***

L’originale è qui.

***

L’albero nel libro è realizzato da Gartenkultur.

17 pensieri su “Occasione alternativa per il poeta

  1. lucypestifera

    ammazza, questa sì!
    è leggibile alla lettera oppure rovesciata: una bella metapoesia che dà un pugno ai poeti e uno schiaffo ai lettori, a seconda di come la si vuole interpretare. fare una torta è tuttavia poesia. non ci si può nutrire di torte, eppure dio sa se ne abbiamo bisogno: di farne e di mangiarne.
    grazie.

    "Mi piace"

  2. alfonso

    una forma di dadaismo. un’antiarte combattuta (o in alternativa, come dal titolo) con un’altra arte, quella pasticciera, un’arte contro la guerra del cuore torvo.
    un’arte per la gioia, per la vita, per la relazione.
    la pasticceria come azione politica, come strategia che produce l’ormone del benessere

    "Mi piace"

  3. luigisocci

    “non capisco i registi che vogliono fare dei loro film dei pezzi di vita(tranche de vie). I miei sono pezzi di torta”
    (Alfred Hitchcock)

    "Mi piace"

  4. krauspenhaarf

    a ripensarci, e a rileggerla, non è tutta questa gran cosa. voglio dire, il poeta sembra voler ironizzare sulla poesia, in realtà si sente che è falso. paragonare una poesia a una torta è un operazione trendy e minimal. ma non ci siamo.

    se la poesia viene prese a sputi in faccia (ogni poesia ne ha una) mi puo’ anche piacere, purchè lo si faccia con convinzione e sincerità.

    ma questa storia della torta… mi sembra una poesia per tisaniere, ecco.

    capisco che possa piacere, alla prima lettura era piaciuta anche a me: ma siamo sempre dalla parte delle masturbazioni, della metalagna, appunto, come ha rilevato elio. il poeta non esce fuori dal suo tinello (o forno, in questo caso.)

    mi piace l’understatement, ma qui la torta è venuta piuttosto insipida.

    "Mi piace"

  5. giadep

    ciò che trovo “chiuso” è il tinello di chi non osa neppure scriverci poesie (il poeta, ma chi è il poeta? dove abita?), versi (non a caso si parla di consumatori, magari i “classici” consumatori di poesia “assoluta”!) – e questa poesia qui ironizza proprio su questo, lì è la sua forza, mica sulla torta e i suoi ingredienti.

    mio parere.
    g.

    "Mi piace"

  6. renatamorresi

    ho scelto di postare questa poesiola di Paley, che non per nulla è stata grande narratrice, perché me ne piacevano due, tre cosette:

    la perplessità davanti alla natura non-narrativa della poesia (a che serve un testo che è pura lingua? o pura esibizione dell’io? una azione non esattamente riscontrabile nel reale, insomma?), che la ascrive nella lunga (e a volte petulante, va detto) tradizione delle poesie che si vergognano dell’inutilità della poesia

    l’individuazione del mancato incontro tra atto di parola (che, in via di principio, vorrebbe essere “significativo”) e “gesto” materiale (nutrire qualcuno, fare una carezza, parlare con gli amici: questi sì che sono gesti, sembra dire), un gap che affonda nell’ormai plurisecolare alienazione dell’intellettuale, da un pezzo non più organico, per dirla in termini gramsciani

    la piccola rivalsa di chi riconosce, a malincuore, la natura ornamentale, periferica, della poesia oggidì, e si prende la soddisfazione (minima, per carità) di riarmare quell’accessorio di dispettosa seduzione. Ovvero: se il libro in casa è un soprammobile tanto vale farne un porta-vaso (vedi immagine); se, dopotutto, è più utile darsi alla pasticceria che scrivere, ecco che scrivo una poesia di me che faccio una torta (e quindi: NON faccio una torta, ma scrivo una poesia, tiè).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.