Il fascino di Baden

da qui

Il sogno non è il manuale innovativo, ma l’opera perfetta, sfrondata dai difetti di quelle conosciute. Ogni libro ha le sue pecche. Prendiamo l’incipit del primo che mi capita a tiro, La cura, di Hermann Hesse: Il mio treno era appena arrivato a Baden e io avevo appena disceso, con un po’ di fatica, i gradini della carrozza, quando già il fascino di Baden mi si faceva sentire. A parte l’eco tematica della Montagna incantata, uscita l’anno prima, la ripetizione – BadenBaden – mi sembra cacofonica. Sciocchezze, direte, ma rischiano di rendere meno incisiva la scrittura. L’utopia è un libro senza imperfezioni, possibile nei sogni dell’infanzia o nei deliri dell’alienazione, motori segreti di tante azioni umane. Se scrivessi sapendo che le pagine saranno un franare di spropositi, sviste, cantonate, non riuscirei a procedere; se invece avvertissi, sulla punta delle dita, la possibilità di plasmare il capolavoro sospirato, sarei disposto a perdere il sonno e la salute. L’illusione sospinge il mondo verso una meta che non c’è, per rivelargli che il fascino di Baden nasconde il crollo delle sicurezze, lo smottamento di una perfezione che non può essere creata, ma solo ricevuta in dono.

12 pensieri su “Il fascino di Baden

  1. la perfezione l’abbiamo ricevuta come idea che ci abita e inquieta: perdemmo il paradiso il giorno in cui ponemmo mano all’opera, quando ci scoprimmo lontani dalla perfezione desiderata eppure abitati da quel richiamo profondo alla bellezza.

    un abbraccio, fabry

    f&r

    Mi piace

  2. se non ci fosse quella “spinta segreta” che è il filo portante di ogni desiderio, tutto si limiterebbe a pura illusione.
    la bellezza sta proprio in quella certezza.
    la certezza che tutto può crollare da un momento all’altro.
    ma nel momento stesso che è presente, spinge all’apice del cielo.

    la Cura di Hermann Hesse è un libro molto bello perchè tocca la debolezza umana con l’ironia di chi sa scrutarsi dentro.

    Mi piace

  3. Caro Fabrizio,
    questa pagina dei tuoi diari mi ha dato da pensare — sarà che in molti si cerca con fatica di mettere insieme qualcosa di cui essere soddisfatti. Scrivere, quando riesce bene, è un atto di autentica creazione: lo sai, ne sei certo, e lo vedi dagli effetti che certe combinazioni di parole suscitano nei lettori: io ho visto persone adulte e vaccinate piangere davanti a certe pagine, e non dormire la notte.
    Dal lato di chi scrive, i dilemmi sono innumerevoli. Il più drammatico è esemplificato nel Faust di Goethe (che non ha avuto poi una gran fortuna in Italia, siamo cattolici!). Sarei curioso di osservare la tua reazione davanti all’offerta di Mefistofele! Esiteresti? Davvero perderesti “sonno e salute” in cambio di…?
    Già nel prologo, tuttavia, Goethe responsabilmente ti dà la chiave, facendo pronunciare al Signore le parole: Es irrt der Mensch, solang er strebt, erra l’uomo finché cerca, dove lo streben, l’inquieto e interminabile ricercare, riassume l’intera condizione umana, quella che ormai annoia Mefistofele (“Mi fanno pena gli uomini, con tutti i loro guai, / Non ci trovo più gusto, disgraziati, a tormentarli”), e il cui superamento costituisce la suprema tentazione offerta all’uomo di lettere (per tacer degli altri, almeno i letterati sono a volte consapevoli di quello che fanno).
    Ciao, un abbraccione

    P.S. L’attacco de La cura suona meglio in tedesco.

    Mi piace

  4. le nostre, come il romanzo di Gianrico Carofiglio, sono tutte “perfezioni provvisorie”. e prima di chiudere il caso, ci estenuiamo alla ricerca del cavillo che ne procrastini l’archiviazione

    Mi piace

  5. “Lo smottamento di una perfezione che non può essere creata, ma solo ricevuta in dono”

    La illusione di una attesa mai interrotta nè persa anche perchi non crede.
    Una attessa contemplativa di chi prega , di chi ascolta di giorno come di notte,una attessa ricevuta solo in dono.
    Un abbraccio.

    Mi piace

  6. grazie, cari amici.
    Roberto, ho detto e ripeto che dovresti aprire una rubrica specifica in base alle tue competenze così particolari.
    comunque perderei sonno e salute… ma non l’anima!
    sì, perfezioni provvisorie, più di questo non si dà.
    un abbraccio
    fabry

    Mi piace

  7. Sono convinta che per ogni cosa esista “il suo momento”.
    La Montagna incantata non mi ha mai chiamata, fino a poche settimane fa: adesso tutto quello che leggo, molto di quello che ascolto, mi riconduce a lei.
    Indubbiamente è arrivato “il suo momento”, il mio momento per leggerlo: l’ho acquistato da pochissimi giorni, penso che sarà una delle mie letture per l’estate!

    Mi piace

  8. L’illusione che sospinge…
    il crollo delle sicurezze…

    Non siamo cosi’ soli a fare castelli in aria. Abbiamo fatto il massimo e non e’ bastato. Non sapevamo piangere e adesso che abbiamo imparato, non bastano le lacrime a farci progredire. Il sole sorge ogni giorno senza mai tardare, mentre noi sempre rimandiamo a domani, anche se possiamo fare solo oggi quello che, con un po’ di fortuna, serve a farci dimenticare. Non siamo cosi’ soli tra il cielo e il mare se ci tendiamo le mani pronte a consolare
    Cosi’ di nuovo la vita sembra fatta per noi, su un sentiero infinito al di la’ del temporale…

    Mi piace

  9. Baden-Baden sarà pure una ripetizione cacofonica, Fabry, ma ti assicuro che è un posto delizioso!

    Si trova ai margini occidentali della Foresta Nera; è un noto centro di cura (soprattutto un centro termale, mineraloterapeutico) ed è conosciuta come meta di vacanza e città dai festival internazionali.

    Da Roma ci sono voli giornalieri low-cost con Ryanair. L’aeroporto Karlsruhe/Baden-Baden si trova a soli 15 minuti dal centro dell’elegante città termale.

    Ti offro un tour virtuale…non potendo di più 😉

    http://www.baden-baden.de/static/virtualtour/index.php?id=1

    Un abbraccio!
    Titti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.