Allestimento per La cena di Emmaus

di Alfonso Nannariello

IIIIIIIVVVIVIIVIIIIXXXIXII

Le pitture sono sempre piene di particolari. Anche quando sembra non ci sia niente, nel quadro c’è qualcosa. Nell’arte anche solo un’ombra è piena di bellezza.
Se qualche artista avesse visto le tavole di allora apparecchiate per la sera avrebbe potuto ritrarle. C’erano tutti gli elementi giusti per rappresentare la reale atmosfera della cena di Emmaus: il pacato silenzio, la qualità dell’arredo, qualche posata, le persone che partecipavano al pasto, una sobrietà piena d’emozione e a c’tràngula a ‘nzalàta1.

Su fondo, scuro quanto basta a raccogliere i toni bassi delle suggestioni, una tovaglia candida appena cacciata dal tiretto, coi segni delle pieghe stirate a croce. Sotto la tovaglia, si intuisce da uno spigolo, la forma perfetta del tavolo quadrato. Sopra, tra le briciole e un avanzo di pane, simbolo del Cristo che si è dato, un coltello col manico nero che spunta dallo scuro ha la lama verso il costato. Sul colore intenso delle foglie lucide, brillanti di aranci, due parti r ‘na c’tràngula tagliata a metà, l’una di fronte all’altra. Rasenti rami d’origano emanano un odore di calma vegetale. Non si capisce se nella brocca di ceramica bianca appena decorata c’è acqua oppure vino. Vicino, un poco sull’esterno, un piatto tutto bianco con riflessi di luci sul filo d’olio e sul corpo delle alici. Dentro e fuori il piatto delle olive nere seccate per l’inverno.
Se Cristo fosse risorto da queste parti, la immagino così, senza un’altra aggiunta di colore, senza argenteria e bottiglie di rosolio, la tavola imbandita per quella cena.
Li vedo i due, prima rubare con gli occhi quel poco da mangiare, e poi, con gli occhi usciti ancora di più, quando l’ospite spezzò il pane e riconobbero Gesù.

Da noi «n’ fa’ assì l’ùocch» significa non fare uscire gli occhi (dalle orbite). L’espressione non è riferita all’effetto dello stupore. Quando ero bambino la si usava ancora. Ci era arrivata da un tempo non proprio passato, da un tempo che non a tutti garantiva sempre di mangiare.
Affinché non fossero “usciti gli occhi” a coloro che erano con noi quando assaggiavamo qualcosa, anche solo pane e zucchero, interrompendo il gioco, ci era insegnato di stemperare il loro desiderio spartendola con loro.

1) C’tràngula a ‘nzalàta, «arancia amara ad insalata (ossia condita come si condisce la lattuga)». Il termine c’tràngula deriva da cetrangolo: l’arancio amaro.

2 pensieri su “Allestimento per La cena di Emmaus

  1. Caro Alfonso,
    sobrietà e condivisione passate purtroppo di moda. A ben altri conviti abbiamo dovuto abituarci guardando la televisione e leggendo i giornali. Quando l’Atteso tornerà, prima di mettersi a tavola, immagino che scaglierà qualche stoviglia contro qualcuno. Con ottima mira.
    Un abbraccio,
    Roberto

    "Mi piace"

  2. qui quando si condivide, lo si fa dopo molte sollecitazioni.
    sollecitati, diamo le briciole.
    il primo ad essere guardato di traverso
    e preso di mira sarò io.

    grazie, carissimo Roberto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.