Poesie per un no

Roberto Rossi Testa, Poesie per un no, Nino Aragno Editore

Molte cose, magari anche contraddittorie, rappresenta e contiene l’ultimo libro di versi di Roberto Rossi Testa, Poesie per un no, appena uscito presso Nino Aragno Editore.
Innanzitutto vi si trovano raggi di luce che fendono la tenebra di questi nostri giorni disperati; e nondimeno esso è un’agenda con l’indirizzo della morte, che molti hanno smarrito, forse per averlo riportato su un foglietto volante: magari quello dei quotidiani o dei talk show, che durano il tempo dello spettacolo e lasciano dietro di sé, come unico frutto, una scia di veleni; mentre, assecondando l’umano, l’esortazione di Rossi Testa è la seguente: “riaccendi i lumi stanchi/ di chi ti trovi accanto”, insegnando a “non contare le ore”, ma semplicemente a viverle.
Ecco, qui si possono trovare le “primizie d’altri regni”, che parevano perdute nel marciume quotidiano, nell’immondizia dilagante, di cui quella materiale è solo un simbolo sfocato.
La speranza e la paura che il cielo urli “chi in verità oggi siamo” attraversa l’epoca del politicamente corretto, della menzogna che scalza ogni giorno di più la verità dell’uomo e della storia.
Sussultiamo avvertendo la presenza di “angeli che a volte vengono/ camminando tra noi/ in abiti cinerei/ per non farci paura”, testimoni di una gratuità smarrita fra i registratori di cassa sempre pronti all’imbroglio metafisico. Solo certi messaggeri possono aiutarci a non farci sorprendere dal giorno ultimo, anzi, ad affrontarlo a viso aperto, ripetendo con serenità: “Sono qua, sono pronto”.
La vocazione del poeta è quella di essere “saetta puntata/ verso il profondo cielo”, nutrendosi di un cibo iniziatico che “al primo assaggio pare/ carbone, sangue bruno”. Il mistico e il poeta hanno in dono il privilegio di essere silenzio “prima e dopo” e in fondo la stessa “arte qui appresa” non è altro che silenzio doloroso, coscienza che facendo naufragio si perviene alla pace. Ecco, allora, il no che fa male, ma rende “più forte e pietoso”. Il genio dell’arte o della mistica consentono il discernimento sulla vera natura delle cose, fanno distinguere, secondo l’immagine di cui si serve Rossi Testa nella nota finale, tra un buco della serratura e una porta regale.

[fonte immagine]

25 pensieri su “Poesie per un no

  1. “Superare la morte:
    non cambiare indirizzo,
    mutare nome e volto
    nella speranza che
    si confonda e dimentichi;
    ma per strada a gran voce
    chiedere dove abiti,
    poi seguir la sua guida,
    quando verrà ingiungendo
    discrezione e silenzio…”

    Roberto Rossi Testa, “Poesie per un no”, pag. 23

    Grazie, Roberto, per aver scritto questi versi

    Giorgina

    Mi piace

  2. Caro Roberto,
    lunga vita a questo tuo nuovo libro che leggerò quanto prima.
    Un abbraccio
    Giovanni

    Mi piace

  3. *L’infimo e il sublime/
    ho qui tenuti insieme*

    Nell’inchino per Chi abita l’ossimoro, *all’UNNO* guerriero dell’UNO e del molteplice – che m’attuffo nei toni Rossi

    *devotamente, qui*
    ringrazio

    Mi piace

  4. Cari Riccardo, Giorgina e Giovanni,
    grazie, e grazie a Fabrizio, che tra i compiti che tutti conosciamo ha trovato il tempo per dedicare al mio lavoro questa densissima pagina.
    Un abbraccio circolare,
    Roberto

    Mi piace

  5. Cara Chiara,
    ho cercato di tenere insieme infimo e sublime, certo con più esperienza del primo che del secondo, da quell’UNNO che sono e che bene conosci.
    Grazie a te e un abbraccio,
    Roberto

    Mi piace

  6. Caro Roberto,

    sono io che ti devo ringraziare – ancora e sempre – per quell’esperienza che ricrea una neonata innocenza [per *farci* e rifarci acqua, per l’attuffo nel tensionare tante tracce quante sempre si spalancano e spalanchi].
    E forse – quando mi sentirò salda almeno un gramma – dirò un dire più preciso di quell’UNNO che non conosco a fondo, ma che mi conosce e conosce le ore vissute che ci vivono.

    Abbraccio nell’abbraccio e sia faro per la vetta dell’abisso che Tu.

    Mi piace

  7. Fabrizio, una recensione che graffia l’anima, come solo certa poesia sa fare.
    Roberto. Roberto stasera accanto c’ero io. Grazie per la scintilla che ha saputo accendermi.
    (Ordinerò il libro quanto prima)

    Mi piace

  8. Concordo con quanti mi hanno preceduto, una recensione che apre squarci, un bell’introibo alla lettura. Grazie a Fabrizio e complimenti a Roberto, e un abbraccio a entrambi.

    Mi piace

  9. splendida recensione, sicuramente splendido libro di roberto, poeta vero, senza discussioni. e un in bocca al lupo sincero e affettuoso.

    Mi piace

  10. Auguri per il libro Roberto.
    Ho programmato la mia lettura per il 2 novembre.
    Intanto grazie anche a Fabrizio di questa riflessione importante.

    Mi piace

  11. Cari amici,
    se poi il libro non vi parrà all’altezza non prendetevela con me, ma con Fabrizio-Mida 😉
    Grazie e un grande abbraccio,
    Roberto

    @ Matteo
    niente “lei”, sono io che dovrei darti del “lei” per i racconti che scrivi.

    @ Franz
    “in bocca al lupo”? Lunga vita al Lupo!

    @ Nadia
    Grazie e benissimo, anche per la data: almeno per me non casuale e molto opportuna.

    Mi piace

  12. carissimo roberto,
    ho provato a vedere quel sito del tuo amico dove sei recensito,
    ma non mi è stato possibile aprirlo. questa è la risposta datami: The page cannot be found.
    Non mi è stato possibile risponderti nemmeno dalla mia mail. scusa se utilizzo questo canale per comunicare. spero che appena sarò tornato tutto andrà meglio

    Mi piace

  13. Grazie ancora, carissimo Roberto.
    Grazie anche a Dario Chioli per la sua limpida,
    ed anche perciò bella, recensione.

    Mi piace

  14. Leggo da alcuni giorni, ritorno sulla lettura e trovo ogni volta un sentiero nuovo per addentrarmi nel cammino proposto da Roberto. Bella e sapida l’introduzione di Fabrizio. Un saluto riconoscente

    Mi piace

  15. Cara Anna Maria,
    leggo solo ora il tuo intervento, che come gli altri apre anche a me sempre nuove possibilità di lettura.
    Grazie e un abbraccio,
    Roberto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.