A lui è piaciuto di più vederci così

di Alfonso Nannariello

Se erano così, spiriti aspri, ve li immaginate due calitrani di allora, mangiare un’altra cosa, al posto dell’arancia amara, per il pasto della sera?
Se erano come li vide De Sanctis nel suo Viaggio, quasi statue di marmo sotto i portici, in piazza e sulle porte, ve li immaginate due di loro, con quella costituzionale autosufficienza, accanto al Signore durante la cena di Emmaus?
Ve li immaginate uomini così, andare a messa e fare la comunione? Come avrebbero potuto, chiusi in se stessi, simili a Dio, consentire l’inclusione d’altro dentro il loro io?

A me non pare che Cristo sarebbe potuto passare allora da queste parti.
Se fosse arrivato qui avrebbe potuto di certo vendicarsi per quella signoria illegalmente presa, per la divinità rubata. Di certo avrebbe potuto, come Sansone, poggiare le mani sulle colonne dei templi di quella fierezza che, per quanto riservata, di giorno e di notte il bianco levava alta nel vuoto, e abbatterle con la forza della sua resurrezione.
Di certo avrebbe potuto, ma non lo fece. Gli piacque più così. Vederci da lontano, così com’eravamo.

2 pensieri su “A lui è piaciuto di più vederci così

  1. Caro Alfonso,
    bellissima istantanea, che fissa per sempre un metallico orgoglio.
    Orgoglio che forse in parte condividi, ma con disperazione e umiltà.
    Un abbraccio,
    Roberto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.