“L’invisibile canto del silenzio”

Recensione di Giovanni Agnoloni

L’invisibile canto del silenzio – Parole e immagini nell’Abbazia di Chiaravalle
Foto di Andrea Aschedamini
Testi di Davide Sapienza

(ed. e distrib. EDUCatt – Ente per il Diritto allo Studio Universitario dell’Università Cattolica)

Si dice che le foto siano mute. Io non sono d’accordo. Soprattutto dopo aver letto e visto L’invisibile canto del silenzio, testo poetico di Davide Sapienza che dialoga con le foto di Andrea Aschedamini, aventi ad oggetto vedute e dettagli altamente evocativi dell’Abbazia di Chiaravalle, ai margini di Milano.
Le parole, qui, danno voce alle immagini, o meglio traducono in linguaggio lirico le vibrazioni naturali degli scatti fotografici. Temi di fondo, il silenzio e la contemplazione. Il silenzio che è contemplazione. E la contemplazione è, appunto, canto, ovvero tramite energetico verso un oltre che in realtà è già dentro le cose. È questa l’essenza degli spazi sacri, che concentrano in sé, come porte segrete, l’energia che conduce all’Eterno. L’energia che è spirito.
I versi di Davide Sapienza sono semplici come la pietra che dà forma a questa abbazia, ma profondi e risonanti come gocce di esperienza mistica. C’è un “tu” implicito (e a volte anche espresso), in questa sequenza di pensieri intimi, suggestivamente interpolati con citazioni latine di San Bernardo di Chiaravalle (1090-1153) (una su tutte, tratta da una sua lettera a Enrico Murdach: “Credi a chi ne ha esperienza: nelle foreste troverai più che non nei libri. L’albero e le rocce ti insegneranno ciò che non puoi imparare dai maestri”).

“Ti hanno lasciato qui
a spremere la materia
Abbandona l’inutile
Conserva ciò che le spalle accettano”
,

scrive Sapienza. Qui vediamo bene quel Tu, che potrebbe essere Dio, il Santo stesso, oppure un interlocutore invisibile e silenzioso. Anzi, credo proprio che sia così. Il “canto” del titolo è il suo. È lui l’ispiratore delle parole di Sapienza. Sembra un bisticcio: “parole di Sapienza”. Ma non è solo questo. La sapienza, la sofìa, ci insegna Socrate, nasce dal dialogo, perché due voci, unite in un confronto profondo, possono arrivare a “tirar fuori” la Verità. E qui il Maestro, colui che esercita questa sublime arte che è la maieutica, non è una persona qualunque. È questo “Tu interiore”, che non esito a identificare come la voce del Sé Superiore del poeta, a braccetto con quello del fotografo e quello degli autori, mistici e materiali, di questo pregevole complesso di architettura sacra. Il Tu che si rispecchia nella natura, traendone alimento e ispirazione. È, forse, lo Spirito Guida o l’Angelo, figura evocata da alcune delle foto che raffigurano particolari di statue.
Una tra tutte, però, ricordo: un Cristo, che spicca per l’assoluta umiltà e quasi trasparenza. La trasparenza dello Spirito che si fa presente nella materia.

“Quello che si vedrà fuori
è la vostra unione
nell’invisibile canto del silenzio”.

Questo articolo è stato pubblicato in Arte, Dalla rete, Giovanni Agnoloni, Letture, libri, Link, Oltre la letteratura, Pensiero, Poesia e filosofia, Recensioni, Scritture, Testi-moni, Vedere cose e taggato come , , , , , il da

Informazioni su giovanniag

Giovanni Agnoloni (Firenze, 1976), è scrittore, traduttore letterario e blogger. Autore del libro di viaggio "Berretti Erasmus. Peregrinazioni di un ex studente nel Nord Europa" (Fusta Editore, 2020) e del romanzo psicologico "Viale dei silenzi" (Arkadia, 2019), ha anche preso parte al romanzo collettivo "Il postino di Mozzi", a cura di Fernando Guglielmo Castanar (Arkadia, 2019). È inoltre autore di una quadrilogia di romanzi distopici sul tema del crollo di internet e della società del controllo ("Sentieri di notte", "Partita di anime", "La casa degli anonimi" e "L’ultimo angolo di mondo finito", editi da Galaad tra il 2012 e il 2017 e in prossima riedizione in volume unico), in parte pubblicata anche in spagnolo e in polacco e in prossima riedizione in volume unico. Ha scritto, curato e tradotto vari libri sulle opere di J.R.R. Tolkien (su tutti, "Tolkien. Light and Shadow", opera bilingue italiana-inglese, ed. Kipple, 2019), e tradotto o co-tradotto saggi su William Shakespeare e Roberto Bolaño ("Bolaño selvaggio" a cura di Edmundo Paz Soldán e Gustavo Faverón Patriau, ed. Miraggi, 2019, tradotto insieme a Marino Magliani), oltre a libri di Jorge Mario Bergoglio, Amir Valle e Peter Straub. Ha partecipato a numerose residenze letterarie e reading in Europa e negli Stati Uniti, e traduce da inglese, spagnolo, francese e portoghese, oltre a parlare il polacco. I suoi contributi critici sono disponibili sui blog “La Poesia e lo Spirito”, “Lankenauta”, “Poesia, di Luigia Sorrentino” e “Postpopuli”. Insieme alla giornalista Valeria Bellagamba, ha creato e gestisce la pagina Facebook "Anticorpi letterari", con interviste in diretta video a protagonisti del panorama culturale italiani e internazionale. Il suo sito è www.giovanniagnoloni.com.

Un pensiero su ““L’invisibile canto del silenzio”

  1. gigliola

    “Trasparenza che si fa presenza” E’ il soffio Divino, il respiro che ci unisce al Cielo. La bellezza degli spazi, di orizzonti che s’inseguono, luci che danno dimensioni. Ogni cosa è sacra, vista con gli occhi dell’amore.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.