FILM (2)

di Emanuele Kraushaar

 

qui nessuno sta male

nessuno soffre stanno tutti

un po’ così

ha capito che lei è lo scontrino?

diteglielo voi prima che arrivi qui

certe cose imbarazzano anche me

 

sì certo va stampato dietro

sotto la schiena

non deve fare lo scontrino

è lo scontrino

 

ma questa l’ho già vista

è quella che dice il contrario

di quello che pensa

sì andava bene una volta

ora la corrente è cambiata

 

se non cambia la cambio io

io sono la corrente

sia chiaro qui non esiste

una regia esiste la regia

 

quello che si muove finisce

nel film quello che sta fermo

finisce nel film quello che non c’è

è da sempre nel film

 

chiamate quel gruppo di Torino

quello che dice di fare jazz d’avanguardia

digli che gli do un quarto della volta scorsa

sono delle mezze tacche fanno solo scena

 

allora tu ti devi muovere

ma stando ferma hai capito?

muovere da ferma è facile

fai come me io sto sempre in movimento

da fermo

 

è come un vibrazione interiore

tu sei uno scontrino non devi fare lo scontrino

poi ci pensa Markus a quella cosa

Markus dove sta? fatelo venire subito

 

come non vogliono suonare

non ci credo gli hai detto che è un film

che non va in sala che tutti lo vedranno

non vogliono fare il pezzo

 

senti sai che ti dico chiama quelli che piacciono

a me, non quelli di Lucca ma che dici?

quelli fanno pena, quelli vanno bene

per le scene nel pollaio, per la scena

dello scontrino voglio quel gruppo

che fa cosmiche music

 

voglio loro, li pago il doppio,

sono loro, fanno una cosa pazzesca

già lo so, chiamali subito, ora

tutto accade solo adesso

ve lo dico ogni volta

 

allora siediti e aspetta che Markus

ti fa diventare uno scontrino

tu già lo sei uno scontrino

ma Markus ti sistema per bene

non preoccuparti hai mai visto

uno scontrino soffrire?

 

non sanno l’inglese? parla in tedesco,

non sai il tedesco? ma a che servono

tutte queste lingue, nel mio film non si parla,

il mio film è senza voce,

senti non voglio più neanche quel gruppo

voglio solo silenzio

quando riprendiamo lo scontrino

voglio sentire un urlo che viene dal pubblico

e che non smette mai

 

(Film)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.