Due opere, un percorso – Fabrizio Centofanti tra Calvino e la vita

Recensione di Giovanni Agnoloni

    

Di solito le recensioni si fanno di un libro. Questa, se è una recensione, lo è di due. Ma forse non lo è nemmeno. È la fotografia di un percorso. Umano, artistico e spirituale.
Fabrizio Centofanti è uscito con un saggio su Italo Calvino (Italo Calvino. Una trascendenza mancata, ed. Clinamen, 2011 – prefazione di Giuseppe Panella e postfazione di Antonio Sparzani) e con una raccolta di pensieri, Non superare le dosi consigliate (Effata’ Editrice, 2011). Opere che sono un po’ la summa del suo itinerarium mentis (e direi anche cordis).

Italo Calvino. Una trascendenza mancata, saggio scritto in realtà diciotto anni fa, è un percorso nelle pieghe nascoste delle opere e dello stile dell’autore di riferimento di Centofanti: un maestro di razionalismo e scientificità di pensiero, che però in controluce lascia trasparire tutta una rete di rimandi alla sfera intuitiva dell’essere umano, a quella parte della natura dell’individuo che la spiritualità offre la chiave per comprendere, ma che lui guardava con occhi “matematici”, come un al di là comunque avvicinabile solo in termini di limite, di “punto di tensione”. Eppure, Centofanti, che è sacerdote, non rinuncia a una prospettiva critica che si pone, se non altro in termini di “possibilità”, come alternativa rispetto al terreno solido sul quale, per quel che ci è dato di sapere, Calvino si mosse fino alla morte; e scava nel reticolo di tensioni e visioni che sostanziano il percorso del grande autore italiano, con l’occhio e l’anima vigili, per cogliere segnali. Realizza così un’opera critica che, pur mantenendo il rigore di un’analisi obiettiva, non esclude un oltre possibile.
E dello stesso oltre vive Non superare le dosi consigliate, raccolta di riflessioni (magistralmente prefata sempre da Giuseppe Panella) che sono la quintessenza della visione del mondo di un autore “problematico”, nel senso più nobile del termine. Ritengo che Centofanti incarni perfettamente – e quest’opera lo dimostra – la figura di sacerdote a cui Arturo Pérez Reverte faceva riferimento in La pelle del tamburo: quello che, appunto, vive sul confine teso tra il qui e il , assorbendo gli urti di entrambe le dimensioni. Ecco la fonte di queste considerazioni, in gran parte ispirate da quadri di Caravaggio – nel libro compaiono le illustrazioni in bianco e nero –, dove lo scrittore realizza qualcosa di simile a quello che Pascal fece nei suoi Pensieri, unendo l’esigenza di sfogo ai dolori e alle frustrazioni del quotidiano alla certezza che questi, come le gioie inattese, sono un segno presente e vivo della presenza dello spirito nella materia. Qui si realizza la dimensione del sacrificium, cioè del “rendere sacro”, o del “consacrare”: la vita spesa per il compimento di un’autenticità che non è Ego – come l’autore stesso ha osservato, a Firenze, in occasione della recente presentazione del saggio su Calvino al Gabinetto Vieusseux –, ma Tu, nella misura in cui, nella realizzazione del suo potenziale più profondo (il ), si apre all’altro e lo accoglie. Frequenti sono i riferimenti a passi evangelici, riletti in chiave molto vicina a noi, a testimoniare la ricerca di una presenza di Cristo nel quotidiano.
Insomma, Centofanti fotografa l’attimo dello smarrimento suscitato dal numinoso, del perturbante, dello scandalo della ragione. Solleva il velo sotto il quale entra e si manifesta ciò che sostanzia i sogni e le visioni degli artisti, ma ancor più quel soffio dello spirito che è impastato con la vita e, compromettendosi, compromette.

20 pensieri su “Due opere, un percorso – Fabrizio Centofanti tra Calvino e la vita

  1. “Insomma, Centofanti fotografa l’attimo dello smarrimento …Solleva il velo …e, compromettendosi, compromette.”

    Quello che ha fatto Gesù…

    "Mi piace"

  2. In una bella “fotografia” tutto deve essere in perfetta armonia ed è quello che Fabrizio prima con il saggio e poi con la raccolta di pensieri è riuscito mirabilmente a fondere riportando il percorso della sua vita.

    "Mi piace"

  3. Negli scritti di Fabrizio c’è la compromissione virtuosa di materia e spirito, il senso di un qui che è sempre lì, e di un lì che è inevitabilmente qui. Tutto è sacro, in quest’ottica, e nulla perduto per sempre.
    Giovanni

    Piace a 1 persona

  4. Vive con animo sensibile e attento ai particolari di ogni attimo e situazione con l’essenza e la certezza del “già e non ancora” in attesa di un ritorno continuo a una passione che vive, la letteratura, e a una che segue, Cristo. In una sola parola l’unita’ fra pensiero e spirito a testimonianza che si può essere un’unica entità senza farsi dividere fra ciò che si sente e ciò che si vive: insomma questo e’ un uomo o meglio il don:-)
    SM

    "Mi piace"

  5. Una miscela di ingredienti che spaziano fra le due grandi essenze di vita: la letteratura e Gesù; amori questi che riesce a trasmettere con tale trasporto , convinzione e semplicità , così da incollare il lettore ad ogni pagina e catturarlo ogni volta fino alla fine.
    Grande Don!!!

    "Mi piace"

  6. @M&C
    Un vecchio film si intitolava “La mia droga si chiama Julie”… Qui si potrebbe dire che si chiama Centofanti e che, nonostante le sue raccomandazioni, abbiamo superato le dosi consigliate! 😉

    Fabry,
    ancora congratulazioni !

    "Mi piace"

  7. @ M&C, Titti

    Mi associo e aggiungo che il sovradosaggio di quelle pillole rosse e bianche non solo non ha controindicazioni, ma produce un effetto benefico a lunga durata

    Un grazie a Giovanni che ci ha dato l’opportunità di donare un piccolo pensiero al don

    "Mi piace"

  8. Dietro queste due opere quante notti, in cerca di parole che parlano il amore per la vita e le sue forme struggente di una realtà perenne, parole che toccano il cuore e strappano una lacrima.
    Complementi per questa bella recensione.
    Fabrizio , auguri ancora!
    Ti abbraccio
    Rashide.

    "Mi piace"

  9. Ben detto, Giovanni: “tra il qui e il lì” nella vita e nella scrittura… e problematico e compromesso… ritrovo in queste parole il Fabrizio che conosco e una scrittura che mi piace… Grazie di cuore a Fabrizio e a Giovanni.

    "Mi piace"

  10. Conoscendo e leggendo Fabrizio Centofanti emerge nell’uomo di chiesa e nello scrittore la capacità di vedere il rovescio delle cose, di scrutare il lato opposto, di sondare l’animo umano per scoprirne una “possibilità”.

    Auguri Don e complimenti a Giovanni per la recensione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.