ultime quartine quartane

Se pesante è la terra, ne è un segno
la pesantezza del passo del prete zoppo –
ci guarda e pronuncia che anche
la volta celeste ci grava, anche troppo.

Sguardo di resa, l’Eccehomo osserva,
si sbilancia in avanti, con le braccia
si sproporziona, succede che si perda,
definitivo, al mondo e, poi, ne taccia.

Pezzi di storia, i nostri padri muoiono,
assorti al cimitero sul paesaggio,
loro semi e segnali tra le rocce paiono
bestemmiare il morire, dall’alba del coraggio.

Circe e circense da allora possiede,
un motto oscuro alla bestiola incanta
voglie in salita, lastimate prede,
c’è da saltare il fosso, e il porco canta.

Erano forse tempi di decoro,
con la Vitti nella Camera del Lavoro,
angelo delle bizze, dopo aver girato –
tra i nostri attori Crupi e Maria Trovato.

Sul palco ottagonale, sul Bastione,
presentano Antonioni e Ferzetti
(il cinema, nel paesaggio della visione),
anni luoghi persone, regni e disegni netti.

Nell’incendio che avvampò dietro il macello
brucia, lontana, la funcia del maiale –
piangeva a don Bastiano, al suo coltello-
spettatori-bambini oltre il bene e il male.

Evoco o spunto, sempre, il cunto della febbre,
padre che guardi asciutto all’oltremondo,
il brivido dell’oltre, di minute erbe,
da cuocerci, buon pane, il vecchio mondo.

3 pensieri su “ultime quartine quartane

  1. ……
    Pezzi di storia, i nostri padri muoiono,
    assorti al cimitero sul paesaggio,
    loro semi e segnali tra le rocce paiono
    bestemmiare il morire, dall’alba del coraggio.
    …..
    erano forse tempi di decoro
    …..

    il delirio era spinto da iperpiressia…

    Ciao Enrico

    mm

    "Mi piace"

  2. Il guardare a ritroso caratterizza queste quartine e versi densi e sapidi, a rime alterne. Le radici e il senso dell’oggi: non dunque o non solo, mi sembra, il viaggio a ritroso personale, familiare. L’oggi in cui divampa ad alte fiamme il passato: riti, miti, ritmi che paiono lontani,ora, mille anni. Inarrivabili, se non per amore e sforzo di memoria. “Anni luoghi persone, regni e disegni netti”, quelli. Questi: incerti, ipertrofici, indefinibili. Per nulla “buon pane”.

    Giovanni

    "Mi piace"

  3. L’oggi in cui divampa ad alte fiamme il passato – sì Giovanni, grazie, è quello il punto. Un passato che morde (e che morda) il futuro.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.