Natale

da qui

Ecco che il giorno si avvicina. Sento
il passo, la voce, il suo respiro,
come una luce timida nel cielo:
perché, non te l’aspettavi, eppure
Dio non fa rumore, teme di avere
un tono troppo alto,
sa che potresti spaventarti, viene
come la madre al letto del bambino
quando non sa se dorme oppure è sveglio,
viene in un giorno che abbiamo chiamato
Natale, eppure, se dovessi dirti
che cos’ha di speciale,
non mi torna in mente che l’Altissimo,
El Shaddai: non poteva nominarsi,
tranne che una volta, nel Santissimo,
mentre tutti facevano rumore,
perché il nome di Dio è misterioso,
perché chi vede la sua gloria muore,
sì, proprio lui, l’Altissimo, El Shaddai,
viene in punta di piedi, nel silenzio
di una notte in cui anche il più perduto
degli uomini ha una lacrima che scende,
mentre il re dei re bacia la sua fronte.

22 pensieri su “Natale

  1. Attendo quel bacio come un dono speciale, perchè fa leggero il cuore e mentre una lacrima scende si alza un canto: grazie Maria per il tuo “Si”.
    Grazie Fabrizio, per una nota di calore quando il tempo è freddo e con tanto vento:-)

    Mi piace

  2. Che “bello” questo Dio che “non fa rumore” ed arriva “in punta di piedi, nel silenzio”; perchè il silenzio è un momento unico e prezioso per incontrare Dio e anche la preghiera può essere silenziosa.
    È un’immagine di grande tenerezza, che non si può non amare…

    Mi piace

  3. Quanta dolcezza in questi versi!
    Un silenzio prezioso, per ascoltare la voce dell’Amore e della speranza,
    l’attesa di una notte speciale per ricevere quel bacio che trasforma una lacrima di dolore in una goccia di gioia

    Mi piace

  4. E’ meraviglioso poter gridare il Suo nome e liberarlo nel silenzio, senza paura , e anche se una lacrima riga il nostro volto, sapere che Lui è lì, accanto a noi per aciugarla con un bacio.
    Grazie Fabry

    Mi piace

  5. Il silenzio..l’attesa di un Dio che arriva in punta di piedi nel giorno di Natale,per scuoterti,per salvarti da te stesso,darti quel bacio,
    un bacio che tocca il cuore,l’anima..a quel punto non potrebbe essere un Natale come gli altri..e quella lacrima sarebbe solo l’inizio di una consapevolezza nuova.

    Grazie per questi versi meravigliosi,Fabrizio..

    Mi piace

  6. “il nome di Dio è misterioso”

    Il mistero del Natale di Dio/Amore che si incarna per noi e rivive in ognuno di noi quando siamo pazienti, benevoli, non ci vantiamo, non ci gonfiamo, non invidiamo, non manchiamo di rispetto, non cerchiamo il nostro interesse, non ci adiriamo, non teniamo conto del male ricevuto, ma ci compiaciamo della Verita’.
    Forse per questo il nome di Dio e’ misterioso, perche’ racchiude il nome di tutti i Suoi figli che fanno la Sua volonta’!

    Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
    ma non avessi la carità,
    sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante.
    Se avessi il dono della profezia
    e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza
    e avessi tutta la fede in modo da spostare le montagne,
    ma non avessi la carità,
    non sarei nulla.
    Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri,
    se dessi il mio corpo per essere arso,
    e non avessi la carità,
    non mi gioverebbe a nulla.

    Mi piace

  7. Sarà un Natale lontano da voi tutti, vi penserò con tenerezza e tanta nostalgia.
    Come sempre il dovere della carità mi chiama.

    Sarà una dolce chiamata: dalla madre che piange, al figlio tanto Amato, Alla persona malata a cui” devi” il tuo dono: quello del tenero sorriso.

    Ma non sarò triste, quest’anno saprò che alcuni amici saranno con me, ed io con loro.

    Un grazie particolare a Don Fabrizio che ho visto tenero uomo, ma determinato pastore di questo Natale.

    Non avrò più nostalgia del” mio” Don Mario perché ormai il nostro poeta può camminare da solo.

    Mi piace

  8. “Dio non fa rumore… come la madre… in punta di piedi… mentre il re dei re bacia la sua fronte”.

    Che bello questo Dio che non fa rumore, che anche per venire a trovarci è discreto e accorto come una madre attenta ai suoi figlioli. Quanta purezza in quel bacio che viene dato con umiltà, con serenità, con amore, con il desiderio immenso di amare i propri figli. Grazie Signore, perchè rendi possibile questo miracolo. Grazie Don, perchè ci ami e ci rendi migliori seguendoci in ogni modo. Una notte serena!
    Marco

    Mi piace

  9. Bellissimi versi! Parole dolci e incisive che riportano il Natale nella giusta prospettiva, non luci sfavillanti, traffico impazzito e rumore assordante ma un dolce e silenzioso bacio, la più alta e bella espressione d’amore che consola ridonando fiducia e sorriso. Anche se sarò lontana da voi in questi giorni di festa sono sicura che vi sentirò tutti molto vicini.
    Grazie Don per tutto quello che hai fatto per me in questi mesi.

    Mi piace

  10. E’ bella ! Quest’immagine di Dio che “viene in punta di piedi”per darti un bacio,quel “bacio sulla fronte” che se ti accorgi di averlo ricevuto ti riscalda l’anima per una frazione di secondo,che vale tutta una vita!

    Grazie don per questa bellissima poesia che ci hai regalato anche questa volta.

    Mi piace

  11. L’ Altissimo che si fa vicinissimo… tanto da sentire il suo respiro …tanto da riceverne il bacio che innanza e consola…e non te l’aspettavi; cos’altro deve succere, quale altro esempio di amore più grande di questo potrebbe indurci meglio ad uscire da noi stessi?

    Beato l’uomo che sente il passo, la voce, il suo respiro; beato il più perduto degli uomini che avrà una lacrima da far scendere.

    Mi piace

  12. Il Natale è proprio il bacio di Dio.

    “Mi baci con i baci della sua bocca!
    Sì, migliore del vino è il tuo amore.
    Inebrianti sono i tuoi profumi per la fragranza,
    aroma che si spande è il tuo nome:
    per questo le ragazze di te si innamorano.
    Trascinami con te, corriamo!
    M’introduca il re nelle sue stanze:
    gioiremo e ci rallegreremo di te,
    ricorderemo il tuo amore più del vino.
    A ragione di te ci si innamora!”

    (Cantico de Cantici)

    Mi piace

  13. Vorrei dire buon Natale…
    E dividerlo con te!
    Con te che hai perso la speranza…
    E hai paura come me!!!

    Mi piace

  14. Il nome di Dio è misterioso e noi facciamo fatica di credere che ha sufficiente potere per dare qualunque cosa.
    “Besados seràn los labios del que responde palabras rectas”
    Proverbios 24:26 PVB
    Grazie per questa bellissima poesia, caro poeta!

    Mi piace

  15. Bellissima! Le parole che trasmettono il calore,speranza,amore.Adesso mi sento meglio,perche Natale passo in ospedale accanto il letto di mia mamma. Grazie! Auguri buon Natale per tutti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.