Dark city

di Pierfrancesco Pacoda*

C’è Rank Xerox con i muri scrostati della megalopoli che una volta si immaginava ‘Eterna’, ci sono le luci oscurate dei film urbani di Carpenter, c’è un immaginario da ‘MedioEvo Tribale’ dove il futuro assomiglia sempre più a un preistorico passato. E c’è molta voglia di ‘discorsi’ sulla democrazia nel nuovo romanzo di Mauro Baldrati, esponente romagnolo ancora non molto conosciuto di una ‘crime fiction’ tutta italiana che, solo a voler mettere ordine tra i tanti riferimenti da cinefilo, fotografo, innamorato delle immagini pop estreme (non a caso ha lavorato al Frigidaire dei leggendari primi anni 80), è una gioia per il lettore.
Poi, naturalmente, c’è la trama, avvincente, ricca d cambi di sequenze che ci obbliga a seguire per le vie del baratro sul quale si agita la metropoli (una Roma senza vita e bellissima, dopo la bomba, futuro che già percepiamo), un poliziotto con molte ombre e tanto desiderio (impossibile) di riscatto.
Tra accampamenti etnici diventati inespugnabili fortini e una schiera di personaggi che non sanno più cosa sia l’identità. E si muovono, certi di un destino glaciale come le notti che si avvicendano sui cieli di un Colosseo che, adesso, è diventato un monumento ‘privato’ annesso alla villa di un gerarca.

La Città Nera
PerdisaPop 2010

* Pierfrancesco Pacoda, giornalista e scrittore, scrive su l’Espresso, Il Resto del Carlino, il manifesto, autore di numerosi libri di musica e cultura giovanile per Einaudi Stile Libero, Feltrinelli, Alet. Questa recensione è sull’ultimo numero di Satisficiotn.

4 pensieri su “Dark city

  1. d’accordo sulla trama avvincente!
    anche se Roma la preferisco un pò meno nera!!!
    un romanzo futurista da leggere!

    Mi piace

  2. Anch’io la preferisco meno nera, cara Ilaria, ma purtroppo ci arriviamo a velocità siderale – e i governi, questi governi che abbiamo da qualche anno, sono sempre più simili al regime del Sindaco della Città nera…

    Mi piace

  3. …. già. ho letto il libro prendendo atto di quanto, lo scenario che si apre
    si rifletta nel nostro presente..ma nell’oscurità vi è sempre una luce… no ??!!
    un saluto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.