Poetesse: Marilena Renda

Dalla raccolta “La giostra celibe”

Figura abbraccia un’altra Figura

Rarefatta l’aria
non c’è dio
caldo
a tenere accanto
questo
del tanto sparito:una puntura nel bosco,
un comando, una gara, dei segni.
Non c’è bisogno,
dirselo a mente:
copri col corpo il mio niente.

Figura vuole portare Figura in un altro posto

Vieni nella terra tra i vermi
nelle fiamme che fanno
e non fanno niente.
Quando tocchi un animale lo vedi che è vivo.
Hai paura che è vivo.
Ho paura,
lo vedo che è vivo

Scarica tutto a l‘e-book

La giostra celibe
è un piccolo gioiello
che riesce a fare due cose importanti
dimostra che le parole sanno rischiarare il buio
e che la ricerca delle ossessioni sa dare scoperte e rivelazioni di indubbio valore poetico
un segno un lampo nel buio
quando le tocchi queste piccole parole danno calore sono vive
figure che diventano liriche
e c’è amore fame grida disperazione incanto spessore
che corre dietro a un sogno verso un nuovo giorno
una nuova lingua
che sente le cose ricordate annerite spezzate rinate
come un sorriso sopra la sua voce

una poesia da mandare a memoria
e per sempre

Marilena Renda è nata a Trapani e vive a Milano
insegna traduce e scrive poesie bellissime

[Enorme ringraziamento a Monica Mazzitelli che ha reso possibile tutto questo!]

8 pensieri su “Poetesse: Marilena Renda

  1. sono davvero sensibili e bellissime queste liriche di Marilena
    e ringrazio qui per averne fatto dono
    e un grazie a Monica per il supporto
    un caro saluto
    c.

    "Mi piace"

  2. volutamente sospese in un vuoto pneumatico con sottese l’ironia e la crudeltà dadaista, a difesa e attacco di chi “lascia ” e chi “latra”, al di sotto una faglia antichissima; mi ricordano per certe atmosfere i lavori di Giovanna Marmo, brava Renda

    "Mi piace"

  3. bella, bella questa silloge, un dettato di grande asciuttezza e di percezioni fisiche acutissime, ne sono veramente colpita

    è come se fosse una storia, non individuata, rastremata, di solenne anonimità, una storia di silhouettes, che si muove (o dispiega l’impossibilità di muoversi?) attraverso la variatio – indaga la violenza della relazione spargendone via il tempo, i personaggi, i fatti, lasciandone solo “figure” di grande inquietudine per quel loro dolore tagliente e pur senza volto

    brava renda, lode alla rete che permette questo, grazie monica e carmine 🙂

    rx

    "Mi piace"

  4. grazie a te renata per l’attenzione e il commento prezioso
    un caro saluto

    e un abbraccio a viola amarelli
    c.

    "Mi piace"

  5. Leggo una visione materiale e tragica della vita,lavorata su di una costruzione
    poetica libera,ove il verso si contrae ed esplode.Nel verso c’è sempre però una
    speranza nel domani,che è la poesia stessa.

    "Mi piace"

  6. Pingback: Letteratura Necessaria – Azione 24 – Percorsi di lettura « letteraturanecessaria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.