69. Costi quel che costi

da qui

Hai perso l’ennesima occasione. Non so che fare per te: ci metto il carisma di scrittore, ma non basta; un romanzo non può decidere come debbano andare le cose della vita. Ripensaci; nel mondo non esiste solo la violenza. E’ vero, tua madre non ti ha amata; ma ci sono mille madri, a prescindere dal sangue. Non è madre chi si preoccupa per te, chi ti segue con ansia e vorrebbe salvarti dallo sguardo mortale di Medusa? Ti penso ogni giorno e, devo dirtelo? ogni notte. Sono lì, sulla spiaggia, a farti la corte più spietata, anche se so che il crucco mi ha soffiato il posto. Ci sei venuta lo stesso con me, con il costume intero, la tua seconda pelle; provavo a sfilartelo, quasi disperato, chiedendomi perché avessi scelto proprio quello; provavo rabbia, ma eri troppo bella, e la notte troppo scura per non accenderla di noi, troppo silenziosa per non riempirla di gemiti sempre più affannati; la sabbia entrava in bocca e ci scappava un sorriso sul più bello, ma poi ricominciavo, ti cercavo, sentivo le tue labbra nei punti più impensati, era questo il paradiso? O il piacere proveniva da un senso di rivincita sul crucco, che voleva soffiarmi la ragazza? Cosa importa? Riuscivi, in quei momenti, a lasciare da parte la violenza, l’estremismo che ti autorizzava a rapinare banche, a guardare indifferente l’uomo allo sportello piegato in due dal proiettile sparato a bruciapelo. Cosa importa, nella notte in cui ho imparato a sfilarti il costume maledetto, a cercarti dove non credevi, a farmi cercare dove non avrei pensato? Solo questo è capace di far dimenticare? Eppure hai perso l’ennesima occasione: davanti agli occhi grandi di Fofner hai deciso di chiuderti ancora una volta nel silenzio. Stavi per farcela, avevi intuito che con lui l’incantesimo si sarebbe rotto, avresti provato ancora l’ebrezza dell’oblio, di quando mi sentivi come non era mai successo, di quando ti sentivo come non avrei mai immaginato, fino alla notte che fatico a ricordare, tanto era bella, tanto eri bella; e mentre cerco di convincerti, aggiungendo riga a riga, scopro sempre più che nemmeno un romanzo può decidere come debbano andare le cose della vita.
Le hai scritto, Amerigo, ma per ora è inutile: dovrebbe avere il tempo, il desiderio di leggere; è un’impresa rischiosa, da affrontare con coraggio, costi quel che costi, da non interrompere per nessun motivo, perchè leggere non ti lascia uguale, ti cambia. Forse per sempre.

27 pensieri su “69. Costi quel che costi

  1. Un romanzo, per quanto ben scritto, non può decidere per noi, questo no. Ma un autore si, può decidere. Per sé, per tutti quelli che lo vogliono seguire. C’è un filo rosso, sempre il solito, che uno può mettere in evidenza, sfilare, per consentirgli di condurlo dove vuole, che poi è il destino ultimo di noi lettori, leggiadra schiera di distratti osservatori, amanti incantati di un cuore nuovo, di ogni forma di vita che porti amore e nuova linfa vitale nel mondo. Siamo così: amiamo leggere, toccare, verificare, tuffarci, pur se con dei distinguo. E allora voglio ricordare con amore, in una omelia del Don, quando ci è stato ricordato come si fa il vino, come si fa il pane: con tanti acini d’uva, con molte spighe, tutte lavorate, unite, destinate a trasformarsi in qualcosa di molto buono, per tutti quelli che ancora credono al miracolo dell’amore, inteso in tutti i sensi.

    "Mi piace"

  2. Io il ” il desiderio di leggere” questo romanzo, come quelli precedenti e quelli che verranno, ce l’ho ed il tempo per farlo lo trovo sempre, anzi aspetto ogni giorno l’ora in cui esce la pagina, perchè ogni volta vi scopro un messaggio, un punto di vista nuovo che non mi “lascia uguale” a prima, ma mi “cambia Forse per sempre” e mi fa trovare il coraggio, di tentare almeno, di “decidere come debbano andare le cose della vita”, “costi quel che costi”.

    "Mi piace"

  3. “Le hai scritto, Amerigo, ma per ora è inutile”

    Non è mai inutile aprire il cuore e confessare il proprio amore…nessuno può sapere quando una parola potrà raggiungerci , “forse per sempre” ……” nemmeno un romanzo può decidere come debbano andare le cose della vita.”

    "Mi piace"

  4. leggere non ti lascia uguale, ti cambia. Forse per sempre.

    E’ proprio così leggere ti cambia, quando sono confusa, spaventata, quando mi sento sola cerco un libro da leggere e trovo risposte alle domande più difficili, trovo calore, trovo serenità. Futura dovrebbe leggere una lettera d’amore così bella ma leggerla col cuore per cancellare la rabbia e cambiare vita.

    "Mi piace"

  5. “dovrebbe avere il tempo, il desiderio di leggere”

    “Il desiderio è il vero stimolo interiore
    è già un futuro che in silenzio stai sognando
    è l’unico motore
    che muove il mondo.”

    "Mi piace"

  6. “è un’impresa rischiosa, da affrontare con coraggio, costi quel che costi”

    Caro Amerigo hai tutta la mia stima… e speriamo non debba morire anche tu fra nove giorni.

    “Credo che mi sarà dato di scrivere una sinfonia esemplare: così probabilmente lotterò fino all’ultimo respiro per raggiungere la perfezione senza mai riuscirvi.”

    Čajkovskij

    "Mi piace"

  7. LEGGERE E SCRIVERE E’ NECESSARIO

    “non ho smesso un momento di leggere. Le letture – penso – mi sono necessarie, primo perché non sia pago solo di me stesso, poi perché venendo a conoscenza delle indagini altrui, possa formulare giudizi sui risultati e riflettere sulle ricerche da farsi. La lettura nutre la mente e la ristora quando è affaticata dallo studio, anche se richiede una certa applicazione. Non dobbiamo limitarci a scrivere o a leggere: la prima attività, parlo dello scrivere, riduce ed esaurisce le forze; la seconda ti snerva e ti spossa. Bisogna, invece, passare dall’una all’altra e contemperarle in modo che la penna riconduca a unità quanto si è raccolto con la lettura. Dobbiamo, si dice, imitare le api che svolazzano qua e là e suggono i fiori adatti a fare il miele, poi dispongono e distribuiscono nei favi quello che hanno portato e, come scrive il nostro Virgilio,Accumulano il limpido miele e colmano le celle di dolce nettare.”

    Seneca

    "Mi piace"

  8. Stavi per farcela

    Alcuni nascono col cuore di cristallo, trasparente e fragile, imparano presto il dolore che viene dall’indifferenza, dalla rozzezza, dall’incapacità di cura di chi dovrebbe custodirli perché non si infrangano contro la durezza della vita; non hanno molta scelta, soccombere o chiudersi per difendere ciò che resta della sabbia che fu cristallo, delle schegge che furono cuore. Aprirsi allora diventa difficile, quasi impossibile, perché significa dare fiducia, ma dove trovare il coraggio se è stata la fiducia primigenia ad essere tradita?
    Solo la paziente presenza, forse, sarà in grado, di ridonare un cuore a chi se lo è visto strappare.

    "Mi piace"

  9. “Le hai scritto, Amerigo”

    “citavo la scena di una pattinatrice (la sposa stessa) che lancia una rosa verso il suo ragazzo (lo sposo), seduto tra gli spettatori; lui, chissà perché – è distratto, o pensa che non sia diretta a lui – la lascia passare e finisce chissà dove. Dicevo che Dio è uno che lancia rose a vuoto, disposto ad accettare la nostra indifferenza.”

    F. Centofanti

    "Mi piace"

  10. …una bellissima lettera d’amore.Oggi ormai nessuno non scrive più lettere d’amore. Mi sono commosa perchè sono stupida romantica.
    “Non so che fare per te”
    “Ti penso ogni giorno e,devo dirtelo?ogni notte”
    (Non è bello?! Mi sa che a tutte donne nel mondo piacerebbe ricevere una lettera cosi bella)
    Tutta la sua fantasia di Amerigo come sta con Futura.
    A infatti,non ho capito soltanto,perchè lo stavi spingendo verso Fofner? Va be,non importa.
    “sentivo come non avrei mai immaginato”
    “mentre cerco di convincerti…”
    O.K. io sto sempre dalla parte di amore.Amerigio,se posso essere utile,ti aiuto a convincere Futura,cosi scrivo io la mia frase preferita:e vissero per sempre felici e contenti. Tutto è possibile! .

    "Mi piace"

  11. “leggere non ti lascia uguale,ti cambia.Forse per sempre”
    è vero! E non parlo qua solo di questa lettera,ma di leggere in genere.I libri danno non solo la sapienza ma anche nuovo sguardo sulla vita,sul mondo.Possono cambiare noi, magari migliorare.La scelta è sempre nostra.

    "Mi piace"

  12. dovrebbe avere il tempo, il desiderio di leggere

    Leggere un libro è come incontrare un amico, con il quale condividere esperienze e pensieri. Un viaggio nel cuore dell’autore, nei suoi occhi, passando attraverso le sue mani, per raggiungere la parte più intima, quella più profonda, quella che ti fa il regalo più bello del mondo, l’incontro con la vita

    "Mi piace"

  13. E’ stato bello anche per me leggere questo romanzo, c’è tanto amore tanta bellezza quella che ognuno di noi cerca, in questo momento mi fa sentire semplice come vorrei essere.
    Domani come sarà?
    Non lo so ma vorrei tanto fosse migliore di oggi così farei un altro piccolo passo verso il cielo, quel cielo azzurro.. quello che ho sempre guardato con tanto amore.
    Vorrei non dover più dire “stavo per farcela” ma ce l’ho fatta!

    Ernestina.

    "Mi piace"

  14. ”..leggere non ti lascia uguale, ti cambia. Forse per sempre.”

    Ci sono cose di fronte alle quali non si torna più indietro; una di queste è leggere chi scrive raccontando chi sei come se leggesse nei tuoi occhi da sempre.

    "Mi piace"

  15. ”..non è madre chi si preoccupa per te”

    ”Dio è Padre ma è anche Madre.”

    (Albino Luciani, Giovanni Paolo I)

    "Mi piace"

  16. La vita non ti garantisce parità di livello. Solo l’amore ti livella.
    Il romanzo non ti cambia la vita. La lettura cambia te.

    "Mi piace"

  17. nel mondo non esiste solo la violenza

    Per fortuna esiste anche l’Amore!

    Amare e sentirsi amati questo il segreto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.