SOVRANITA’ IN CADUTA LIBERA

Il cammino verso la spoliazione totale di sovranità e di indipendenza economica del nostro Paese sta procedendo a tappe serrate.
Il Parlamento italiano sta per approvare il trattato che istituisce il MES – Meccanismo Europeo di Stabilità (ESM, European Stability Mechanism). (Questo il link per scaricare il testo integrale e leggerlo: http://www.european-council.europa.eu/media/582889/08-tesm2.it12.pdf )
I media, inspiegabilmente, non ne parlano. Le implicazioni di questo trattato sono inquietanti e facilmente intuibili, andando a incidere fortemente non solo sulle finanze e sul patrimonio pubblico del nostro Paese, ma sulle nostre  esistenze e aspettative future. L’art. 3 definisce gli obiettivi: “L’obiettivo del MES è quello di mobilizzare risorse finanziarie e fornire un sostegno alla stabilità, secondo condizioni rigorose commisurate allo strumento di assistenza finanziaria scelto, a beneficio dei membri del MES che già si trovino o rischino di trovarsi in gravi problemi finanziari, se indispensabile per salvaguardare la stabilità finanziaria della zona euro nel suo complesso e quella dei suoi Stati membri. A questo scopo è conferito al MES il potere di raccogliere fondi con l’emissione di strumenti finanziari o la conclusione di intese o accordi finanziari o di altro tipo con i propri membri, istituzioni finanziarie o terzi.”
Gli articoli dal 32 al 36 sono particolarmente preoccupanti.
Entro la fine dell’anno l’Italia dovrebbe versare per il MES 5,7 miliardi di euro, da sottrarre alle numerose priorità lasciandoci ancora più poveri.  
L’intero Paese, con la sua autonomia politica e finanziaria e tutte le sue risorse, rischia in buona sostanza di essere sottomesso ed espropriato delle sue risorse da quelle forze occulte che dominano i mercati finanziari e, ormai, il destino della maggior parte del pianeta. Se l’intento dei nostri governi era ed è quello di far parte di un circolo elitario che pratica la solidarietà internazionale e il mutuo sostegno economico, i risultati di questa futile aspettativa sono già sotto gli occhi di tutti. Anche i bambini sanno che nessuno dà nulla per nulla, e che le cambiali del nostro indebitamento  scellerato, gonfiandosi a dismisura negli anni, sono nelle mani di creditori che hanno già iniziato a chiederci il saldo. I debiti possono essere dilazionati, o  essere pretesi da altri, ma non essere annullati:  il suum cuique tribuere vale in ogni paese del mondo, al pari del pacta sunt servanda.
Non era certo questo il senso che i nostri costituenti vollero dare all’art 11: “L’Italia […]consente, in condizioni  di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità  necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.” gn

6 pensieri su “SOVRANITA’ IN CADUTA LIBERA

  1. “A questo scopo è conferito al MES il potere di raccogliere fondi con l’emissione di strumenti finanziari o la conclusione di intese o accordi finanziari o di altro tipo con i propri membri, istituzioni finanziarie o terzi.”

    Con i membri – vorrei aggiungere – che adottono la stessa moneta: l’Euro. No quelli che hanno ancora la Sterlina. E no a Istituzioni finanziarie e terzi sconosciuti!

    "Mi piace"

  2. “Perché non viene interrogato il popolo?”
    (Risposta in tempo di esami) Perché per poter essere interrogato dovrebbe sapere, e per sapere dovrebbe essere informato, e per essere informato è necessario che qualcuno conosca, e bene, per poter poi informare correttamente; e chi sa, invece, se ne guarda bene dal voler informare, avendo tutto l’interesse ad occultare e confondere. Non è la teoria del complotto, basta domandarsi: a chi ha giovato questo stato di cose, a chi continuerebbe a giovare l’istituzione del trattato in questione?

    In altro senso, per questa ed altre scelte, interrogare il popolo sarebbe prova di democrazia realmente partecipata, che spingerebbe maggiormente ad informarsi, a farsi coinvolgere nelle questioni politiche (che non sono una brutta cosa, ma un dovere per ogni cittadino), ad assumersi la responabilità per le proprie scelte.

    Grazie a chi ha letto e commentato.

    Giovanni

    "Mi piace"

  3. Si sta dunque consumando un altro strappo, uno strappo che inciderà sulla nostra pelle, sulle nostre vite. Come sempre in questi casi, queste cose accadono in estate, con tanti diversivi per distrarci (le bombe di Brindisi, dove uno si e’ autoaccusato e ormai non se ne parla più… Oppure il terremoto nella zona più stabile del Paese… Mah). I media non ne parlano perché qualcuno dice ai media di cosa devono parlare ed il giornalista che provasse a fare veramente il suo mestiere, verrebbe fatto fuori, ostracizzato, ridotto ai minimi termini. Stiamo entrando in un tritacarne, dove decideremo sempre meno e gli altri ci metteranno le mani in tasca dicendoci che e’ per il nostro bene. E la maggior parte ringrazierà di questa concessione. La mente corre naturalmente ad un parallelo.Circa 2 anni fa i vari parlamenti d’Europa hanno approvato l’istituzione della nuova polizia europea. Avrà poteri che non possiamo neanche immaginare, potra’ fare cose che oggi riteniamo illegali. Sarà uno strumento necessario per favorire la nascita di una nuova dittatura. L’Europa e’ divenuta un grande laboratorio. Siamo cavie, buon divertimento a tutti. In tutto questo, i beni degli Stati stanno iniziando a passare di mano agli amici degli amici…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.