Il ritorno dello Stato nell’economia

Su il manifesto di oggi  Valentino Parlato osserva che “Oggi forse, ma più che forse, sarebbe necessaria la ricostituzione dell’Iri.” L’Iri, è bene ricordarlo, era un ente pubblico economico che controllava un certo numero di aziende partecipate (tra le quali Banco di Roma, Credito Italiano, Banca Commerciale, Italsider, Finmeccanica, Rai, Alitalia, Fincantieri, Autostrade). L’idea mi sembra degna di considerazione avendo ormai provato gli effetti nefasti del “libero mercato”; senza però dimenticare la belva idrovora di denaro pubblico che l’Iri era diventata, negli anni, tanto da scomparire nel 2002.  

Non possiamo di fronte ad una crisi del genere, occupazionale prima che economica,  non domandarci: 1. se è giusto lasciare andare in malora le molte aziende in crisi senza alcun intervento che non sia un aiuto economico (erogazione di denaro pubblico o benefici fiscali); 2. se è stato giusto averne aiutato soprattutto alcune (come la Fiat), senza aver potuto operare alcun intervento gestionale; 3. se non sarebbe invece il caso di mettere “in sicurezza” alcune imprese strategiche per la nostra economia gestendole direttamente. Me ne vengono in mente alcune come l’Enel, per la forte incidenza della sua “politica dei prezzi” sulla (scarsa) competitività di molte nostre imprese; la Rai, per il ruolo che l’informazione e la cultura rivestono per la nostra rappresentazione del reale e per le nostre scelte di vita; le imprese estrattive o di lavorazione, raffinazione  di materie prime fondamentali per la nostra industria (tra le quali Ilva, Carbosulcis, l’Alcoa); le aziende di trasporto navale, aereo e ferroviario e quelle di gestione delle autostrade, delle ferrovie, dei porti e degli aeroporti, quali fulcri essenziali di qualunque filiera economica; le imprese bancarie, fondamentali per il finanziamento delle attività private e aziendali.

Un’attività che andrebbe gestita con un spirito nuovo, rompendo con le logiche politiche e clientelari che hanno portato al disastro i conti pubblici, anche per i compensi spropositati elargiti agli alti dirigenti. Mi sovviene a tale proposito la scelta del sindaco di Alghero, Stefano Lubrano, che ha deciso con coraggio di affidare la gestione delle aziende partecipate a funzionari del Comune, invece che a esterni lautamente pagati. Si presume, adeguatamente formati per svolgere al meglio tali incarichi. Stessa prassi dovrebbe applicarsi anche per le società partecipate regionali e statali, attingendo dalla dirigenza pubblica in cui non mancano professionalità di alto livello.

Proposte, queste, che non troveranno forse molti consensi, tra le attuali forze politiche: lo stesso Pd e Bersani non metteranno certo “ai primi posti nel necessario programma del suo partito un Iri adatto ai tempi nostri”. (Giovanni Nuscis)

3 pensieri su “Il ritorno dello Stato nell’economia

  1. Caro Giovanni,
    vedo che chi ha le idee c’è; il problema è come fargli superare i marchingegni (soglie di sbarramento, collegi, premi di maggioranza) escogitati da chi punta su una (ben misera e periclitante) prosperità personale basata sullo sfascio collettivo.
    Il problema cioè rimane quello di dare uno scossone all’area del non-voto, che attivata potrebbe spazzar via l’esistente come un mucchio di fango.
    E poi…, certo, rimarrebbe sempre il problema del giorno dopo, quello che in genere taglia le gambe a tutti. Ma su questo un vecchio pessimista come me è meglio che non vada oltre.
    Grazie e un abbraccio,
    Roberto

    "Mi piace"

  2. Caro Roberto,
    giuste osservazioni. Certezze non potranno infatti mai essercene, sulla rispondenza tra promesse e riforme reali. Cambia naturalmente la misura del dubbio.
    Dare il voto a questi partiti, salvo rare eccezioni, ecco, può forse costituire una delle poche certezze: di non risolvere ancora una volta i problemi alla radice, lasciando permanere una società profondamente diseguale, e sempre più insofferente.
    Allo stesso tempo, ridare fiducia ai non votanti non sarà impresa da poco, considerato il peso del sistema mediatico, che illumina e rabbuia a capriccio dei potenti.
    Un abbraccio.
    Giovanni

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.