“OLONOMICO” DI SANDRO BATTISTI. UN ROMANZO CONNETTIVISTA

Recensione e intervista di Giovanni Agnoloni

Olonomico di Sandro Battisti (Ciesse Edizioni – prefazione di Giovanni De Matteo; postafazione di Marco Milani) è un romanzo che invita a un’esperienza complessa e molto particolare. Il libro del co-fondatore romano del Connettivismo racchiude in sé la sostanza della saga, da lui già da tempo sviluppata, dell’Impero Connettivo, un impero che si proietta non solo su distanze abissali nello spazio, ma anche su profondità insondabili nel tempo. È un esempio di “stato” dai tratti assonanti con quelli dell’impero romano – la cui nascita ha guidato e ispirato dalle imperscrutabili distanze dello spazio-tempo – che abbracciano tutto lo sviluppo della storia umana, fino al suo ulteriore gradino evolutivo della post-umanità.

Ma non è questo il punto. Non quello che conta, almeno. Olonomico è un’opera profondamente connettiva, nella misura in cui collega e sollecita molteplici livelli percettivi e di lettura. Contiene spunti di grande apertura intuitiva, in una sorta di coscienza iperestesa in cui gli stessi confini dell’individualità soggettiva sfumano in una percezione di Oltre, aperta alle radici cosmiche dell’essere.

Una lettura rivelatrice, sulla quale preferisco non aggiungere altro, lasciando a voi il piacere della scoperta, mentre colgo volentieri quest’occasione per intervistare l’autore Sandro Battisti e Luigi Milani, il curatore della collana “Silver” di Ciesse Edizioni in cui Olonomico è uscito.

Domande a Sandro Battisti:

– Sandro, tu – come sottolineato da Giovanni De Matteo nella bellissima prefazione al tuo libro – sei arrivato al romanzo lentamente, senza fretta: che cosa ti ha fatto capire che era il “momento giusto”?

La voglia di scrivere. Era passato un bel po’ di tempo dall’ultima volta che avevo scritto qualcosa di lungo, e semplicemente ho cominciato a scrivere seguendo una sensazione di fondo, un concetto, senza sapere dove mi avrebbe condotto e quando avrei terminato. La speranza di riuscire a scrivere un romanzo c’era, ma non sapevo se effettivamente avrei portato a termine l’impresa. Istinto, quindi, e la sicurezza di seguire la pista giusta, come un sonnambulo.

– Il Connettivismo sta vivendo una stagione cruciale, un momento di intensa affermazione e trasformazione: in questo senso, qual è il contributo speciale di “Olonomico”?

Olonomico è solo un romanzo, soltanto un mattone del già cospicuo muro di lavori connettivisti. È l’espressione di un membro del Movimento, in un determinato momento storico/emozionale, per cui ha una valenza poco più che personale. Vedremo tra un po’ di tempo come il libro sarà stato accolto, e allora ne riparleremo con più esattezza 🙂

Domande a Luigi Milani:

– Che cosa ti ha principalmente affascinato nel Connettivismo, e in particolare nella scrittura di Sandro Battisti?

Mi ha molto colpito l’elevato grado di novità che il movimento connettivista presenta, articolato com’è su più versanti artistici. In un momento in cui da più parti giustamente s’invoca maggiore attenzione alla cultura e al valore della narrazione in senso lato, non posso che essere attratto e provare istintiva simpatia per le istanze connettiviste. Non a caso l’affermazione del movimento sembra prosperare proprio in un periodo di crisi, valoriale ma non solo, come quello attuale, e in ciò vedo una salutare reazione allo status quo. Uno status quo che, anche grazie al valore aggiunto della contaminazione, il Connettivismo aspira a scardinare sin dalle fondamenta, per dar vita a una nuova visione, felicemente trans-disciplinare, dell’Arte.
Per quanto concerne la scrittura di Sandro Battisti, mi ha catturato da subito la sua complessità, declinata in una lingua alta e in una forma mai banale, sospesa tra un lirismo spesso dolente e malinconico e l’aderenza a una terminologia hi-tech di frontiera. A ben vedere dunque siamo in pieno territorio connettivista, dal momento che la contaminazione, in questo caso linguistica, è proprio la cifra stilistica dell’approccio dell’autore alla scrittura.

– Credi che la fantascienza, che secondo alcuni sarebbe “morta”, sia giunta a una decisiva metamorfosi?

Le tante Cassandre che da anni profetizzano non solo la morte della fantascienza, ma del romanzo tout court, mi ricordano le grida di dolore puntualmente levatesi in occasione dell’avvento dei nuovi media, dal cinema alla radio prima, alla televisione e al Web poi. Tutti media che godono di buona salute, al contrario. E non è un caso che la fantascienza, mai come in questo periodo, sia presente in maniera così massiccia al cinema e in televisione. In libreria, ahinoi, è poco rappresentata, ma questo dipende anche dalle logiche editoriali, gestite con bieco spirito mercantile dalle solite, ben note, major. Ma in tal senso la progressiva, crescente diffusione dell’ebook è destinata a mutare questo scenario, per ora, l’ammetto, abbastanza deprimente.
Vero è che la fantascienza cosiddetta predittiva – per non parlare della Space Opera, che pure vanta ancora stuoli di irriducibili fan – del secolo scorso, cyberpunk compreso, ha in gran parte esaurito la propria spinta propulsiva, superata com’è dalla realtà. In un certo senso, oggi ad esempio il mondo che ci circonda è tutto cyberpunk, per citare una frase del grande Bruce Sterling.
Occorre allora andare oltre, per “narrare” e approfondire temi quali il trans e il postumanesimo, la globalizzazione, la Singolarità. In tal senso, la nuova narrativa di stampo fantastico, spesso ma non solo riconducibile al Connettivismo, sta già tentando di descrivere i profondi mutamenti in corso o appena oltre la linea di un orizzonte che, a seconda dei punti di vista, può apparire sovrastato dalle nubi dell’incertezza e del pessimismo o, al contrario, dalla luce delle nuove promesse tecnologiche.

3 pensieri su ““OLONOMICO” DI SANDRO BATTISTI. UN ROMANZO CONNETTIVISTA

  1. Pingback: “OLONOMICO” DI SANDRO BATTISTI. UN ROMANZO CONNETTIVISTA | La poesia e lo spirito « HyperHouse

  2. Pingback: SANDRO BATTISTI – “L’IMPERO RESTAURATO” | La poesia e lo spirito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.